Perchè vogliono i bambini?

I vaccini come gateway per l'identificazione digitale, un concetto lanciato nel 2016, a Davos, da Gates e Pharmafia

www.databaseitalia.it

L’ennesima manifestazione del Military BioTech Complex di cui vi parlavo, che collega la Silicon Valley, Davos e la Cina.
Le loro parole, la mia ricerca:

Vaccinazione: un punto di ingresso per l’identità digitale

ID2020

ID2020 Mar 28, 2018

Con la Giornata mondiale della salute alle porte il 7 aprile, vorremmo attirare l’attenzione sull’intersezione tra salute globale e identità digitale, e in particolare sull’opportunità per i tassi di immunizzazione di ridimensionare l’identità digitale tra i bambini più difficili da raggiungere.

A livello globale, si stima che il 95% dei bambini riceva almeno una dose di un vaccino. Questo numero è sbalorditivo: nessun altro intervento di sanità pubblica raggiunge più bambini e arriva a più famiglie.

Eppure, nonostante questo alto tasso di contatto iniziale, solo il 37% dei bambini nei paesi più poveri del mondo è completamente immunizzato, il che significa che riceve l’intero ciclo di vaccini raccomandati. Alla fine, molti bambini rimangono senza una protezione completa e sono vulnerabili a molte malattie prevenibili con i vaccini.

vaccini bambini gavi
Percentuale di bambini raggiunti con l’ultima dose di sette vaccini raccomandati in tutti i paesi supportati da Gavi e di tre vaccini specifici per alcune regioni (Fonte: Gavi 2016 Annual Progress Report http://www.gavi.org/progress-report/ )

Ci sono diverse ragioni per bassi tassi di copertura, inclusa la bassa qualità dei dati sulla popolazione e la dipendenza da sistemi obsoleti per tenere traccia delle vaccinazioni, ma una sfida critica è l’uso continuato di sistemi cartacei per registrare le dosi che sono state somministrate e indicare quando un il bambino ha bisogno di tornare per i richiami. Sfortunatamente, i registri cartacei tenuti all’interno di una clinica sono spesso difficili da analizzare e le carte di immunizzazione fornite alle famiglie sono soggette a perdite e imprecisioni. Senza un record persistente e portatile che può essere collegato in modo univoco al bambino, è spesso difficile accertare le cure di cui un bambino ha bisogno.

A novembre, il dott. Seth Berkley, CEO di Gavi, la Vaccine Alliance, ha scritto un pezzo per Nature in cui sottolineava la pressante necessità di passare ai sistemi digitali, in particolare quelli per identificare e tenere traccia di quelli attualmente mancanti, per ottenere una copertura vaccinale del 100%.

Una delle maggiori esigenze è quella di sistemi di identificazione digitale sicuri e convenienti in grado di memorizzare la storia medica di un bambino e a cui sia possibile accedere anche in luoghi senza elettricità affidabile. Potrebbe sembrare un compito arduo, ma è sia realizzabile che necessario.

Questo messaggio è stato rafforzato durante la riunione del World Economic Forum di quest’anno a Davos, in Svizzera, dove Gavi ha annunciato l’identità digitale come focus per il suo programma INFUSE 2018 . INFUSE — Innovation for Uptake, Scale and Equity in Immunization — mira a identificare e supportare soluzioni innovative che hanno il potenziale per modernizzare la salute globale e la fornitura di immunizzazione. Quest’anno, Gavi sta concentrando i suoi sforzi sull’identificazione di opportunità per le tecnologie di identità digitale per aiutare a facilitare un migliore targeting, follow-up e fornitura di servizi di immunizzazione per i bambini più vulnerabili del mondo.

L’immunizzazione rappresenta un’enorme opportunità per ridimensionare l’identità digitale: in molti paesi in via di sviluppo, la copertura vaccinale supera di gran lunga i tassi di registrazione delle nascite. Secondo le migliori stime disponibili, più del 95% dei bambini a livello globale riceve almeno una dose di un vaccino (con l’86% dei bambini che riceve a livello globale le tre dosi complete raccomandate del vaccino contro difterite-tetano-pertosse, comunemente usato per misurare l’immunizzazione).

vaccinazioni bambini

Quando un bambino riceve il suo primo vaccino, riceve una tessera sanitaria cartacea. In molti paesi in via di sviluppo, la forma di identificazione più comune non è un certificato di nascita, ma questa carta. La quasi ubiquità di questi documenti rappresenta un’enorme opportunità.

Passare da tessere sanitarie cartacee facilmente perse o danneggiate a un modulo digitale accessibile ridurrebbe l’onere associato al monitoraggio dei vaccini di un bambino ed eliminerebbe le scartoffie ridondanti o non necessarie. Le tessere sanitarie digitali per l’infanzia possono migliorare i tassi di copertura e la conformità ai vaccini spingendo i genitori a portare i propri figli per le necessarie dosi successive. Per gli operatori sanitari, la tecnologia dell’identità digitale convalida i vaccini passati di un bambino e può semplificare l’analisi e la divulgazione, senza aggiungere complessità significativa al flusso di lavoro di un operatore sanitario. E per Gavi e i suoi partner internazionali, la tecnologia dell’ID digitale fornisce una base per un sistema di prove verificabili e dati aggregati accurati che interagisce con altri sistemi di gestione dell’identità, eliminando la necessità per ciascuna organizzazione di identificare in modo indipendente i beneficiari.

E poiché l’immunizzazione viene condotta durante l’infanzia, fornire ai bambini una tessera sanitaria digitale per bambini darebbe loro un’identità digitale unica e portatile nei primi anni di vita. E man mano che i bambini crescono, la loro tessera sanitaria digitale può essere utilizzata per accedere a servizi secondari, come la scuola primaria, o facilitare il processo di ottenimento di credenziali alternative. In effetti, la tessera sanitaria del bambino diventa il primo passo per stabilire un’identità legale riconosciuta.

A sua volta, avere una cartella clinica persistente e portatile legata in modo univoco al bambino aiuterà ad aumentare i tassi di copertura vaccinale completa, sollecitando il follow-up e mirando meglio ai bambini più difficili da raggiungere.

Per abilitare l’identità digitale su larga scala, dovremo identificare e sfruttare molti punti di ingresso. La fornitura di servizi di immunizzazione rappresenta un’enorme opportunità per fornire ai bambini un’identità digitale durevole, portatile e sicura fin dalla prima infanzia, consentendo l’accesso a una gamma più ampia di servizi sociali, migliorando anche l’accesso agli interventi sanitari di cui tutti i bambini hanno bisogno e meritano.

Siamo orgogliosi di collaborare con Gavi ed entusiasti di vedere le innovazioni proposte come parte della Sfida INFUSE. A tutti gli innovatori: la scadenza per presentare domanda per il programma è il 10 aprile, quindi per favore inviate le domande!

infuse 2018
INFUSE 2018 richiede innovazioni tecnologiche digitali comprovate, adattate agli ambienti con poche risorse nei paesi in via di sviluppo, per aiutare a identificare e registrare i bambini, in particolare le ragazze, che rischiano di perdere i vaccini salvavita.

Lanciato a Davos nel 2016, Innovation for Uptake, Scale and Equity in Immunization (INFUSE) aiuta a migliorare i sistemi di somministrazione dei vaccini collegando innovazioni comprovate ad alto impatto con i paesi che ne hanno più bisogno.

Quindi li “infonde” con capitale e competenze per aiutarli a scalare.

GAVI

Dal 2016, ID2020 ha sostenuto approcci etici e di protezione della privacy all’ID digitale.

Per una persona su sette a livello globale che non ha i mezzi per dimostrare la propria identità, l’ID digitale offre l’accesso a servizi sociali vitali e consente loro di esercitare i propri diritti di cittadini ed elettori e di partecipare all’economia moderna. Ma fare correttamente l’ID digitale significa proteggere le libertà civili e riportare il controllo sui dati personali al loro posto… nelle mani dell’individuo.

Ogni giorno, ci affidiamo a una varietà di forme di identificazione per le nostre vite: patente di guida, passaporto, badge di lavoro e carte di accesso all’edificio, carte di debito e di credito, abbonamenti di transito e altro ancora.

Ma la tecnologia si sta evolvendo a un ritmo accecante e molte delle transazioni che richiedono l’identificazione vengono oggi condotte digitalmente. Dai passaporti elettronici ai portafogli digitali, dall’online banking agli account sui social media, queste nuove forme di ID digitale ci consentono di viaggiare, condurre affari, accedere a documenti finanziari e sanitari, rimanere in contatto e molto altro.

Sebbene il passaggio all’ID digitale abbia avuto molti effetti positivi, è stato accompagnato da innumerevoli sfide e battute d’arresto, comprese violazioni di dati su larga scala che colpiscono milioni di persone. La maggior parte degli strumenti attuali sono arcaici, insicuri, privi di adeguate protezioni della privacy e mercificano i nostri dati. Ma questo sta per cambiare e ID2020 sta guidando la carica.

Siamo aziende, organizzazioni non profit, governi e individui… che lavoriamo in collaborazione per garantire che il futuro dell’identità digitale sia davvero #goodID. – ID2020.org

Gavi e Zenysis Technologies per portare dati e intelligenza artificiale nei programmi di immunizzazione

La partnership supportata dalla più grande società di servizi internet dell’Asia, Tencent, aiuterà i paesi in via di sviluppo a raggiungere più bambini con vaccini salvavita

Ginevra, 12 marzo 2019 – Gavi, la Vaccine Alliance e Zenysis Technologies, una startup della Silicon Valley, hanno stabilito una nuova partnership strategica che aiuterà i paesi a basso reddito a sfruttare il potere dei big data e dell’intelligenza artificiale per migliorare i programmi di vaccinazione infantile in tutto il mondo .

Zenysis Technologies è stata individuata da Gavi, attraverso il bando annuale per l’innovazione INFUSE (Innovation for Uptake, Scale and Equity in Immunisation). INFUSE mira a identificare soluzioni comprovate che, se portate su scala, hanno il maggior potenziale per modernizzare la salute globale e la fornitura di vaccinazioni.

Ciò che il team di Zenysis ha costruito e realizzato fino ad oggi è di una classe a parte.

David Wallerstein, Chief Exploration Officer di Tencent

Tencent
Guarda “Il lato oscuro di Tencent

Una partnership di due anni fornirà ai paesi la piattaforma software Zenysis, la formazione analitica e lo sviluppo delle competenze informatiche. I paesi utilizzeranno le capacità della piattaforma per integrare i dati dai loro sistemi informativi frammentati e aiutare i decisori a vedere dove i bambini non ricevono vaccini. L’analisi avanzata aiuterà quindi i paesi a decidere come indirizzare le proprie risorse limitate per ottenere il massimo impatto.

“I dati deboli sull’immunizzazione portano a una scarsa pianificazione, il che spesso significa che i bambini, che vivano in baraccopoli urbane o avamposti rurali remoti, perdono i vaccini salvavita. La trasformazione digitale dei dati e dell’analisi delle vaccinazioni è fondamentale per garantire che tutti i bambini siano protetti dalle malattie prevenibili con i vaccini”, ha affermato il CEO di Gavi, il dott. Seth Berkley. “La nostra partnership con Zenysis ha il potenziale per aumentare l’efficienza e ridurre i costi per i paesi in via di sviluppo ma, soprattutto, potrebbe salvare vite umane”.

Sin dal suo inizio tre anni fa, Zenysis si è espansa in dieci paesi che ora utilizzano il suo software per migliorare i programmi sanitari che servono oltre un miliardo di persone. Il software dell’azienda è stato utilizzato per ottimizzare le campagne di vaccinazione a livello nazionale consentendo il reinvestimento in altri programmi sanitari salvavita.

“Gavi, la Vaccine Alliance ha aiutato oltre 70 paesi a vaccinare più di 700 milioni di bambini nei paesi a basso reddito”, ha affermato l’amministratore delegato di Zenysis, Jonathan Stambolis. “Tuttavia, i sistemi informativi deboli e frammentati a livello nazionale significano che milioni dei bambini più vulnerabili del mondo sono rimasti indietro. Abbiamo riunito uno dei team di ingegneria del software più forti della Silicon Valley per costruire il software di cui i paesi hanno bisogno per affrontare questa urgente sfida sanitaria globale e la nostra partnership con Gavi e Tencent garantirà che la tecnologia vada a vantaggio dei paesi che ne hanno più bisogno”.

Zenysis Technologies Inc

Abbiamo riunito uno dei più forti team di ingegneria del software nella Silicon Valley per costruire il software di cui i paesi hanno bisogno per affrontare questa urgente sfida sanitaria globale…

Jonathan Stambolis, CEO di Zenysis

La società prevede di raggiungere almeno altri quindici paesi nel 2019. Ciò includerà il Pakistan, dove Zenysis lavorerà con le autorità governative e Gavi per migliorare la copertura vaccinale e l’equità, nonché per accelerare i progressi del paese verso un futuro libero dalla polio. Il progetto ha il sostegno di uno degli investitori di Zenysis, il gigante dei servizi Internet Tencent Holdings, la più grande azienda asiatica. L’investimento di Tencent di 4,5 milioni di dollari sarà compensato dal Gavi Matching Fund.

“Siamo molto entusiasti del potenziale dell’intelligenza artificiale di trasformare la salute dei bambini su scala globale”, ha affermato David Wallerstein, Chief Exploration Officer di Tencent. “Ogni anno guardo centinaia di startup in più rapida crescita. Ciò che il team di Zenysis ha costruito e realizzato fino ad oggi è di una classe a parte. Il software dell’azienda aiuterà i governi a diventare più efficaci e mirati in ogni fase della sfida vaccinale e a muoversi con l’urgenza e la velocità necessarie per realizzare la visione di Gavi di un mondo libero dalle malattie prevenibili con i vaccini”.

Zenysis Investors

Il Memorandum of Understanding ufficiale che stabilisce questa partnership storica tra Gavi e Zenysis Technologies è stato firmato dal CEO di Gavi, il dott. Seth Berkley e dal CEO di Zenysis Jonathan Stambolis, ad Abu Dhabi durante la conferenza ad alto livello di Gavi Mid-Term Review.

Zenysis

Fonte: https://www.databaseitalia.it/perche-vogliono-i-bambini-i-vaccini-come-gateway-per-lidentificazione-digitale-un-concetto-lanciato-nel-2016-a-davos-da-gates-e-pharmafia/

Pubblicato il 09.11.2021

Notifica di
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
15 Novembre 2021 17:23

Come volevasi dimostrare. Gli idioti sono più idioti del solito.
Ha ha ha ha ha!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Hanno già i piedi nella fossa,
e non lo sanno, poveracci.

1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x