Home / ComeDonChisciotte / NELLE MANI DEI CINESI ?

NELLE MANI DEI CINESI ?

DI VALERIO LO MONACO
ilribelle.com

Per ora è solo il Financial Times a comunicarlo, citando dei funzionati italiani secondo i quali Lou Jiwei, che è il presidente della China Investment Corp, ovvero uno dei più grandi fondi sovrani cinesi, è stato a Roma per incontrare il nostro ministro dell’Economia Giulio Tremonti.

In parole semplici, e al di là degli incontri di rito – già due settimane addietro il direttore generale del tesoro si era recato a Pechino – c’è la seria possibilità che arrivi un investimento ingente da parte dei fondi sovrani cinesi sui nostri titoli di Stato. Questa possibilità, ovviamente, arriva in uno dei momenti più delicati per l’Italia, in merito alla sua possibilità di rifinanziarsi emettendo debito. E gli avvoltoi, ovviamente, accorrono quando c’è già quasi puzza di cadavere.

Tremonti sarebbe costretto a cercare altre alternative per piazzare i nostri titoli di Stato, soprattutto perché non è ancora chiaro – anzi è in forte dubbio – se la Banca Centrale Europea continuerà ad acquistare i nostri Bond o meno, e dunque si rivolge anche a Oriente.

Secondo il FT la Cina dovrebbe controllare, al momento, circa il 4% dei 1900 miliardi del debito italiano (dunque all’incirca una ottantina di milioni) ma questa mossa potrebbe far spostare di molto le cifre. Del resto al momento la Cina ha in mano circa 1000 miliardi di dollari del debito statunitense, e potrebbe pensare di differenziare di molto il proprio portafoglio acquistando anche in Europa, come fatto a suo tempo, sebbene in modo limitato, con Grecia e Portogallo.

I numeri non cambiamo la sostanza delle cose: potremmo finire in mano cinese.

E lo stesso Obama, del resto, appare piuttosto innervosito dalla cosa, ovvero dal fatto la Cina stia iniziando seriamente a dismettere dollari per acquistare in Europa. Malgrado appaia che i mercati apprezzino tale possibilità (a Oriente sono in ripresa) secondo il presidente statunitense “tutta l’economia mondiale resterà debole fino a che l’Europa non avrà risolto i suoi problemi finanziari”. Il che è come un toro che dà del cornuto all’asino, ma tant’è: l’attacco all’Euro e all’Europa sta avendo, per il momento, pieno successo, visto che, tra le altre cose, il cambio al momento vede l’euro in forte calo sul dollaro. Obama ha anche, candidamente, affermato che ci sarebbe “un problema grave (per) Spagna e Italia se i mercati continuassero a prendersela con questi due grandi paesi”.

Come se i “mercati” fossero entità del tutto estranee a Obama, la cui amministrazione è di fatto controllata da Goldman Sachs, come sappiamo, che sui mercati agisce come un vero e proprio cecchino.

Valerio Lo Monaco

www.ilribelle.com/
13.09.2011

Per gentile concessione de “La Voce del Ribelle”

La Voce del Ribelle è un mensile – registrato presso il Tribunale di Roma,
autorizzazione N° 316 del 18 settembre 2008 – edito da Maxangelo
s.r.l., via Trionfale 8489, 00135 Roma. Partita Iva 06061431000
Direttore Responsabile: Valerio Lo Monaco
All rights reserved 2005 – 2008, – ilRibelle.com – RadioAlzoZero.net
Licenza SIAE per RadioAlzoZero n° 472/I/06-599
Privacy Iscrizione ROC – Registro Operatori della Comunicazione – numero 17509 del 6/10/2008

Pubblicato da Davide

  • AlbertoConti

    “Obama, del resto, appare piuttosto innervosito dalla cosa” …. Parole in musica, la melodia che aspettiamo da 70 anni. Un po’ di cinesizzazione non può che giovare ai merdoni nostrani.

  • Tonguessy

    Ma la Cina non era quella che ha “salvato” con pesanti investimenti la Grecia e comprandosi, tra l’altro, il Pireo?

  • dino23

    Musica, attesa…… interessanti le parole che scrive l’amico di sopra.
    Qualcosa sembra muoversi. Chissà però quanti altri “pieni” di hard rock usraeliano ci saranno ancora da ascoltare prima della sinfonia RDS-220.
    Solo Dio (non quello biblico del “popolo eletto”) potrebbe svelarcelo.

  • glab

    scusa se mi permetto di correggere il tuo post, al posto del termine merdoni direi che è più appropriato il termine avvoltoi.

  • jaimedipietra

    Mah…i soldi cinesi sono il frutto della finanza globale. Sono i soliti banchieri che fanno il loro gioco: fanno crollare i mercati da una parte, investono dall’altra, ricomprano sui mercati precedenti. Ora lo fanno a livello globale. La Cina si presta al gioco fino a che continuerà a crescere all’11%. E fino a quando ci sarà grano e petrolio per tutti. Poi allora, il sistema scoppia.

  • jaimedipietra

    Mah…i soldi cinesi sono il frutto della finanza globale. Sono i soliti banchieri che fanno il loro gioco: fanno crollare i mercati da una parte, investono dall’altra, ricomprano sui mercati precedenti. Ora lo fanno a livello globale. La Cina si presta al gioco fino a che continuerà a crescere all’11%. E fino a quando ci sarà grano e petrolio per tutti. Poi allora, il sistema scoppia.

  • glab

    un paio di precisazioni all’articolo:
    1) il 4% del nostro debito pubblico, circa 1900 miliardi di Euro, corrisponde a 76 miliardi di Euro e non una semplice ottantina di milioni.
    2) è il bue che dà del cornuto all’asino! non il toro.

    ps OT articolo:
    nel 2007-8 comprai dei btp italiani, avevano la cedola del 4% annuale, non c’era affatto questa aria di disfatta economica che ora irraggia tambureggiante dai media main stream.
    il prezzo di allora è circa quello di adesso se non erro.
    allora questi media mainstream ora che gioco stanno facendo? a vantaggio di chi?

  • bysantium

    Il che non vuol dire che anche i cinesi non lo siano. PS: ovviamente il 4% di 1900 miliardi di euro sono circa 80 miliardi e non ottanta milioni.

  • nuunciaafamo

    a questo punto direi: ” meglio nelle mani dei cinesi che nelle mani di questi quattro scassati travestiti da statisti che di mestiere fanno solo gli affaracci loro”
    Nessun cinese illetterato potrebbe fare peggio di cosi……………….

  • s_riccardo

    D’accordo con Alberto C. un poco di paura bisogna pur che la provino. Non c’è peggior ” potenza” che caracolli come un bullo. Farà molto rumore quando cadrà. Davide vince sempre contro Golia.

  • terzaposizione

    Tonguessy i Cinesi , dopo essere stati scacciati da Gioia Tauro dalla holding ‘ndrangheta, versarono 5miliardi per avere in concessione 20anni il Pireo, mica salvarono la Grecia.
    Quindi siccome manco la UE comprerebbe i ns. BTP dovrebbero comprarli i Cinesi, quelli che la Lega voleva riempire di dazi.
    Occhio ai pragmatici Cinesi, quelli mirano ad ENI e Fincantieri, inoltre essendoci un embargo di prodotti Hi-Tech verso la Cina dalla UE, quando la Cina sarà detentrice di debito italiano,spagnolo ed altri,sarà meno facile dirle di NO, la tecnologia militare NO TE LA DO.
    Se questa è la ns. fine, allora che il cagnaccio Idrofobo Sionista scateni l’Armagheddon e si fa festa.

  • radisol

    L’uomo che voleva erigere i dazi doganali con la Cina, quello che agitava lo spauracchio della colonizzazione cinese, adesso supplica lo stato cinese di acquistare i BTP italiani per tirarli fuori dalla tempesta finanziaria che rischia di travolgere l’Italia ……
    Oh, ne avesse azzeccata una, anche per sbaglio, questo professorino presuntuoso ……. Non poteva continuare a fare il commercialista e aiutare i suoi amici brianzoli ad evadere onestamente il fisco?

  • kaza

    non offendere i brianzoli razzista

  • Tonguessy

    un’atomica sarebbe troppo poco. Razzismo? No! Buon senso.

  • Tonguessy

    Quei 5 miliardi forse sono troppo pochi per risollevare una nazione, ma mica sono bruscolini, eh? Se adeguatamente usati possono aiutare. Se gli “aiuti” cinesi verranno usati (com’è facile aspettarsi) allo stesso modo in cui furono usati in Grecia, beh, alla salute!
    Riguardo poi ai dazi: dice E. Todd che la globalizzazione ha come effetto il generare disoccupazione e miseria a livello globale. In tal senso non è quindi sbagliato ricorrere ai dazi, ovvero fare leva sulla sovranità nazionale come priorità. Perchè, diceva Kissinger, la globalizzazione è solo un’altro modo di descrivere l’egemonia imperialista USA. Finchè la Cina li lascia fare, of course.

  • glomer

    Una soluzione potrebbe essere il movimento Zeitgeist!! Questi fanno sul serio…:-))
    Non so se qualcuno di voi lo conosce…possibile che nessuno voglia far niente per niente!! sempre a lamentarvi della crisi…
    NON ESISTE…SONO SEMPLICI PEZZI DI CARTA CRISTO!!!
    MANDIAMO A FANCULO IL SISTEMA CHE E’ MEGLIO!!!

    P.S. Scusate x le volgarità!! ;-))

  • RicBo

    Non capisco quelli che gioiscono perchè la Cina sta prendendo il posto degli USA nel controllo della finanza e dell’economia mondiale. E’ come finire dalla padella alla brace, oltretutto i cinesi non hanno neppure la foglia di fico di un velato sistema democratico alle loro spalle. Boh.

  • kaza

    spero che un branco di cinesi ti divori il cervello

  • Tonguessy

    Sempre meglio che averlo già divorato dai vermi. Almeno io nutro speranza che ciò non si avveri. A te invece è già successo.

  • kaza

    beh almeno nel mio cervello c’è qualcosa di vivo