Home / ComeDonChisciotte / MIKHAIL KHAZIN: GLI USA AFFRONTERANNO PRESTO UNA NUOVA “GRANDE DEPRESSIONE”

MIKHAIL KHAZIN: GLI USA AFFRONTERANNO PRESTO UNA NUOVA “GRANDE DEPRESSIONE”

Il noto economista aveva previsto la crisi finanziaria statunitense fin dal 2000

DI YEVGENIY CHERNYX
Komsomolskaya Pravda

Cinque anni fa dirigevo le pagine culturali della Komsomolskaya Pravda. Era normale che le case editrici mi inviassero mucchi di novità da recensire. Un giorno, scavando all’interno dell’ultimo carico di libri, mi sono imbattuto in un volume intitolato “Il Tramonto dell’Impero del Dollaro e la Fine della Pax Americana”.
Ricordo di essermi ripetuto il titolo, tra me e me, in tono incredulo. Ai vecchi tempi, gli americanologi dell’Unione Sovietica adoravano dibattere sul collasso dell’impero finanziario statunitense. Ma questo libro era del 2003.
Lo sfogliai, dando una rapida occhiata al testo. La conclusione dell’autore (l’economista Mikhail Khazin) sembrava piuttosto convincente. Perciò passai il libro alla sezione economica della KP, curata da Jenya Anisimov, che scrisse una recensione e in seguito intervistò l’autore nella nostra redazione.
In questi anni non mi sono scordato di Khazin e ne ho seguito la carriera, mentre teneva svariate conferenze in tutta la Russia. Sembrava sicuro che gli U.S.A. si trovassero sull’orlo di un crollo economico, teoria che gli altri analisti si affrettavano a rifiutare. E oggi, mentre la sua prognosi, un tempo così ostica, comincia ad avverarsi, la KP ha contattato Khazin per un’altra intervista.

Licenziato dal Cremlino!

KP: Mikhail Leonidovich, cos’è che l’ha portata a predire l’attuale crisi finanziaria?
Khazin: Nella primavera del 1997 il Cremlino costituì il Dipartimento Economico della Presidenza, e io ne fui nominato vicedirettore. Il nostro primo incarico fu la stesura di un rapporto per [l’allora Presidente Boris] Eltsin, riguardo la situazione economica. Rilevammo che per la Russia una crisi economica era imminente, e che si sarebbe scatenata tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno del 1998, a meno che la politica economica del paese non fosse cambiata.

KP: Quali spunti presero le alte sfere dal vostro rapporto?

Khazin: Nessunissimo, in realtà. A parte il vicepresidente e lo stesso Eltsin, nessuno lesse il rapporto. Nell’estate del 1998, l’Amministrazione ci licenziò tutti, perché avevamo cercato di bloccare un progetto di investimenti chiamato “Titoli di Stato – Corridoio dei Tassi di Cambio”. Si trattava della più grande operazione finanziaria dell’era post-sovietica. Come avevamo previsto, la crisi economica colpì quello stesso agosto. Insieme ai miei colleghi, ho continuato a esaminare le ragioni di quella crisi. Dopo aver studiato approfonditamente il sistema finanziario statunitense, rilevammo un parallelo fin lì ignorato. Così come il nostro mercato dei Titoli di Stato aveva prosciugato l’economia russa, il mercato finanziario statunitense stava risucchiando le risorse dell’intero pianeta. Ci rendemmo conto che un destino simile attendeva il sistema finanziario degli U.S.A. Il nostro articolo venne pubblicato nell’estate del 2000, sulla rivista Ekspert, col titolo “Gli Stati Uniti Stanno Spianando la Strada all’Apocalisse?” La nostra conclusione era che una crisi economica statunitense fosse inevitabile quanto il collasso finanziario russo.

Fare gli Scemi

KP: Evidentemente negli U.S.A. non avevano ascoltato la canzone dei LUBE [gruppo rock russo] durante la Perestroka, “Don’t Play the Fool, America!” Seriamente, comunque, qual è la vera ragione di questo crollo economico? Cerchiamo di spiegarlo senza ricorrere a un linguaggio troppo tecnico…

Khazin: Ci proverò! Il modello economico che ha portato al crollo è derivato dalla crisi degli anni 70. Fu una tremenda crisi finanziaria causata dal surplus di capitale. Persino i classici dell’economia del XIX secolo avevano concluso che il capitale tende a crescere più velocemente dei redditi da lavoro. Questo porta a una diminuzione della domanda. Nel capitalismo tradizionale, il problema si risolveva in una crisi di sovraproduzione, e in un’economia di tipo imperialistico in una fuga di capitali. Ma, arrivati agli anni 70, questi sfoghi non funzionavano già più. Eppure, la situazione internazionale esigeva che gli Stati Uniti effettuassero un grande balzo tecnologico in avanti, o avrebbero perso la Guerra Fredda con l’Unione Sovietica. L’amministrazione Carter e il presidente della Federal Reserve Paul Walker elaborarono un’idea molto scaltra. Per la prima volta nella storia del capitalismo, i capitalisti iniziarono ad aiutare la collettività, mettendo in circolazione nuova moneta che stimolasse la domanda aggregata.

KP: Decisero di far andare le stampatrici?

Khazin: Esatto. Nei primi anni 80 cominciarono a stimolare la domanda tramite i contributi dello Stato. Per esempio, lanciarono il programma delle “Guerre Stellari”. E nel 1983 misero l’accento sui risparmi delle famiglie.

KP: Intende dire che si affidarono al cittadino qualunque?

Khazin: Sì. Per un intero quarto di secolo, nell’economia delle famiglie è stata riversata una quantità di valuta sempre maggiore.

KP: In parole povere, parliamo di credito?

Khazin: Sì. Gli Stati Uniti furono in grado di raggiungere un ulteriore traguardo del progresso tecnologico grazie a questo eccesso di domanda. Ottennero il collasso dell’Unione Sovietica e fugarono molti dei loro maggiori timori. Ma… L’espansione si era realizzata grazie a risorse che avrebbero dovuto provvedere alla crescita futura. Il paese divorava sostanze con due generazioni di anticipo. Gli Stati Uniti accumularono un debito spaventoso. Risulta evidente se confrontiamo la crescita del debito delle famiglie coll’insieme del debito statunitense e col PIL. L’economia cresce a un tasso annuale del 2-3%, al massimo del 4. Ma il debito cresce a un tasso dell’8-10%.

KP: Be’, che cresca pure… Finora gli Stati Uniti se la sono cavata alla grande… Meglio di noi!

Khazin: Sì, gli U.S.A., stimolando la domanda nei consumatori, hanno creato un alto tenore di vita. Intere generazioni hanno vissuto senza conoscere la povertà. Ma è impossibile vivere per sempre a credito. Il debito delle famiglie è diventato più grande dell’economia nazionale, più di 14 bilioni di dollari. E adesso siamo all’incasso. Ovviamente, Wall Street ha cercato di rimandare il crollo. Non voglio entrare nel dettaglio dei titoli derivati e di altri simili prodotti finanziari, basti dire che si trattava di un ultimo respiro prima dell’inevitabile soffocamento.
Un ulteriore problema degli Stati Uniti è che intorno alla domanda in crescita sono state create grandi industrie. Qualunque decisione prenda Wall Street, la domanda è destinata a precipitare. Cosa ne sarà di queste aziende? Nel 200 stimammo che sarebbe scomparso il 25% dell’economia statunitense. Oggi riteniamo che la percentuale più verosimile sia un terzo, se non di più.

KP: È davvero tanto!

Khazin: È una quantità enorme. Ma cosa comporta esattamente questo, la distruzione di un quarto dell’economia degli Stati Uniti? Comporta una crescita incontrollabile della disoccupazione, una gravissima depressione, una brusca impennata dell’incidenza dei servizi sociali sulla spesa pubblica… In questo momento gli Stati Uniti si agitano nel tentativo di salvare questa porzione dell’economia. Il governo sta aiutando banche e industria manifatturiera… Ma nonostante tutto, entro due o tre anni gli Stati Uniti dovranno fronteggiare una crisi simile alla Grande Depressione.

Yevgeniy Chernyx
Fonte: www.informationclearinghouse.info
Link: http://www.informationclearinghouse.info/article21189.htm

Traduzione per Come don Chisciotte a cura di DOMENICO D’AMICO

(*) Mikhail Leonidovich Khazin è nato nel 1962. Ha studiato matematica all’Università di Stato di Yaroslavl e all’Università di Stato di Mosca. Dal 1984 al 1991 ha lavorato all’Accademia Sovietica delle Scienze. Tra il 1993 e il 1994 ha lavorato al Centro Studi Statale per le Riforme Economiche. Tra il 1995 e il 1997 è stato a capo del Dipartimento per la Politica del Credito presso il Ministero dell’Economia. Tra il 1997 e il 1998 è stato vicedirettore del Dipartimento Economico della Presidenza. Nel giugno del 1998 ha lasciato il pubblico servizio. Attualmente è il presidente della ditta di consulenza Neokon.

Pubblicato da Davide