PNNR – IL PIANO DELL’ÉLITE VUOLE SEMPRE IL TUO CONSENSO

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

di Daniela Baldoria
comedonchisciotte.org

Finché il gatto non c’è i topi ballano.

Finché i vaccinati sono impegnati a dare la caccia ai non vaccinati, i non vaccinati sono occupati a trovare il modo di sopravvivere, i poliziotti invocano il dono dell’ubiquità perché le manifestazioni sono così tante da non poterle gestire, e poi invocano pure il perdono del cielo per aver dovuto sparare gas e puntare idranti contro persone inoffensive, ferendo bambini, madri, innocenti; mentre ognuno di noi guarda gli altri in cagnesco e percepisce tutti come nemici, il grande Leviatano prepara astute mosse per intrappolare le sue vittime.

Il piano è schematico, semplice e prevede passi propedeutici per arrivare alla meta con il pieno consenso della popolazione che si accorge della trappola sempre quando è troppo tardi:

  • inizio 2020: l’epidemia (non ancora pandemia) rischia di arrivare in Europa – il popolo invoca la chiusura dei confini;
  • I confini si chiudono, anzi si chiude tutto – si teme la crisi economica (ovviamente viene colpita la fascia che da più fastidio ossia le piccole medie imprese e gli artigiani e commercianti) e tutti invocano aiuti dall’Europa e l’arrivo di un vaccino;
  • Oops! Il vaccino esce dal cilindro bell’e pronto, quasi, manca solo la fase di sperimentazione ma visto che non c’è tempo, lo testiamo direttamente sulla popolazione – la plebe si lamenta perché il vaccino e gli aiuti economici non arrivano a tutti; qualcuno invece inizia a farsi domande.
  • Eccoci: il vaccino non solo è a disposizione di tutti ma è obbligatorio per molte categorie; per i restanti renderemo impossibile la vita se non lo faranno; scudo penale per i medici per non far ricadere su di loro la responsabilità dei morti o danneggiati dal vaccino; arriva il Recovery Fund e soprattutto il piano “Next Generation” il cui nome avrebbe dovuto allertare subito – l’economia si riprende, quasi impazzisce e le persone credono sia merito dell’Europa e dei vaccini.
  • I morti o danneggiati dai vaccini aumentano, gli obblighi e le pressioni diventano insostenibili, le manifestazioni (spontanee?) aumentano e si incolpano i no-vax-no-pass-no-great-reset di impedire l’approvvigionamento ed il regolare svolgersi delle attività produttive – il popolino inizia a dividersi e ad usare coloro che resistono al sistema come capri espiatori; medici che aveva trovato il modo di curare il virus iniziano a “suicidarsi”;
  • Dalla Cina arriva intanto un’altra minaccia, un’altra emergenza, stavolta energetica: in poco tempo rischiamo di trovarci ammalati gravemente, senza riscaldamento ed elettricità, senza cibo, per colpa di tutti quelli che, contrari al sistema, non si vaccinano, addirittura mangiano carne e preferiscono un libro cartaceo al kindle di Amazon; e, cosa peggiore di tutti: osano fare figli e magari in modo naturale e li partoriscono senza aver controllato che siano perfetti e quindi non rappresentino un grosso peso per il sistema.

Prima che qualche Jonathan Swift moderno faccia il suo modest proposal di vendere la carne di queste inutili creature, figli di indegni solchi riproduttivi naturali, per sfamare le élite più di quanto non le abbia sfamate il pizzagate, è il caso di fermarci e chiederci dove veramente ci stiano portando.

Innanzitutto ricordiamo che in questo momento ogni dolcetto che la strega da ad Hänsel e Gretel serve per prepararli meglio al forno che li aspetta.

Il PNNR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) si colloca all’interno del progetto “Next Generation EU” il cui nome dovrebbe far scattare un campanello d’allarme.

Questo piano che nasce per far fronte ai due problemi del momento (sanitario ed economico) prevede tutto tranne che aiuti per questi due aspetti, ma si focalizza principalmente sulla transizione al digital, alla rivoluzione green e alla parità di genere, aspetti che non possono certo essere più urgenti della vita e salute delle persone; il che fa pensare che questo piano fosse stato concepito molto tempo prima che la “pandemia” si affacciasse a “decimarci tutti” e a fermare le nostre imprese.

I punti che più lasciano perplessi in questo piano che dovrebbe salvare le nostre misere vite ed imprese sono i seguenti:

– il 100% della popolazione deve essere connessa entro il 2026 (che fretta c’è di averci tutti connessi?);

– ridurre le disuguaglianze di genere, generazionali e territoriali, che sono i principali fattori di esclusione sociale nel nostro Paese;

– le classi devono essere trasformate in learning environments;

– 68,6 mld alla rivoluzione verde per assicurare una trasformazione ambientale equa ed inclusiva (qualcuno spieghi la connessione tra l’inquinamento e l’essere inclusivi);

– costruzione di case di comunità ed ospedali di comunità per l’assistenza di prossimità (il che forse spiegherebbe tutti quei moduli abitativi simili ai lager che spuntano in tutte le regioni) e centrali operative per l’assistenza remota (ricordiamo ai medici che oggi sono trattati come eroi che l’obiettivo è di passare alla telediagnosi e loro stessi potrebbero essere liquidati come inutili);

blankRicordiamo anche non tutti gli aiuti elargiti sono a fondo perduto (360 mld dovranno essere restituiti entro il 2058).

Se dipingo un quadro inserendo le parole chiave disseminate nel testo del PNNR e del Next Generation EU, ecco cose ne esce: un mondo di giovani, appartenente a quella “prossima generazione” che non ha continuità con la precedente, non ne ha memoria in quanto i vecchi, anzi gli adulti, se ne sono andati a causa di una pandemia (ufficialmente) o di un vaccino (questo non potranno dirlo), non ne possono trovare traccia in quanto l’informazione è stata completamente digitalizzata e ciò che conta è la versione della storia insegnata attraverso dei video proiettati nei “learning environments” interattivi, che parleranno di questo orribile periodo fatto di fascisti che manifestavano contro l’elisir di lunga vita e da cui ci hanno liberato le divinità del Nuovo Ordine Mondiale; dove il tuo medico è un avatar su uno schermo, dalle sembianze umane e gentili, che tramite un algoritmo deciderà che malattia dovrà curare, se curarla e come, chi varrà la pena di mantenere in vita e chi no; dove altri algoritmi decideranno se e quanto cibo, ossigeno e libertà ti spetteranno; dove nessuno saprà come era questo splendido mondo che vediamo tramontare dinnanzi a noi, un mondo fatto di persone con molti difetti, sicuramente, ma umane.

Ma come in Cloud Atlas anche su questo pianeta, per quanto il NWO cercherà di dominare, nascondere la verità, soggiogare, in ogni generazione nascerà quell’essere difettato, troppo umano, che romperà con il sistema. C’è sempre un bug in Matrix. C’è sempre un fiore il cui fragile stelo sa bucare il cemento o trovarne la falla, per far tornare la primavera.

Quindi noi non possiamo fa altro che lottare e cercare di spargere semi di una conoscenza che un giorno sarà di prezioso aiuto a chi cercherà la Verità.

Detto questo, cosa può essere il prossimo dolcetto avvelenato da servire? Tutti inneggiano la fine del GP che dovrebbe decadere a fine anno: e se in cambio passassero direttamente all’obbligo vaccinale?

Chi vivrà vedrà.

Daniela Baldoria

Fonti:
https://www.mef.gov.it/focus/Il-Piano-Nazionale-di-Ripresa-e-Resilienza-PNRR/
https://www.mef.gov.it/focus/Next-Generation-Italia-il-Piano-per-disegnare-il-futuro-del-Paese/

Pubblicato da Tommesh per Comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
16 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
16
0
È il momento di condividere le tue opinionix