Putin toglie l’IVA sull’oro mentre l’Occidente ne vieta l’acquisto

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Tra le varie sanzioni che l’Occidente ha deciso di imporre unilateralmente alla Russia, rientra nell’ultimo pacchetto, anche l’impossibilità per la nazione colpita di vendere oro all’estero.

Come riportato da Bloomberg in due articoli, rispettivamente il 7 e l’8 marzo, sia il governo inglese che quello americano si stanno a tal fine attivando per impedire la commercializzazione dei lingotti d’oro provenienti dalla Russia.

Come leggiamo nell’articolo pubblicato il 7 marzo, “la London Bullion Market Association ha sospeso tutte e sei le raffinerie russe di oro e argento dalla sua Good Delivery List in seguito alle sanzioni imposte dagli Stati Uniti, dall’Unione Europea e dal Regno Unito al paese”, comportando ciò l’impossibilità che i lingotti coniati successivamente a tale decisione possano essere introdotti nel mercato inglese.

Discorso simile fatto anche dagli Stati uniti, che, come riporta l’articolo dell’8 marzo, attraverso uno sforzo bipartisan di alcuni senatori, hanno deciso di imporre sanzioni anche a chi compra o vende oro russo, “nel tentativo di bloccare una delle rimanenti possibili vie di Mosca per compensare il crollo della sua valuta”.

In risposta a questi ennesimi attacchi commerciali alla Russia, il presidente Putin ha firmato nelle prime ore della giornata di oggi una legge che abolisce l’IVA sui metalli preziosi, al fine di attirare nuovi investitori stranieri e garantire una maggiore circolazione di tali merci.

Come specifica la legge, allo scopo di incoraggiarne il commercio, le transazioni che riguardano la vendita ai privati di metalli preziosi in lingotti ritirati dal deposito dalle banche saranno esenti da IVA. In precedenza, l’acquisto di metalli preziosi da parte dei cittadini, ad eccezione delle monete, era soggetto all’IVA al tasso del 20%, e questa regola si applicava anche ai lingotti da caveau.

Come ci ricorda Bloomberg, le riserve d’oro della Russia sono state valutate 132,3 miliardi di dollari alla fine di gennaio. I nostri politici da strapazzo hanno deciso che noi ne possiamo fare a meno.

Massimo A. Cascone, 09.03.2022

Fonte: https://ria.ru/20220309/nds-1777241085.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
8 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
8
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x