POVERI PIRLA

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

twombly_untitled_1970.jpg

FONTE: CLORO AL CLERO (BLOG)

Adesso: io in storia dell’arte sono ignorante come un badile, però voglio dire, la mia vista conterà qualcosa, visto che si tratta di rappresentazioni pittoriche. Ora ditemi voi se dobbiamo mobilitare risorse, soldi e spazi per ste porcherie!!!

Io non vorrei fare il solito discorso antiamericano (che per esempio fa il blog Dagospia) ma porcatroia, cioè, in Italia nel 2007, le opere d’arte che mobilitano soldi e energie sono queste: ’sto tal Cy Twombly, il “pittore” ,secondo me, se andasse a tirare su carbone in miniera, offrirebbe un’ opportunità a qualcun altro che, magari avrebbe veramente doti artistiche, ma che la “vita” ha spedito lui a spendere la salute giu’ in miniera. Uno che, se fosse stato un uomo libero avrebbe trovato il modo,forse, per necessità, capriccio o disperazione di esprimere qualcosa di meglio ( e ci vuole poco).

twombly.jpg

Ditemi infatti se vi mettete voi ad imbrattare o se mettete sotto la vostra figliolina seienne, non viene fuori qualcosa di meglio.

twombly_tiznit.jpg

A me viene in mente un Totò spossato dalla fame, che, appoggiandosi al camino della villa di una borghesona nordica, va a contatto con un’opera d’arte di questo tipo (dico come quelle di Twombly) che gli provoca uno scompenso fisico ancora peggiore di quello provocato dalla fame…

twombly1.jpg

Bene. Totò a quel punto si ritrae, disgustato, dalla visione di una crosta orrenda, tipo queste, che metto qui, e fa un paio di passi indietro, andando ad incocciare – ma guarda un po’- l’”artista” che aveva rappresentato siffatta porcheria . Il quale è curioso di sentire le parole di Totò, se aveva apprezzato l’opera.

twombly-wilder-shore-of-love-1985.jpg

Totò gli da’ inizialmente soddisfazione perchè apparentemente sembra lusingato di aver trovato l’artefice di un’opera d’arte che lo aveva cosi colpito, allora, con parole invocanti, lo invita a sedersi su una sedia, che Totò stesso prepara in mezzo alla stanza. E alla domanda: “ma è proprio lei l’artista?”, dopo che si sente dal medesimo rispondere che sì, l’autore di “imitation de Picassò″ era proprio lui, Totò lo persuade ad aprirsi con le dita un occhio per sputargli agevolmente dentro .

E la stessa cosa farei io, alla presenza di questo Twombly, che era l’artista di punta (immagino gli altri ) della galleria Gagosian, uno spazio che la borghesia romana adesso potrà vantare con i suoi pariclasse europei e americani anche a Roma, dove, riporta Dagospia, un riccone americano di origine armena, scopritore di “artisti” come Twombly, (talenti che meritano l’attenzione delle illuminate menti borghesi occidentali) finalmente trova ospitalità, lui e le sue brutture. Nella piu bella città del mondo.

Eppure, Gagosian, che se non fossimo in un mondo in cui il denaro è misura di tutto anche del concetto di “bello” e di “arte”, andrebbe a cucinare fave per i minatori, a Roma ha festeggiato l’inaugurazione della sua mostra (che eguaglierà Ny e Londra nei luoghi culturali ed estetici dove s’incontrano i V.I.P di tutte le specie che condividono, evidentemente, lo spiccato buon gusto e la passione per le cose veramente belle ) con Miuccia Prada, Valentino, Tronchetti Provera con la moglie Afef, il cantante Bob Geldof e nomi importanti della cultura romana, dal critico d´arte Germano Celant alla direttrice della Gnam(blank), Maria Vittoria Marini Clarelli, alla direttrice di Palazzo Barberini Anna Lo Bianco, al sovrintendente del polo museale romano Claudio Strinati.
eeeeeeeeeeeeeeeee sticazzi…

La parte dei piu’ pirla l’han fatta Veltroni, presidente del PD e sindaco di Roma e Rutelli, ministro dei beni culturali. Due cazzari che, al grido di “roma sta diventando trendy” hanno rotto i coglioni alla popolazione che lavora, chiudendo, per la gentaglia di cui sopra, le strade romane per due giorni. E si son fatti anche prendere a “pesciade nel cul” dallo stesso Gagosian.

Troppa, troppa brutta gente che non ha mai lavorato in vita sua, a ’sto mondo…e il peggio è che “fa tendenza” nel senso che “Tende” alla direzione dove stanno andando i quattrini….alla facciazza nostra. ‘tacci loro.

Fonte: www.cloroalclero.com
Link: http://www.cloroalclero.com/?p=261
18.12.07

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix