Perchè brucia Israele ?

DI GILAD ATZMON

 gilad.co.uk

Il paesaggio rurale di Israele è saturo di alberi di pino. Questi alberi sono una novità per la regione. Quegli alberi di pino vennero introdotti nel paesaggio palestinese nei primi anni ‘30 dal Fondo Nazionale Ebraico (JNF) nel tentativo di “rivendicare quella terra”. Nel 1935, il JNF aveva piantato 1,7 milioni di alberi su una superficie totale di 1.750 acri. In oltre cinquanta anni, il JNF ha piantato oltre 260 milioni di alberi in massima parte su terre palestinesi confiscate. Ha fatto tutto in un disperato tentativo di nascondere le rovine dei villaggi palestinesi etnicamente ripuliti e cancellarne la storia.

Nel corso degli anni il JNF ha attuato un rozzo tentativo di eliminare la civiltà palestinese e il suo passato, ma ha anche cercato di rendere la Palestina simile all’Europa. Le foreste naturali palestinesi sono state sradicate. Allo stesso modo sono stati sradicati gli ulivi. E i pini hanno preso il loro posto. Nella parte meridionale del Monte Carmelo gli israeliani hanno denominato un settore la “Piccola Svizzera”. Ma ormai, non c’è rimasto molto della “Piccola Svizzera”.

Tuttavia, la realtà sul territorio è stata alquanto devastante per il JNF. Il pino non si è adattato al clima di Israele tanto quanto gli israeliani non sono riusciti ad adattarsi al Medio Oriente. Secondo le statistiche del JNF, sei su dieci degli alberelli piantati non sono sopravvissuti. Quei pochi alberi che si sono salvati hanno creato nient’altro che un trappola di fuoco. Entro la fine di ogni estate israeliana ognuna di quelle pinete è diventata una potenziale zona di morte.

Nonostante la sua capacità nucleare, il suo esercito criminale, l’occupazione, il Mossad e la sua lobby ovunque nel mondo, Israele sembra essere vulnerabile. È devastantemente aliena nella terra che afferma di possedere e gestire. Come il pino, il sionismo, Israele e gli israeliani sono estranei a quella regione.

Gilad Atzmon

Fonte: www.gilad.co.uk

Link: http://www.gilad.co.uk/writings/2016/11/25/why-israel-is-burning

25.11.2016

 

Scelto e tradotto per www.comedonchiusciotte.org da OLDHUNTER

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
vocenellanotte
vocenellanotte
25 Novembre 2016 22:29

Un po’ duro direi perché gli israeliti, comunque, la storia antica di quella regione (nel bene come nel male) la hanno scritta. Certo è una storia di supremazia, di sopraffazione, di sottomissione, mai di confronto e di pari dignità.
Ecco, il limite assoluto dell’incapacità degli ebrei è proprio non sapersi confrontare e in ultima analisi di ammettere di essere come gli altri.
Per questo non credo ci sarà futuro per loro.

Mylan Key
Mylan Key(@hylly)
Utente CDC
Risposta al commento di  vocenellanotte
25 Novembre 2016 23:30

IL futuro non c’e’ per nessuno quando lo decidono gli altri, nel nostro caso . E il confronto fra Ebrei e Arabi, e’ duro, perche ‘ travalica la logica di accomodamento civile o politica che sia, esso sopravanza sul tema religioso di diritto totale della terra, quando era sparpaglia nei secoli post impero romano, e tutti viveva in pace senza pretese. A Camp DAVID , quando Arafat , Clinton, e Barak furono firmati, con rilascio di terre e via discorrendo, saltarono in vero poi, perche’ gli Arabi pro Islam Maometto, non riuscirono ad avere una parte di GErusalemme come capitale, appropriandosi cosi ‘ ad una nuova rivalsa DI TUTTA LA TERRA ESRAELIANA. Quando gli insediamenti EBREI furono circoscritti e decisi di essere stato, senza invasione alcuna, TUTTI I PAESI ARABI circostanti e di altre zone, fecero guerra, e Israele vinse . ( molti dicono che pure li ci fu’ una strategia politica e diplomatica, che si pateggiarono fra ebrei e mussulmani arabi la questione, nel senso che diedero la vitoria a Israele ritirandosi e non inveendo altrimenti avrebbero vinto . AZZ UN’ OCCASIONE COIS’ PERSA ??? forse balle mistificate ) , MA FATTO STA’ , che nonostante Israele avesse vinto,… Leggi tutto »

Mylan Key
Mylan Key(@hylly)
Utente CDC
25 Novembre 2016 22:54

Non diciamo cazzate . Qui parliamo, ma la storia dice altro . Ve ne faccio una piccola chiarezza. Se vogliamo stare alla storia, quella che ci e’ possibile sapere, e’ cosi’, altrimenti, di storia passata ce n’e’ a iosa,e ogniuno speculi come crede, che tanto e’ passata . Nemmeno a quella di oggi ne veniamo a capo, con tanti mezzi per vederla e confonderla, e ricrearla allo stesso modo distruttivo. Si, perche’ ogni cosa alla fine finisce . E’ imperfetta. E’ perfetta nel suo evolversi, con tutte le sue controversie. Ma alla fine, ci sara’ una fine. = Israele non e’ mai stato Israele . Fondamentale questo . C’ erano gli Ebrei. Un popolo o un’ etnia come tante, e non ho mai letto la sua nascita o provenienza, come tanti altri popoli . Sempre figli migratori siamo da che fu creato l’ uomo. Questi Ebrei, erano la casta piu’ bassa del regno Egizio. I tutto fare , senza diritti, e con sottomissione a vita o morte. Eppure stavano anche bene. Nel deserto, contestarono carne e acqua, che in Egitto avevano, assieme ad altri cibi. Fatto sta’, che l’ opressione ( come qui da noi), spinse un certo Mose’, a… Leggi tutto »

cardisem
cardisem(@cardisem)
Utente CDC
26 Novembre 2016 11:55

A mio avviso, vi è una verità elementare come la roccia: la pulizia etnica della Palestina. La propaganda può affannarsi quanto vuole, ma finché vi sarà autonomia di giudizio etico le conseguenze sono ovvie… Poi i media, la comunicazione, le leggi, i tribunali possono pure farti ammettere che il nero è bianco e che il bianco è nero… Io sono stanco di dovermi contrapporre alla propaganda israeliana servita in tutte le salse, dalla mattina alla sera… Il mio giudizio è ormai formato e non ho bisogno di ulteriori elementi di conoscenza.

Adriano Pilotto
Adriano Pilotto(@adriano_53)
Utente CDC
26 Novembre 2016 20:09

“È devastantemente aliena nella terra che afferma di possedere e gestire. Come il pino, il sionismo, Israele e gli israeliani sono estranei a quella regione”.
Il tragico di tutto questo è che, oltre i camuffamenti religiosi, secondo Shlomo Sand, storico e scrittore israeliano, saggista di fama internazionale, i veri discendenti degli ebrei sono i palestinesi.

Turd Godd
Turd Godd
27 Novembre 2016 17:52

che articolo del cazzo !