PRODURRE ELETTRICITÀ DALL’ARIA: ORA È POSSIBILE

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

nogeoingegneria.com

E sembra che questo sia stato possibile già cento anni fa. Pensiamo innanzitutto a Tesla, Tesla sosteneva che l’energia è nell’aria, disponibile, e con il suo strumento è possibile catturarla e poi ridistribuirla.

Ma c’è anche un altro nome.

All’inizio del XIX secolo, l’inventore Ammann collegò un generatore radio atmosferico a un’automobile. Un piccolo cilindro con fili d’acciaio e due sfere di ottone con minerali.

Un uomo di Denver inventa un generatore che prende elettricità dall’aria e spinge l’automobile

Ritiene di avere un apparecchio che rivoluzionerà l’alimentazione e l’illuminazione e lo mette alla prova per le strade della città.

È stata fatta un’invenzione che rivoluzionerà il mondo elettrico? L’apparecchio concepito da quest’uomo di Denver illuminerà edifici, farà funzionare automobili, navi da guerra e centrali elettriche grazie alla fornitura illimitata di elettricità nell’aria? Gli esperti elettrici di Denver dicono di sì e il giovane inventore, C. Earl Ammann, ha dimostrato lunedì la sua invenzione attaccandola a una vecchia automobile e facendola girare per la città.

Il nome dell’apparecchio di Ammann è generatore atmosferico. Si tratta di un oggetto compatto e cilindrico con due piccole sfere di ottone che sporgono dalla parte superiore. All’interno, dice Ammann, c’è una disposizione di fili d’acciaio e minerali, fissati in modo da prelevare l’elettricità dall’aria, condensarla e utilizzarla per la forza motrice.

L’automobile che Ammann che ha utilizzato per la sua dimostrazione lunedì era la carrozzeria e il telaio di un veicolo elettrico. A quanto si dice, l’auto non contiene batterie. Si è mossa con notevole velocità premendo il piede, si è arrampicata sulle colline ed è entrata in un labirinto di traffico con un facile controllo.

Un articolo su C. Earl Ammann e la sua auto alimentata da un “generatore atmosferico”: Denver Post – Lunedì 8 agosto 1921

Attento a nascondere la sua invenzione ~

Quando gli scettici gli chiesero se avesse una batteria di accumulo nascosta all’interno del cilindro di alimentazione, Ammann rispose:

“Per quanto mi piacerebbe mostrare l’interno della mia invenzione, non posso, perché non ho ancora ottenuto i diritti di brevetto. Aprire il cilindro significherebbe esporre il risultato di sette anni di lavoro. Questa settimana partirò per Washington per ottenere i diritti di brevetto. Al mio ritorno sarò lieto di mostrare tutto e posso solo dire: aspettate fino ad allora e sarà il tempo a dirlo.

Ho ignorato ogni legge dei libri di testo per perfezionare l’invenzione. Si presenta come il telefono senza fili, ma è decisamente diverso, tranne che per il fatto che l’elettricità viene ricavata dall’aria. Funzionerà ovunque, tranne che sott’acqua. L’automobile è solo un semplice test. Il generatore illuminerà gli edifici, eliminerà le turbine a vapore e, di fatto, azionerà qualsiasi tipo di motore”.

J. N. Davis, proprietario della società Davis Electric Garage, al 921 East 14th Avenue, e uno dei più vecchi elettricisti di Denver, ha fatto uno studio approfondito sul generatore.

L’elettricista ha fiducia in esso

“Credo che il signor Ammann abbia compiuto un’invenzione che rivoluzionerà l’energia”, ha detto il signor Davis. “Naturalmente non sappiamo cosa ci sia all’interno del generatore e l’inventore sarebbe sciocco a mostrarcelo. Sappiamo da tempo che esistono alcuni minerali che, se disposti in modo appropriato, possono fornire energia. Questo, in sostanza, secondo i progetti dell’invenzione, è la base di tutto. Se il generatore è stato perfezionato al punto da spingere un’automobile, il resto del suo lavoro è assicurato. Sarà la più grande invenzione dell’epoca. L’elettricità ottenuta dall’aria, passando prima attraverso il generatore, sarebbe disponibile per qualsiasi uso”. Il signor Davis rimase così colpito che offrì l’uso del suo edificio come sede del signor Ammann. Ammann, che aveva solo 28 anni, era arrivato a Denver da Spokane, Washington. Di professione ingegnere elettrico, vive all’Argonaut Hotel.

FONTE

Sembra che sia stato un periodo molto fertile per le invenzioni, che poi purtroppo non hanno cambiato la realtà, che spettava al petrolio. Altri esempi sono:

John Huston
Earl Ammann
Lester Hendershot
Rev. Antonio D’Angelo

Il brevetto di Ammann non fu mai registrato. In rete si trova un brevetto del 1921, che non è di Ammann ma di un altro inventore https://patents.google.com/patent/US1540998A/en

Ora, dopo 100 anni, l’elettricità dall’aria è di nuovo una realtà. Che cos’è?

Una nuova tecnologia genera elettricità dall’umidità atmosferica.

AIR-GEN

Gli scienziati dell’Università del Massachusetts Amherst hanno sviluppato un dispositivo che utilizza una proteina naturale per creare elettricità dall’umidità nell’aria, una nuova tecnologia che secondo loro potrebbe avere implicazioni significative per il futuro delle energie rinnovabili, dei cambiamenti climatici e del futuro della medicina.

Come riportato oggi su Nature, i laboratori dell’ingegnere elettrico Jun Yao e del microbiologo Derek Lovley presso UMass Amherst hanno creato un dispositivo che chiamano “Air-gen“, o generatore ad aria. Il dispositivo è creato da nanofili proteici elettricamente conduttivi prodotti dal microbo Geobacter. L’Air-gen collega gli elettrodi ai nanofili proteici in modo tale che la corrente elettrica sia generata dal vapore acqueo naturalmente presente nell’atmosfera.

Stiamo letteralmente ricavando elettricità dal nulla“, afferma Yao. “L’Air-gen genera energia pulita 24 ore su 24, 7 giorni su 7.” Lovely, che ha studiato materiali elettronici basati sulla biologia sostenibile per oltre tre decenni, aggiunge: “È l’applicazione più sorprendente ed eccitante mai realizzata di nanofili proteici”.

La nuova tecnologia sviluppata nel laboratorio di Yao è non inquinante, è rinnovabile ed è a basso costo. Può generare energia anche in aree con umidità estremamente bassa come il deserto del Sahara. Ha vantaggi significativi rispetto ad altre forme di energia rinnovabile, inclusi solare ed eolico, afferma Lovley, perché a differenza di queste altre fonti di energia rinnovabile, l’Air-gen non richiede luce solare o vento e “funziona anche all’interno“.

Il dispositivo Air-gen richiede solo un sottile film di nanofili proteici con uno spessore inferiore a 10 micron, spiegano i ricercatori. La parte inferiore del film poggia su un elettrodo, mentre un elettrodo più piccolo che copre solo una parte del film di nanofili viene posizionato sopra. Il film assorbe il vapore acqueo dall’atmosfera.

Energia generata dal nulla 

I ricercatori affermano che l’attuale generazione di dispositivi Air-gen è in grado di alimentare piccoli dispositivi elettronici e si aspettano di portare presto l’invenzione su scala commerciale. I prossimi passi che pianificano includono lo sviluppo di una piccola “patch” Air-gen in grado di alimentare dispositivi elettronici indossabili come monitor per la salute e orologi intelligenti, che eliminerebbero la necessità delle batterie tradizionali. Sperano anche di sviluppare Air-gens da applicare ai telefoni cellulari un giorno.

Yao afferma: “L’obiettivo finale è realizzare sistemi su larga scala. Ad esempio, la tecnologia potrebbe essere incorporata nella pittura, questo potrebbe aiutare ad alimentare la tua casa. Oppure, potremmo sviluppare generatori ad aria autonomi che forniscono elettricità gratis. Una volta raggiunta una scala industriale per la produzione di cavi, potremmo realizzare sistemi di grandi dimensioni che daranno un contributo importante alla produzione di energia sostenibile”.

Continuando a far progredire le capacità biologiche pratiche di Geobacter, il laboratorio di Lovley ha recentemente sviluppato un nuovo ceppo microbico per produrre in massa nanofili proteici in modo più rapido ed economico. “Abbiamo trasformato E. coli in una fabbrica di nanofili proteici“, dice.

Lovley ha scoperto il microbo Geobacter nel fango del fiume Potomac più di 30 anni fa. Il suo laboratorio ha successivamente scoperto la sua capacità di produrre nanofili proteici elettricamente conduttivi. Prima di arrivare a UMass Amherst, Yao aveva lavorato per anni all’Università di Harvard, dove ha progettato dispositivi elettronici con nanofili di silicio. Hanno unito le forze per vedere se fosse possibile realizzare dispositivi elettronici utili con i nanofili proteici raccolti da Geobacter.

Xiaomeng Liu, un dottorato di ricerca studente nel laboratorio di Yao, stava sviluppando dispositivi sensoriali quando ha notato qualcosa di inaspettato.

Ho visto che quando i nanofili venivano messi a contatto con gli elettrodi in un modo specifico, i dispositivi generavano una corrente. Ho scoperto che l’esposizione all’umidità atmosferica era essenziale e che i nanofili proteici assorbivano l’acqua, producendo un gradiente di tensione attraverso il dispositivo“.

FONTE https://www.tecnoandroid.it/2022/10/02/energia-generata-dal-nulla-nasce-air-gen-un-dispositivo-creato-con-nanofili-proteici-1121688

ANCHE L’UNIONE EUROPEA SE NE OCCUPA

Realizzare un sogno centenario: produrre elettricità dall’aria La ricerca europea sta ampliando le opzioni di energia pulita, rafforzando l’obiettivo dell’UE di diventare neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. https://ec.europa.eu/research-and-innovation/en/horizon-magazine/realising-century-old-dream-make-electricity-air

FONTE 

PRODURRE ELETTRICITÀ DALL’ARIA: ORA È POSSIBILE

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
29 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
29
0
È il momento di condividere le tue opinionix