OGGI NON HA SENSO. DOMANI E’ IL TUO LAVORO DI OGGI

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Non ha nessun senso seguire gli eventi di questo governo ora.
Ciò che farà a breve è scontato. Ci aggancerà in via definitiva al velivolo che
sta precipitando a spirale verso lo schianto e che si chiama Austerità, cioè meno
spesa pubblica, cioè deflazione economica, cioè disoccupazione montante, cioè
debito pubblico che aumenta per finanziare gli ammortizzatori sociali, cioè
ancora più sfiducia dei mercati, cioè tassi sui nostri titoli che saranno
sempre più alti, cioè altre chiamate per ancor più Austerità, e il giro a vite
infernale ricomincia da capo. Naturalmente tutto condito in Euro, cioè The Ultimate Armageddon Currency.Poi, appunto, ci sarà lo schianto dell’Eurozona, appena prima del quale verrà espulsa la Grecia, poi noi, poi la Spagna, poi la Francia, poi la Germania, che sarà
quella che spegnerà le luci prima di saltare per ultima dalla carcassa
dell’aeromobile. Ok, questo è banale e scontato. Riporto, a chiusura di questa
introduzione, una frase stupenda nella tragedia, trovata nel blog
dell’economista americano L. Randall Wray, e che recita: “Chiunque abbia comprato dei titoli di governi dell’Eurozona è stato,
nelle memorabili parole di Kenneth Boulding, o un filantropo o un idiota.
Probabilmente entrambi
”. Chiunque stia considerando di farlo domani… nooo,
nessuno, alla fine i mercati sono sì tonti, ma non così tonti.

Ma è domani che conta. Perché già ora i grandi investitori (leggi i
golpisti) si stanno attrezzando per infliggerci un destino confronto al quale la
condizione economica dell’Italia di oggi sembrerà la Belle Epoque. Dimenticate
oggi, dimenticate Monti, la patrimoniale, la non patrimoniale, ICI non ICI ecc.
Allora, per essere semplice: quando l’Italia sarà costretta a saltare
dall’aereo che precipita a spirale, dovrà sperare di poter azionare il
paracadute. Ma i mercati stanno attrezzandosi per tranciarle i cavi. I consigli
sull’uso del tronchese li ha illustrati la banca giapponese Nomura Holdings, a
firma di Jens Nordvig. Per essere semplice:

Saltare dall’aereo
= lasciare l’Euro e riprendersi la Lira.

Azionare il
paracadute
= poter ri-denominare il proprio debito esterno in Lire per
poterlo poi negoziare coi creditori a condizioni di almeno sopravvivenza.

I mercati tranciano i
cavi
= stanno operando affinché la giurisdizione legale del nostro debito
esterno sia spostata dall’Italia alla Gran Bretagna. Così per noi sarà
impossibile ri-denominare il debito in Lire e siamo fottuti, ma fottuti come
nessuno si immagina. Lo dovremo ripagare tutto in Euro, e a quel punto, con una
Lira che sarà per forza svalutata a causa del panico generale, sarà come avere
le casse piene di cipolle e dover pagare una Ferrari in dollari comprandoli a
forza di tonnellate di cipolle. Significa che dovremo fare, con la nostra nuova
Lira sovrana, il triplo dello sforzo. E questo in sé non è la vera fine del
mondo. La fine del mondo sarà che il governo di allora sarà troppo ignorante, o
troppo in malafede, e non adotterà mai le politiche di Spesa a Deficit Positiva
che ci potrebbero salvare, parte dell’approccio della Modern Money Theory che
ha salvato per esempio l’Argentina dopo il fallimento (le politiche spiegate ne
Il Più Grande Crimine 2011). Nooo… figuriamoci.

Il governo di allora dirà: Austerità! E i milioni di
italiani che si sono appena schiantati al suolo, verranno imbarcati a calci su
un altro aereo che parte con le ali segate. E tutto ricomincerà da capo.

Ok, non deprimetevi: basta fare i cittadini ed esercitare la
propria funzione sovrana, chiedendo ai politici di fare le cose come si deve.
Semplice.

p.s. The Institute of International Finance, la lobby
bancaria di Washington che raccoglie una quantità di squali finanziari che
neppure il Pacifico potrebbe contenerli, è già attivamente al lavoro a
distribuir tronchesi. Ma non ditelo in giro, se no poi Oscar Giannino gli dà
dei Templari del pianeta di Monghuz, e quelli lo querelano.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=274
21.11.2011

33 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
RicardoDenner
RicardoDenner
21 Novembre 2011 7:14

Bè..in quanto a ottimismo non c’è male..!

Forse la crisi aiuterà tutti a diventare “poveri” e non più “miserabili”..come adesso..

E sarà quella rivoluzione interiore che consentirà l’avvento della “società giusta”….
Insomma..il male non sempre viene per nuocere..

redme
redme
21 Novembre 2011 7:19

….”…La persona singolarizzata ha paura, si sente minacciata da “potenze” oscure, perché la realtà sociale le è diventata impenetrabile, perché questa realtà le è diventata estranea, e perché nello stesso modo in cui la persona si vede alienata dalla realtà questi è alienata da lei: la condizione-premessa della società capitalista consiste appunto nell’isolamento e nell’inconsapevolezza. Il momento reazionario della malattia “mania” di persecuzione consiste nell’ inibizione, il che significa per la persona che si dice essere afflitta da “mania” di persecuzione – essendo essa oggettivamente indifesa, singolarizzata e alienata – che sperimenta una realtà che la sta paralizzando. Il suo momento progressivo invece consiste nella protesta contro i rapporti di produzione dominanti, i quali il malato – in ciò reagendo del tutto in modo adeguato alla realtà – percepisce come essere ostili, persino ancora come minaccia per la sua vita. Quindi, il compito e la funzione dell’agitazione deve essere far comprendere la realtà all’ammalato e convertire la sua protesta diffusa, “paralizzata” in azioni di resistenza collettiva contro le condizioni sociali distruttive per la vita che lo fanno ammalare.”
(SPK – Aus der Krankheit eine Waffe machen.
SPK = Fare della malattia un’arma).

Emanuele_C
Emanuele_C
21 Novembre 2011 7:21

grande commento! meglio povero che miserabile. Barnard comunque fa, al solito, un’analisi lucida e cita cose che (almeno per me) sono elementi nuovi (Institute of International Finenace). Il trasferimento del ns debito alla GB me lo aspettavo dopo avere letto della stessa cosa GIA’ fatta nei confronti della Grecia, nazione sulla quale arrivano pochi aggiornamenti.

backtime
backtime
21 Novembre 2011 7:29

Paolo non se per te come per me questa è una buona Notizia, ma sembrerebbe almeno dall’azione intrapresa, che non tutti gli Italiani se ne stiano con le mani in mano o meramente sulla tastiera

Denuncia per alto tradimento
http://www.altrainformazione.it/wp/2011/11/19/denuncia-per-alto-tradimento/

Polipol
Polipol
21 Novembre 2011 7:32

“stanno operando affinché la giurisdizione legale del nostro debito esterno sia spostata dall’Italia alla Gran Bretagna”
non riesco a trovare riscontri di questa frase. L’ha già scritto Barnard in precedenza per il caso greco. Non che non mi fidi, ma la fonte?

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Novembre 2011 7:37

“…affinché la giurisdizione legale del nostro debito esterno sia spostata dall’Italia alla Gran Bretagna…” Ne avete mai sentito parlare? Come mai Barnard su questo punto cruciale non da referenze, per poter verificare la notizia? Se la notizia è vera è da prima pagina a caratteri cubitali. Non mi meraviglia che non sia così, anzi tutto secondo copione immutato da decenni, ma mi meraviglia che almeno qui non se ne discuta. In ogni caso un governo del popolo con un simile contratto ci si pulirebbe ….

reio
reio
21 Novembre 2011 8:12

su reuters ne parlavano

prova su google a scrivere “greek debt uk law”

Giancarlo54
Giancarlo54
21 Novembre 2011 8:13

Contento te……..

nuvolenelcielo
nuvolenelcielo
21 Novembre 2011 8:15

in effetti la fonte sarebbe importante, per poter diffondere la notizia in giro…

nuvolenelcielo
nuvolenelcielo
21 Novembre 2011 8:20
cris79
cris79
21 Novembre 2011 8:45

Ti ho criticato spesso su alcune tue considerazioni di metodo che non condivido.

In silenzio ho letto gli ultimi tuoi post e riflessioni e stavolta devo dire che finalmente stai ma dico “stiamo” trovando la quadra un po’ tutti sull’avere una visione complessiva degli eventi almeno condivisa. Pensarla tutti uguale è impossibile ma questa è già una vittoria e un puntello importante per aprire più menti possibili su quello che sta accadendo.

Nel merito, se salta l’Italia, salta l’Euro seduta stante. Siamo tutti collegati a un cordone ombelicale che siamo debito.

Quando andremo in default, e su questo non ho nessun dubbio, salterà la Francia che non so quanti miliardi di nostro debito, ha in pancia e via a domino tutta europa
Finirà il vecchio mondo come lo conosciamo, dove a decidere le sorti del mondo, sono gli stati sovrani e passeranno al potere con un colpo di stato finanziario le Corporation.

“I mercati tranciano i cavi = stanno operando affinché la giurisdizione legale del nostro debito esterno sia spostata dall’Italia alla Gran Bretagna”.

Esatto! Questo è il vangelo! Operano per toglierci la giurisdizione sovrana economica sul nostro paese (tecnicamente l’hanno già fatto ma in modo camuffato per ora).

DILEO
DILEO
21 Novembre 2011 9:29

Il paragone. I giornali , i telegiornali ecc. parlano di “crollo”, “terremoto”… dei mercati ed è con questo spauracchio che controllano le persone. Per restare in tema, più che un aereo che precipita è un terremoto che raderà al suolo (ben oltre il mondo del lavoro e l’avere un lavoro)… lo stato sociale. Dopo verranno per ricostruire… ma non lo stato sociale che hanno distrutto e che serviva alle persone. Questo terremoto è di origine umana (pensa all’ultimissimo esempio della Libia: il terremoto umano ha distrutto tutto…ora Loro ritornano per ricostruire ma non ricostruiranno mai il livello di benessere, certificato da organismi internazionali, del popolo libico…). Il terremoto è programmato e quello che andrebbe detto, e fatto capire in breve tempo, è mettere al sicuro la pelle e gli averi se non si vuole finire schiacciati dalle macerie. Politici …basta fare i cittadini ed esercitare la propria funzione sovrana, chiedendo ai politici di fare le cose come si deve. Semplice . I politici pensano al 2013 a quando si ripresenteranno dopo il terremoto. Il che colloca il terremoto al 2012, come in tanti scrivono. I politici sono i vassalli a cui hanno garantito (ora nella gestione del crollo) che la… Leggi tutto »

Affus
Affus
21 Novembre 2011 10:08

“Quand le gouvernement viole les droits du peuple l’insurrection est, pour le peuple et chaque portion du peuple le plus sacré des droits et le plus indispensable des devoirs.”
art35 des droits de l’homme et du citoyen. 1793

” When the government violates the rights of the people the uprising is, for the people and every portion of the people, the most sacred rights and the most indispensable of the duties. ” Art35 rights of man and the citizen. 1793
–‘Quando il governo viola i diritti del popolo, l’insurrezione è per il popolo e per ogni parte di esso il più sacro dei diritti e il più indispensabile dei doveri’.

Affus
Affus
21 Novembre 2011 10:10

“Quand le gouvernement viole les droits du peuple l’insurrection est, pour le peuple et chaque portion du peuple le plus sacré des droits et le plus indispensable des devoirs.”
art35 des droits de l’homme et du citoyen. 1793

” When the government violates the rights of the people the uprising is, for the people and every portion of the people, the most sacred rights and the most indispensable of the duties. ” Art35 rights of man and the citizen. 1793
–‘Quando il governo viola i diritti del popolo, l’insurrezione è per il popolo e per ogni parte di esso il più sacro dei diritti e il più indispensabile dei doveri’.

lvf
lvf
21 Novembre 2011 10:14

grazie

mikaela
mikaela
21 Novembre 2011 10:27

Cerco d’immaginare lo sgomento di Barnard quando riporta notizie cosi’ essenziali per la nostra sopravvivenza, non solo non vengono riportate dalla stampa ufficiale, ma non vengono prese in considerazione da nessuna parte. Tutti che chiedono la fonte uffiale per non voler usare Barnard come fonte ufficiale .Siamo passati da “ecco come morimmo”al “Il piu’ grande crimine” e puntualmente si sono ripetuti tutti gli eventi scritti da Paolo Barnard e ancora con disappunto vedo utenti che chiedono la fonte ufficiale. Forse quest’ultimi non si sono ancora resi conto che queste cose le sanno e le dicono solo i grandi giornalisti ONESTI che meritano la fiducia degli addetti ai lavori nell’ombra del grande potere. Paolo Barnard un giornalista senza giornale su cui scrivere,(chi se lo piglia tanto e’ nocivo al grande potere) ma con una finestra Web aperta su tutta l’Italia deve essere una fonte ufficiale nel mondo della controinformazione altrimenti non capisco il senso e l’affolamento sulla rete di tanti Blogs. Sotto possiamo trovare l’altro articolo dove trattava lo stesso argomento ma che non ha avuto nessuna risonanza ne in rete ne fuori dalla rete(per ovvie ragioni )quindi gli unici caratteri cubitali caro Alberto saranno in pochi e sfortunatamente fra noi… Leggi tutto »

nuvolenelcielo
nuvolenelcielo
21 Novembre 2011 10:35

ma per favore, ma cosa dici? la fonte è utile se vuoi diffondere la notizia senza identificarla con un autore unico, è piuttosto evidente. Nessuno si è lamentato per il lavoro di Barnard o ne mette indubbio la validità, siamo sempre qui a leggerlo e a cercare di diffondere le cose. Si dice solo che le fonti sono utili.

ComeDonkeyKong
ComeDonkeyKong
21 Novembre 2011 10:39

Paolo, hai letto l’articolo della Tageszeitung che ho appena riportato nel forum?

https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=95100#95100

rosbaol
rosbaol
21 Novembre 2011 14:47

cavolo, l’hanno fato davvero.

Roma
Roma
21 Novembre 2011 15:32

Mio Dio! Leggere che qualcuno si augura di diventare “povero” in una “società giusta”, mi mette i brividi. Mi fa venire in mente l’uomo nuovo che la rivoluzione comunista voleva costruire nella Russia degli anni ’20.
Ma cosa è la società giusta?
E soprattutto, sai cosa significa essere poveri? Sai cosa c’è dietro alla povertà? Se non lo sai te lo dico io: c’è fame, ignoranza, violenza, malattie. Ed è questo che ti e ci auguri?

hotwildweb
hotwildweb
21 Novembre 2011 16:16

Un saluto a Paolo e un grazie per la tenacia e la sua forza. Ho visto di sfuggita in Tv la tua ex-collega Gabbanelli che parlava di “moneta elettronica” nel programma del replicante [it.wikipedia.org] Lerner, non ho la Tv e mi da il vomito seguirla per più di due minuti, ma tanto mi è bastato per capire il suo “ragionamento” da automa! La replicante [it.wikipedia.org] Gabbanelli vorrebbe vietare l’uso delle banconote, questa “sua” presa di posizione è esattamente il contrario di quanto ci spieghi in queste settimane, ma a dire il vero anche un coglione capirebbe che la signora degli “scandali” non la racconta giusta, e che questa sua geniale idea ridurrebbe ancor più schiavi tutti, (tranne lei ovviamente dato che lo è già) e con la sua idea, quella della moneta fatta di bit, tutto sarebbe risolto molto velocemente, traffici illeciti, mafie e quant’altro, ma aggiungerei un piccolo problema, già ora chi stampa denaro e ce lo presta, decide chi mangia e chi no, adesso chi non ha i soldi come estrema soluzione può chiedere la carità, ora con la moneta che la signora vorrebbe “regalarci” per la soluzione dei problemi, la vedo dura fare la carità ad un… Leggi tutto »

DILEO
DILEO
21 Novembre 2011 16:19

Seguito del commento, confermato in toto, sulla “ denuncia per alto tradimento”,. Ecco la descrizione dei fatti di Paolo Barnard che faccio mia in “ toto ” e che ben documenta tutte le fasi e gli sviluppi di questa infame, studiata e predefinita concatenazione di eventi … ed è riportato esattamente quanto in DRAGHI E NAPOLITANO DEVONE ESSERE ARRESTATI E PROCESSATI https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9330 [www.comedonchisciotte.org] su cui mi sono espresso in linea con quanto qui affermato, vedi Risposta dialettica (a questo punto dialettica o cosa ? ) a Namincazza (è l’ultimo commento) Per non essere col divide et impera ed altro bisogna creare un movimento di opinione che partendo da questioni semplici (nel senso di facili da capire) sappia accomunare le persone… un movimento di opinione osmotico che può supportare le cose semplici …e proprio da una consapevolezza semplice può recepire anche questioni più complesse (come quelle in scritto di barnard e riportato nella denuncia di alto tradimento) cose che altrimenti, giuste e sacrosante, rimarranno clandestine alla “massaia di voghera” . Aggiungo che c’è http://www.cortecostituzionale.it/actionLavori.do [www.cortecostituzionale.it] e schiacciando il link Giudizi sulle accuse promosse contro il Presidente della Repubblica si vedrà che la pagina che si apre è sbagliata e corrisponde a… Leggi tutto »

BarnardP
BarnardP
21 Novembre 2011 18:11

fonte: Jens Nordvig, Currency risk in a Eurozone break up – legal aspects. Nomura Holdings,18/11/2011 & the WSJ report on IIF lobbying in the EU

Ora che sapete la fonte, che cosa fate? Nula.

nuvolenelcielo
nuvolenelcielo
21 Novembre 2011 20:33

ma dai, sii un po’ gentile…, ma che cosa abbiamo fatto se non aiutarti? datti una calmata, smettila di vedere grillo e la gabanelli e travaglio ovunque. cazzo bevi un po’ di lambrusco che dilata i vasi sanguigni.

AlbertoConti
AlbertoConti
22 Novembre 2011 2:37

Bo, ho trovato questo passo: “The Institute of International Finance, a Washington-based international bank lobby group that is negotiating for Greece’s private creditors, insists that any new bonds issued by Greece to replace outstanding bonds as part of the push to involve the private sector in a restructuring, must be issued under English law.” === Tutto qui? “la lobby pinco pallo insiste perchè debba ….” E chi se ne frega! Nel paese dei ghedinelli sai che ne facciamo dei cavilli in salsa “English law”?!?! E io che cominciavo a preoccuparmi!

pippo74
pippo74
22 Novembre 2011 3:18

prove tecniche di moneta unica mondiale. tutto converge verso una nuova fase; tutto sembra preordinato secondo un piano ben orchestrato dalle elite e che non può essere spiegato solo dall’economia. i padroni del mondo hanno già tutto in mano. peccato che barnard non si accorga di tutto ciò e si limiti a denunciare quello che secondo lui è il vero potere. peccato non vada oltre.

pippo74
pippo74
22 Novembre 2011 3:47

concordo

RicBo
RicBo
22 Novembre 2011 5:56

invece è meglio preoccuparsi, molto meglio..

Polipol
Polipol
22 Novembre 2011 9:01

Caro Barnard, grazie per il riferimento. Penso che il suo atteggiamento non porti da nessuna parte. Lei è un uomo tutto d’un pezzo? buon per lei. Lei non si piega? Buonissimo per lei. Lei non è pigro? Ancora meglio! È utile alla causa? Ringrazio il Cielo. Credo che questa situazione porterà alcuni di noi al martirio, quindi non c’è niente da ridere su questi argomenti, e non le consiglierò di bere per infonderle un po’ d’allegria. Sulla sua buonafede non ho dubbi e le sarò sempre grato per ciò che ho imparato da lei. La credo un uomo libero anche se non condivido tutte le sue idee. Mi sembra però che il suo atteggiamento non le consenta la possibilità di scorgere errori in ciò che dice e nel modo in cui lo fa. Nel suo saggio il più grande crimine, che di sicuro le sarà costata tanta fatica, sono presenti errori logici che fanno storcere il naso anche a chi non sa nulla di economia. E in rete si trovano tanti commenti seri al suo scritto che ne evidenziano anche le falle in materia economica. E non sono scritti da neoliberisti e nemmeno da signoraggisti e nemmeno da ignoranti, nemmeno… Leggi tutto »

LeoneVerde
LeoneVerde
22 Novembre 2011 13:08

Ok. onestà intellettuale per onestà intellettuale: metti il link alle teorie economiche che smentiscono questa, quelle che la smascharano per essere l’altra faccia della medaglia. Le voglio leggere. Sul serio. Aspetto. Grazie.

DILEO
DILEO
22 Novembre 2011 17:16

AlbertoConti guarda le pagliuzze e/o i cavilli e non le travi. Vediamo le pagliuzze. Per quello che ho potuto vedere nei vari link segnalati….tutti ragionano su una fonte unica che dovrebbe essere la Lex monetae di cui in rete non si trova il testo. Leggere tale lex monetae potrebbe far comprendere lo stato delle cose e le pretese delle “ lobby ”. Chi ne parla sono solo gli specialisti e le lobby. Se le lobby si muovono non lo fanno perché sono dame di carità. Basta vedere chi c’è dietro per capire il loro obiettivo. Se fanno lobby per ottenere che i contenziosi vengano giudicati con la legge inglese lo fanno per il tornaconto dei committenti e il danno per gli altri (le nazioni e i loro popoli). Almeno questo pensano e a questo ambiscono. Più di uno ha scritto che la nuova fase è di sopravvento del capitalismo finanziaro anglo americano di bankster estranea a tutte le identità nazionali . Ora cosa succederà se le lobby imponessero il loro punto di vista: anche partendo da presupposti falsi aggiungono un ulteriore tassello giuridico verso la perdita di sovranità nazionale in cui una nazione è come un singolo citabile in giudizio… Leggi tutto »

Polipol
Polipol
23 Novembre 2011 3:20

Ciao LeoneVerde, col mio messaggio invitavo semplicemente a “farsi un giro” per la rete, non presupponendo che il mondo economico sia solo materia dei macroeconomisti keynesiani. Altrimenti proprio Barnard che parla di parrocchie e parrocchiette non ci fa una bella figura.
Comunque. Barnard in un post nomina il “il gruppo di macroeconomisti del Levy Institute Bard College di New York”, quelli che hanno strutturato il piano Jefes per l’Argentina.
cominciamo con wikipedia, il fondatore del Levy Inst: http://en.wikipedia.org/wiki/Leon_Levy

Sul Miracolo argentino, ovviamente con la M maiuscola, si può tanto per cominciare notare di passata come l’Argentina sia nel frattempo diventato il primo coltivatore al mondo di piante transgeniche.

Per i links, qualche spunto:
sul signoraggio e sulla teoria secondo la quale la stampante magica dei soldi in mano allo stato farebbe miracoli:
http://www.movimentolibertario.com/2011/08/12/signoraggio-falso-problema/

Sul più grande crimine (nonostante i toni sgradevoli):
http://ashokascorner.blogspot.com/2010/09/il-piu-grande-crimine-dare-una-penna.html

pdf che sto iniziando a leggere:
http://download.luogocomune.net/download/Libri/LoStatoFalsario-M.N.Rothbard.pdf