Home / ComeDonChisciotte / OBBIETTIVO DEI GLOBALISTI: LA BANCA CENTRALE LIBICA

OBBIETTIVO DEI GLOBALISTI: LA BANCA CENTRALE LIBICA

E’ AL 100% DI PROPRIETA’ STATALE

DI ERIC V. ENCINA
21stcenturywire.com

Una notizia raramente menzionata dai politici occidentali e gli esperti dei media: la Banca Centrale Libica (N.d.T: d’ora in poi siglata con BCL) è posseduta al 100% dallo Stato. I globalisti della finanza internazionale e i manipolatori del mercato non lo gradiscono e sono intenzionati a proseguire nei loro sforzi già avviati per detronizzare Muammar Muhammad al-Gaddafi, determinando la fine della Libia come nazione indipendente.

Al momento, il governo libico crea la propria moneta, il dinaro, attraverso gli impianti della banca centrale. Alcuni potrebbero obiettare che la Libia è uno stato sovrano con grandi risorse naturali, capace di sostenere il proprio destino economico. Uno dei maggiori problemi per i cartelli bancari globalisti è che, per fare affari con la Libia, devono accordarsi con la BCL e la sua valuta, e per questi motivi hanno un dominio e una forza contrattuale pari a zero. In conseguenza di ciò, spazzare via la BCL non figurerà di certo nei discorsi di Obama, di Cameron e di Sarkozy ma è sicuramente in cima alla lista all’agenda globalista per assorbire la Libia nello sciame di nazioni accondiscendenti.

Nella foto: gli uffici della Banca Centrale Libica a TripoliQuando il fumo dei missili Cruise e delle bombe cluster cesserà, si vedranno all’opera i riformatori dell’Occidente per riformare il sistema monetario libico, saturandolo di dollari senza valore, avviando così una serie di caotici cicli inflattivi.

La BCL è attualmente un ente al 100% di proprietà statale e rappresenta l’autorità monetaria della Jamahiriya Araba Libica del Popolo Socialista. La struttura finanziaria e le procedure gestionali di una banca statale sono naturalmente molto differenti da quelle di una banca centrale europea o di quella statunitense; le sue quote non sono detenute da banche speculative o da una lista non rivelata di azionisti privati, così come avviene per la US Federal Reserve o la Banca d’Inghilterra. Le leggi costituzionali libiche danno incarico alla BCL di mantenere la stabilità monetaria e di promuovere una crescita sostenibile della sua economia nazionale. La Libia detiene inoltre il maggior numero di lingotti d’oro in proporzione al Prodotto Interno Lordo di qualsiasi altro paese, eccetto il Libano, secondo il World Gold Council che ha sede a Londra, in base ai report di gennaio del FMI. Il prezzo dell’oro è salito a $1,429.74 per oncia il 25 marzo 2011.

Quest’oro rimarrà in Libia una volta che le forze alleate avranno preso il controllo di Tripoli, oppure verrà smarrito, o verrà scambiato con vagonate su vagonate di foglietti con sopra stampata la scritta ‘US Dollars’?

PIEGARE LA LIBIA AL NUOVO ORDINE MONDIALE

Nello statuto bancario libico, uno dei principali mandati è quello di regolare la quantità, la qualità e il costo del credito per incontrare le richieste di crescita economica e di stabilità monetaria. Questo, naturalmente, è esattamente l’opposto di quanto venga svolto dalle banche centrali possedute dai privati in tutto il mondo. Le banche centrali private favoriscono l’inflazione, creano bolle speculative per poi sgonfiarle, per trasferire ingenti somme di denaro dai ceti bassi e medi nelle mani delle élite finanziarie.

Sta diventando facile diagnosticare le vere cause del caso nel Medio Oriente e dei perduranti attacchi contro la Libia. Finanza, petrolio, militarizzazione e imperialismo, globalizzazione: tutto ciò fa parte dell’agenda corrente del Nuovo Ordine Mondiale. Egitto e Tunisia sono entrambe cadute in mano a dittature militari ad interim, e sono state rese schiave da miliardi di prestiti a basso costo della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (EBRD) e della Banca Mondiale.

Qualsiasi nazione che corra nella direzione opposta all’ortodossia del NWO verrà sicuramente ostracizzata e portata in salvo dalla mannaia militare. Le azioni di guerra ‘legittime’ contro queste nazioni non globaliste sono designate per umiliare, degradare e compromettere i diritti umani internazionali, una condizione che è largamente non condivisa nella maggior parte dei mondo.

UN PUPAZZO CANADESE DESIGNATO LEADER PER LE OPERAZIONI DELLA NATO IN LIBIA

La maggioranza degli osservatori direbbe che il Canada è neutrale nel conflitto libico. Ma in questo caso, il consesso degli avidi potenti del mondo ha deciso che il Canada sarà in prima fila nell’intervenire nel caos libico. Con rispetto per i leader e gli ufficiali del Canada, la sua partecipazione in questo conflitto così peculiare e nella copertura dell’opera di Obama in Libia sono troppo efficaci per incamerare profitti e per impossessarsi delle risorse di quella particolare regione del mondo.

“Il ministro della Difesa del Canada Peter MacKay ha riferito venerdì che il generale Charles Bouchard è stato incaricato di condurre la campagna militare degli alleati in Libia”, (Yahoo News, 25 marzo 2011). Bouchard è di stanza a Napoli, Italia, al Comando Unitario della Forze Alleate. Il più recente incarico di Bouchard è stato quello di comandante del NORAD. MacKay aggiunge anche che “sarà comandante delle operazioni NATO, che sono ancora in fase di determinazione”.

Questa è un’ulteriore sfida per il popolo canadese; un’altra ripercussione è data dal fatto che il budget canadese sarà prosciugato da questi interventi, mentre la Bank of Canada ha come principale attività la finanza del debito. Se il Canada, in un futuro non troppo distante, continuerà a partecipare ai conflitti, diventerà allora una pienamente compiuta nazione globalista e guerrafondaia, unendosi così a USA e Regno Unito.

Ci si potrebbe chiedere cosa diventerà il mondo che è perennemente in uno stato di conflitto. Perché costruire valore solo per distruggerlo con le guerre? Perché aumentare le tasse, spendere e senza ragione devastare le entrate dello stato, creare moneta dal nulla in maniera simile all’usura, e prendere o dare in prestito denaro con interessi di modo che il debito nazionale si accumuli con progressione geometrica? Vedremo i risultati col passare del tempo: il collasso economico, la creazione di povertà, il finanziamento continuo ai venditori e produttori di armi, le guerre tecnologiche più sofisticate della storia che causano le devastazioni più incredibili e danni irreparabili alla vita umana e a quella delle nazioni.

Se le politiche estere occidentali continueranno ad avere come base la guerra, per piegare sotto il proprio controllo le risorse mondiali, sembra non esserci un futuro per l’umanità.

Eric V. Encina, vive nelle Filippine e lavora come attivista e riformatore sociale. E’ anche un sostenitore del credito sociale.

Fonte: http://21stcenturywire.com
Link: http://21stcenturywire.com/2011/03/28/globalist-target-the-central-bank-of-libya-is-100-state-owned/
28.03.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da Davide

  • vic

    Clamoroso, il presidente a vita della lega degli onesti, e’ approdato via mare in Libia col figlio.
    Essendo costui stato il primo a dichiarar guerra a Gheddafi in tempi non sospetti, i due vengono accolti con giubilo dai ribelli.
    Parlottano un po’.
    Estraggono dei foglietti di carta, scribacchiano, correggono.
    Poi si guardano soddisfatti e s’abbracciano.
    I ribelli come cadeau, Allah c’est grand, offrono ai due un comodo paio di cammelli.
    I nostri ormai semieroi della Nouvelle Libie, s’incamminano lemme lemme verso la piu’ nota tenda beduina del paese.
    Ivi giunti, scendono dal rispettivo cammello, fanno gli inchini di rito.
    Rien a’ faire, li persquisiscono.
    Si mette male la faccenda, direte voi.
    Nient’affatto. Prima di tutto farsi perquisire da un’amazzone e’ sempre un piacere, si tira il fiato. Poi se l’amazzone scopre un certo bigliettino manoscritto, il lasciapassare e’ garantito.

    Detto e fatto, eccoli i nostri due semieroi in cospetto du Président et Roi de la République de Libie, Monsieur le docteur Saif El Sarkozy Gheddafi.
    Assistiamo e sentiamo, in piedi, p.f.

    Amazzone: (porge il foglietto lasciapassare a Monsieur Saif)
    Msr. Saif (serio, impettito): Orsu’, tutti in piedi!
    Tutti: (si alzano anche quelli che sonnecchiavano accanto al fucile mitragliatore, c’e’ un grande pathos nell’aria)
    Msr. Saif (intona la prima strofa, tutti cantano con lui):

    1a strofa, la sanno tutti

    Quando bionda aurora il mattin c’indora
    l’arma mia t’adora re del ciel!
    Quando l’alba già rosseggia
    a pregare allor t’atteggia;
    in favor del patrio suol,
    cittadino Dio lo vuol

    2a strofa, leggono dal foglietto, fatto circolare in copia dalla solita amazzone:

    Se di cruise è un giubilo la celeste sfera
    Te ritrovo a sera o Signor!
    Nella notte silenziosa
    l’arma mia in Te riposa:
    libertà, concordia, amor,
    alla Libia serba ognor.

    Grandissima commozione, abbracci, Allah c’est grand.
    D’ora innanzi questo sara’ il Salmo Libico, pardon le Salme de Libie..
    Msr. Saif, invia un piccione viaggiatore aux frères de Libie, quelli che fino a ieri le news chiamavano i ribelli.
    Nel dispaccio arrotolato sta scritto:
    “Les jeux sont faits. Rien ne va plus!”

    Fu cosi’ che il presidente a vita della lega degli onesti, con colpo diplomatico da maestro dei suoi, in barba all’Onu, all’alleanza dei volonterosi e a tutti i barbuti arabi, con un semplice pezzo di carta, risolse la questione libica.

    Da quel giorno le due strofe segnano l’inizio dell’Inno patrio libico.

    Informato, il presidente dell’Onu applaudi’ anche lui, commosso, assieme a tutta l’assemblea degli onusti.

    Allah c’est grand.