OPEC: Nessuna alternativa al petrolio russo

Sanzionare l'energia russa potrebbe innescare una catastrofe avverte l'organizzazione

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Le attuali e future sanzioni alla Russia potrebbero generare uno dei peggiori shock di fornitura di petrolio della storia, ha detto lunedì 11 aprile il Segretario Generale dell’OPEC Mohammad Barkindo, ​​in risposta ai rappresentanti dell’Unione Europea che chiedevano sicurezze circa la tenuta del mercato petrolifero.

I nostri leader infatti stanno già da tempo valutando l’idea di unirsi a Stati Uniti e Regno Unito per istituire un embargo sui prodotti energetici russi. Tuttavia, a differenza dei nostri amichetti americani e inglesi, l’UE importa la maggior parte delle sue forniture energetiche dalla Russia, e gli esperti ci hanno ampiamente avvertito che il tentativo di interrompere l’approvvigionamento potrebbe avere risultati catastrofici.

“Potremmo potenzialmente vedere la perdita di oltre 7 milioni di barili al giorno (bpd) di esportazioni russe di petrolio e altri liquidi, a causa delle sanzioni attuali e future o di altre azioni volontarie”, ha affermato Barkindo. “Considerando le attuali prospettive della domanda, sarebbe quasi impossibile sostituire una perdita di volumi di questa portata”, ha aggiunto.

Per questo motivo, nel caso di embargo immediato e totale dell’UE sulle importazioni russe di petrolio, carbone, gas naturale e combustibile nucleare, Ungheria e Slovacchia hanno dichiarato che intendono ignorare il divieto nell’interesse dell’autoconservazione, mentre altri, come il nostro Primo Ministro, hanno già esortato i propri cittadini a stringere la cinghia, preparandoli a tempi di magra.

Petrolio e gas non sono le uniche merci colpite dalla guerra in Ucraina. Russia e Ucraina insieme producono circa un terzo delle esportazioni mondiali di grano ed entrambi i paesi sono anche i principali esportatori di olio di girasole e fertilizzanti. Di conseguenza, i prezzi dei generi alimentari hanno raggiunto in questi mesi massimi storici e molti paesi già avvertono della carenza di cibo incombente nel prossimo futuro.

Massimo A. Cascone, 12.04.2022

Fonte: https://www.energyconnects.com/news/oil-and-gas/2022/april/opec-warns-eu-it-s-impossible-to-replace-russian-oil/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x