Referendum: la Svizzera conferma il SI al pass Covid-19

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

scenarieconomici.it

Nonostante mesi di proteste, i cittadini svizzeri hanno votato a grande maggioranza per mantenere in vigore il sistema nazionale di certificati di vaccinazione contro il Covid. L’accordo è stato addolcito per gli elettori dalla promessa di assistenza finanziaria, e probabilmente è stato influenzato dall’opportuna notizia della variante Omicron. Comunque se arrivate alla fine dell’articolo qualche sorpresa la avrete…

Circa il 62% degli elettori ha scelto domenica di mantenere le misure del paese sul coronavirus. Queste misure includono un controverso sistema di certificati di vaccinazione contro il Covid, richiesti da settembre per entrare in bar, ristoranti, teatri e altri spazi pubblici. La maggioranza in 24 dei 26 cantoni svizzeri ha sostenuto la legge, con solo i piccoli cantoni di Svitto e Appenzello Interno che hanno respinto le misure.

Tutti i partiti politici svizzeri, ad eccezione del Partito popolare svizzero di destra, hanno sostenuto la legge, che è stata portata al voto dopo che i gruppi anti-blocco hanno raccolto quasi 200.000 firme per contestarla all’inizio di quest’anno. Secondo il sistema svizzero di democrazia diretta, qualsiasi iniziativa può essere votata con 100.000 firme.

Gli elettori a giugno hanno sostenuto l’introduzione delle misure del 60%, ma negli ultimi mesi si sono verificate proteste nelle città svizzere per l’introduzione dei certificati di vaccinazione. A ottobre, la polizia ha usato proiettili di gomma, gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per disperdere la folla di persone che hanno sfondato le barriere davanti al palazzo del parlamento a Berna.

“Il processo democratico è stato rispettato, ma la legge è ancora incostituzionale“, ha detto Michelle Cailler del gruppo “Amici della Costituzione” dopo il voto di domenica. Il gruppo di Cailler era uno dei tanti che hanno fatto una campagna contro la legge.

Céline Amaudruz del Partito popolare svizzero, che attualmente è in testa ai sondaggi di opinione in Svizzera, ha invitato il governo a intraprendere un’azione “coerente e misurata”, piuttosto che trattare il risultato come un “assegno in bianco” per imporre qualsiasi politica relativa al coronavirus desidera .

Quindi alla fine gli svizzeri hanno detto Si, per ora, al Pass vaccinale, ma le perplessità non sono svanite e la parte più attiva dell’elettorato rimane sempre mobilitata. La Svizzera ha il 67,1% della popolazione vaccinata completa e attualmente vede un numero di casi in lenta crescita, secondo il Trend invernale in atto anche negli altri paesi europei. Se dovessimo essere precisi dovremmo ammettere che almeno il 5% della popolazione vaccinata è comunque contro il Pass Vaccinale…

Fonte: https://scenarieconomici.it/referendum-la-svizzera-conferma-il-si-al-pass-covid-19/

Pubblicato il 29.11.2021

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix