PERCHE' L'ITALIA VA IN ROVINA

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI MARCELLO FOA
blog.ilgiornale.it/

Seguo da tempo Marco Della Luna: è un intellettuale coraggioso, un libero pensatore con cui si può essere o meno d’accordo ma che nessuno può accusare di conformismo o di secondi fini, men che meno di piaggeria nei confronti del potere. E’ uno dei pochissimi che si permette il lusso di dire sempre quel che pensa e di proporre analisi originali, pungenti, sovente scomode che fanno sorgere interrogativi aprendo la mente.

Mi ha colpito molto una frase del suo ultimo articolo, pubblicato dal sito capiredavverolacrisi* . Commentando l’esultanza di Enrico Letta che sostiene di essere stato premiato dall’Unione europea, Della Luna descrive la cultura dominante della classe politica:

Non è previsto che si verifichi se il modello economico-finanziario adottato sia stato confermato oppure confutato dai fatti e se e le ricette prescritte abbiano avuto gli effetti promessi oppure siano state smentite. Quello che conta è il rapporto di approvazione-disapprovazione con l’Autorità, non di successo-insuccesso con la realtà.

La visione scientifica e laica è opposta: non esiste alcuna Autorità a priori (al di sopra dei fatti), invece si mettono a confronto i diversi modelli economico-finanziari delle diverse scuole, e si controlla, nel breve, medio e lungo periodo, le conferme e le smentite che i dati di fatto hanno dato a ciascun modello.

In poche parole Della Luna, che ha studiato psicologia, descrive con straordinaria precisione il paradigma dominante da anni in questo Paese e che accomuna quasi tutti i politici e la maggior parte dei media. Non importa che le cose vadano bene o male, importa che l’Autorità Suprema ci accordi o no la sua approvazione.

Era questa la logica che sorreggeva il premier Monti, il quale ancora oggi, dopo i danni immensi da lui inferti all’economia italiana che grazie alle sue amorevoli cure è sprofondata nella peggiore crisi dal Dopoguerra ad oggi, non si capacita della propria impopolarità e anzi lamenta di essere capito solo all’estero.

Enrico Letta esce dalla stessa scuola, appartiene, sebbene a un livello più basso, agli stessi ambienti, assorbe le stesse logiche del suo predecessore. Come, ieri, Prodi che fece di tutto per far entrare l’Italia da subito nell’euro, come, oggi, Napolitano che si premura di non deludere la Ue, il Fmi, la Banca Mondiale.

Nessuno di questi illuminati leader sembra cogliere il senso del dramma profondo che sta scuotendo il Paese, degli imprenditori costretti a chiudere e talvolta a suicidarsi per la disperazione, dei giovani costretti a emigrare.
Conta uniformarsi al dogma. E se il resto è tragedia, pazienza. Anzi, è un mistero che non si spiegano e che, in fondo, nemmemo li tocca.

Marcello Foa
Fonte:http://blog.ilgiornale.it/
Link: http://blog.ilgiornale.it/foa/2013/07/07/perche-litalia-va-in-rovin/
7.07.2013

* pubblicato su comendonchisciotte qui

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x