MONETA SOVRANA, NON GUERRA CIVILE

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Le sue Province sono indebitate per 1.300 miliardi di Euro.
A breve, 645 di questi 1.300 miliardi dovranno essere onorati, cioè ripagati. Ma
non li hanno, le casse sono semivuote. Una storia piuttosto comune di questi
tempi eh? Ok. I creditori sono preoccupati e fanno pressioni. Si profila un
default sul debito, un colossale crack da, ripeto, 645 miliardi di Euro. Per
darvi un metro di misura, 645 miliardi di Euro sono il doppio del PIL greco.

Bene. Rivediamo i numeri:

– Sono tali da giustificare il panico isterico fra gli
investitori, in proporzione un panico tre volte superiore a quello che gli
investitori stanno vivendo nel caso greco.

– Sono tali da giustificare l’intervento spietato delle
agenzie di rating, che con questi numeri disperati dovrebbero aver declassato
quel Paese senza pietà. Come nel caso greco.

– Sono tali da richiedere l’intervento del Fondo Monetario
Internazionale, coi suoi ispettori del terrore.

– Sono tali da giustificare l’imposizione a questo Paese di
misure di austerità a tappeto, tagli come fossero trebbiatrici, rigore
implacabile, nel nome della salvezza disperata.

– Sono tali da giustificare una stretta creditizia delle
banche nazionali a sangue, con relativi fallimenti aziendali da record.

Ok. Vediamo la realtà sul campo in questo Paese:

– Gli investitori sono moderatamente preoccupati, ma nulla
di che, nessun panico, nessuna riunione dei vertici dell’Institute of
International Finance (la cupola centrale della Vera Mafia, quella che sta lavorando
sui greci).

– Le agenzie di rating si sono limitate a ‘commentare’ qua e
là, ma nulla di più, commenti come “bè,
potrebbe minare la fiducia degli investitori
”, una camomilla confronto a
ciò che le stesse agenzie hanno detto della Grecia.

– Il Fondo Monetario non si è visto né sentito.

– La parola austerità non è nel lessico dei Palazzi di
questo Paese, anzi, la Reuters riporta che la spesa di quello Stato nel 2011 è
stata ‘pro-attiva’, con ampi investimenti in infrastrutture e pubblici
interventi.

– Le banche/investitori di questo Paese… Bè, non ci
crederete, ma dal governo è arrivato un ordine perentorio, che è precisamente
questo: “Le Province sono in difficoltà, molti dei progetti che gli avete
finanziato devono ancora fruttare introiti. Hanno bisogno di respiro, non le
potete strangolare coi debiti proprio ora. Quindi, care banche, ora voi gli
allungate le scadenze dei debiti che hanno con voi, e di un bel po’. E’ anche nel
vostro interesse. Grazie e non si discute
”. Non sto scherzando, io non
sono il tipo di giornalista che in un momento come questo scherza. Questo è
stato, alla lettera. E le banche hanno obbedito. Gli investitori zitti.

Ora giratevi verso la Grecia. Le banche/investitori li
stanno squartando vivi per un terzo di quel problema in termini finanziari. Sono
crimini contro l’umanità, roba da istituire una nuova Norimberga, davvero.
Famiglie alla disperazione e sofferenze inflittegli per generazioni. Per il
profitto di pochi.

Ma allora quale è la differenza fra questo Paese indebitato di
cui parlo e la Grecia? La moneta
sovrana.
La Cina ha moneta sovrana, e il governo ha fatto capire alle
banche che in qualsiasi caso il debito delle Province sarà garantito da Tesoro
e Banca Centrale. Le banche/investitori hanno accettato l’allungamento del
debito in scadenza, senza panico né fuoco e fiamme. La Grecia non ha una moneta sovrana, ha l’Euro, e non
può farci nulla, perché non è suo, non lo può emettere, non può garantire
nessuna banca né investitore, e non ha autorità. Deve morire.

Amici della Grecia, come vorrei che nelle vostre piazze queste
parole, e quelle di tanti economisti di tutto il mondo accademico che ancora
ragiona vi arrivassero forti e chiare. Non c’è bisogno di mettere a ferro e
fuoco la vostra Atene. Basta uscire dall’Euro. E ‘fare i cinesi’ (o gli
argentini, se preferite). Dio come vorrei che mi sentiste.

p.s. Per i giornalisti del mainstream: voi siete complici di
crimini contro l’umanità, perché il vostro silenzio su ogni singolo fatto di
questo Colpo di Stato Finanziario aiuta nella distruzione di vite umane. Porci.
Per i giornalisti cosiddetti ‘liberi’: anche voi siete complici di crimini
contro l’umanità, perché anche voi soffocate le voci di verità, ma voi siete
peggio dei porci, infatti non c’è in natura un animale dall’aspetto tanto
disgustoso quanto quello di Michele Santoro, Fabio Fazio, Furio Colombo o
Antonio Padellaro e i tanti loro soci.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=329
13.02.2012

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
90 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
90
0
È il momento di condividere le tue opinionix