Home / ComeDonChisciotte / NOI, BUONI A NULLA

NOI, BUONI A NULLA

DI SIMONA BALDANZI
Nazione indiana

Barberino di Mugello, 3 ottobre 2008

Sono stata a luglio e settembre 2008, nei tre cambi base dei cantieri della Variante di Valico di Barberino di Mugello, per una ricerca condotta dall’Asl 10 di Firenze sulla sicurezza, sui disturbi psicofisici del lavoro a turni, sul mobbing, sull’uso di sostanze. Mi avevano chiamata perché sette anni fa feci una tesi sui lavoratori della Tav, sul loro rapporto con la comunità locale e quindi avevo esperienza come ricercatrice sociale o come “ragazza dei questionari”, come mi chiamavano i lavoratori.

Ieri tre operai sono precipitati da un pilastro del viadotto dell’A1, lotto 13 della Variante di Valico proprio a Barberino. Due erano della ditta Toto e uno di una ditta subappaltatrice. A casa ho la lista dei loro nomi, a fianco mettevo una X e la data quando mi restituivano il questionario, solo per fare i conti di quanti li compilavano, perché poi le loro risposte erano anonime.

Quando ieri mi hanno chiamato al telefono per chiedere a me cosa fosse successo e io non ne sapevo nulla, ho rivisto le facce dei lavoratori quando salgono a squadre sui furgoni e ti salutano dal finestrino. Ho pensato a quell’elenco, ho pensato al mio paese, ho pensato alle imprese e ai sindacati, ho pensato al mio lavoro. Ho pensato che tutti quanti siamo dei buoni a nulla.

Il campo base della ditta Toto si trova dentro al cantiere. Quando ci sono stata la prima volta ho faticato a crederlo: come è possibile permettere che i lavoratori mangino, dormano, vivano sotto l’imbocco della galleria 24 ore su 24 nella polvere, nel rumore, nel lavoro nel 2008? Ho avuto subito la percezione che fosse peggio dei cantieri dell’Alta Velocità: se credevo che i cantieri della Tav fossero il punto di partenza per migliorare, mi ero sbagliata. Qua si torna indietro, si perdono diritti come cadono le foglie d’autunno, solo che poi i rami seccano e non nasce più niente.

Le ditte che hanno in appalto i lavori sono BTP (Baldassini Tognozzi Pontello), Todini e Toto. Per l’Alta velocità il committente era unico, il CAVET (Consorzio Alta Velocità Emilia Toscana). Sebbene per entrambe le opere ci siano miriade di subappalti, è chiaro che la frammentazione dei lavori in lotti e conseguenti ditte, rende più difficile anche una gestione unitaria della sicurezza: occorrono più controlli, si ha a che fare con più responsabili e con organizzazioni diverse.

La Variante di Valico è un’opera ritenuta ormai necessaria da tutti, non ha opposizione dalle forze politiche, non c’è conflitto intorno al progetto per cui non ci sono riflettori accesi, discussioni, informazione. Sull’Alta velocità non era così, soprattutto all’inizio dei lavori. Difatti, col proseguire dell’opera e l’attenzione diminuita, i turni sono peggiorati, la frammentazione del lavoro in subappalti cresciuta e le morti pure.

I lavoratori dell’Alta Velocità facevano turni che già ritenevo durissimi: il cosiddetto quarto turno con 6 giorni di lavoro e uno di riposo, 6 giorni di lavoro e due di riposo, 6 giorni di lavoro e tre di riposo, facendo così 48 a settimana in galleria. Già dal primo giorno di distribuzione dei questionari sulla variante di valico, ho capito che i turni qua erano ancora più duri: i lavoratori mi hanno parlato di 11, 12, 13 ore nei cantieri come orari “normali”. Alle 14 a mensa aspettavo le squadre dei turnisti che dovevano smontare. Non ne ho mai vista arrivare una. Nel questionario si chiede quante ore di lavoro fai mediamente al mese di straordinari. Alcuni lavoratori mi guardavano ridendo: la verità? Io li esortavo dicendo loro che il questionario era anonimo. Mi scrivevano 40, 50, 60 ore. Qualcuno mi ha confessato che oltre alla ditta dell’appalto lavora anche per la ditta in subappalto a nero e allora lì le ore si fa fatica anche a contarle.

Ho trovato lavoratori sempre più cinici, rassegnati e con uno sguardo crudo: cosa ci fai tu qui? Sicurezza? Un questionario a cosa può servire? E poi perché chiedete degli straordinari? Gli straordinari sono una cosa nostra, che c’entra con la sicurezza? Oppure: devi lavorare, se io riempio il questionario e dico la verità, poi che mi succede? Che la mia famiglia poi non mangia? Veniamo da paesi che di lavoro non ce n’è, almeno che non lavori per la mafia, quindi ci dobbiamo lamentare?

Ho trovato lavoratori sempre più nomadi e precari: lavorano per l’opera e poi alla ricerca di un altro cantiere. Lavoratori per la stragrande maggioranza dal Meridione e questo come alla TAV. “Sai di dove sono io? Sicuramente dalle mie parti non ci sei stata?” e io: “Perché?” e lui: “Sono di Casal di Principe, capisci?” e poi aggiungeva “A casa ho lasciato la mia famiglia. Non ho un figlio, ho una preoccupazione”

Compilavano il questionario forse più per sollecitazione della ditta, che noi sollecitavamo ogni volta, che non per l’interesse sulle conseguenze dei turni, sulle sopraffazioni dei capi, sull’abuso di alcol, sull’isolamento nei campi lontani da casa, dalle famiglie e dai paesi. Perché ieri mi chiedevo anche questo: io sono di Barberino, sono toscana, gli operai morti sono due calabresi e un campano. Di chi sono? Il lutto lo esprimono tutti, ma poi sarà delle loro famiglie e nient’altro. A Barberino non li conosceva nessuno o forse li hanno visti passare nei furgoni, in Piazza per un caffè, con quel loro accento di fuori, per qualche minuto. E quando tornano a casa, sono forse dei loro paesi? Non più, se ne vanno, perdono le radici, perdono territorialità e con questo le difese, familiari, sociali, politiche, di solidarietà. Anche questo c’entra con l’organizzazione del lavoro e con la sicurezza. E dopo la Tav che aveva fallito l’integrazione, non abbiamo imparato nulla per accoglierli, per andare a vedere chi fossero e di cosa avevano bisogno. Un lavoratore mi ha ringraziato tre volte perché gli ho dato indicazioni per dove andare in piscina, dopo il turno.

Quando eravamo un’infermiera e io a far compilare i questionari, ogni tanto arrivavano i funzionari dei sindacati. A volte erano gli stessi che venivano nei campi base della TAV, spesso ho dovuto io salutarli per ricordare loro chi fossi. Che ero di nuovo in giro nei cantieri, che poi ci avrei scritto, studiato, forse dava fastidio. Qualcuno so che ha fatto carriera, è passato di grado, nel sindacato, ma ho visto anche loro più spenti, grigi, senza nessun bagliore di conflitto, come fosse una cosa di cui vergognarsi e non una pratica di conquista, di messa in discussione del sistema. Un solo sindacalista mi parlava volentieri, mi ha detto che la sua organizzazione sindacale lo ha relegato nei cantieri perché dava fastidio da altre parti, era lì come una sorta di punizione. Lui è quello che ho visto più presente, che mi raccontava quello che vedeva, che ci provava, ecco, a difenderli quei lavoratori. Il resto un gran vuoto, tanta polvere e occhi nudi. Perché i lavoratori ti guardano come i bambini: non hanno timori a fissarti, quando arrivi, quando parli loro, quando gli dai una penna in mano, quando gli spieghi del questionario, quando ti raccontano il loro lavoro. Bisognerebbe trovare noi (tutti: ASL, sindacati, amministratori, politici, ricercatori, scrittori, altri lavoratori, cittadini) lo stesso coraggio di ricominciare a guardarli in faccia. Quando gli occhi sono stanchi, arrossati, brillanti, non quando sono spenti. Non quando sono morti. Altrimenti loro continueranno a lavorare e morire e noi a rimanere quello che siamo, buoni a nulla.

Simona Baldanzi
Fonte: www.nazioneindiana.com
Link: http://www.nazioneindiana.com/2008/10/03/noi-buoni-a-nulla/#more-9157
3.10.08

Pubblicato da Davide

  • lupomartino

    Brava Baldanzi, e poi dicono che i terroni e gli extracomunitari sono la palla al piede del nostro paese!!!!!!

  • Grossi

    L’amichetto del politico o del tal intrallazzatore ottiene l’appalto, proporzionato anche in denato rispetto al lavoro da svolgere. A questo punto si inizia a subappaltare, e ognuno toglie la sua fetta, alla fine al lavoratore non rimane che polvere in mano.
    Perchè non vengono proibiti questi meccanismi ?
    Perchè tutti li usano, anche quelli che a parole li detestano per dirla chiara.
    Quando si tratta di lavori di una certa complessità c’è il pericolo che sul posto arrivi gente completamente impreparata per fare il lavoro richiesto, dato che vengono tutti pagati 2 lire non si può pretendere chissà quale professionalità, credo che la gente rassegnata si stia abituando allo scadimento generale dei servizi (sempre meno gente capace di fare realmente il proprio lavoro).

  • vernetto

    in quei cantieri ci ho lavorato pure io, ma ero fortunato perche’ la sera dormivo a casa e non in uno degli squallidi containers messi a disposizione dalla ditta. Il lavoro era massacrante e a sera si stava appena in piedi. Ricordo la frase di un compagno di lavoro, un anziano siciliano: “La vita è uno schifo”. Tutto li’, non c’e’ bisogno di aggiungere altro.

  • guido

    I capitolati di appalto delle opere pubbliche degli anni ’80 vietava tassativamente il subappalto.
    Poi hanno preso il potere gli strozzini europei ed oggi non è possibile vietarlo per contratto e qualche volta abbiamo:
    il titolare del contratto, una grossa società di tipo finanziario
    la grossa impresa nazionale
    la grossa impresa locale
    la piccola impresa che fornisce alcuni lavoratori in proprio
    i cottimisti che lavorano
    il ricarico su ogni passaggio è almeno del 20% perciò, poichè 1,20×1,20×1,20×1,20 = 2 (circa) il popolo paga l’opera pubblica il doppio di quanto costa realmente; spesso qualche abbiamo qualche passaggio in meno ma anche guadagni parassiti più alti.
    Oltre ai lavoratori in nero vengono anche utilizzati stranieri regolarmente assicurati, utili perchè percepiscono meno di quanto è scritto sulla busta paga e risultano più “gestibili” degli indigeni.
    Le normative sulla sicurezza dal canto loro sono un coacervo di pratiche amministrative e burocratiche inutili (come si può constatare) che hanno l’unico scopo di tutelare giuridicamente i titolari delle imprese. Ho sentito in TV i Carabinieri che indagavano su un grave incidente con molti morti affermare: “la documentazione amministrativa della ditta è risultata in regola”!
    Come dire l’operazione è perfettamente riuscita ed il paziente è morto.
    Il tutto rientra nella logica del sistema perchè ovviamente ogni incidente produce un aumento del PIL.

  • Matt-e-Tatty

    Purtroppo questo è parte del dramma dei lavori pubblici.
    La BTP (BaldassiniTognozziPontello) altro non è che una ditta con uffici e senza operai, in pratica tutto il lavoro viene subapaltato. I prezzi di partenza per un appalto sono ridotti (a gonfiare ci pensano gli imprevisti) ma, chi si accaparra l’appalto si ritrova con un grande potere, viene subapaltato ad altre ditte (con operai) che si “accontentano” e a loro volta si rifanno sui lavoratori (nero e sottopagato) e tante volte non arrivano nemmeno i pagamenti, conosco casi di persone che avevano investito cifre spaventose per macchinari che hanno lavorato alla TAV e che sono inesorabilmente falliti perchè BTP non pagava, o i pagamenti arrivano con ritardi mostruosi (altro caso che conosco di un’impresa che si reca al nodo di Bologna per risolvere un problema con speciali attrezzature e che da pagamento a 3 mesi ha slittato a 10 mesi dopo raccomandate ecc….e si trattava di soli 40000€ quindi una cifra modesta, nel senso che l’insoluto non portava a fallimento la ditta, telefoni alla BTP e ti risponde una segretaria che ti dice : quando doveva essere pagato il conto? Impresa: già due mesi fa! Segretaria ridendo: allora…cosa vuole che sia…mi rimandi la fattura…forse non l’abbiamo ricevuta…(sempre ridendo!)), chi lavora solo in quei cantieri si trova a sfruttare oltremodo l’operaio e spesso a dover dividere l’onorario con la dirigenza (una sorta di tangente sul pagamento!) E tante sono le cose che non sò…chissà cos’altro c’è sotto…Povera Italia!