Riapertura scuole in Danimarca e Finlandia

I dati mostrano che l’apertura delle scuole in Danimarca non ha peggiorato l’epidemia

COPENHAGEN (Reuters) – Citando nuovi dati giovedì scorso un epidemiologo e specialista in prevenzione delle malattie infettive presso il Danish Serum Institute ha dichiarato che la parziale riapertura delle scuole danesi non ha portato alcun aumento delle infezioni da coronavirus tra i giovani studenti.

La Danimarca è stato uno dei primi paesi a riaprire alle attività il 15 aprile, dopo un mese di blocco, permettendo agli studenti fino alla quinta elementare di tornare a scuola.

“Non si vedono effetti negativi dalla riapertura delle scuole”, ha dichiarato Peter Andersen a Reuters, riferendosi ai dati aggiornati di mercoledì.

Gli ultimi dati non hanno mostrato un aumento significativo delle infezioni tra i soggetti di età compresa tra uno e i 19 anni nelle settimane successive alla riapertura parziale delle scuole.

“Sulla base delle esperienze preliminari che abbiamo avuto, è stato un modo prudente di pianificare una riapertura”, ha aggiunto Andersen.

(Articolo di Andreas Mortensen e Nikolaj Skydsgaard; revisione di David Goodman)

Link: https://www.msn.com/en-us/news/world/opening-schools-in-denmark-did-not-worsen-outbreak-data-shows/ar-BB14HHIB

 

Nessuna prova che la riapertura delle scuole finlandesi abbia diffuso il virus più velocemente

La Finlandia non ha visto alcun segno che il coronavirus si diffonda più velocemente da quando le scuole hanno iniziato a riaprire a metà maggio, ha dichiarato giovedì il massimo funzionario della sanità.

“Il tempo è stato breve, ma finora non abbiamo visto alcuna evidenza”, ha dichiarato in una conferenza stampa Mika Salminen, direttore della sicurezza sanitaria dell’Istituto finlandese di salute e benessere.

La Finlandia ha iniziato a riaprire scuole e asili a partire dal 14 maggio, dopo una chiusura di quasi due mesi.

 

Articolo di Tarmo Virki; revisione di Nick Macfie

Link: https://uk.reuters.com/article/uk-health-coronavirus-finland-schools/no-evidence-reopening-of-finland-schools-has-spread-virus-faster-idUKKBN23412X

 

Traduzione pro-bono di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Boss
30 Maggio 2020 9:12

Sono considerazioni di tale miseria proto-scientifica che possono attecchire solo nella steppa culturale che caratterizza invariabilmente il popolo beota della Movida , gente che tra una canna e l’altra , col telefonino stretto in mano e l’occhio che segue la lonza ancheggiante in lontananza , parla de Danimarca e de Finlandia senza manco sapè … addò stanno , boh ? fuori Roma sicuramente , casello – casello saranno ducento kilometri dal baretto de Trastevere. Vagli a spiegà che con la loro popolazione , densità , popolazione , inurbamento , diversità climatica ed altre variabili non confrontabili ,possono fare quel che vogliono , tanto statisticamente e sanitariamente , sono rilevanti per l’Italia quanto a provincia de Matera ai tempi de Pio XI . Per non parlare della loro voglia di riaprire le scuole , parcheggio custodito e quasi gratuito per minori , cioè i loro figli , Dio solo sa quanto hanno sofferto i nostri poveri genitori , lontani dalla loro amata Movida , in questi due mesi di convivenza forzata con degli stupidi marmocchi . Purtroppo in Italia comandano loro : il partito trasversale della Movida ed ovunque , anche qui su CDC , i loro articoli monnezza , sono… Leggi tutto »

scimmia
scimmia
30 Maggio 2020 11:48

Chi spiegherà a tutti quelli che, fra poco, perderanno reddito, posto di lavoro e attività economica, che questo “terribile” virus se n’è andato così com’è arrivato?
Chi crederà che è stato tutto merito del lockdown?
Ah già, certo ci salverà l’Europa!

lady Dodi
lady Dodi
30 Maggio 2020 13:34

Un piccolo inciso: ne ho piene le scatole di sentire quel che fanno in Danimarca e Finlandia, con aggiunta di Svezia e Olanda. Mi è venuto un attacco di orgoglio e mi son messa in testa che noi siamo migliori di tutti……questi paesini.
Sarà sovranismo? No, è proprio superbia.
Sta a vedere che dobbiamo fare quel che fa la Danimarca! Come fossimo deficienti e i Danesi chissà chi.