Pechino ha messo le mani su Hong Kong

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Ieri, domenica 8 maggio, Lee Ka-chiu è stato eletto nuovo capo dell’esecutivo di Hong Kong.

Dopo due anni di proteste e crisi politiche, Pechino è riuscito a piazzare un uomo di fiducia alla guida dell’ex colonia britannica, una persona che prima ancora di entrare in carica (dal 1° luglio) è già stata definita da diversi analisti come il capo dell’esecutivo più asservito a Pechino nella storia di Hong Kong.

Lee Ka-chiu, 64 anni non sicuramente passati a fare politica, è stato scelto per i suoi 40 anni di esperienza nella polizia di Hong Kong, emergendo come una delle figure chiave che è riuscita a sedare duramente le proteste Occupy Central Movement” e “Reverse Extradition”.

Lee, unico candidato imposto da Pechino ed eletto con 1.416 voti su 1.424, avrà il compito di promuovere l’articolo 23 della Legge Fondamentale di Hong Kong che prevede una risposta più severa contro i tentativi di eversione a danno del governo centrale, di garantire l’applicazione della Legge sulla Sicurezza Nazionale e promuovere l’educazione patriottica per gli abitanti di Hong Kong, al fine di rafforzare l’autorità generale del Partito.

Secondo gli analisti, uno degli obiettivi che Pechino si aspetta che Lee raggiunga è impedire il risorgere della democrazia a Hong Kong prima del 20° Congresso nazionale alla fine dell’anno e garantire una “società di Hong Kong docile e tranquilla”, obiettivo che solo chi ha l’appoggio delle forze dell’ordine può raggiungere.

Nel giorno dell’elezione, Unione Europea e USA hanno espresso grande preoccupazione per il fatto che le elezioni a Hong Kong violassero i principi democratici e il pluralismo politico, dicendo che era un altro passo verso lo smantellamento del principio di “un paese, due sistemi”. Pechino ha respinto al mittente tali accuse, additando la comunità internazionale di aver cercato di interferire negli affari di Hong Kong e negli affari interni della Cina.

Massimo A. Cascone, 09.05.2022

Fonte:

https://www.voachinese.com/a/li-ka-chiu-s-appointment-as-hk-chief-executive-will-strengthen-beijing-s-grip-on-hong-kong-20220508/6562493.html

https://www.voachinese.com/a/eu-hk-election-20220509/6563396.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x