Home / ComeDonChisciotte / PESTICIDI UMANI SONO QUELLI CHE SI OPPONGONO ALLA RU-486

PESTICIDI UMANI SONO QUELLI CHE SI OPPONGONO ALLA RU-486

DI BETTY MOORE
malvestite.net/

Poveri poveri catto-bruti impauriti che non possono ricorrere alle maniere spicce dei bei tempi andati quando si strapazzava la gente scema e superstiziosa e ignorante con quei deliziosi vaneggiamenti autoritari così disumani e violenti e celestialmente splatter, che è il linguaggio che più s’addice ai sant’uomini di fede – salmodiava Padre Pio (santissimo!) a proposito dell’aborto, senza peli sulla lingua (santissima!),

Questi genitori vorrei cospargerli con le ceneri dei loro feti distrutti, per inchiodarli alle loro responsabilità […] I resti di un procurato aborto non vanno seppelliti con falsi riguardi e falsa pietà. Sarebbe un’abominevole ipocrisia. Quelle ceneri vanno sbattute sulle facce di bronzo dei genitori assassini

bei tempi, altri tempi, ah! (sospiro), al giorno d’oggi per fare quello sporco lavoro là del cattolico regnante, promuovere sofferenza e inciviltà e ignoranza e disperazione, che noia, sono necessari mezzi molto meno grossolani, più subdoli e macchinosi; uff!, non si può neanche più parlare di anima e di eternità e di peccato e di inferno, è come parlare delle renne di babbo natale a nessuno gliene frega niente, si può giusto delirare un tantino rivendicando per esempio, che ne so, il valore sacro di vaghissime non meglio identificate astrazioni spirituali, come l’ammore di Giuliano Ferrara – che lo vede così, il fine ultimo della pillola RU-486 (cito)

Perché sia compiuta l’opera di scristianizzazione dell’amore

oppure, per esempio, si può buttarla sul vetusto muro contro muro politico-ideologico peppone e doncamillo abbaiando contro i comunisti senzaddyo che ci fanno il lavaggio del cervello – è la strada che ha scelto Gabriella Carlucci, cito

L’AIFA è stata condizionata dalla campagna ideologica e relativista messa in atto dalla sinistra italiana

ma anche qui, che volete, a nessuno gliene frega niente – a parte certo qualche sparuto gruppuscolo di satolli bburinoni celtocrociati che c’hanno mezzora di tempo libero prima della partita di calciotto – oppure ancora, ecco, si può ribaltare la situazione facendoci la parte dei compassionevoli difensori della donna randagia abbandonata in autostrada dalla società cinica e senza scrupoli (cito)

si cerca di scaricare sulla donna sola la responsabilità della decisione. Si torna a una forma di privatizzazione dell’interruzione di gravidanza. All’inizio si è legalizzato l’aborto proprio per toglierlo dalla clandestinità, ora il medico se ne lava le mani e il peso di coscienza ricade sulla donna

ma insomma è un ribaltamento così evidentemente pretestuoso (una donna che vuole poter abortire è una donna che vuole potersi prendere in prima persona la responsabilità di abortire) che no, meglio lasciar perdere, troppa confusione, l’unica debole possibilità d’arginare lo sporco mondo freddo e insensibile e scientista è opporgli qualcosa che pretenda d’inserirsi in questo stesso suo ordine di idee, razionale, niente animelle e inferno e ammore e comunisti e coscienze, bisogna muoversi (almeno apparentemente) su argomenti basati sulla sostanza più concreta e verificabile delle cose (noi? oh, noi? noi siamo “uomini di ragione” – cit. Giuliano Ferrara – mica c’appecoroniamo su strampalate credenze primitive dettate da una combriccola di mistici arteriosclerotici asessuati in sottana) – si tratta comunque di argomenti ridicoli, ma insomma oh, ci si prova – e allora ecco che

1) si tenta di controbattere sul piano scientifico: la pillola RU-486 fa male alla salute, uccide, cito (dall’interrogazione dei quattro senatori dell’Ave Maria)

la pillola abortiva Ru486 è conosciuta negli Usa con l’appellativo di kill pill perché avrebbe provocato la morte di numerose donne a causa della sua alta pericolosità

che non è proprio del tutto vero, negli Stati Uniti la chiamano “kill pill” perché uccide “i bambini”, non le donne (vedi qui o qui; addirittura, pensate, c’è chi negli Stati Uniti chiama “kill pill” pure la pillola del giorno dopo: stanno avanti, negli USA), ma va be’ non facciamo i pignoli – sempre i quattro preoccupati catto-legislatori del PdL, aricito,

si è potuto verificare, negli Stati in cui tale farmaco viene utilizzato ormai da anni, che il rischio di morte dopo l’aborto provocato con la somministrazione della pillola RU486 è di 10 volte maggiore rispetto a quello che si può avere con un’interruzione di gravidanza eseguita chirurgicamente

su questo argomento, che è un argomento bomba!, ci pensa Avvenire a precisare, cito

un editoriale del New England Journal of Medicine di quattro anni or sono aveva rivelato che, pur nella differenza di numeri assoluti, la mortalità in seguito all’aborto medico (o chimico) è dieci volte più alta di quella per aborto chirurgico, a dispetto della «favola» che vuole far credere più facile e moderno il ricorso al farmaco per l’interruzione di gravidanza.

addirittura il New England Journal of Medicine, una fonte mica da niente, accipicchia!, e pensate però: proprio in quello stesso articolo del NEJM – facciamo finta di no, ché tanto il 99,9% dei giornalisti che ne scrivono, tzè, manco se lo sono letto l’articolo, non fanno altro che riciclare citazioni di citazioni di citazioni riciclate – si specifica che (ecco l’articolo)

In the United States, the risk of death from any cause associated with attempting to carry a pregnancy to term is 8 to 10 times that.

e cioè, dice, a proseguire una normale gravidanza i rischi per la salute della donna sono statisticamente dieci volte più significativi che a interromperla, quella stessa gravidanza, wow!, per cui usare l’argomento dieci volte questo più di quello, seguendo la stessa scemissima direzione di ragionamento, finisce che ci s’infogna in un simpatico paradosso ultrabortista – come spiega Silvio Viale (cito)

come se si dicesse che proseguire una gravidanza ha un rischio di mortalità di 10 volte superiore all’aborto, con il conseguente implicito paradossale suggerimento che sarebbe meglio abortire

e però ehi, la storia del dieci volte tanto funziona, che paura!, dieci volte tanto!, il NEJM dice che

the risk of death from infection is less than 1 per 100,000

omiodyo una su centomila!, cito ancora Avvenire,

A oggi sono 29 quelle morte dopo aver assunto Ru486: sono decedute, in larga parte, a causa dell’infezione da batterio Clostridium Sordellii: un batterio che non causa febbre, e perciò è difficilmente individuabile

ventinove vittime in vent’anni! – eppure, che strano, sempre in quell’articolo del New England Journal of Medicine che tanto gli piace ad Avvenire, sentite un po’, non la fanno mica così semplice, sono storie un tantino controverse, c’è scritto che i decessi accertati

they remain a small number of rare events without a clear pathophysiologic link to the method of termination.

ah ecco: “un numero limitato di eventi rari senza un chiaro legame fisiopatologico con il metodo utilizzato” (oh ma dài, che divertente tagliuzzare un articolo conservandone soltanto i pezzetti che suonano più utili!) – senza contare che ventinove è un numero gonfiato, cito

La storia delle morti per RU486 è una grande mistificazione statistica e mette assieme cose diverse.

perché sì basta informarsi un po’, si capisce, basta leggersi un qualsiasi decente articoletto (ne trovate in quantità: questo o quello, per cominciare) che parli con un minimo di profondità dei vari decessi collegati all’utilizzo della RU-486 – leggetevi per intero l’articolo di Viale, che sputtana una per una le falsità e le disoneste distorsioni che gli anti-abortisti e i cosiddetti “movimenti per la vita” hanno appiccicato su queste morti,

la segnalazione di sei morti in Nord America per shock settico attribuite cinque al Clostridium sordellii e una al Clostridium perfrigens. Su queste morti l’EMEA esclude «un nesso potenziale con il mifepristone» e negli Stati Uniti si è avviato un monitoraggio. Approfondendo il tema a ritroso, si è scoperto come tali infezioni, sebbene rare, siano state segnalate in neonatologia, in ortopedia, tra i tossicodipendenti e in altre condizioni mediche. In una review del 2006 sono elencati 45 casi, da 17 giorni di età a 95 anni, con una mortalità complessiva del 70%, che diventa 100% per i 15 casi di ostetricia: otto casi dopo il parto, due per aborto spontaneo e cinque per aborto medico

eccetera eccetera – ma poi, oltre alla stortissima ribattuta pseudo-scientifica (che comunque, oh, c’è sempre un bel numero di gonzi che ci casca),

2) c’è da appendersi coi denti alle poche presunte ambiguità interpretative della legge 194, per cui ecco che il subdolo catto-bruto può persino indossare i panni dell’integerrimo difensore della legge sull’aborto, che storie!, perché la pillola RU-486, cito

supera e tradisce le precauzioni previste dalla legge 194

ed ecco che parte alla carica Famiglia Cristiana col teologo di punta Luigi Lorenzetti (un faro del pensiero contemporaneo – sito – già autore di Il comandamento “non uccidere” comprende gli animali? e di Unioni omosessuali: il matrimonio è ben altro) che specifica – dal Corriere, qui,

«la Ru486 pone forti obiezioni di compatibilità con la legge 194», dal momento che «l’articolo 1 contrasta l’idea che l’aborto possa essere considerato un mezzo di regolazione delle nascite» e che «l’articolo 5 prevede una procedura rispettosa della donna, ma dissuasiva dall’aborto»

eh, l’insuperabile lucidità dei teologi cattolici!, il collegamento tra la RU-486 e la “regolazione delle nascite” si commenta da sé, povero vecchio, mentre dal richiamo allucinante all’articolo cinque (leggetevela tutta la legge 194, eccola) si deduce senza ombra di dubbio che al vaticano dev’esser stato passato un testo di legge un tantino diverso da quello reale (per farli stare buoni, immagino), perché nell’articolo cinque non si parla affatto di procedure “dissuasive dall’aborto” (non c’è “dissuasione”, c’è la neutrale esposizione di possibili alternative all’aborto), e ci mancherebbe pure, non se ne parla da nessuna parte nella 194 di procedure “dissuasive” – che in realtà sarebbero, traduco dal cattolichese: sofferenza, dolore, strazio, infelicità, preghiera, dyotipregoaiutamitù; del resto si sa, i catto-bruti ci tengono tantissimo alla 194, non fanno che parlare

della prima parte della legge, che è quella sulla prevenzione, che non è stata applicata

e qui è il ministro Eugenia Roccella che parla, e dice “la 194 è una buona legge”, eh sì che una buona legge, ma non per via delle “prevenzioni”/”precauzioni” (parole chiave! – sono il cavallo di troia del più infido associazionismo cattolico rompiballe), è una buona legge perché ci sta scritto (ed è ripetuto tre volte “dignità”, dico: tre volte!),

ove la donna lo consenta, nel rispetto della dignità e della riservatezza e della libertà della donna

e finché ci rimane scritto, finché non gli riesce di cancellarlo, mi dispiace, il primo boy scout “dissuasivo” che fuori dal consultorio mi si avvicina porgendomi il depliant “dyo ti aiuterà ad allevare il tuo santo feto”, come dire, io sarò ben felice di tenermelo alla larga rispondendogli con un sorrisone “fatti i cazzacci tuoi”.

Betty Moore
Fonte: http://www.malvestite.net/
Link:http://www.malvestite.net/2009/08/05/pesticidi-umani-sono-quelli-che-si-oppongono-alla-ru-486/
5.08.2009

Pubblicato da Davide

  • cloroalclero

    Grandissima Betty Moore!!!

    non potevi dirlo meglio.

    🙂

    le stronzate mediatiche dei baciapile, sottane-pervertite, bigotti e misogini per evidente omosessualità latente, non potevano meglio essere messe in luce che con un post come questo.

    🙂

  • Galileo

    La Chiesa recita il suo copione, questa è la sua parte.

    Che andrei a vedere personalemte che fa questa RU-486, si io lo farei, anche solo per semplice curiosità.

    Che poi le industrie farmacieutiche debbano guadagnare, anche questo va considerato. Che poi meglio già che ci siamo, controllare le nascite, beh! non fa male a nessuno….che poi…

    Bene, almeno una cosa l’ha raggiunta quest’articolo. Scatenare un Affus, incisivo e preciso.

  • Eracle

    Ora si che viviamo in una società migliore.
    Il mondo è già un luogo migliore senza tutti quei “bruti” a fare da zavorra. Non come una volta in cui erano tutti tristi e senza una ragione di vita, senza obiettivi da raggiungere e privi di carattere e forza d’animo per poter realizzare qualsiasi progetto di vita.
    Ora tutti abbiamo un obiettivo: trombare senza avere nessun problema per la testa. E’ questo il vero significato della vita. E siamo tutti più solidi emotivamente perchè non ci sentiamo più in colpa. E finalmente riusciamo a esprimere al meglio tutte le nostre capacità e potenziali perchè abbiamo un obiettivo: trombare.
    Finalmente si potranno fare ammucchiate per strada e ai grandi magazzini, e poi il giorno dopo tutti al bar per l’aperitivo e la pillola, senza quelle inutili formalità di doverci ricordare con chi siamo stati.

  • Flexworker

    Non è l’aborto lo strumento per il controllo delle nascite, ma la sapiente regolazione del rapporto salario/fabbisogno familiare integrato ad altri fattori previdenziali come il numero di asili. Il senso di colpa che deve accompagnare questa pratica serve solo ad evitare che si imponga una riflessione sulle vere cause dell’impossibilità di tenere un bambino, che NON È, come sostengono i due clerico fascisti, la conseguenza dell’incontenibile lussuria femminile ma la scandalosa inconsistenza dei salari, dei diritti, e delle strutture di supporto che dovrebbero accompagnare ogni donna (coniugata o no) nell’avventura che chiamiamo maternità. È questo il vero controllo delle nascite, un controllo che piace tanto alla chiesa (che tace sulle questioni sociali) quanto allo stato (che rinuncia ogni giorno di più al suo ruolo regolatore).

    Agli amici diopatriastato dico solo di avere più rispetto per le donne che, vi ricordo, hanno fatto l’incomprensibile gesto di partorirvi.

  • myone

    E con la RU 486 e la 639disel 2400
    mi abortisco e vado al sole

  • Affus

    Flex , allora predica la rivoluzione , non venirci a dire che la pillola risolve la situazione , perchè le donne diventeranno sempre e più oggetto da usare per l’uomo , senza nessun impegno e preoccupazione .
    Si deduce da quello che dici che per integrarsi meglio nella societa del consumo, la donna deve usare per forza la pillola , cioe deve adeguarsi e non ribellarsi alla società capitalista .

  • Eracle

    Gli insulti gratuiti a chi la pensa diversamente da te sarebbero già un motivo valido per ignorarti, ma voglio comunque provare a esporre qualche altra opinione in merito.

    Se il problema è l’inconsistenza dei salari, mi chiedo come facciano tutti gli immigrati a fare così tanti figli senza farsi tutti i problemi che si fanno i nostri connazionali. Forse il problema è solo in minima parte costituito dai salari, mentre è più probabile che sia costituito dalla forma mentale cui siamo stati plasmati dal capitalismo terminale estremo.
    Siamo così sicuri che salari più alti porterebbero ad una più alta natalità e quindi a meno aborti? E’ tutto da dimostrare, e le statisticheci dicono che chi ha salari più alti tende a fare sempre pochi figli.
    In ogni caso, checchè ne dica Flexworker, il Papa è forse una delle pochissime voci che si sono alzate e che continuano ad alzarsi a difesa della dignità umana e delle condizioni di vita degli stipendiati.
    Se gli stipendi degli italiani sono così bassi non è certo colpa del Papa che non ha nessuna voce in capitolo quando si stipulano i contratti nazionali. La responsabilità va piuttosto cercata fra i sindacati e tutte quelle forze di “sinistra” così prodighe nel cercare nuove soluzioni abortive da offrire alle donne, anzichè lottare per una prospettiva di vita migliore. E’ la cultura della dissoluzione.

    All’amico vogliotuttiidirittienessundovere, chiedo di allargare i suoi orizzonti e cercare di valutare anche la possibilità che il problema non sia la Chiesa, ma la forma mentale indotta dalla società capitalistica priva di rispetto per le condizioni umane.
    Credi che il capitalismo guardi alla donna come ad un essere umano su cui investire per il bene della società, o come ad uno strumento per far soldi?
    Naturalmente la risposta è chiara per tutti.

  • vimana2

    Betty moore, mai sentita….è una donna tipo la bonino?
    Nn pretendo che su comedonchisciotte ci siano solo articoli interessanti ed intelligenti, un pò triste però vedere cavolate da partito radicale ed elogi alle industrie farmaceutiche!
    Un bel senso di vomito. Cioè come con Zapatero elogiato sa molti sinistroidi in realtà un vero e proprio svenduto conformista amico delle multinazionali e del NWO. Blah scriverò qualche topic al forum poi niente altro su questo sito, per carità interessante ma schierato politicamente con chi inneggia alla morte …….

  • redme

    intanto la chiesa potrebbe incominciare a pagare le tasse comunali tipo ici sulle attività commerciali cosi che, magari con quello che resta dai vari furti, si possa fare qualche asilo nido ..poi che la “sinistra” non abbia lottato per i diritti delle donne non lo dice neanche la mussolini!…..inoltre se la “liberazione” delle donne passa attraverso la chiesa stiamo fuori dalla storia e dalla realtà…saluti

  • redme

    ciao…

  • Eracle

    E’ evidente che non hai letto o non hai capito cosa ho scritto.
    O semplicemente sei talmente indottrinato che sai solo sventolare la tua bandiera e urlare i tuoi slogan.

    P.S.
    Per l’ICI ci sono degli accordi. Non c’è nessun furto. Se non sei d’accordo con questo accordi puoi sempre avvalerti di tutti i mezzi democratici che lo Stato ti mette a disposizione.

    La Chiesa da sempre offre alle famiglie e ai bambini gli oratori.

    La donna non ha bisogno di essere “liberata” ma di essere valorizzata per quello che è il suo ruolo naturale nella società umana, e questa valorizzazione non si ottiene con l’aborto ma con gli strumenti che facilitano la costituzione di una famiglia.

  • redme

    non mi sembra di aver urlato e neanche di essere indottrinato ( termine che si confà piu a chi della dottrina ne ha fatto un modus vivendi ). Per quanto riguarda l’ici il furto sta nell’accordo..gli oratori e strutture similari non sono precisamente delle offerte visto che vengono pagati dall comunita in mille modi e comunque costituiscono la base della sua presenza sociale e politica..per quanto riguarda il ruolo naturale della donna lo lascierei decidere alle donne nella loro diversità di culture e condizione sociale…..poi alla fine,se non vi piacciono le loro scelte, potete sempre bruciarle come streghe ..saluti

  • skiz

    ma da dove salti fuori dalle comiche?
    questo non è un articolo è una merda, spiattellata qui come roba da leggere??!??
    bhà il livello è bassino eh a comedonchisciotte

  • Eracle

    Le donne hanno un ruolo naurale che è indipendente dalla cultura e dalla condizione sociale.
    Se hai avuto modo di conoscere e frequentare donne fra i 25 e i 35 anni, ti sarai sicuramente accorto che fra la maggior parte di esse c’è una forte determinazione a diventare mamme. E questa esigenza diventa sempre più impellente via via che si avvicinano ai 40 anni.
    Ecco, questo è un ruolo importante che la natura ha riservato loro, e questo ruolo dovrebbe essere assecondato dalla società umana favorendo le condizioni migliori per la sua messa in atto.
    Tutto il resto è un palliativo.
    L’aborto celebra il fallimento della società e dell’attenzione che dovrebbe riporre sulle donne.

  • Affus

    beh red, prima di bruciare quelle poverine ,ci sarebbe ben altro da fare in italia , perchè troppi si sono arricchiti e hanno governato sulla pelle di quelle poverine …ben altri mandanti bisognerebbe colpire ; ecco perchè noi non insistiamo più come una volta sulle lapidazioni di piccolo cabotaggio e su processi vari di povere disperate, che pure erano sacrosanti e giusti quell’epoca .
    Qui bisogerebbe incominciare rinfrescarsi la memoria sui campi di restrizione ; dove trovare aree disponibili ,come acchiapparli tutti etc, etc, ma non per mandarci gli ebrei questa volta ma ben altre persone ……
    Pace e bene !

  • redme

    ho conoscenza anche di donne che hanno volontariamente rinunciato alla maternità, di donne che hanno abbandonato i loro figli e tutti gli altri casi che tu saprai..per quanto riguarda la “natura” la tesi determinista è stata già responsabile di orrori storici e filosofici che ancora perdurano ( razze, sesso, ecc..) …l’aborto è un vulnus della civiltà nel momento in cui vi si debba ricorrere, ma resta comunque un atto di libero arbitrio di cui ognuna/o se ne fa carico..saluti

  • redme

    “ecco perchè noi non insistiamo più come una volta sulle lapidazioni di piccolo cabotaggio e su processi vari di povere disperate, che pure erano sacrosanti e giusti quell’epoca “…vorrei essere credente per vedere la faccia di s. pietro quando giungerai al suo cospetto..magari andrai pure in paradiso! 🙂 saluti

  • lino-rossi

    semplicemente patetico.
    con questo articolo CDC è riuscito ad essere più conformista di “repubblica”.

    si può dire pertanto che CDC è un sito anarcocapitalista e conformista (allo stesso livello del cicap = ripugnante).

    buon divertimento.

  • Eracle

    Sono d’accordo con te che il determinismo ha prodotto e produce disastri. Quello che non condivido è l’associazione al determinismo della mia affermazione sull’esigenza naturale delle donne alla maternità.
    Non è una tesi, e tanto meno determinista, esattamente come il sole che non è una tesi sui metodi di produzione dell’energia.
    E’ un dato di fatto. E’ qualcosa che chiunque può osservare in modo diretto, indipendentemente dalla cultura, dal ceto sociale e dal periodo storico. Il nostro spirito di osservazione, anche verso le cose più semplici, è troppo spesso filtrato da definizioni, classificazioni e ideologie che ne stravolgono il significato più intimo e più logico.

  • redme

    non per polemica..il sole non sceglie di brillare..sono le donne ( se possono) che scelgono di abortire o no…

  • BSMLLHTL

    …Una donna come la Bonino?…perché la Bonino è ancora una donna, per caso?…Con tutta la veemenza che ha messo nel distruggere la sacralità della vita togliendo la consapevolezza alle donne del loro diritto di generare un figlio…e della bellezza nel farlo comunque, anche quando non era atteso…non ha fatto altro che rovinare la sua grazia femminile e quella altrui! Basta guardarla e sentirla per vedere che della donna non ha proprio più niente…le si addice di più la definizione di “persona senza Grazia”, quindi disgraziata!
    Persino le scimmie son più capaci di amore della Bonino:

    http://it.notizie.yahoo.com/blog/cronaca/articolo/2569/

  • LucaV

    Oh finalmente ti sei accorto che la libertà non ha colore. Su su consolati con qualche medicinale omeopatico.
    Ah! Hai visto? Hanno fotografato il genoma del virus HIV! E meno male che non esisteva!
    Ps: NON VACCINARTI!

  • LucaV

    Grandissima Betty Moore. La libertà non ha colore. Tutto ciò che è nel mio corpo è mio e decido io. Anche gli antichi romani (diritto romano) la pensavano così, poi l’uomo ha cominciato l’involuzione…ed è nata la Roccella! Che ci vuoi fare!?

  • Eracle

    Ma l’HIV non era un retrovirus?
    Comunque se è per questo, hanno fotografato anche i fantasmi e gli UFO.
    E poi è un retrovirus che muta no?
    Quindi quella foto è già vecchia e inutile.
    Mi raccomando, vaccinati che così vediamo l’effetto che fa visto che ancora non è chiaro.
    E non dimenticarti di farti una buona assicurazione perchè le case farmaceutiche che vendono il vaccino non sono responsabili degli effetti indesiderati.

  • LucaV

    Non solo hanno fotografato il genoma, ma lo hanno codificato…alla facciaccia della bufala che il virus hiv non esisteva.
    Si hanno fotografato anche gli ufo…ma non li hanno codificati!
    Tutti i virus possono mutare. Di HIV non ce n’è solo di un tipo. Come anche del virus dell’influenza.
    Non vaccinarti neanche tu così facciamo un pò di pulizia.

  • LucaV

    Ecco un fondamentalista cattolico! I fondamentalisti religiosi sono il male dell’umanità.
    Il papa oltre a parlare e ciucciarsi soldi pubblici…
    I romani dicevano: “Quello che è dentro una persona è della persona”. Quindi le donne se il bambino non lo vogliono è una scelta loro.
    La chiesa: e non si può abortire, e non si possono usare anticoncezionali…ma uno per non avere un bambino come deve fare???
    MENO MALE CHE LA SCIENZA VA AVANTI…SE STAVAMO A DARE RETTA A VOI ANCORA ANDAVAMO A CACCIARE LE STREGHE!

  • LucaV

    Anche la riserva frazionaria è legale e c’è un accordo…però è una truffa. Il fatto che la chiesa non paghi l’ici ed io si e poi riceva soldi pubblici per scuole ecc…è semplicemente un furto.
    I PRETI SONO PARASSITI PERCHè OLTRE A PREGARE E A FARSI I CAZZI DEGLI ALTRI DURANTE LE CONFESSIONI NON FANNO ALTRO….A PARTE QUANDO SCOPANO SUORE, DONNE, BAMBINI.

  • LucaV

    ECCO HAI DETTO BENE…LA MAGGIOR PARTE DI LORO (CHE ESSE…MICA SONO ANIMALI O COSE!!! ECCO IL RISPETTO…ESSE…IGNORANTI L’ITALIANO VI FA UNA PIPPA)…POI C’è UNA PICCOLA PARTE CHE I BAMBINI NON LI VUOLE E SE VOGLIONO POSSONO ABORTIRE IN CASO DI PROBLEMA.

  • LucaV

    BRAVO RED!
    ERACLE VAI SUL SOLE E BRUCIATI COME FACEVATE CON LE “STREGHE”.
    L’8PERMILLE è IL PREZZO DELLE INDULGENZE MODERNE!
    ANDATE A LAVORARE COME TUTTI…HORAT E LABORA…ET NON ROMPERE LE PALLE AGLI ALTRI.

  • LucaV

    LE LAPIDAZIONI ERANO GIUSTE? QUINDI ANCHE LA PENA DI MORTE è GIUSTA? OH MIO DIO…QUESTI SONO FONDAMENTALISTI…E PURE SCEMI! QUINDI PERICOLOSISSIMI

  • LucaV

    NON VACCINARTI! TANTO CI SARà DIO AD ACCOGLIERTI! VAI IN PACE FRATELLO…VAI VAI.

  • Eracle

    Oltre ad essere un cafone, sei anche ignorante e presuntuoso.

    Studia prima di confrontarti con persone più colte di te (e ci vuole poco).
    http://it.wikipedia.org/wiki/Pronome_personale

  • Eracle

    Spero che tu sia almeno ubriaco, altrimenti sei proprio un poveretto.

  • ottavino

    In merito alle donne….Maometto (L.P.S.S.L) aveva capito tutto….

  • LucaV

    Io ho studiato l’italiano a scuola e sui libri…NON SU WIKIPEDIA. QUELLA PAGINA NON HA NEANCHE LE FONTI. SU QUALE LIBRO DI ITALIANO HA STUDIATO L’AUTORE DELLA PAGINA DI WIKIPEDIA???

  • LucaV

    ecco qua…sono poveretto? Beh ma voi non li esaltate i poveretti? Com’è che dite…? Gli ultimi saranno i primi! Si, se i primi smettono di correre! Ma togliti dalle palle e torna da dove sei venuto, vai dietro al padre visto che la destra e la sinistra sono occupate.

  • LucaV

    Sono fatti caro. Sotto la chiesa vicino da me…hanno trovato un ossario di neonati! Li ammazzavano i porci…così nessuno ne veniva a conoscenza. I preti pedofili sono stati scomunicati? Non mi risulta…anzi venivano spostati di chiesa in chiesa…eh beh sempre con gli stessi bambini ci si annoia dopo un pò.
    Fatti un altro goccetto dal calice va.

  • Affus

    Testimonianze circa la pena di morte

    Quarto Concilio del Laterano (anno 1215)
    L’autorità civile «senza peccato può infliggere la pena di morte, purché sia
    mossa non dall’odio ma dalla giustizia e non proceda senza precauzione ma
    con prudenza».

    Papa Innocenzo III (1198-1216)
    “Per quanto riguarda il potere secolare dichiariamo che può esercitare il
    giudizio di sangue, senza peccato mortale, purché nel portare la vendetta
    proceda non per odio ma per atto di giustizia, non in modo incauto, ma con
    riflessione” (DS 795).

    San Tommaso d’Aquino (1225 ca.-1274)
    “L’uccisione di un uomo […] può essere ordinata sia all’esecuzione della
    giustizia [pena di morte] sia all’appagamento dell’ira [vendetta]. [.] nel
    primo caso si avrà un atto di virtù, e nel secondo un atto peccaminoso”
    (“Summa teologica”, I-II, q. 1, a. 3, ad 3).
    “Chi deve farlo in forza del suo ufficio può lecitamente punire o anche
    uccidere i malfattori” (“De caritate”, a. 8, ad 10).

    Catechismo del Concilio di Trento, detto «Romano» (anno 1566)
    “Altra categoria di uccisioni permessa è quella che rientra nei poteri di
    quei magistrati che hanno facoltà di condannare a morte. Tale facoltà,
    esercitata secondo le norme legali, serve a reprimere i facinorosi e a
    difendere gli innocenti. Applicandola, i magistrati non solamente non sono
    rei di omicidio, ma, al contrario, obbediscono in una maniera superiore alla
    Legge divina, che vieta di uccidere, poiché il fine della Legge è la tutela
    della vita e della tranquillità umana. Ora, le decisioni dei magistrati,
    legittimi vendicatori dei misfatti, mirano appunto a garantire la
    tranquillità della vita civile, mediante la repressione punitiva
    dell’audacia e della delinquenza”.

    Cesare Beccaria (1738-1794)
    “quando anche privo di libertà egli [il reo] abbia ancora tali relazioni e
    tal potenza che interessi la sicurezza della nazione; quando la sua
    esistenza possa produrre una rivoluzione pericolosa nella forma del governo
    stabilita. La morte di un cittadino divien dunque necessaria” (“Dei delitti
    e delle pene”, capitolo 28).

    Papa Pio XII (1939-1958)
    “È riservato al potere civile di privare il condannato del beneficio della
    vita in espiazione del suo crimine”.

    Catechismo della Chiesa Cattolica (1992)
    “L’insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno
    accertamento dell’identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso
    alla pena di morte” (n. 2267).
    “Assuming that the guilty party’s identity and responsibility have been
    fully determined, the traditional teaching of the Church does not exclude
    recourse to the death penalty” (Catechism of the Catholic Church, 1992, n.
    2267).

  • Affus

    imbecille stai zitto

  • LucaV

    Eccone un altro che dice che virus e retrovirus sono due cose differenti! Sono sempre virus, di virus ce ne sono di due tipi: a DNA e a RNA. I retrovirus si chiamano così, non perchè non siano dei virus, ma perchè hanno la trascrittasi inversa che serve per creare un filamento di DNA da uno di RNA. Mentre, in genere, è dal DNA che si crea un filamento di RNA.

  • LucaV

    Zitto io? Aspetta e spera. Ecco qua, li critichi? Devi stare zitto. Ma piantatela.

  • LucaV

    ZzZzZzZzZzZz! -_-‘

  • LucaV

    LEGGITI VATICANO SPA. Predicano bene e razzolano male! A me per il sedere non prendete.

  • LucaV

    Vaticano SPA un libro da non perdere. Predicano bene e razzolano male…

  • Affus

    per la chiesa i bambini piccoli sono piu vicino a regno dei cieli, sono angeli , andavano sepolti tutti in chiesa.
    un tempo pare che la mortalita infantile fosse elevatissima e solo un mente pervertita puo solo pensare a faccendde di sesso in ogni suo pesnsiero e problema sociale o storico .

  • lino-rossi

    bravo libertario. sai quanta roba abbiamo addosso? chi te lo dice che il retrovirus +/- mutante che hanno isolato non sia del tutto innocuo?

    la tua visione scientista e laicista fa veramente ridere. visto che sei proprio convinto perchè non ti fai un bel cocktail con un po’ di azt?
    così finalmente …

    http://www.davidrasnick.com/David_Rasnick/Home.html

  • LucaV

    se se…pure i preti pedofili che li spostavano sono balle no?!

  • LucaV

    Perchè invece voi che credete alla favoletta che il virus HIV non sia responsabile dell’aids non ve lo iniettate così vediamo?

    L’azt ha effetti collaterali molto gravi, la ricerca è andata avanti e ci sono cure migliori. L’azt è stato il primo dei farmaci anti-hiv.

    Il virus hiv non è innocuo!!!! Che domande fai??? E’ il caldo un’altra volta???

    Ancora crediamo che il virus hiv sia un’invenzione??? Neanche la codificazione del genoma è una prova??

    Meglio una visione scientista che una visione bufalina…