Home / ComeDonChisciotte / MONETE COMPLEMENTARI: WAL-MART DIVENTA SMART ?

MONETE COMPLEMENTARI: WAL-MART DIVENTA SMART ?

DI MARCO SABA
Centro fondi

Da un recente articolo apparso sull’Herald Tribune [1], si apprende di una interessante iniziativa che sta per essere lanciata dalla catena americana di grandi magazzini a basso costo Wal-Mart [2]. La società aveva recentemente richiesto una licenza per aprire una banca ma questa era stata rifiutata dal governo federale americano.

La società ha quindi deciso di ampliare i servizi finanziari che già sta offrendo in 225 negozi, estendendoli almeno a mille negozi. Oltre ai servizi tradizionali, la Wal-Mart creerà una carta ricaricabile destinata ai 20 milioni di americani che non usano i servizi bancari tradizionali. A chiunque verserà la sua busta paga nella carta, la Wal-Mart aggiungerà 200 “WM dollari” che saranno spendibili all’interno della catena dei suoi negozi.

In questo modo aumenta il potere d’acquisto dei suoi clienti e promuove l’uso e la rapida diffusione della sua nuova valuta. Con l’apertura di 875 nuove filiali che accetteranno questa nuova valuta, entro il 2008 la Wal-Mart raggiungerà una capillarità di sportelli simile a quella della Citibank. Verranno anche offerti mutui e aperture di credito nella nuova valuta, creando un giro d’affari superiore a molte banche tradizionali.Insomma, il messaggio che il Centro Studi Monetari ha cercato da tempo di lanciare ai Comuni, alle comunità [3] e che in Germania è stato raccolto da 19 città che emettono la moneta REGIO [4], alla fine ha fatto breccia in una multinazionale solo perché si è bisticciata col governo per una licenza bancaria… Quindi, la Wal-Mart è diventata SMART, che in inglese, vuol dire “furba”.

In Cina sono ormai 200 milioni gli utenti che usano una moneta virtuale chiamata QQ emessa dalla società Tencent [5].
In Italia abbiamo solo tre piccoli esperimenti funzionanti:
il Credito di Damanhur [6] in Piemonte, l’EcoRoma [7] a Roma e lo SCEC [8] a Napoli.
La cornice legale che permette tutto questo è contenuta nella Lex Mercatoria [9].
Le vie della sovranità monetaria sono infinite… ma come farlo capire alla maggioranza degli italiani?

Marco Saba
Fonte: www.studimonetari.org
Link: http://www.studimonetari.org/articoli/wmdollars.html
30.06.07

Note:

1] Wal-Mart finds a back door into banking – By Michael Barbaro and Eric Dash, Herald Tribune, June 21, 2007
http://www.iht.com/articles/2007/06/21/business/walmart.php

2] Sito della Wal*Mart:
http://www.walmart.com/

3] Una moneta regionale complementare all’Euro – di M. Kennedy:
http://marcosaba.1majorhost.com/articoli/regiocomplementare.htm

4] Il network del REGIO:
http://www.regiogeld.de

5] Tencent QQ:
http://en.wikipedia.org/wiki/QQ

6] IL CREDITO DAMANHURIANO:
http://www.damanhur.info/it/html/ArcMagazine.asp?IDCat=1&IDSottoCat=5
Link breve: http://tinyurl.com/2sjobm

7] Circuito EcoRoma:
http://www.ecoroma.org

8] SCEC – Lo sconto che cammina:
http://www.progettoscec.com

9] UNCITRAL Convention on International Bills of Exchange and International Promissory Notes, 1988
http://www.jus.uio.no/lm/un.bills.of.exchange.and.promissory.notes.convention.1988/doc.html
Link breve:
http://tinyurl.com/9s6w6

Pubblicato da Davide

  • Interconnessioni

    Di chi è Wal Mart? E per chi è “Smart” quello che fa? Mi ricorda (senza il bonus dei 200 bigliettoni) l’operazione BeltusKa-PPTT di queache anno fa. Capillarità di presenza contro piccolo finanziamento a fondo perduto…nei meandri commerciali della Wall of Mars. Ma non siamo ancora…. tutti MARSiani!