Orbàn: due minuti di cultura politica

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Maurizio Blondet – 7 novembre 2021

 

Una lezione per noi che non ne abbiamo:  la resistenza ai soprusi dell’oligarchia UE radicata sulla storia patria magiara, e la fiducia  nel coraggio storico esercitato dagli ungheresi anche contro avversari  schiaccianti. Come nel ’56, quando “fummo i primi a ribellarci all’ordine sovietico”.

Illuminante l’identificazione dell’ingerenza UE  verso la Polonia (sistema giudiziario) e l’Ungheria (imposizione dei”valori” LGBT) con “la dottrina Breznev”,  detta anche della sovranità limitata. Nel 1968, il segretario del PCUS Leonid Breznev sancì, davanti alla dirigenza comunista polacca, che qualsiasi tentativo di cambiare l’ordine interno verso “il capitalismo” sarebbe stato visto come “preoccupazione non solo del paese interessato, ma di tutti gli altri paesi comunisti”.  E, quindi, sarebbe arrivato “un aiuto fraterno” per impedirlo.

Non è esattamente quello che l’oligarchia UE sta applicando contro Polonia e Ungheria? Non ha trasformato forse l’UE in zona a sovranità limitata? Gli ungheresi sanno  riconoscere una dittatura, quando ne vedono una.

 

 

Si noterà il  beffardo alludere allo “zio George” (così si chiama lo Zio Sam in Ungheria): “Quando avrebbero dovuto venire in aiuto [nel 1956] non l’hanno fatto; ora sono qui senza essere stati invitati…”

Insomma una lezione di cultura politica patria. Confido che Orban ne abbia tanta da non fidare troppo sull’Italia:  sa che siamo un paese grosso ma non grande e, di solito, finiamo le guerra dalla parte del nemico.

 

Link: https://www.maurizioblondet.it/orban-due-minuti-di-cultura-politica/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
6 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
6
0
È il momento di condividere le tue opinionix