Palù annuncia nuove dosi di vaccino per il futuro

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

In un intervista uscita ieri su corriere.it, Giorgio Palù – presidente del Cda dell’agenzia italiana del farmaco AIFA e virologo del Comitato tecnico-scientifico – ha parlato a lungo del Sars-CoV-2 e della situazione italiana e mondiale rispetto alla gestione pandemica.

Tra i passi più salienti dell’intervista, sicuramente si possono annoverare sia il passaggio sulla sua diffidenza nei confronti di chi dice che con la variante Omicron si può far uscire dalla crisi sanitaria, sia la sua posizione sulle cure, in particolare gli anticorpi monoclonali che secondo il virologo «Rimangono gli antivirali con maggiore attività. Se usati precocemente in un contesto di prossimità territoriale avrebbero potuto salvare molte vite, ma non sempre è successo. Infatti tutte le varianti circolate precedentemente erano sensibili a questi farmaci». Cure che OVVIAMENTE non posso sostituire i santissimi vaccini che «sono l’arma più efficace per contrastare la pandemia».

La parte più interessante, e preoccupante, dell’intervista però riguarda il Green Pass e le nuove possibili vaccinazioni per chi ha già completato il ciclo vaccinale (2 dosi + booster). Secondo Palù è sbagliato definire illimitata la durata del Green Pass: «Illimitato è, dal punto di vista lessicale, termine improprio per il Green Pass. Non si può intendere che il booster conferisce una protezione persistente nel tempo. È più corretto parlare di validità prorogata al momento sine die. Siamo in attesa di dati raccolti sul campo circa la durata della protezione vaccinale e la qualità e alla persistenza della risposta immunitaria».

A ciò aggiunge che, nonostante il calo della curva pandemica, è «possibile che vengano utilizzati altri richiami magari il prossimo autunno con un vaccino polivalente e aggiornato».

Insomma preparate il braccio voi che credete di proteggervi, la prossima dose per essere liberi è dietro l’angolo.

Massimo A. Cascone, 07.02.2022

Fonte: https://www.corriere.it/cronache/22_febbraio_06/covid-palu-la-pandemia-non-vinta-ma-vaccini-antivirali-possono-fermare-bd345674-877d-11ec-b89c-0af407efe3ea.shtml?

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
16 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
16
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x