Home / ComeDonChisciotte / NON PAGARE IL DEBITO !

NON PAGARE IL DEBITO !

DI GIULIETTO CHIESA
ilfattoquotidiano.it

Un anno fa la Grecia era in rosso per 110 miliardi di euro.
L’hanno “salvata”.
Adesso il debito è salito a 340 miliardi.
Non so se la ri-salveranno, ma, in tal caso (e non è una battuta di spirito, perché la Finlandia proprio questo ha chiesto) dovrà dare in pegno il Partenone.
A riprova che i “ nove banchieri” di Wall Street amano molto le collezioni private. Non so dove lo metteranno, il Partenone, ma troveranno un posto, magari vicino a San Diego, California.

Il problema è che adesso tocca a noi. Chiederanno in pegno il Colosseo, o la Galleria degli Uffizi. E non basterà, perchè il nostro debito pare sia superiore ai 1.900 miliardi di euro.

Dicono che dobbiamo privatizzare tutto. Arriveranno a comprare ai saldi con i denari fasulli, creati con un click sul computer, con cui hanno gonfiato il debito mondiale fino a cifre astronomiche, che nessuno è più in grado di pagare.

Ho publicato i risultati di un Gao (Government Accountability Office) Audit sulla Federal Reserve , il primo e unico mai effettuato sulla prima banca planetaria nei suoi circa 100 anni di storia, dal quale emerge che, tra il 2007 e il 2010, la Federal Reserve ha spalmato 16 trilioni di dollari su tutte le più importanti banche occidentali, non solo su quelle americane.

L’Audit è stato fatto da due senatori americani, Bernie Sanders e Jim DeMint, e chi vuole se lo va a leggere sul sito di Sanders. Qualcuno si è scandalizzato per il mio “complottismo”. Sfortunatamente non sono io che complotto. L’operazione è stata definita, dallo stesso Sanders, del tutto illegale.

Tredicimilamiliardididollari inventati e inviati illegalmente a tutte quelle banche? E perchè?

La risposta è una sola: perchè tutte quelle banche sono fallite. Ma non lo si poteva dire. Quindi si è rimessa la benzina nel loro serbatoio. E, con quella benzina, il debito (nostro) ha  ripreso a crescere.

John Kenneth Galbraith definì questa come “economia della truffa”. Se potesse resuscitare, adesso riderebbe. Forse, da qualche parte, lo fa. Ma riderebbe di noi se pagassimo il debito di quei nove balordi che si riuniscono a Wall Street, in segreto, per renderci schiavi.

Giulietto Chiesa
Fonte: www.ilfattoquotidiano.it
Link: http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/09/22/non-pagare-il-debito/159198/
22.09.2011

Pubblicato da Davide

  • ericvonmaan

    Quanto fa 16 (o 13 cambia poco) trilioni di dollari diviso 300 milioni? E’ il numero dei cittadini americani, sono curioso di sapere quanto sarebbe andato in tasca ad ognuno se invece di darli alle banche li avessero regalati alla popolazione. La mia calcolatrice non tiene tutti quegli zeri.

  • RobertHeinlein

    Piu’ che una truffa, un truffone.
    Cercate il Truffone in rete, rimarrete sorpresi……

  • kawataxi

    paolo attivissimo, anche se non troppo affidabile l’ha sbufalato al caro giulietto, al punto che per ripicca il sig. chiesa l’ha querelato… sigh alla faccia della liberta’ di informazione 🙁

    Le cifre citate da Giulietto Chiesa sono esatte. Ma manca un dettaglio fondamentale: la spiegazione di queste cifre, che è a pagina 130, appena prima della Tabella dello Scoop Fine-di-Mondo. Eccola:

    Table 8 aggregates total dollar transaction amounts by adding the total dollar amount of all loans but does not adjust these amounts to reflect differences across programs in the term over which loans were outstanding. For example, an overnight PDCF loan of $10 billion that was renewed daily at the same level for 30 business days would result in an aggregate amount borrowed of $300 billion although the institution, in effect, borrowed only $10 billion over 30 days. In contrast, a TAF loan of $10 billion extended over a 1-month period would appear as $10 billion.

    In altre parole, queste cifre enormi vengono fuori perché se una banca riceve in prestito per un giorno dieci miliardi e poi il prestito viene prorogato per 30 giorni, in questa tabella vengono conteggiati 300 miliardi. Ma il prestito effettivo è di dieci.

    Faccio un esempio pratico: presto a un amico cento euro e lui me li restituisce il giorno dopo. Glieli ripresto il giorno dopo e lui me li restituisce l’indomani. Andiamo avanti così per dieci giorni. Quanti soldi gli ho prestato in tutto?

    Infatti i dati dei prestiti effettivi, non di quelli aggregati, sono pubblicati nella pagina successiva del rapporto, in Tabella 9, e raccontano una storia molto, molto, molto meno clamorosa di quella annunciata trionfalmente da Giulietto Chiesa:I 2500 miliardi di dollari riguardanti la Citigroup, che costituivano il grosso della cifra incriminata, sono in realtà 58*. Non sono noccioline, per carità, ma non bastano certo a giustificare frasi come “un gruppo di banchieri… compra e ricatta governi… il sistema è esploso e va al collasso, e loro lo drogano con denaro finto… si mettono in condizione di minacciare ricattare, condizionare, sostituire governi e ministri di tutto il mondo. Siamo alla dittatura di un superclan semi criminale, che complotta usando denaro fittizio…. i governi europei sono tutti complici.”
    http://attivissimo.blogspot.com/2011/08/giulietto-chiesa-e-un-agente-del-nuovo.html

  • Tonguessy

    Quindi è a seguito del ridimensionamento del pur deprecabile Attivissimo che Giulietto ha mosso la magistratura?
    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=39099

  • unodipassaggio

    Per evitare la depredazione è sufficiente pretendere i pagamenti della privatizzazione in oro. Oro fisico, vero.

  • materialeresistente

    Ho letto il testo del post in cui Chiesa informa della sua querela, non vi ho trovato però nulla che contesti nel merito delle cifre quello che scrive Attivissimo. La domanda è: ma se uno fa una vignetta alla Vauro su Chiesa si becca una denuncia?
    Francamente quello che leggo nell’articolo che compare oggi su comedonchisciotte lascia il tempo che trova se quello analizza i numeri a casaccio.

  • radisol

    No …. Attivissimo ha accusato Chiesa nientemeno di essere un agente al soldo del “Nuovo Ordine Mondiale” che le spara grosse per sputtanare il dissenso antiliberista …… per carità, salvo rare eccezioni, le querele non servono ad un tubo ….. però pure certe sparate in stile Attivissimo … come cazzo si permette ? la conosce la storia di Chiesa ? …… sono decisamente fuori luogo …. certo Chiesa, come molti altri pubblicati qua sopra, rasenta a volte un certo catastrofismo un pò infantile ….. ma, con qualche eccesso sulle cifre, mica dice stronzate ….. e comunque “IL DEBITO NON LO PAGHIAMO” mi sembra una rivendicazione sacrosanta ….

  • nuvolenelcielo

    paolo attivissimo è il portaborse dello status quo, la persona meno credibile del mondo credo. credo più a bush che a paolo attivissimo…

  • Marcusdardi

    Siamo quindi in recessione, non pagare il debito sarebbe proprio una bella soluzione ed una notevole presa di coscienza.
    Intanto io metto i miei commenti con una nota di allegria.

    http://www.youtube.com/watch?v=kt3mtgxoZx0&feature=related

    saluti
    Marcusdardi

  • diotima

    Attivissimo è un losco figuro come i suoi confratelli cicappini.

  • diotima

    “Le cifre citate da Giulietto Chiesa sono esatte. Ma manca un dettaglio fondamentale: la spiegazione di queste cifre, che è a pagina 130, appena prima della Tabella dello Scoop Fine-di-Mondo. Eccola: Table 8 aggregates total dollar transaction amounts by adding the total dollar amount of all loans but does not adjust these amounts to reflect differences across programs in the term over which loans were outstanding. For example, an overnight PDCF loan of $10 billion that was renewed daily at the same level for 30 business days would result in an aggregate amount borrowed of $300 billion although the institution, in effect, borrowed only $10 billion over 30 days. In contrast, a TAF loan of $10 billion extended over a 1-month period would appear as $10 billion. In altre parole, queste cifre enormi vengono fuori perché se una banca riceve in prestito per un giorno dieci miliardi e poi il prestito viene prorogato per 30 giorni, in questa tabella vengono conteggiati 300 miliardi. Ma il prestito effettivo è di dieci. Faccio un esempio pratico: presto a un amico cento euro e lui me li restituisce il giorno dopo. Glieli ripresto il giorno dopo e lui me li restituisce l’indomani. Andiamo avanti così per dieci giorni. Quanti soldi gli ho prestato in tutto? Infatti i dati dei prestiti effettivi, non di quelli aggregati, sono pubblicati nella pagina successiva del rapporto, in Tabella 9, e raccontano una storia molto, molto, molto meno clamorosa di quella annunciata trionfalmente da Giulietto Chiesa:I 2500 miliardi di dollari riguardanti la Citigroup, che costituivano il grosso della cifra incriminata, sono in realtà 58*.2—– non sono esperta di economia, perciò se in seguito a queste mie considerazioni qualcuno mi volesse dare delucidazioni, gliene sarei grata.
    1) che vuol dire prestito prorogato 30 giorni? non vuol dire che io, non potendoli restituire il giorno stesso, chiedo di pagarlo fra 30 giorni con gli interessi che la banca che “gentilmente” me li presta, pretenderà?
    Cioè non è il meccanismo dell’usura questo? Se il cravattaro mi presta giorno 1 settembre 10 euro, io posso sperare di dovere restituire dieci solo entro la giornata, altrimenti ogni giorno che passa gli interessi che schizzano alle stelle aumenteranno i dieci euro portandoli a ..che so…300..Non credo di poter rispondere che io in realtà devo restituire solo 10.
    Le banche che prendono il prestito, restituendolo il giorno dopo come dice attivissimo, si vedrebbero lo stesso schizzare la cifra reale alle stelle? Facciamo finta : io chiedo il prestito il 1 settembre (dies a quo) se non riesco a restituirlo entro l’uno, chiedo una proroga di 30 giorni, il che significa che io non restituisco nulla l’uno. non mi sembra calzante con la spiegazione di Attivissimo…
    Non so…Anche perchè che guadagno ne trarrebbe la banca dal fare questo giochetto?

  • AnarkangelPope

    Quindi adesso attivissimo crede al NWO? ROTFLMAO

  • RicBo

    Da 40 anni in attesa di una rivoluzione che non arriva mai (forse perchè dovrebbe essere guidata dall’elite intellettuale che rappresenta), Chiesa, quando parla di ciò che conosce (lotta di classe, dottrine marxiste aggiornate al XXI secolo) non fa una piega. Ma quando si avventura nell’argomento Economia e Finanza ecco che prende qualche svarione e sbaglia addirittura a leggere i dati. Certo, magari la sostanza non cambia ma la credibilità ne esce ridimensionata, e per un personaggio già ininfluente come lui non è cosa non da poco.

  • 10secondi

    Giulietto Giulietto….. fin quando nn mi spiegherai le tue simpatie per World Political Forum Club di Roma e Agenda 21 faccio fatica a leggerti….
    http://scienzamarcia.blogspot.com/2010/02/il-world-political-forum-giulietto.html
    http://www.polisblog.it/post/2468/gorbaciov-o-nuovo-modello-di-sviluppo-o-apocalisse

  • Tonguessy

    Siamo perfettamente d’accordo sulla pochezza morale di Attivissimo e sulla statura di Chiesa, non era questo il punto. Detto questo: non ti sembra che denunciare chi ti accusa di essere al soldo del NWO sia una mossa un po’ avventata? Sicuramente dettata da solide ragioni personali, che però in sede giuridica non so quanto possano valere. Insomma mi sembra che sia tutta una questione di cassare le opinioni altrui (per quanto bizzarre e al limite dell’offensivo), cosa contro cui Chiesa si è sempre schierato. Per questo la reputo un’azione che può avere ripercussioni negative anche sul lavoro che svolge. Metti che vinca la sua battaglia: cosa impedirebbe al clan cicappiano di Attivissimo di denunciare Chiesa per quanto ha detto e scritto sul 911 ? Per questo e non per altro sono molto perplesso. Staremo a vedere……

  • Johnny_Cloaca

    Galbraith è un’idiota, così come suo figlio. Strano che Chiesa nell’elogiare un demente, si sia scordato che parte dell’enorme debito che attanaglia i paesi occidentali è saltato fuori dal welfare che tanto loda Galbraith junior (e lodava Galbraith senior). Santo dio, perfino Krugman (mi sento “sporco” a dargli ragione, ma è così) se n’è accorto!

    Adesso ho bisogno di rannicchirami nella doccia, con o senza il vostro permesso…

  • ericvonmaan

    Quando moriremo di fame tutti l’oro non varrà assolutamente nulla, ricordatelo.

  • ericvonmaan

    Il debito non salta fuori dal welfare. Mi permetto di segnalarti un link
    http://www.hasslberger.com/economy/moneta.html
    che spiega bene come si forma il debito. Buona lettura ciao

  • rasna-zal

    … Ma come?? Non erano tutti amici, tutti carini, a recitare la loro parte (e a smerdare la nostra) alla trasmissione MatriXXX?


    Non sarà mica che, tra chi “sbufala” e chi suona la tromba, alla fine si vuol mandare tutto in vacca?


    … lo sapremo alla prossima puntata di MatriXXX!!


    Intanto propongo Al Gore come paciere!
  • mikaela

    Credo che Giulietto Chiesa debbe leggere questa risposta del professore Randall Wrey scritta proprio per i Dummies come me che non capiscono e vogliono comunque sapere e capire.

    L’ho tradotta ieri solo per Giulietto chiesa affinche’ possa spiegare ai ragazzi che vanno in piazza ad ascoltarlo chi ci sta’ veramente uccidendo , senza farsi trovare impreparato come e’ successo in Piazza Fontana deludendo tanti ragazzi (Cippala per esempio che ha avuto la fortuna di intervistarlo) che hanno fatto chilometri per ascoltarlo.


    MMT Blog 16 Il caso strano della Zona Euro: La Natura dell’Euro Non Sovrano e i Problemi Sollevati dalla Crisi Finanziaria Globale.

    Di L.Randall Wray

    1-Nella prossima serie di blogs guarderemo piu’ dettagliatamente nelle operazioni fiscali e monetarie delle nazioni con valuta sovrana. Prima di farlo pero’ esaminiamo brevemente il caso dell’Euro. Lasciatemi dire che non punteremo sui dettagli dello svolgimento sulla crisi in corso della zona Euro.

    2- La ragione e’ che questi eventi si stanno muovendo molto velocemente e non sappiamo dove si dirigeranno. Questo testo elementare “ primer “in un certo senso deve essere senza limiti di tempo – qualsiasi cosa specifica che noi discutiamo sara’ presto obsoleta.

    3-Il punto fondamentale da fare qui e’ che l’arrangiamento dell’Euro era difettoso sin dall’inizio. La crisi era inevitabile.Il sistema cosi’ disegnato in nessun modo avrebbe potuto sopravvivere ad una significante crisi finanziaria.Come scrissi sin dalla meta’ del 1990.
    Noi non potevamo sapere con certezza come la risoluzione sarebbe venuta fuori ma cambi fondamentali sarebbero stati necessari,la crisi inizio’nel 2007.

    4-Per colpa dei difetti nella stesura “set-up” era ovvio (perlomeno a quelli che adottarono MMT)che l’arrangiamento non era sostenibile.

    5-I risultati dello spettro , dell’Unione Monetaria Europea da un lato si dissolverebbe con il ritorno di ogni Nazione alla propria Valuta sovrana.Dall’altro lato dovrebbe essere creata un unione perfetta.

    6-Quasi nessuno ha volute ascoltarci. Un eccezione rilevante e’ stata l’economista Charles Goodhart.

    7-Ora nell’Autunno 2011 e normale dare la colpa alla crisi dell’ UME alla separazione fiscale da quella monetaria. Finalmente e’ stato riconosciuto che un arrangiamento in cui la politica monetaria unificata sotto la internazionale BCE, ma la politica fiscale lasciata agli stati individuali e’ stato il principale errore.

    8-Un lentissimo riconoscimento del problema che ha trascinato la crisi per quattro anni e saltato fuori e nell’ Autunno 2011 e non e’ ancora chiaro se e’ politicamente possibile una soluzione. La maggior parte degli economisti tuttavia non riconoscono che e’ dipeso dalla Valuta Sovrana. Non basta solo l’unificazione delle politiche fiscali , si ha bisogno di emettere una valuta sovrana che si faccia responsabile delle politiche fiscali.

    9-Lasciatemi riferire un evento in corso prima che arrivi la discussione in atto. Il segretario del Tesoro US e’ volato in Europa per dare quello che sembra un consiglio non desiderato su come comportarsi con le loro crisi.

    10-Il ministro delle finanze Europeo non solo ha rifiutato le sue ricette per stimolare le loro economie, ma gli hanno anche dato una lezione sulla politica economica USA.

    11-Anche se i dati fondamentali americani sono significativamente peggiori di quelli della zona Euro trovo peculiare che ci dicono direttamente No e che ci rispondano dicendo cosa dobbiaomo fare noi quando diamo un suggerimento. Maria Fekter ha riferito dopo ai giornalisti ..
    “Noi possiamo sempre discuterne con i nostri colleghi Americani . Mi piacerebbe sentire qui come gli Stati Uniti ridurranno il loro deficits e i loro Debits” ha detto piuttosto acidamente Il Belga Didier Reynders http://seekingalpha.com/article/294219-the-eurozone-shuns-geithner

    11-Trovo piuttosto scioccante che Geithner pretenderebbe insegnare agli Europei, perche’ io penso che ha fatto un pasticcio sulla risposta alla crisi USA, focalizzando tutte le sue attenzioni su Wall Street anziche’ Main Street e come risultato gli USA sono in bilico per un altro Crash.

    12-Quello che e’ interessante sui risultati nella zona Euro e’ che continuano ad essere degli incapaci.Anche se hano cominciato a parlare sulla necessita’ di collegare l’economia fiscale a quella monetaria all’interno nell’unione, non capiscono la Valuta sovrana.

    13-Come abbiamo gia discusso nella sezione precedente la Valuta sovrana di una nazione come gli USA puo’ sempre permettersi di spendere di piu’ senza affrontare le insolvenze contratte; non interferiscono neanche la grandezza del budget-deficit oppure il debito in sospeso. Il Deficit puo’ essere enorme – inflazionario- pero’ oggigiorno il problema negli USA é che i deficit sono troppo bassi rispetto alla domanda e i debiti rappresentati da i buoni del tesoro (treasury) sono relativamente troppo pochi, per la richiesta interna e globale dei risparmiatori in dollari USA. Quindi, argomentare che gli USA sono in una situazione piú precaria é semplicemente sbagliato.

    L’Euro: il Set-up di una Valuta non sovrana

    14-Come gia’ detto in tutto questo Primer per le nazioni che lo hanno adottato l’Euro non e’ la loro Valuta sovrana,in una certa maniera e come se loro hanno adottato una moneta stranier –qualcosa come “ la dollarizzazione” di una Valuta che sceglie di operare con una Valuta ad un cambio $ USA deciso preventivamente.(deciso a tavolino)

    15-La formazione dell’unione Europea ha assicurato la volonta’ di alcuni stati membri di intervenire e salvare gli stati con dei problemi finanziari(qualcosa del genere e’ stata vista sin da quando la Crisi Finanziaria Globale ha toccato la zona Euro nel 2007)quindi la situazione non e’ tanto estrema, inoltre l’esistenza della Banca Centrale Europea BCE che ha l’abilita’ di agire come “ Finanziatore dell’ultima spiaggia” permette alcune flessibilita’alle nazioni individuali.

    16-Quando una Nazione – diciano l’Argentina – adotto’ una moneta estera a tasso deciso a tavolino, non ha nessuna assicurazione ( e forse nessun aspettativa) che l’emittente di quella moneta (diciamo gli USA) intervengano per salvarla. Il criterio del trattato di Mastrict nel frattempo sembra abbia eretto una forte barriera (condizioni)per salvare dai problemi finanziari gli stati, che probabilmente sempre hanno avuto aspettative di un “bail-out “ (salvataggio) in casi di emergenza.

    17-Mentre i seguaci di Modern Monetary Theory hanno predetto da tempo che la struttura dell’Eurozona non avrebbe sostenuto una crisi Finanziaria Guardiamo perche’ chi usa l’Euro non deve essere considerato un individuo che usa la sua moneta sovrana. Apparentemente il problema non si e’ notato fino a quando la Grecia ha dovuto affrontare il collasso il meso dopo la Globale Crisi Finanziaria.

    Solo con un rimescolando fra altre nazioni membro e la BCE e’ stato prevenuto il collasso dei mercati per colpa del debito Greco.
    Siamo in autunno 2011, la crisi continua a espandersi nell’Eurozona perche’ non e’ stata trovata una soluzione ai problemi sollevati per quelli che non usano la Valuta sovrana.

    18-E’ importante riconoscere la diferena fra Valuta sovrana (definite come una moneta fluttuante non convertibile)ed una moneta non sovrana.

    19 Il Governo che opera con una moneta non sovrana affronta rischi di solvibilita’ perche’ crea debito sia in moneta estera, sia in moneta interna ancorata alla moneta estera(oppure al metallo prezioso)

    E’ riconosciuto, perlomeno parzialmente dai mercati e anche dai Credit Raters che comunque, l’emissione di Valuta sovrana che il governo spende usando la sua fluttuante non convertibile moneta non puo’ essere strangolato nel debito.

    Ecco perche’ una Nazione com il Jappone che sta usufruendo di un bassisimo interesse sul debito sovrano , puo avere un rapporto debito verso il PILl che e’ il doppio del piu’ alto debito delle Nazioni Euro”PIIGS” (Portogallo,Irlanda,Italia. Grecia e Spagna) Stati Uniti, o nazioni come l’Argentina che usano una moneta agganciata ( dal 1990 ) Contrariamente le Nazioni Euro affrontano un declassamento e aumento di interessi, con un rapporto deficit molto piu’ basso di quello del Jappone o Usa.

    Per questi non c’e’ rischio di default ,questo perche’ la Nazione che opera con la sua propia Valuta puo’ sempre spendere, accreditando conti bancari e questo include spendere con interessi. Una Nazione che ha delle restrizioni o una Valuta legata puo’ essere forzata al default molto di piu’ del compromesso (abbrogato) con l’oro del 1933 del governo USA.

    19-Il problema della della zona Euro e che le Nazioni hanno abbandonato la loro Valuta sovrana a favore dell’Euro.Per le nazioni individuali l’Euro e’ una moneta estera. E vero che i Governi Nazionali individuali continuano a spendere accreditanto sui conti bancari dei venditori e questo risulta come un credito di riserva bancaria verso la banca centrale Nazionale.

    Il problema e’ che la banca central Nazionale deve avere le riserve Euro alla BCE come compensazione.

    20-Alla BCE a sua volta e’ proibito comprare il bebito pubblico dei Governi.

    21-La Banca Centrale Nazionale puo’ avere le riserve solo per estensione, la BCE presta “contro” il debito nazionale del Governo (oppure altro debito sottomesso come collaterale).

    22-Questo signigica che anche se le Banche Centrali Nazionali possono facilitare ”monetizzare” per permettere ai governi di spendere, ma la compensazione impone contrazioni fiscale.

    Questo e’ una situazione similare agli stati individuali in USA che hanno bisogno veramente di tassare in ordine di spendere. Similare perche’ una nazione come la Grecia e’ integrata nell’Eurozona ,e se il suo governo produce deficit allora la Banca Centrale della Grecia deve affrontare un drenaggio continuo alle sue riserve presso il suo conto alla CBE.

    24-Questo viene rifornito attraverso le vendite dei Bonds governativi greci attraverso l’Eurozona, invertendo “il flow” la liquidita della riserva in favore della Banca Centrale greca. La meccanica di questa parte di procedimento sono in un certo modo differenti dagli Stati Uniti (che naturalmente non operano con le loro banche centrali)anche se le implicazioni sono similari:le Nazioni Euro e gli stati U.S. realmente non hanno bisogno di prestiti.

    25-In contrapposizione una Nazione Sovrana come gli USA ,il Giappone, o UK non hanno in prestito la loro moneta. Spendono attravesto acreditamento bancario. Quando una Nazione opera con moneta sovrana non ha bisogno di emettere Bonds per finanziare le sue spese. Emettere “Bonds”(obbligazioni) e un’ operazione volontaria che da al pubblico l’opportunita’ di sostituire i loro guadagni senza interessi che sono passivita’ governative,in valuta e riserve presso la Banca Centrale in passivita’ governative che producono interesse, buoni del tesoro e “Bonds” ,che sono saldi attivi in Titoli nella stessa Banca Centrale.
    Se si capisce che l’emissione di Bond sono operazione volontarie di un Governo sovrano e che quei Bonds non sono niente di piu’ che conti correnti alternative nella stessa Banca Centrale gestiti dallo stesso Governo, diventa irrilevante per questione di solvibilita’ dei tassi d’interessi se ci sono acquirenti per i Bonds governativi oppure se i Bonds sono di propieta’ di cittanini interni o internazionali.

    26-Naturalmente come abbiamo gia’ discusso prima ,i governi possono imporre dei regolamenti sulla gestione degli stessi, per esempio regole come li vende il tesoro e ottiene depositi nel suo proprio conto nella banca centrale prima di emettere il “check” (l’assegno).
    Quando si adottano queste misure possiamo dire che non ci sono scelte, assomiglia un po’ al ruolo di Jack Nicholson nel film “As Good sa it Gets”che si e’ imposto una serie di azioni che doveva attuare prima di aprire la porta . Ci sono questioni che si riescono a far capire meglio con un comportamento psicologico piuttosto che dagli economisti.

    Solvibilita’ delle questioni e la finanza di Ponzi in una moneta non sovrana

    27-C’e’ una ulteriore considerazione. Quando un’entita’ private s’indebita, il suo passivo diventa un’altra parte di beni, paregiando le due cose non si crea nessun bene finanziario.
    Quando un governo a sovranita’ monetaria emette un debito crea un bene per il settore privato senza nessuna contropartita o responsabilita’ del settore privato. Quindi il risultato dei debiti emessi dal Governo crea un bene per il settore privato. Il debito privato e’ un debito ma i debiti del governo sono benessere per il settore privato.

    L’aumento del debito private deve preoccupare perche’ il settore privato non puo’avere sempre perdite, ma il governo a Valuta Sovrana ha il monopolio per stampare la sua moneta quindi puo’ sempre pagare i suoi debiti accreditando i conti correnti,e gli interessi pagati non sono entrate per il governo perche’ il debito non e’ piu’ un bene del governo.

    Detto in un altra maniera .La finanza Ponzi e’ quando uno deve chiedere denaro in prestito per fare futuri pagamenti.(questo e’ il termine dato a questo truffatore che guida “lo schema piramide” dall’economista Himan Misnsky. Un’altra piu’ recente schema di piramide era guidato da Berie Madoff. Nella terminologia di Minsky Ponzi significa che il debitore riceve un prestito solo per pagarne gli interessi, che tipicamente significa crescita in maniera insostenibile del debito). Per i Governi con Valuta Sovrana non e’ necessario chiedere prestiti; ma questo non succede mai nella posizione Ponzi.

    29-I governi sovrani non subiscono contrazioni finanziarie sulla loro valuta perche’ hanno il monopolio della loro valuta. Fanno qualsiasi pagamento che devono fare incluso pagamenti degli interessi sui loro debiti e pagamenti del capitale depositando su conti corrente durante questa operazione non sono costretti a pensare quanto possiamo spendere.Siccome l’emissione dei bond e’ volontaria un governo sovrano non deve permettere ai Merkati di determinare gli interessi neanche su i suoi Bonds.

    30-Dall’altro lato gli emittenti non sovrani come la Grecia che hanno abbandonato la loro Valuta sovrana, affrontano contrazioni finanziarie e sono costretti a chiedere prestiti ai Mecati Capitali a valore di mercato per finanziare i loro deficit.

    Da quando si e’ presentata la crisi del debito in Grecia questo arrangiamento permette ai Mercati e alle agenzie di rating (oppure ad altre Nazioni come nel caso della Grecia) di dettare legge su politiche domestiche in una Nazione Politicamente Sovrana.

    I Governi non sovrani possono possono diventare Ponzi- incapaci di affrontare debiti esistenti aldifuori delle entrate fiscali,questi devono chiedere prestiti ai Mercati per pagare gli interessi.

    31-Chiaramente questo tipo di dinamica vincola severmente i governi che non hanno la sovranita monetaria.Piu’ si chiedono prestiti piu’ si alza la domanda degli interessi dei Mercati per compensare il rischio crescente di insolvenza.Facilmente i governi possono entrare in una spirale viziosa e deve chiedere sempre prestiti maggiori per pagare gli alti interessi.I mercati potrebbe negare il credito anche prima che una vera situazione Ponzi venga raggiunta. Orange County, California (una delle piu’ ricche nel settore immobiliare in USA)e’ stata tagliata fuori e i Mercati si sono rifiutati di fare prestiti. Mentre nazioni Europee come la Grecia non sono arrivati a questo punto perche’ hanno richiesto l’intervento della BCE( come anche altre entita’ che hanno provveduto a questo quasi bail-out (salvataggio)

    32-Mentre noi non vogliamo entrare nei dettagli la maggiorparte di quelli chiamati PIIGS stanno entrando in una seri di problemi solo per causa della crisi finanziaria globale per due motivi-le entrate fiscali sono cadute mentre la domanda fiscale aumenta ma anche perche’ molti di loro provano a salvare le istituzioni Finanziarie e il circolo vizioso del tasso d’interessi dinamicamente si inserisce.
    Tutto questo finisce per far crescere rapidamente il Debito;differentemente i tassi d’interesse fra i ( problematici PIIGS ed economie forti come la Germania l’Olanda e la Francia) esplodono rapidamente.

    I Governi Europei hanno tentato di seguire le restrizioni del SGP(*credo sia- patto di stabilita’) un tentativo che certamente fallira’ per colpa dell’endogena natura del deficit –budget non saranno in grado di supportare le loro economie in una crisi globale che potrebbe estendersi in tutto il Globo o perlomeno in una depressione del continente.
    >p> Le oscilazioni del budget dei Bilanci del Governo devono essere grandi come le oscillazioni degli investimenti(o in generale, piu’ oscillante dei bilanci del settore privato)cosi’ questa politica fiscale puo’ essere usata per contrastare il ciclo economico.

    33-Anziche’ usare il Budget del Governo come strumento per creare un sistema che sia relativamente stabile che sostiene un’ alta occupazione, gli Europei hanno fatto del basso deficit il “Gol” della loro politica senza nessun riguardo per le conseguenze che ricadono sull’economia. Anche senza il SGP la spesa del governo ora e’ contratta dalla percezione del rischio dei merkati, precisamente perche’ queste Nazioni non hanno il sistema di valuta sovrana come in USA UK or Japan.

    34-In altre parole l’arrangiamento della EMU (moneta unica europea )non e’ stata all’altezza del compito e affrontare la crisi finanziaria globale GFC nella zona Euro anche con la migliore politica possibile le Nazioni individuali non possono trattare con i problemi che stanno affrontando. Hanno bisogno di qualcosa come l’equivalente come una tesoreria centrale (per esempio come una tesoreria nazionale USA)con la possibilita’ di spendere su necessita’ del bilancio.
    Invece ci stanno ronzando dentro affidandosi a una combinazione a meta’ fra BCE piu’ austerita’.

    Questo e’ perche’ la zona Euro si trova in condizioni molto peggiori degli USA a dispetto delle proclamazioni fatte dal loro ministro delle finamze.

    new economic perspectives L.Randall Wray
    [neweconomicperspectives.blogspot.com]

    tradotto da Mikaela
    Ps ogni suggerimento e correzione e’ gradita grazie

  • mikaela
  • bstrnt

    Direi di lasciar perdere Attivissimo, ciarlatano della rete, che per l’ 11 settembre è pure riuscito a modificare la fisica di questo universo per adattarla alle balle del governo americano.
    Non credo che Citigroup abbia potuto salvarsi con i suoi assetti tossici con la “modica” somma di 58 miliardi di dollari.
    In poche parole la truffa è ben più consistente.
    Il primo stadio del collasso si è già verificato: Crollo finanziario. è perduta la fede negli “affari come al solito”. Non si parte più dall’assunto che il futuro assomigli al passato nel consentire di valutare il rischio e garantire il patrimonio finanziario. Gli istituti finanziari diventano insolventi; i risparmi sono spazzati via, e l’accesso al capitale è perduto.
    Ma sta sopraggiungendo il secondo stadio : Crollo commerciale. è perduta la fede nel fatto che “il mercato provvederà”. Il denaro è svalutato e/o scarseggia, si fa incetta di merci, si spezzano le catene di importazione e commercio al dettaglio, e la carenza diffusa dei beni di sopravvivenza diventa la norma.
    Quindi giungerà pure il terzo stadio : Crollo politico. è perduta la fede in “il governo si prenderà cura di te”. Mentre i tentativi ufficiali di alleviare la diffusa perdita di accesso alle risorse commerciali di beni di sopravvivenza non riescono a migliorare la situazione, l’establishment politico perde legittimità e rilevanza (qui in Italia, quasi, ci siamo già pur essendo riusciti a glissare il secondo stadio).
    Questi stadi non avvengono necessariamente nella successione temporale di come vengono presentati, si può precipitare al 4° o 5° stadio passando rapidamente e quasi senza accorgersi per quelli prima.
    Chiaramente stati senza possibilità di coniare moneta, decidere le politiche interne ed estere, con un esercito in affitto a terze potenze, con educazione e ricerca pilotati da terzi, hanno ben poche possibilità di sopravvivere … oggi abbiamo il default della Grecia, tra poco si sarà quello di Spagna e Italia … poi ci sapremo raccontare!

  • bstrnt

    La recessione sarà totale, più brutale per l’occidente, ma entreranno pure i paesi emergenti in questa fase.
    Le coglionerie dei manigoldi che vogliono depredare tutto e tutti con debito credo siano giunte al tragico epilogo; d’altra parte è da almeno il 500 A.C. che si sa che una crescita infinita è impossibile in un sistema finito (Anassagora).
    La soluzione chiaramente è quella di rafforzare lo stato (i cittadini, non i quisling imposti), si dovrà tornare a un socialismo illuminato, visto che il capitalismo, se non cresce in continuazione, collassa.
    Magari si dovrebbe lavorare sull’istruzione (arma degli occupanti è l’istruzione dei figli per sottomettere definitivamente la popolazione); credo che certe conoscenze (le conoscenze del tutto) debbano diventare pervasive non debbano essere settorizzate come si fa oggi (l’economista non sa nulla di fisica, il medico nulla di economia, il matematico nulla di biologia …), chiaramente il tipo di educazione attuale non è al passo con questa rivoluzione, l’antica agorà greca sarebbe molto più indicata.
    Vedremo se l’umanità comprenderà la necessità di questa trasformazione o se schiatterà miseramente come i grandi rettili del giurassico.

  • mikaela

    24- le Nazioni Euro e gli stati U.S. realmente non hanno bisogno di prestiti.

    sostituire con
    24- le Nazioni Euro e gli stati U.S. realmente hanno bisogno di prestiti.

    Grazie all’utente A….. che mi ha fatto notare questa svista.