PERCHE' GLI STATI UNITI SI STANNO RIPRENDENDO

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

PIU’ VELOCEMENTE DELLA ZONA EURO ?

DI VICENC NAVARRO
El Plural

L’ enorme recessione che la zona euro sta soffrendo mostra le grandi lacune esistenti su tale area monetaria, come conseguenza del modo in cui è stata concepita e creata.
Non si può istituire un’unità monetaria senza una governance economica e fiscale.

Queste carenze hanno trasformato l’Eurozona in un’entità che sarebbe stata paragonabile agli Usa, con la loro moneta comune, il dollaro, ma non esisteva un governo centrale che, tra le altre funzioni, avesse la responsabilità di redistribuire le risorse del Paese al fine di alleviare le grandi disuguaglianze tra i propri stati, a causa dell’enorme squilibrio che creano i mercati finanziari. L’accumulo enorme di capitali in Germania (dovuto, in parte, al calo del reddito del lavoro in quel paese, come documento nel mio articolo “Il problema della zona euro non è in periferia, ma al centro: Germania” [“El problema de la Eurozona no está en la periferia, sino en el centro: Alemania”. Sistema Digital. 09.03.12] ) che, scegliendo di esportare, ha permesso la comparsa di bolle immobiliari (tra le altre bolle) nei paesi periferici dell’eurozona, inclusa la Spagna. Ma oltre a creare bolle speculative, il trasferimento di fondi dal centro alla periferia ha sconvolto l’equilibrio dei pagamenti dei paesi in via di sviluppo, contribuendo alla crescita delle disuguaglianze tra paesi centrali e periferici. Inoltre, le politiche promosse dalla cancelliera Merkel e realizzate dal governo Rajoy, che enfatizzano l’austerità della spesa pubblica sociale e la diminuzione dei salari come mezzo per superare la crisi, non solo peggiorano l’attuale recessione, ma aumentano le disuguaglianze tra il centro e la periferia. L’evidenza di ciò è lampante.

Qual è l’alternativa?

La soluzione è facilmente visibile nell’altra zona monetaria esistente nel mondo, l’area del dollaro statunitense. Qui il governo federale interviene per ridistribuire le risorse tra gli Stati. E questa redistribuzione che trasferisce i fondi federali dagli Stati più ricchi agli Stati più poveri è molto importante, di gran lunga superiore a quella della zona euro (dove non c’è una struttura federale) e anche superiore a quella esistente all’interno dello Stato spagnolo.

Così, per ogni dollaro che il New Mexico fornisce al governo federale, questo gli trasferisce 2.03$. Lo stesso accade nel resto degli Stati più poveri. Per ogni dollaro che apporta al governo federale, il Mississippi riceve $ 2.02, la Louisiana 1,78 $, West Virginia 1,76 $, North Dakota 1,68 $, Kentucky e Virginia 1,51 $ e Montana 1,47$.

Al contrario, gli Stati più ricchi ricevono dal governo meno di quanto contribuiscono. Per ogni dollaro che New York paga al governo federale riceve 79 centesimi. Abbastanza simile alla California 0,78 dollari, 0,81 dollari Colorado, Connecticut $ 0,69, $ 0,61 New Jersey, Nevada $ 0,65, e così un gran numero di Stati. Inoltre, il Federal Reserve Board (Fed) ha lo scopo non solo di controllare l’inflazione, ma anche stimolare l’economia e la crescita economica, che spiega come l’economia americana si stia riprendendo molto più velocemente che in Europa. Infatti, il governo federale rappresenta il 19% del PIL, mentre il governo europeo, la Commissione europea, dispone di un bilancio che rappresenta solo il 1,23% del PIL della zona euro.

Questi fattori contribuiscono al fatto che il divario occupazionale tra i paesi è molto più basso negli Stati Uniti (Nevada 12,7%, il più basso Nord Dakota 3,2%) rispetto alla zona euro (nel febbraio 2012, la Spagna 22,9%,Olanda 4,9%).

Il governo federale degli Stati Uniti stimola la crescita economica e la creazione di posti di lavoro attraverso interventi pubblici che vanno dalle politiche della Banca Centrale (il Federal Reserve Board) alle politiche redistributive, che favoriscono la domanda aggregata che stimola l’economia. Nessuna di queste politiche esiste nella zona euro. Da qui lo stallo. E ci sono dati che lo mostrano chiaramente. Ignorare questi dati e sottolineare le politiche di austerità è un grave errore.

Due note finali. La prima è che questa situazione negli Stati Uniti si basa, in parte, su una maggiore mobilità territoriale, in particolare del lavoro, correlata al fatto che negli Stati Uniti la percentuale di persone che vivono in affitto è molto più alta rispetto ai paesi della zona euro. E’ incoerente che il Partito Popolare incoraggi la proprietà della casa e allo stesso tempo richieda maggiore flessibilità, che include la flessibilità territoriale.

Le politiche adottate dal governo Rajoy favoriscono la proprietà della casa, e oltre a sottrarre risorse a tale settore (che originò la crisi speculativa), impoverendo altri settori più necessari e produttivi, contribuiscono alla rigidità del mercato del lavoro, quindi una delle cause di scarsa mobilità della popolazione da un territorio all’altro in Spagna è una eccessiva percentuale della popolazione che vive in case di proprietà (anche se a debito), piuttosto che in affitto. È un altro esempio della negatività dei suoi discorsi pubblici.

L’altra osservazione è che il maggior atto redistributivo esistente nell’Unione Europea lo realizza la Banca Centrale Europea, la quale, diretta dal Sr. Mario Draghi, ha trasferito ingenti somme di denaro alle banche europee per aiutarle.

Dovete capire che l’espressione “aiutare la Grecia o il tuo stato” vuol dire aiutare le banche. Di ogni euro riportato con questo argomento, solo 19 centesimi vanno ad aiutare il governo greco. Il resto va alle banche. La redistribuzione è molto regressiva. E l’ammontare è enorme. La chiamata di aiuto da parte degli Stati è minuscola in confronto. E qui sta una parte del problema.

Vicenc Navarro
Fonte: www.rebelion.org
Link: http://www.rebelion.org/noticia.php?id=147253&titular=%BFpor-qu%E9-eeuu-se-recupera-m%E1s-r%E1pidamente-que-la-eurozona?

31.03.2012

Tradotto a cura di ANDRES PATANEGRA per www.comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
9 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
9
0
È il momento di condividere le tue opinionix