NEWS – Facebook minaccia di chiudere in Europa, il regolamento di tutela dei dati personali non è di suo gradimento

La nuova legge irlandese non è di gradimento a Mr Zuckerberg: presenta infatti la possibilità di bloccare il trasferimento dei dati dall’Europa agli Stati Uniti. In caso di applicazione minacciano la chiusura in Europa di Facebook e Instagram. Una lieve resistenza dall’Europa nella guerra per il controllo dei dati.

 

Isobel Asher Hamilton

businessinsider.com

 

Facebook ha dichiarato che potrebbe interrompere il funzionamento della sua applicazione principale e di Instagram in Europa in risposta alle nuove normative che riguardano le modalità di trasferimento dei dati dall’Unione Europea agli Stati Uniti.

La società ha depositato una dichiarazione giurata presso l’Alta Corte d’Irlanda il 10 settembre. Il Business Post dell’Irlanda è stato il primo a riferire sul documento domenica.

Facebook ha contestato un’ordinanza preliminare emessa all’inizio di questo mese dal garante della privacy dell’Irlanda, la Data Protection Commission, minacciando di bloccare il trasferimento dei dati dell’Unione Europea verso gli Stati Uniti per motivi di privacy.

“Nel caso in cui il Richiedente fosse soggetto a una sospensione completa del trasferimento dei dati degli utenti negli Stati Uniti, come sembra essere quanto proposto dal DPC, non è chiaro al Richiedente come, in tali circostanze, possa continuare a fornire i servizi di Facebook e Instagram nell’UE”, ha scritto Yvonne Cunnane, responsabile della protezione dei dati di Facebook Irlanda e consulente generale associato, aggiungendo che Facebook ha 410 milioni di utenti attivi mensili in Europa.

Un portavoce di Facebook ha negato che ciò costituisca una minaccia di ritiro dall’UE.

“Facebook non minaccia di ritirarsi dall’Europa. I documenti legali depositati presso l’Alta Corte irlandese mostrano la semplice realtà che Facebook, e molte altre imprese, organizzazioni e servizi, si basano sul trasferimento di dati tra l’UE e gli Stati Uniti per poter operare i loro servizi”, ha detto il portavoce in una dichiarazione.

“La mancanza di trasferimenti di dati internazionali sicuri e legali danneggerebbe l’economia e ostacolerebbe la crescita delle imprese basate sui dati nell’UE, proprio come noi cerchiamo una ripresa da COVID-19”, ha aggiunto.

Vice News, che ha ottenuto la dichiarazione completa di Facebook, ha riferito che anche il gigante tecnologico si è lamentato di essere stato trattato ingiustamente, in quanto nessun’altra azienda tecnologica statunitense era stata presa di mira in modo simile dal DPC.

L’ordine preliminare del DPC ha messo in dubbio la validità del sistema che Facebook utilizza per rispedire i dati negli Stati Uniti, chiamato standard contractual clauses, clausole contrattuali standard (SCC).

Nel mese di luglio, gli SCC sono stati considerati complessivamente validi come meccanismo di trasferimento dati tra paesi, dopo che l’UE ha smantellato un accordo di lunga data tra UE e USA per il trasferimento dei dati chiamato Privacy Shield. Tuttavia, per qualificarsi per gli SCC, i paesi devono dimostrare un livello sufficientemente elevato di riservatezza dei dati e la preoccupazione è che la sorveglianza dei dati da parte degli Stati Uniti sia troppo invasiva per essere all’altezza degli elevati standard dell’UE.

 

Fonte: https://www.businessinsider.com/facebook-eu-us-data-transfer-could-block-service-2020-9?IR=T

Traduzione per comedonchisciotte.org di Riccardo Donat-Cattin