Mi do i pizzicotti

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI CARLO BERTANI

carlobertani.blogspot.it

Altro non riesco a pensare di lei, dott. Marco Bella, “ricercatore in Chimica Organica”, come lei stesso si definisce. E, ancor più, mi do altri pizzicotti perché non comprendo come possano – Gomez e Travaglio – pubblicare articoli come i suoi (1). Dopo averci informato che la Magistratura lavora oramai, praticamente, soltanto per la classe politica (ne arrestano uno al giorno), pensano di sorvolare su tutto ciò che scrivono sul Fatto Quotidiano.

Non per questo, però, dobbiamo gettare alle ortiche secoli di libertà di pensiero – cari Gomez e Travaglio – poiché le male abitudini dei ladroni nostrani non coprono il silenzio assordante che l’articolo pubblicato genera. Se Dio vuole, siamo ancora in grado di reagire agli stalinisti (o squadristi, fate voi) della comunicazione parcellizzata, agli sterminatori del libero pensiero, nel nome di una sorta di “tutela” dei cittadini che neppure Platone si sognò mai, e tanto meno Rousseau.

Il nostro dott. Bella – così, tranquillamente – chiede il totale ostracismo dei prodotti omeopatici dalle farmacie italiane, nel nome della Scienza, quella ufficiale, con la “s” maiuscola, che conduce agli altari o getta nella fogna dirimendo i problemi con la spada, senza curarsi di ciò che è dibattito scientifico, filosofico, epistemologico e gnoseologico di 25 secoli.

Mi ricorda una vecchia pubblicità, dove una paffuta casalinga diceva “Mi lasci il mio Dash!”, stringendosi il fustino del detersivo al petto. “Mi lasci il mio Lavoisier”. Vero, Bella?

Non ho proprio nulla contro Lavoisier, perché funziona: i calcoli stechiometrici procedono alla perfezione, i risultati soddisfano pienamente le attese.

Ho avuto, però, dei seri dubbi quando lessi Steiner, molti anni fa, laddove sosteneva che la trasmutazione biologica degli elementi era possibile, citando un esempio sulla quantità di Calcio che veniva sottratto, annualmente, da un ettaro coltivato ad erba medica.

Non sono diventato steineriano, semplicemente ho avuto dei dubbi, come chiunque s’appressi a discutere una teoria scientifica, e ritengo che il liberalismo scientifico non si possa “correggere” con gli editti, pur riconoscendo che la Scienza non può essere “democratica”, poiché in un dibattito scientifico uno vince, e l’altro perde.

Proprio per questa ragione è necessario il massimo liberalismo in campo scientifico, perché molte teorie competano: è l’unico rimedio che conosciamo contro gli assolutismi. In tutti i campi. E mi domando: se un giorno qualcuno dibattesse e vincesse con una diversa teoria, perché dovrei negargli – oggi – la possibilità di farlo?

Ricordiamo che i salassi e le sanguisughe sono cose di poco più di un secolo fa.

Nemmeno sono un fan dell’omeopatia: personalmente, mi curai molti anni fa con l’omeopatia da un luminare dell’epoca in materia, senza rimediare nulla. A rigor di logica, dunque, potrei essere un detrattore convinto di tale teoria, ma non lo sono.

Perché?

Poiché non discuto della sintesi del dicloro-benzene, giacché è assodata da molto tempo la prassi per produrlo, bensì della scelta di un tipo di medicina, che è cosa assai diversa dalla Chimica. Difatti, la Chimica è una scienza, la Medicina non lo è, e non fa parte delle scienze esatte: un tempo usava dire “arte medica”, e non siamo molto distanti dal concetto di “arte”, se consideriamo la dicotomia dialettica fra malattia e malato.

Lei, chiedendo il bando dei medicinali omeopatici dalle farmacie, ha chiesto (e chi è, lei, per farlo?) l’ostracismo di una parte della Medicina, che non collima con i principi scientifici del nostro tempo – concordo con lei che, a rigor di logica, le diluizioni centesimali riducono il principio attivo a quantità infinitesimali – ma non è lei a dover decidere come, perché e se queste quantità influiscono oppure no sul binomio malattia/malato! Eppure, potrebbe darsi che quelle pochissime molecole, andando ad inserirsi in un meccanismo così complesso come la biochimica, umana ed ambientale, sortiscano oggi effetti poco conosciuti, ancora da spiegare. E lei, con un colpo di spugna, vuole cancellare tutto? Lasciamo solo i farmaci della medicina ufficiale: lo sa, vero, cosa significava pharmakon in greco? Veleno.

Inutile raccontarsela a lungo: c’è chi crede nel veleno che distrugge l’avversario e chi pensa, invece, di stimolare la risposta dell’organismo con piccolissime dosi di un altro veleno (spiegazione ridotta all’osso). Chi ha ragione? Non lo so, però ho la speranza che, domani, qualcuno riuscirà a completare il puzzle, spiegando più cose – in un senso e nell’altro – di quanto si riesce a fare oggi.

Facciamo un passo indietro, ed osserviamo a cosa porta una scienza che non si pone mai dubbi.

Per i biologi, quando una specie d’insetti si riduce ad esponente 2 (ossia sotto le cento unità) in un’area ampia si può definirla “non presente”. Questo è ciò che ha portato a dichiarare la zanzara anopheles “non presente in Italia”. Perché se 100 zanzare anopheles (per qualsivoglia motivo) sono presenti in tutta la superficie italiana si può pensare alla “non presenza”, dimenticando però che l’Italia, un tempo, era zona malarica in alcune aree paludose.

E cosa succede?

Che una bambina, la scorsa Estate, muore di malaria: una bambina trentina, che era stata al mare sulla riviera veneta. I medici, dopo attenta analisi (e molto ritardo nella diagnosi), in tre diversi ospedali…se l’anopheles non è presente nel nostro areale, non possiamo pensare che sia malaria…hanno escluso qualsiasi fonte di contagio interna al sistema ospedaliero.

Ma, circa vent’anni or sono, un’altra persona (che si salvò) fu infettata dalla anopheles in quel di Grosseto.

Due aree ex malariche.

Già, 10 alla seconda sul territorio italiano…cosa volete che sia?

Qualcuno ha cercato persino di sfruttare la faccenda a fini politici – basta con gli untori immigrati! – senza riflettere che un “passaggio” dalle coste turche (dove l’anopheles è endemica) è senz’altro più agevole su un mercantile in transito, piuttosto che nella canottiera di un sudanese.

Allo stesso modo, lei ha “condito” la sua assurda richiesta con la questione dei vaccini, sostenendo che l’insieme dei medici omeopati racchiude anche quelli contrari alle vaccinazioni de iure. Ma, scusi un particolare, io non sono medico, ma lei lo è? E anche se lo fosse, come potrebbe sentenziare su quale medicina devo scegliere? Al punto di proibire, sempre de iure, la vendita dei farmaci? Sostenendo che i farmacisti sono professionisti seri? E i medici omeopati cosa sono, dei cretini?

La scienza, quella vera dott. Bella, è costituita da certezze e da dubbi, sempre in perenne conflitto fra di loro e alla ricerca di un (impossibile) equilibrio: per questa ragione la vera scienza marcia con lentezza, quella sicura di tutto è la sua, dove basta un diktat staliniano per risolvere le questioni. E adesso le racconto perché lei può raccontare le sue edificanti storielle urbi et orbi.

Il caro “Fatto Quotidiano”, se si stipula un abbonamento “sostenitore” (costo 500 euro annui), dà la possibilità di scrivere sull’edizione on-line. Sempre che se ne abbia titolo. E qual è il titolo? Non importa…cacciano i soldi? Sono sostenitori? Capirete che parecchia gente, tanto per poter dire “sono un giornalista del Fatto…” risparmia sui pannolini del figlio e scova i 500 euro. I titoli?

Può essere “Ricercatore in Chimica Organica”, oppure “Chief Economist del Fondo Investimenti dell’Oman”, il primo dà il diritto di sentenziare su questioni mediche (e filosofiche) a chi ne sa meno di un barelliere, il secondo, invece, conferisce direttamente la carica di Ministro delle Finanze in pectore. Basta abbondare con roboanti titoli e tante, tante maiuscole fuori posto.

Ad abundantiam, narravano i Latini…che cresceva in ore stultorum…vero dott. Bella? Vero Gomez e Travaglio?

 

Carlo Bertani

Fonte: http://carlobertani.blogspot.it

Link: http://carlobertani.blogspot.it/2017/09/mi-do-i-pizzicotti.html

28.09.2017

 

(1) http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/26/farmacie-senza-omeopatia-una-petizione-chiede-di-vendere-fuori-le-stregonerie/3878356/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
26 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
26
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x