Pfizer: un dipendente si è portato via 12 mila file riservati

scenarieconomici.it

di Giuseppina Perlasca

Pfizer afferma che un “Prossimamente ex dipendente” ha caricato più di 12.000 file – inclusi “punteggi” con informazioni riservate – sul suo account Google Drive personale e su altri dispositivi personali, sostiene una causa della società.

La società ha accusato la dottoressa Chun Xiao Li (“Li”) e cinque potenziali coimputati di spionaggio aziendale, affermando che Li “ha deciso di lasciare Pfizer per un concorrente ritenuto Xenocor, Inc.”

Inoltre, Li a quanto pare ha dato a Pfizer un laptop falso, una specie di “esca”, per mandare fuori strada gli investigatori interni.

Eccovi un estratto dalla denuncia presentata dalla società farmaceutica:

Se la signora Li avesse lasciato Pfizer in modo onorevole, non sarebbe stata nominata in questa denuncia. Ma ha fatto una scelta diversa: mentre usciva dalla porta, ha trasferito su account e dispositivi personali oltre 12.000 file, decine dei quali contengono informazioni riservate e segrete di Pfizer, e ha provato a coprire ripetutamente le sue tracce.

È arrivata al punto di fornire al team di sicurezza di Pfizer un laptop esca, portando Pfizer a credere che fosse quello che ha usato per scaricare i 12.000 file dal suo account Google Drive. Le analisi forensi hanno confermato che non lo era, e la signora Li (o qualcun altro, incluso potenzialmente DOES 1-5) probabilmente rimane in possesso del computer effettivo che contiene quei 12.000 file.

La causa mira a un ordine restrittivo temporaneo per impedire a Li di utilizzare, divulgare, trasmettere o alterare qualsiasi informazione riservata che ha rubato, secondo la legge Bloomberg.

Il rapporto della dottoressa Li con Pfizer è iniziato nel 2006 presso il loro Global Product Development Group in Cina, prima di trasferirsi nel campus dell’azienda a La Jolla, in California, nel 2016. Aveva firmato un accordo di riservatezza come parte del suo contratto lavorativo.

Il suo presunto furto è stato rilevato per la prima volta come parte del monitoraggio di routine dell’attività dei dipendenti sui dispositivi aziendali a ottobre, quando ha trasferito 12.000 file dal suo laptop Pfizer, secondo la denuncia.

Per chi volesse consultare le denuncia completa la può trovare qui.

Fonte: https://scenarieconomici.it/pfizer-un-dipendente-si-e-portato-via-12-mila-file-riservati/

Pubblicato il 25.11.2021

Notifica di
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
AlbertoConti
AlbertoConti(@albertoconti)
Redazione CDC
25 Novembre 2021 10:30

Il “team di sicurezza di Pfizer” dev’essere peggio del Mossad, con tutto quello che hanno da nascondere per evitare qualche milione di anni di galera.

Astronauta
Astronauta(@astronauta)
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
25 Novembre 2021 18:19

Non è escluso che il team di sicurezza Pfizer possa essere una emanazione del candeliere.

Ultimo aggiornamento 6 giorni fa effettuato da Astronauta
diamanteperdente
diamanteperdente(@diamanteperdente)
Utente CDC
25 Novembre 2021 22:23

Non è nei tribunali che questa guerra si può vincere, né con la politica e nemmeno con le lotte di classe (siamo sobri signori, noi non siamo operai, non ci manca nulla certo potremmo esserlo se iniziassimo a passare una decina d’anni in catena di montaggio per esempio, ma non lo siamo e da tanto ormai). No no qui si potrebbe vincere solo con azioni corali di boicottaggio commerciale nei confronti delle multinazionali che sappiamo. Sarebbe la cosa più semplice del mondo è incredibile, comodi da casa con pochi click. Invece tutti subiamo anni di restrizioni e torture psicologiche di ogni genere ma ueh morire se rinunceremmo mai a facebook per dire. Io la definisco una guerra quantistica, perché la soluzione è demenzialmente semplice eppure al tempo stesso assolutamente impossibile.

3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x