“Metterlo al rogo senza proteste”. Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla tortura demolisce le false accuse del caso Assange

DAVID EDWARDS

medialens.org

A prima vista, il compito sembra quasi senza speranza. Come ha scritto Tolstoj:

“Il potere del governo è mantenuto dall’opinione pubblica, e con questo potere il governo, attraverso i suoi organi – i suoi funzionari, i tribunali, le scuole, le chiese, persino la stampa – può sempre mantenere l’opinione pubblica di cui ha bisogno”. (Leo Tolstoj, “Scritti sulla non violenza e la disobbedienza civile”, New Society Publishers, 1987, p.111)

Lo scorso dicembre, abbiamo assistito alla straordinaria capacità del potere delle corporazioni di Stato di manipolare l’opinione pubblica e di minare un’elezione democratica con una campagna di propaganda spietata che diffamava Jeremy Corbyn, un appassionato antirazzista. La campagna ha rappresentato Corbyn non solo come un antisemita, ma come qualcuno che potrebbe “riaprire Auschwitz”. La verità non è stata solo distorta, è stata invertita.

L’accademico e autore di origine israeliana Jamie Stern-Weiner ha commentato:

“Nessun giornalista mainstream ha mai indagato se le accuse contro i laburisti fossero vere.

Laddove i giornalisti non hanno appoggiato le accuse contro i laburisti, si sono accontentati di trasmetterle acriticamente insieme alla risposta del partito.

Le accuse di personalità locali ebree o di parlamentari anti-Corbyn sono state considerate intrinsecamente significative, a prescindere dal fatto che fossero o meno accompagnate da prove a sostegno”.

Un’analisi attenta e credibile che ha fatto un’assurdità delle affermazioni qui, qui e qui è stata semplicemente ignorata.

Gli interessi coinvolti sembrerebbero avere la situazione sotto controllo – lavorano sodo per dare quell’impressione – ma questa è solo l’apparenza. Il fatto stesso che lavorino così incessantemente per plasmare l’opinione pubblica indica la natura precaria del loro predominio.

Il problema è intrinseco, strutturale – una società “democratica” che subordina i bisogni dei molti alle esigenze dei pochi è una società basata sulla menzogna. La propaganda che offusca queste menzogne può essere diffusa all’infinito, giorno e notte, ma sarà sempre vulnerabile agli individui e ai gruppi con un’autentica competenza motivata da un’autentica preoccupazione per gli altri. Come ha commentato il saggio buddista Je Gampopa:

Anche un singolo atto virtuoso supera molti mali… una piccola azione buona può superare un grande torto; è altamente efficiente”. (Gampopa, ‘Gemme del Dharma, Gioielli della Libertà’, Altea, 1994, p.135)

Seguendo le orme di alti funzionari dell’Onu come Denis Halliday, Hans von Sponeck e Scott Ritter – che, tra l’altro, hanno demolito molti degli inganni che “giustificano” il genocidio del regime di sanzioni USA-Regno Unito degli anni Novanta in Iraq e la guerra di aggressione contro l’Iraq del 2003 – si considerino i commenti “altamente efficienti” fatti alla rivista svizzera Republik da Nils Melzer su Julian Assange:

Quattro paesi democratici hanno unito le loro forze – Stati Uniti, Ecuador, Svezia e Regno Unito – per far leva sul loro potere di rappresentare un uomo come un mostro, in modo da poterlo poi bruciare sul rogo senza alcuna protesta. Il caso è un enorme scandalo e rappresenta il fallimento dello stato di diritto occidentale. Se Julian Assange sarà condannato, sarà una condanna a morte per la libertà di stampa”.

Il problema per il sistema di propaganda che prende di mira Assange è che Melzer non è solo qualcuno che blogga su Internet; è il relatore speciale dell’ONU sulla tortura. Inoltre, è professore di diritto internazionale all’Università di Glasgow e detiene la cattedra di diritto internazionale dei diritti dell’uomo presso l’Accademia di diritto internazionale umanitario e dei diritti dell’uomo di Ginevra in Svizzera, dove insegna dal 2009, anche come cattedra svizzera di diritto internazionale umanitario (2011-2013). Melzer parla correntemente anche lo svedese. In altre parole, è difficile immaginare qualcuno più qualificato per commentare il caso Assange.

Melzer descrive come, il 20 agosto 2010, un titolo apparso sulla prima pagina di Expressen, uno dei principali tabloid svedesi, abbia dichiarato che Julian Assange era sospettato di aver commesso due stupri. Melzer descrive la sua reazione nell’indagare su queste affermazioni:

“Parlo correntemente lo svedese e ho potuto così leggere tutti i documenti originali. Non potevo credere ai miei occhi”: Secondo la testimonianza della donna in questione, uno stupro non era mai avvenuto. E non solo: La testimonianza della donna è stata successivamente modificata dalla polizia di Stoccolma senza il suo coinvolgimento per farla sembrare in qualche modo un possibile stupro. Ho tutti i documenti in mio possesso, le e-mail, gli sms”.

L’ordine degli eventi è straordinario e scandaloso:

“Una donna entra in una stazione di polizia. Non vuole sporgere denuncia, ma vuole richiedere un test HIV. La polizia decide allora che questo potrebbe essere un caso di stupro e una questione per il pubblico ministero. La donna si rifiuta di accettare questa versione dei fatti e poi va a casa e scrive a un’amica che non era sua intenzione, ma la polizia vuole “mettere le mani su” Assange. Due ore dopo, il caso è sul giornale. Come sappiamo oggi, i pubblici ministeri hanno fatto trapelare la notizia alla stampa – e lo hanno fatto senza nemmeno invitare Assange a fare una dichiarazione. E la seconda donna, che secondo il titolo del 20 agosto sarebbe stata violentata, è stata interrogata solo il 21 agosto”.

Come dice Melzer, questo comportamento ha dimostrato la “malevolenza intenzionale delle autorità”. Melzer non lascia dubbi sul reale significato delle denunce di stupro:

“Immaginate una stanza buia. Improvvisamente, qualcuno fa luce sull’elefante nella stanza – sui criminali di guerra, sulla corruzione. Assange è l’uomo con i riflettori puntati. I governi sono brevemente sotto shock, ma poi rivolgono i riflettori con le accuse di stupro. È una manovra classica quando si tratta di manipolare l’opinione pubblica. L’elefante scompare ancora una volta nell’oscurità, dietro i riflettori. E Assange diventa invece il centro dell’attenzione, e si comincia a parlare se Assange va sullo skateboard all’ambasciata o se sta dando da mangiare al suo gatto in modo corretto”.

L’obiettivo:

“Bisogna istituire un processo farsa per fare di Julian Assange un esempio. Lo scopo è intimidire gli altri giornalisti. L’intimidazione, tra l’altro, è uno degli scopi primari dell’uso in tutto il mondo  della tortura. Il messaggio per tutti noi è: Questo è quanto vi accadrà se emulate il modello di Wikileaks.”

Il merito di Melzer è di aver ammesso di essere stato lui stesso inizialmente preso dalla campagna di propaganda. Rivela che, nel dicembre 2018, gli è stato chiesto dagli avvocati di Assange di intervenire. Ha rifiutato:

“Ero sovraccarico di altre petizioni e non conoscevo bene il caso. La mia impressione, largamente influenzata dai media, è stata influenzata anche dal pregiudizio che Julian Assange fosse in qualche modo colpevole e che volesse manipolarmi”.

Dopo che gli avvocati di Assange hanno fatto una seconda richiesta nel marzo 2019, Melzer ha ritenuto che “la mia integrità professionale esigeva che io dessi almeno un’occhiata al materiale”. Il risultato:

“Mi fu subito chiaro che c’era qualcosa che non andava”.

Con una chiarezza senza precedenti, Melzer spacchetta il significato dei tanti bizzarri colpi di scena della persecuzione politica di Assange. Era vero, come sostengono molti giornalisti, che Assange ha chiesto asilo all’ambasciata ecuadoriana per sfuggire alla giustizia svedese? Commenta Melzer:

“Gli avvocati [di Assange] dicono che durante i quasi sette anni in cui Assange ha vissuto nell’ambasciata ecuadoriana, hanno fatto più di 30 offerte per organizzare la visita di Assange in Svezia – in cambio della garanzia che non sarebbe stato estradato negli Stati Uniti. Gli svedesi hanno rifiutato di fornire tale garanzia sostenendo che gli Stati Uniti non avevano fatto una richiesta formale di estradizione”.

È stata una pratica standard?

“Queste assicurazioni diplomatiche sono una prassi internazionale di routine… Lo dico sulla base di tutta la mia esperienza dietro le quinte della prassi internazionale standard: Se un paese rifiuta di fornire una tale garanzia diplomatica, allora tutti i dubbi sulle buone intenzioni del Paese in questione sono giustificati. Perché la Svezia non dovrebbe fornire tali garanzie? Da un punto di vista legale, dopo tutto, gli Stati Uniti non hanno assolutamente nulla a che fare con i procedimenti svedesi per reati sessuali”.

A Melzer è stato chiesto se era normale, o legalmente accettabile, che le autorità svedesi si recassero all’estero per un tale interrogatorio:

“Proprio per questo tipo di questioni giudiziarie, c’è un trattato di cooperazione tra il Regno Unito e la Svezia, che prevede che i funzionari svedesi possano recarsi nel Regno Unito, o viceversa, per condurre gli interrogatori o che tale interrogatorio possa avvenire tramite un collegamento video. Durante il periodo di tempo in questione, tali interrogatori tra Svezia e Inghilterra hanno avuto luogo in altri 44 casi. Solo nel caso di Julian Assange la Svezia ha insistito sul fatto che era essenziale che si presentasse di persona”.

La conclusione di Melzer:

“Dal mio punto di vista, la Svezia ha agito in malafede. Se avessero agito in buona fede, non ci sarebbe stato motivo di rifiutare di rispondere alle mie domande. Lo stesso vale per gli inglesi: Dopo la mia visita ad Assange nel maggio 2019, hanno impiegato sei mesi per rispondermi – in una lettera di una sola pagina, che si limitava principalmente a respingere tutte le accuse di tortura e tutte le incongruenze nei procedimenti legali. Se avete intenzione di fare giochetti del genere, allora qual è lo scopo del mio mandato? Sono il relatore speciale sulla tortura per le Nazioni Unite. Ho il mandato di porre domande chiare e di esigere risposte”.

E aggiunge:

C’è una sola spiegazione per tutto, per il rifiuto di concedere garanzie diplomatiche, per il rifiuto di interrogarlo a Londra: Volevano arrestarlo per poterlo estradare negli Stati Uniti. Il numero di violazioni della legge che si è accumulato in Svezia nel giro di poche settimane durante le indagini preliminari è semplicemente grottesco”.

La versione per i media era piuttosto diversa. Nel 2012, Laura Barton del Guardian ha scritto di Assange e dell’ambasciata ecuadoriana:

“Povero Julian. Non deve essere facile essere confinato in un solo edificio, non importa quanto sia prestigioso il codice postale… E così abbiamo deciso di assemblare una collezione di oggetti di cui Assange potrebbe avere bisogno, e di consegnarli”.

Una fotografia mostrava un Barton sorridente che consegnava un cestino del Guardian alla loro pecora nera all’ambasciata ecuadoriana:

“Abbiamo confezionato il nostro cesto con una selezione di prodotti commestibili non originari dell’Ecuador – i cornflakes di Kellogg fortificati con vitamina D per compensare la mancanza di luce solare nella vita di Assange, un barattolo di Vegemite (in quanto australiano, è  probabile che Julian non ami la Marmite), un pacchetto di biscotti al cioccolato e un cestino di clementine.”

“Ricordando che Bill Keller, editore del New York Times, una volta ha fatto notare la discutibile igiene di Assange e il fatto che indossava “luridi calzini bianchi”, abbiamo aggiunto tre paia di calze sportive bianche e croccanti e un bagnoschiuma nel “buon profumo di eucalipto e di oli di agrumi” che prometteva di essere sia “rivitalizzante” che “rinfrescante”.

Abbiamo documentato molti esempi simili di questa implacabile, feroce e francamente bizzarra presa in giro dei media aziendali di Assange qui e qui.

Assange è attualmente detenuto nella prigione di Belmarsh a Londra prima di un’udienza che determinerà se sarà estradato negli Stati Uniti. Ha già scontato una pena di 50 settimane per aver violato la libertà provvisoria. Melzer commenta questa sentenza:

“È ovvio che quello con cui abbiamo a che fare qui è una persecuzione politica. In Gran Bretagna, le violazioni della libertà provvisoria su cauzione raramente portano a pene detentive – sono generalmente soggette solo a multe. Assange, invece, è stato condannato in un procedimento sommario a 50 settimane in un carcere di massima sicurezza – chiaramente una pena sproporzionata che aveva un unico scopo: trattenere Assange abbastanza a lungo perché gli Stati Uniti preparassero il loro caso di spionaggio contro di lui”.

Un gran giurì statunitense ha incriminato Assange con 18 capi d’accusa – 17 dei quali ricadono sotto la legge sullo spionaggio degli Stati Uniti – per cospirazione per ricevere, ottenere e divulgare documenti diplomatici e militari classificati. Melzer spiega perché Assange non ha alcuna possibilità di ricevere giustizia negli Stati Uniti:

“Non riceverà un processo coerente con lo stato di diritto. Questo è un altro motivo per cui la sua estradizione non dovrebbe essere consentita. Assange subirà un processo con giuria ad Alessandria, Virginia – il famigerato “Tribunale dello spionaggio”, dove gli Stati Uniti processano tutti i casi di sicurezza nazionale. La scelta del luogo non è casuale, perché i membri della giuria devono essere scelti in proporzione alla popolazione locale, e l’85% dei residenti di Alessandria lavora nella comunità di sicurezza nazionale – presso la CIA, la NSA, il Dipartimento della Difesa e il Dipartimento di Stato. Quando le persone vengono processate per aver danneggiato la sicurezza nazionale davanti a una giuria di questo tipo, il verdetto è chiaro fin dall’inizio. I casi sono sempre processati davanti allo stesso giudice a porte chiuse e sulla base di prove classificate. Nessuno è mai stato assolto in un caso del genere. Il risultato è che la maggior parte degli imputati raggiungono un accordo, in cui ammettono una parziale colpevolezza per ricevere una sentenza più mite”.

Nel frattempo, le condizioni fisiche di Assange hanno continuato a peggiorare:

“Ho visitato Assange nella sua cella a Londra nel maggio 2019, insieme a due medici esperti e molto rispettati, specializzati nell’esame forense e psicologico delle vittime di tortura. La diagnosi a cui sono giunti i due medici è stata chiara: Julian Assange mostra i sintomi tipici della tortura psicologica. Se non riceverà presto protezione, è probabile che la sua salute si deteriorerà rapidamente e la morte potrebbe essere una delle conseguenze”.

Le conclusioni di Melzer sono assolutamente dannose:

“Dobbiamo smettere di credere che ci fosse davvero interesse a condurre un’indagine su un reato sessuale. Quello che Wikileaks ha fatto è una minaccia per l’élite politica di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Russia in egual misura. Wikileaks pubblica informazioni di stato segrete – si oppone alla classificazione. E in un mondo, anche nelle cosiddette democrazie mature, dove la segretezza è diventata dilagante, questa è vista come una minaccia fondamentale”.

E aggiunge:

Noi diamo il potere ai Paesi e lo deleghiamo ai governi – ma in cambio, essi devono essere ritenuti responsabili di come esercitano tale potere. Se non chiediamo loro di rispondere, prima o poi perderemo i nostri diritti”. Gli esseri umani non sono democratici per loro natura. Il potere corrompe se non viene monitorato. La corruzione è il risultato se non insistiamo che il potere sia monitorato”.

I suoi ultimi pensieri sono un avvertimento urgente per tutti noi:

“Ho visto molti orrori e violenze e ho visto quanto velocemente paesi pacifici come la Jugoslavia o il Ruanda possano trasformarsi in inferno. Alla base di tali sviluppi ci sono sempre la mancanza di trasparenza e un potere politico o economico sfrenato, unito all’ingenuità, all’indifferenza e alla malleabilità della popolazione. Improvvisamente, ciò che è sempre accaduto all’altro – tortura impunita, stupro, espulsione e omicidio – può accadere altrettanto facilmente a noi o ai nostri figli. E non importa a nessuno. Ve lo posso promettere”.

Abbiamo twittato al direttore del Guardian e ad alcuni giornalisti chiave del Guardian che hanno commentato Assange:

Per la prima volta, il relatore speciale dell’ONU sulla tortura, Nils Melzer, parla in dettaglio dei risultati esplosivi della sua indagine sul caso di Julian Assange. Si prega di leggere e commentare @KathViner @MarinaHyde @suzanne_moore @GeorgeMonbiot @HadleyFreeman @OwenJones84′.

Abbiamo anche twittato:

Come dice @NilsMelzer, la mancata risposta alle sue scoperte indica una mancanza di buona fede. Per favore, rispondete @KathViner @MarinaHyde @suzanne_moore @GeorgeMonbiot @HadleyFreeman @OwenJones84′.

Abbiamo anche scritto ad Ash Sarkar, redattore di Novara Media, che ha descritto Assange su Twitter come “un viscido, un probabile stupratore, un pazzo cospiratore”:

Ciao @AyoCaesar, vuoi rispondere a questi commenti di @NilsMelzer, Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla Tortura, sui tentativi di ritrarre Julian Assange “come un mostro per poi essere messo al rogo senza alcuna protesta”? @novaramedia @AaronBastani’.

Non abbiamo ricevuto risposta da nessuno dei giornalisti contattati (per correttezza verso Monbiot e Jones, che ci hanno bloccato su Twitter per aver inviato loro delle sfide educate e razionali, forse non hanno visto il nostro tweet).

Nonostante la credibilità e l’integrità della fonte, e l’evidente attualità della questione, la nostra ricerca nel database di ProQuest ha rilevato che Nils Melzer e i suoi commenti pubblicati su Republik il 31 gennaio non sono stati menzionati in nessun media statunitense o britannico.

 

Link: https://www.medialens.org/2020/burned-at-the-stake-the-un-special-rapporteur-on-torture-demolishes-the-fake-claims-targeting-julian-assange/

 

Pubblicato da Riccardo Donat-Cattin

Sociologo e media analyst. Consiglia Kropotkin e Malatesta.
Precedente L’ultimo asso sovietico della Guerra di Corea ricorda le operazioni clandestine contro l’aviazione americana
Prossimo Soleimani ucciso per impedire accordi tra Iran e paesi del Golfo