Home / ComeDonChisciotte / OGNUNO HA I COMPLOTTISTI CHE SI MERITA

OGNUNO HA I COMPLOTTISTI CHE SI MERITA

DI MARIO
pensareinprofondo.blogspot.com

Adesso il sommo complottista di ‘sto cesso di pianeta, dopo aver letto l’ultimo romanzo di John le Carré, ci racconta che un tizio che abita al confine con il Mexico (guarda caso iraniano) ha contattato niente di poco che i narcos (gentleman che nel giro di qualche anno da quelle parti hanno fatto più o meno 40.000 morti ammazzati) per fare un po’ di attentati nel cuore di Satana.

Questo tizio, che ha a che fare con una cellula oscura di un’oscura organizzazione dell’oscuro pianeta Iran, ha avuto la sfiga di beccare su una roba tipo 10.000 narcos potenzialmente interessati l’unico infiltrato dell’effebbiai.

Nella foto: Manssor Arbabsiar, 56 anni, cittadino statunitense nato in Iran, è stato arrestato all’aeroporto John Fitzgerald KennedyGiustamente quelli dell’effebbiai hanno messo sotto controllo i telefoni di quello, ed hanno scoperto l’oscuro complotto di una oscura organizzazione etc.etc.etc.

Il morto doveva essere un tizio dell’Arabia Saudita che passa le giornate con diversi senatori a parlare delle virtù della democrazia, mentre ancora ha da decidere se nel suo paese le donne possono guidare e votare.
Così va il mondo.

Naturalmente il sommo capo della casa bianca, che in questo momento è un nero (perché la democrazia necessita dei suoi tributi) e fa pandan con la casa che è bianca, si è incazzato e minaccia guerra perché ‘sto meccanico iraniano con i narcos mexicani ordiva questo complotto bestiale.

Se non fosse per le minchiate sentite sulle armi di distruzione di massa, sull’uranio che arrivava dall’Africa per rendere più potente Saddam, per il fatto che questi si sono affondati una nave per fare guerra al Vietnam ai tempi, che Reagan s’inventò armi di distruzione di massa quando i sandinisti andarono al potere per giustificare gente come i contra che scannavano donne e bambini da quelle parti, insomma se non fosse perché sono falsi e bugiardi ci sarebbe da prendere armi e bagagli e dichiarare guerra all’Iran.
Cosa che puntualmente questi hanno minacciato di fare.

Sempre da quelle parti i Mexicani qualche mese orsono scoprirono che i primi fornitori di armi per i Narcos sono proprio quelli dell’effebbiai. Come hanno fatto? Perché dopo che quei cattivi hanno fatto secco uno, sempre dell’effebbiai, durante l’indagine hanno scoperto che le armi usate arrivavano dall’esercito americano e che quelle erano state “regalate” al Mexico.

Pensate che tutto questo conterà qualcosa quando quando quelli dichiareranno guerra all’Iran ed occuperanno militarmente il Mexico?

Fonte: http://pensareinprofondo.blogspot.com
Link: http://pensareinprofondo.blogspot.com/2011/10/ognuno-ha-i-complottisti-che-si-merita.html
13.10.2011

Pubblicato da Davide

  • Arenal70

    Ma se i Narcos aiutano a mettere bombe in casa Usa, poi i soldi della droga in che banche li riciclano, alla Cassa Di Risparmio di Teheran Sul Mare??? Più dei coglioni che scrivono ste cose, ho il terrore di quelli che se le bevono, sono quelli il nostro nemico!!

  • JesterHead

    Non credo serva un ingegnere per capire che, se i narcos, che sono una “creazione” degli USA, aiutano qualcuno ad attaccare gli USA, lo fanno perchè agli USA serve quel determinato incidente per lanciare nuove “iniziative” in casa o all’estero. Non serve un ingegnere ripeto, bastava capire l’italiano in cui è scritto questo breve pezzo.

  • bysantium

    Chi era quel personaggio yankee che recentemente ha,più o meno, detto: mentre voi cercherete di comprendere la nostra ultima mossa noi,l’impero, ne staremo già facendo una nuova.
    Superior stabat lupus…

  • cardisem

    La puzza è tanta tanta tanta che il problema è proprio quello che tu hai detto: chi se la beve? Ma forse a chi ha ordito la bufala poco interessa che il fesso beva. Se ha deciso, vale qui il vecchio Fedro: non eri tu che non eri nato, ma tuo nonno… A questo punto, se non si vuole essere fottuti oltre che coglioni, la via sarebbe una sola: le 100 e passa basi Usa in Italia devono sloggiare… Altrimenti ci troveremo invischiati a calci in culo, in una nuova guerra con l’Iran, che combatteremo per procura Us-Israel e con la benedizione di San Gennaro napoletano…

  • Arenal70

    Per me la montatura è totale. Se la bomba fosse scoppiata, l’Iran cosa ne avrebbe ricavato?

  • ilnatta
  • Soviet

    Sono le classiche stronzate americane che servono a sondare l’opinione pubblica, non sono riusciti a convincere la maggior parte della popolazione a muovere guerra all’Iran con la stronzata delle armi nucleari iraniane e ora ci provano con questa storia dell’attentato, se fallira pure questa metteranno su una false flag stile 11/9 con molti morti americani allora sara lo stesso popolo acceccato dalla vendetta a chiedere a gran voce la guerra contro l’Iran….anche il giorno prima di Pearl Harbor la maggioranza degli americani era contro la guerra il giorno dopo invece…….

  • yakoviev

    Non hanno dovuto fare neanche tanta fatica per elaborare questa puttanata: è bastato presentare all’Onu e alla conferenza stampa la (brutta) trama del prossimo film di Stallone o Chuck Norris, e il gioco è fatto. Il livello è quello, tanto a chi vuole “abboccare” va bene qualsiasi cosa. Certo se si pensa a C. Powell che agita all’Onu la provetta piena di non si sa che, presunta “prova” delle armi chimiche di Saddam…

  • lucmartell

    La cosa preoccupante è che ci provino…e che pensino di poterci riuscire!!…mi sto riferendo a quei bastardi terroristi assassini…bugiardi e infami!!…quelli che stanno lì NELLA STANZA DEI BOTTONI USA!!!…i servi delle corporation e delle banche d’affari!!!…dal solo confine con il Messico passano ogni giorno centinaia di clandestini (dal 2001 zero terroristi)…inutile aggiungere altro.Rimanete svegli!!

  • s_riccardo

    Sono d’accordo con tutti i post, le bugie e i falsi complotti, sono il pane e il nettare per gli amerikani .
    Se veramente facessero la minchiata di dichiarare guerra al’IRAN, sarebbe per noi, se non ne restassimo schiacciati, il sistema per liberarci per sempre degli Usa così come, purtroppo, si conoscono.

  • lanzo

    Giusto per la precisione:
    Chi lascio’ esportare le armi dagli USA al Messico, NON fu’ l’ “effebbiai” ma non sarebbe stato piu’ breve scrivere FBI ? (che anche credo sia anche parecchio incazzata per la storia) bensi’ ‘L’A.T.F. (acronimo per alcohol/tobacco/firearms) agenzia che dovrebbe controllare il traffico illegale di queste cose e che ora e’ sotto investigazione parlamentare. Googlatevi “fast and furious ATF” …

  • lanzo

    Assolutamente d’accordo.
    Saluti,
    Lanzo

  • lanzo

    Esattamente…
    Intanto stanno preparando il terreno (gia preparato d’altronde negli ultimi 30 anni dall’industria cinematorafica, dove i terroristi che tentano di compiere attentati negli US, sono preferibilmente iraniani) Poi. quando sara’ il momento ci sara’ l’attentato false flag completo di passaporto iraniano ritrovato intatto… Funziona sempre ed ora piu’ che mai.
    Saluti.

  • keypaxy

    La disperazione Amerikana.
    Ma non solo.
    Ricordiamoci che la questione IRAN,non è solo made in USA,ma EU,ONU,NATO.
    La libia è la prova.
    E’ tutto molto chiaro,secondo me naturalmente.
    L’IRAN vuole colpire con attentati,non l’odiata Amerika,ma il console saudita,in territorio Amerikano.
    Anche un ignorante come me,capisce che è una stronzata.
    E’ chiaro che l’asse del male,USA,EU,ONU,NATO,vuole alimentare l’odio IRANvsARABIA SAUDITA,in vista di una guerra per procura.
    Infatti hanno raddoppiato le forniture all’Arabia saudita.
    Divide et impera.

  • winfor

    L’unica cosa sensata della globalizzazione, direi che è il movimento global-indignados e, tra l’altro, vorrei fare notare che anche come ”tempistica” ci siamo, ora che sta montando la protesta contro questa ”turbofantafinanzacreativa”
    Distogliere per nascondere
    A presto

  • zara

    http://www.youtube.com/watch?v=CZovpnEgjiQ&feature=player_detailpage
    A sostegno de gli Indignados ci sono i finanzizmenti di Soros, suoi uomini clavorano per la lidership del movimento stesso. Cosa ti aspetti dunque dagli indignados?