Home / ComeDonChisciotte / NOI E GLI ALTRI ANIMALI

NOI E GLI ALTRI ANIMALI

DI GUIDO DALLA CASA
filosofiatv.org

L’ uomo e gli altri animali

L’idea di umanità è stata “costruita”, nella nostra cultura, in antitesi con l’idea di animalità, e questo è insostenibile sotto tutti i punti di vista, soprattutto quello scientifico.

Anche il linguaggio abituale è improprio, perché l’uomo è un animale.
Siamo animali a tutti gli effetti, anche facilmente classificabili: questo non significa necessariamente essere materialisti. Comunque siamo una parte integrante dell’Ecosistema, della Biosfera, della Terra.

La nostra cultura si ispira a un racconto “della Creazione” che ci fa “metafisicamente” diversi: sulla Terra sono esistite, fino a un secolo fa, circa cinquemila culture umane, e ciascuna aveva un proprio “mito delle origini”. Non ha senso basarsi su uno solo di questi miti.



Posizione della nostra specie in Natura.

La posizione antropocentrica, che dà valore a qualunque cosa solo in funzione umana, è la più diffusa nella nostra cultura. Invece una visione del mondo biocentrica assegna “valore in sé” a tutte le entità viventi, una visione ecocentrica dà valore a tutte le entità naturali e alle loro relazioni.
Gli umani, le loro culture, le relazioni fra di esse, sono indubbiamente entità naturali, e quindi anch’esse degne di “valore in sé”.
L’uomo sta alla Natura come la parte al Tutto, come un tipo di cellule sta all’Organismo psicofisico di cui fa parte. Un gruppo di cellule ha maggior “valore in sé” se lo si vede come parte integrante di un Organismo più grande di quanto ne abbia se considerato isolato.
Dare un valore “in sé” a tutte le entità naturali e alle relazioni che le legano vuol dire attribuire un profondo significato alla Vita e al mondo, accettarne e comprenderne la spiritualità immanente.
Gran parte delle posizioni attuali della cultura occidentale derivano dalle religioni che si sono originate nella regione medio-orientale ed hanno invaso il mondo, spesso con la violenza, diffondendo ideologie mostruosamente antropocentriche. Le istituzioni che le rappresentano continuano quest’opera: a parte le amenità sul concetto di “anima”, anche sul piano pratico si agitano non poco per quattro cellule surgelate (purchè umane) e non dicono una parola sulle spaventose sofferenze inflitte a tanti esseri senzienti. Il pensiero materialista non ha cambiato nulla mantenendo l’uomo “al centro” attraverso una specie di “merito selettivo”, che gli ha conservato l’esclusiva mentale-spirituale. A tutte queste ideologie è mancata totalmente la percezione che la nostra specie è strettamente collegata dall’interno a tutto il resto del mondo naturale.
In effetti queste religioni hanno cercato di perpetuare l’idea che l’uomo è metafisicamente diverso dagli altri viventi ed hanno sempre mostrato un totale disinteresse (nella migliore delle ipotesi) per il mondo naturale. Ma la differenziazione drastica o la contrapposizione uomo-animale sono oggi scientificamente insostenibili.

Il libero arbitrio

La posizione tradizionale della nostra cultura, di derivazione giudaico-cristiana ma ulteriormente rinforzata dalla visione cartesiana-newtoniana, cioè che l’uomo è dotato di libero arbitrio mentre il mondo naturale (compresi tutti gli altri animali!) è soggetto alle immutabili “leggi fisiche”, non ha più alcun significato.
Anche il determinismo totale tipo Laplace, gradito alla scienza “ufficiale”, è largamente superato.
Ogni entità naturale, ogni processo, ogni sistema complesso, ha un pizzico di libero arbitrio, potendo scegliere la via da prendere ad ogni biforcazione-instabilità. Infatti, attribuire “al caso” la via presa dopo la biforcazione in ogni sistema complesso e a “una libera scelta” quando c’è di mezzo il cervello umano, è un puro pregiudizio culturale.
Solo la “quantità” di tale facoltà è diversa da caso a caso. Secondo la visione detta “del cane al guinzaglio”, tutte le entità (uomo compreso) hanno un guinzaglio, più o meno lungo, in mano alle forze sistemiche, che non sono soltanto “fisiche” o energetico-materiali, ma anche mentali.
Il cane può talvolta far cambiare completamente direzione a chi tiene il guinzaglio, se a un bivio si dirige da una parte piuttosto che dall’altra.
Le possibilità di scelta di animali come mammiferi e uccelli sono piuttosto evidenti: in ogni caso le differenze con le scelte umane sono soltanto quantitative.
Inoltre il grado di imprevedibilità che si manifesta in diverse comunità di insetti, di mammiferi o di uccelli, non è molto diverso da quello dei gruppi umani. Inoltre le società di molte specie sono notevolmente strutturate.

Etica e diritti degli altri animali

Se c’è qualche differenza fra umani e altri animali, è solo di natura quantitativa. L’uomo è un animale: anche l’etica deve tenerne conto quando si occupa degli altri esseri viventi, e senzienti.
Non sono bastati gli studi di Konrad Lorenz, e di numerosi altri scienziati, per riconoscere una profonda vita soggettiva agli altri animali. Altre recenti idee, per ora di minoranza, attribuiscono una mente immanente a tutti i sistemi complessi e quindi a tutte le entità naturali.
Gli altri animali soffrono, amano, sono coscienti. Qual è la facoltà che consente di attribuire dei “diritti soggettivi”? Se fosse qualche forma di coscienza o consapevolezza, non si capisce con quale logica si riconoscono diritti alle persone in coma o agli embrioni umani e non si considera degno di considerazioni morali soggettive un essere consapevole e senziente come un orango o un delfino.

Il bonobo, o Pan paniscus, dovrebbe chiamarsi Homo paniscus: le differenze con l’Homo sapiens sono minime. Dobbiamo liberarci da quell’antropocentrismo che caratterizza la nostra cultura ed è una delle cause “a monte” che hanno provocato la spaventosa situazione ecologica del Pianeta.
Sembra che il governo spagnolo abbia dichiarato che le Grandi Scimmie “possiedono facoltà mentali e una vita emozionale sufficienti per giustificare la loro inclusione nella comunità degli eguali”. Neppure il mondo scientifico, che pure conosce da tempo che la differenza fra uomo e scimpanzè è dell’ordine dell’uno per cento, si è mai dato molto da fare su questo piano.

Motivi per essere quasi-vegetariani.

Siamo molto simili a oranghi, gorilla, scimpanzè e bonobo, che sono praticamente vegetariani, salvo per qualche insetto e, raramente, una bistecca di babbuino da parte degli scimpanzè. Abitualmente mangiano foglie, radici, tuberi, frutta. E noi siamo quasi uguali.

Inoltre il passaggio, nella catena alimentare, attraverso la carne comporta una forte perdita di energia complessiva (oltre l’80%) e quindi un grande spreco, tanto è vero che c’è posto per un leone ogni mille gazzelle, un’aquila ogni mille marmotte… Se no, i conti non tornano. Invece la nostra specie pretende di avere sei miliardi e mezzo di esemplari, e inoltre mangiare carne. E crescere ancora?!
In questo modo non si può durare a lungo.

CITAZIONI

La visione ideologica che ci fa credere unici e diversi cioè inconfondibili e migliori di tutti gli altri esseri viventi sul pianeta, è solo un curioso delirio di grandezza.
(Fabio Ceccarelli, antropologo)

L’idea che l’uomo sia sin dall’inizio dei tempi la meta prestabilita di ogni evoluzione naturale mi sembra il paradigma della cieca superbia che precede la caduta. Se dovessi credere che un Dio onnipotente ha creato intenzionalmente l’uomo attuale così com’è rappresentato dall’esponente medio della nostra specie, allora sì che dubiterei dell’esistenza di Dio.
(Konrad Lorenz)

Riferire tutti i giudizi di valore all’umanità è una forma di antropocentrismo filosoficamente indifendibile.
(Arne Naess)

Vedi questo uovo? Grazie a lui si possono rovesciare tutte le scuole di teologia e tutti i templi della Terra. Che cosa è questo uovo? Una massa insensibile prima che il germe vi si sia introdotto… Come farà questa massa a passare ad un’altra organizzazione, alla sensibilità, alla vita? Col calore. Ma chi produrrà il calore? Il moto? Quali saranno gli effetti successivi di questo moto? Invece di rispondermi, siediti, e seguiamoli attimo per attimo con i nostri occhi.
Dapprima c’è un punto che oscilla, un filetto che si estende e si colora; si forma della carne, un becco, la punta delle ali, occhi, zampe che cominciano ad apparire; una materia giallastra che si divide e produce degli intestini; è un animale… Cammina, vola, si irrita, fugge, si avvicina, si lamenta, soffre, ama, desidera, gioisce; ha tutte le tue caratteristiche; compie tutte le tue azioni.
Vorresti, con Descartes, che esso sia una pura macchina imitativa? Ma ti prenderanno in giro pure i bambini e i filosofi ti replicheranno che, se quella è una macchina, tu ne sei un’altra. Se confessi che, tra te e l’animale, ci sono soltanto differenze di organizzazione, mostrerai buon senso e ragionevolezza, sarai in buona fede; ma si potrà concludere contro di te che, con una materia inerte, disposta in un certo modo, impregnata con un’altra materia inerte, con un po’ di calore e di movimento, si ottiene sensibilità, vita, memoria, coscienza, passioni, pensieri…Ascolta e avrai pietà di te stesso; capirai che, per non ammettere una supposizione semplice che spiega tutto, la sensibilità, proprietà generale della materia, o prodotto dell’organizzazione, rinunci al senso comune e ti sprofondi in un abisso di misteri, contraddizioni, assurdità.
(Diderot, dal libro La Nuova Alleanza di Prigogine-Stengers)

Quando mi trastullo con la mia gatta, chi sa che essa non faccia di me il proprio passatempo più di quanto io faccia con lei?” E più oltre: “Noi non li comprendiamo più di quanto essi comprendano noi. Per questa ragione possono considerarci come noi li consideriamo. Bisogna che osserviamo la parità che c’è fra noi. Noi comprendiamo approssimativamente il loro sentimento, così gli animali il nostro, pressappoco nella stessa misura, essi ci lusingano, ci minacciano, ci ricercano.
(Montaigne)

E’ la storia di tutta la vita che è santa e buona da raccontare e di noi che la condividiamo con i quadrupedi e gli alati dell’aria e tutte le cose verdi: perché sono tutti figli di una stessa madre e il loro padre è un unico Spirito. Forse che il cielo non è un padre e la Terra una madre e non sono tutti gli esseri viventi con piedi, con ali e con radici i loro figli?
(Alce Nero, dal libro Alce Nero parla di John Neihardt)

Nessuna verità sembra a me più evidente di quella che gli animali sono dotati di pensiero e di ragione al pari degli uomini. Gli argomenti sono a questo proposito così chiari, che non sfuggono neppure agli stupidi e agli ignoranti.
(David Hume)

Ho conversato a lungo, su questi argomenti, con Konrad Lorenz, padre dell’etologia moderna. Alla domanda se anche gli animali siano consapevoli, con il tono passionale e affascinante che lo distingue, risponde: “Nessuna persona seria dovrebbe dubitare di questo. Sono pienamente convinto, dico pienamente, che gli animali hanno una coscienza. L’uomo non è il solo ad avere una vita interiore soggettiva”. E aggiunge che l’uomo è troppo presuntuoso, troppo preso di sé. Naturalmente, dice ancora il grande scienziato, il fatto che gli animali abbiano una coscienza “solleva dei problemi”. Forse l’uomo ha paura di fare altri passi in questa logica: riconoscendo una vita interiore agli animali, sarebbe costretto a inorridire per il modo con cui li tratta.
Lorenz mi ha parlato anche dell’infallibilità con cui gli animali conoscono subito le intenzioni di chi sta loro di fronte. Ma non c’è bisogno di scomodare tanta autorità, per commentare l’episodio del gorilla in questione. Solo una mente rozza o malata di dogmatismi, potrebbe dubitare delle buone intenzioni dell’animale. E i cani di Vienna, compresi quelli di Lorenz, non sono mai minacciosi per istinto o perché capiscono che la gente li ama e non farebbe loro mai del male?
In fondo l’etologia va confermando quello che Giordano Bruno aveva intuito con il suo genio filosofico, e cioè che tutti gli esseri viventi sono fenomeni diversi di un’unica sostanza universale. Traggono dalla stessa radice metafisica e la loro differenza è quantitativa non qualitativa o, per usare il linguaggio di Kant, fenomenica non noumenica. L’intelletto, che serve a intuire la relazione delle cose tra di loro, è comune, sia pure proporzionato ai bisogni, a tutti gli esseri viventi. Questo insegnano i grandi pensatori, a incominciare da Schopenhauer, e questo sostiene, in ultima analisi, Lorenz.
Sarebbe pura cecità considerare l’uomo come qualche cosa di completamente avulso dal resto del regno animale. La scoperta che gli animali mentono – per esempio i gracchi alpini e corallini, ma Lorenz mi ha parlato anche di altri animali – e quindi sono capaci di astrazione ha fatto cadere perfino il dogma che solo l’uomo avesse la facoltà di riflettere in abstracto.
La filosofia occidentale è troppo impregnata di teologia. Lo riconosceva perfino Nietzsche, che pure parlava e predicava come un prete capovolto. Il male è già all’inizio: “Crescete e moltiplicatevi, e popolate la terra, ed assoggettatevela, e signoreggiate i pesci del mare e i volatili del cielo, e tutti gli animali che si muovono sulla terra.” Signoreggiate, cioè opprimete, tormentate e uccidete tutti gli altri esseri viventi: parla così, un Dio? E non poteva anche risparmiarsi queste parole, dopo aver creato un essere malvagio come l’uomo? Lorenz, sia pure dopo una disamina di carattere storico, definisce “satanico” un simile comandamento.
Quale penoso contrasto con le sublimi parole che Buddha rivolse al suo cavallo quando lo lasciò libero: “Và! Anche tu, un giorno, sei destinato al nirvana”.
Questo episodio faceva tremare di commozione Schopenhauer e Wagner, ma non impressiona minimamente la corteccia cerebrale dei nostri filosofi-teologi. A loro è più congeniale Cartesio, che considerava gli animali delle semplici macchine.
Vicino a Lorenz si respira meglio sia scientificamente che moralmente. Proprio perché ha scandagliato come nessun altro la vita interiore degli animali, sa anche quale responsabilità morale questo comporti…
(Anacleto Verrecchia, La Stampa, 8 settembre 1986)

Sai che gli alberi parlano? Si, parlano l’uno con l’altro e parlano a te, se li stai ad ascoltare. Ma gli uomini bianchi non ascoltano. Non hanno mai pensato che valga la pena di ascoltare noi indiani, e temo che non ascolteranno nemmeno le altre voci della Natura. Io stesso ho imparato molto dagli alberi: talvolta qualcosa sul tempo, talvolta qualcosa sugli animali, talvolta qualcosa sul Grande Spirito.
Tatanga Mani (da: Recheis-Bydlinski, Sai che gli alberi parlano?)

Guido DAlla Casa
Fonte: www.filosofiatv.org
Link: http://www.filosofiatv.org/index.php?topic=ecofilosofia
Novembre 2007

Pubblicato da Davide

  • biopresto

    mi è piaciuto molto

  • Interconnessioni

    GRANDE!
    Ritengo questo sopratutto:”Riferire tutti i giudizi di valore all’umanità è una forma di antropocentrismo filosoficamente indifendibile”

  • SergioGino

    Motivi per essere quasi-vegetariani….Boni….State Boni. Non diciamo fesserie:

    http://www.second-opinions.co.uk/vegetarian.html

    Tra l’altro siamo così tanti e sempre più malati per via dell’agricoltura che esiste solo da poche migliaia di anni.

    Evviva i grassi saturi (magari crudi):

    http://www.westonaprice.org/
    http://drbass.com/aajonus.html

  • canopus

    Non metto in dubbio che siamo animali, lo dicevo anche prima di leggere 3 libri di Lorenz. Però mettiamo in chiaro una cosa: la natura non è Madre Natura, è matrigna. Anche i cavalli sembrano alquanto intelligenti, ma io continuerò bellamente a mangiare carne di cavallino, sì, del piccolo del cavallo, spiacente ma è così. Prendete virus, batteri e parassiti vari. Dite loro di smetterla di darci fastidio. Diventassero anche loro vegetariani (alcuni virus lo sono: virus che attaccano solo delle piante). Non vedo per quale motivo dobbiamo continuare a essere vittime della tenia (verme solitario) e invece smetterla di mangiare carne. Forse che i leoni smetteranno di mangiare gazzelle?
    Vi dice niente che alcuni amminoacidi non si trovano nei vegetali (8 di essi, fra i quali il triptofano) e quindi dobbiamo prenderli dal regno animale? Certo, anche latte e uova sono del regno animale, ma di questo passo qualcuno dirà che le uova sono futuri pulcini (come i feti umani, quelle 4 cellule di cui si parla nell’articolo) e il latte serve a dar da mangiare ai vitelli.
    Ci sono ben altri problemi che assillano l’umanità.

  • Picchio40

    La grande mistica e sociologa francese Simone Weil afferma che gli uomini riescono a fare le azioni più ripugnanti separando l’uno dall’altro i singoli atti che costituiscono la trasgressione. In realtà ben poche persone della nostra società resterebbero carnivore, se dovessero uccidere da se gli animali di cui si nutrono. Ecco perchè l’atto dell’uccidere e quello del mangiare sono tenuti accuratamente separati e i macelli costruiti lontano dai centri abitati. Leone Tolstoi nel saggio “Il Primo Gradino” a favore del vegetarismo ci racconta cosa accade nei macelli. Ecco un breve stralcio: – Dalla parte opposta a quella dove io mi trovavo, stavano facendo entrare un grosso bue, rosso e grasso; due uomini lo trascinavano per le corna. Il bue aveva appena varcato la soglia, che un macellaio lo colpì alla nuca con un’ascia a manico lungo. Come se gli fossero state tagliate tutte e quattro le gambe di un sol colpo, il bue cadde pesantemente sul ventre, poi si girò su un fianco e si mise ad agitare convulsamente le gambe e la parte posteriore del corpo. Allora uno dei macellai si precipitò su di lui, badando a non farsi colpire dagli zoccoli, lo prese per le corna e gli abbassò con forza la testa contro il suolo, mentre un altro gli tagliava la gola. Dalla larga ferita un sangue rosso bruno sgorgò a fiotti e venne raccolto in un recipiente di metallo da un ragazzo, tutto intriso di sangue. – Riflettiamo, forse non è bene mangiare la carne di altre creature!

  • Picchio40

    Certamente diventare vegetariani richiede impegno, ma se vogliamo assomigliare ai personaggi elencati di seguito, forse ne vale la pena: Leonardo da Vinci (1452-1519),scienziato italiano; Giordano Bruno (1548-1600), filosofo italiano; Benjamin Franklin (1706- 1790), scienziato e politico statunitense; Lev Nikolaevič Tolstoj (1828-1910), scrittore russo; George Bernard Shaw, (1856-1950), scrittore irlandese; Mohandas Karamchand Gandhi (1869-1948), politico indiano; Albert Einstein (1879-1955), fisico tedesco e premio Nobel (vegetariano negli ultimi anni di vita); Aldo Capitini (1899-1968), filosofo italiano; Martin Luther King (1929-1968), politico statunitense e premio Nobel; Isaac Bashevis Singer (1904-1991), scrittore polacco e premio Nobel; Tiziano Terzani (1938-2004), scrittore italiano; Franco Battiato, cantante e regista; Adriano Celentano, cantante; Giorgio Celli, etologo e divulgatore scientifico; Marco Columbro, presentatore televisivo; Manuela Di Centa, fondista, campionessa olimpica; Margherita Hack, astronoma; Jovanotti, cantante; Gianni Morandi, cantante; Mario Tozzi, geologo e divulgatore scientifico; Umberto Veronesi, oncologo e ex-ministro della Sanità; Pamela Anderson, attrice statunitense; George Harrison, cantante e chitarrista dei Beatles; Linda McCartney, moglie di Paul; Paul McCartney, cantante dei Beatles Martina Navrátilová, tennista statunitense di origine cecoslovacca; Tom Regan, filosofo americano; Jeremy Rifkin, economista, filosofo e scrittore statunitense; Peter Singer, filosofo e scrittore australiano. Ma ce ne sono tanti e tanti altri!

  • SergioGino

    Suppongo che tu stia vivendo in una grande città. Se fossi uomo di campagna come me saresti più responsabile di cosa mangi e come arriva sul piatto. Io le vivo le esperienze di base e non leggo solamente le fuorvianti esperienze degli altri ( Leone Tolstoi ).
    Domenica scorsa ho ucciso l’ultimo coniglio che sto mangiando. Il coniglio era bellissimo ma l’illusione offerta da madre natura, la quale viviamo, impone che per sopravvivere tu debba uccidere un’altra forma di vita, sia essa animale o vegetale (a meno che pensi che l’insalata prima che la mangiassi fosse morta). Il coniglio si uccide dandogli un colpo FORTE sulla nuca e tagliandogli la gola per far scolare il sangue. Il coniglio una volta tolta la pelliccia è come lo compri al supermercato (solo che è caldo e genuino).
    L’animale apparentemente non soffre così tanto, non come un pinguino ucciso da un’orca o uno gnu ucciso da un coccodrillo che sono assassini di natura ma GROTTESCHI.
    Questo te lo dice uno che ha subito la disgregazione di molti dei suoi denti quando era un convinto vegano. Da quando mangio carne cruda e uova non ho avuto più problemi di denti. Casualità?
    Solo in città si può mangiare carne del mattatoio. Siete degli animali in gabbia!