Home / ComeDonChisciotte / MARIO MONTI: IL CURRICULUM SEGRETO

MARIO MONTI: IL CURRICULUM SEGRETO

DI ANTONIO MICLAVEZ

Ho trovato un simpatico curriculum vitae di Mario Monti.
Dalla presenza nei vertici delle più grandi associazioni “benefattrici” mondiali (Bilderberg, Trilateral Commission, Aspen Institute Italia, Goldman Sachs), al ruolo di rilievo come “European Commissioner” nella famigerata “Santer Commission” che fu sciolta per “fraud, mismanagement and nepotism” in cui dal 1995 al 1999 Monti fu responsabile di “Internal Market, Financial Services and Taxation”, ovvero dei flussi finanziari di cui Monti è indubbiamente esperto.

Le indagini non portarono alla condanna di nessuno, e d’altra parte le indagini iniziali cercavano fatti e non colpevoli “did not seek ‘proof’ in the judicial sense of the word”, ma centinaia di miliardi erano spariti e la conclusione fu: “the Committee found that the problems were common knowledge in their services, even up to the highest official levels”, ovvero che i fatti erano noti ai più alti livelli. Le indagini avrebbero potuto proseguire ma vennero bloccate (ovvero insabbiate) dal virtuoso successore Romano Prodi (“and the succeeding Prodi Commission actually assisted in covering up”), e il fattaccio si chiuse lì.

Lascio ogni ulteriore commento ai lettori, ma lo stile di gestione dei “Financial services e taxation” applicati da Monti all’Italia dopo il golpe concertato con Napolitano temo stia ripetendo il cliché della Santer, ovvero che tanti soldini stiano sparendo dalle tasche degli italiani per finire nelle tasche dei soliti ignoti. Un’azione virtuosa di consolidamento delle finanze, ma non certo delle finanze degli italiani.

Ma Monti è della Bocconi, e sa certamente quello che fa, per cui facciamo bene a fidarci di lui: e il curriculum ci conforta ulteriormente.

Qui il curriculum (in inglese)

Antonio Miclavez
novembre 2012

Pubblicato da Davide

  • Primadellesabbie

    Dal curriculum citato, dove si dice che Monti é diventato interessante perché aveva mani in pasta in affari legato ad interessi di GS e che la stessa é interessata al modo in cui viene gestita l’attuale situazione di crisi.

    Although, Monti did not officially work with Goldman Sachs until 2005, it was during his years with the Commission that Goldman Sachs became interested in Monti. This comes as no surprise given the strategic importance of Monti’s decisions that could make or break takeover and merger deals in which Goldman Sachs had a direct or indirect interest.

    Naturally colossal banks such as Goldman Sachs have a lot to lose or gain from how those countries choose to manage their debt and patrimony. It therefore may not come as a surprise that Goldman Sachs will have an interest in determining or shaping the outcome of the current debt crisis. The appointment of Goldman Sachs’ Senior Advisor Mario Monti as Prime Minister of Italy at a crucial moment of Italy’s debt crisis points to a worrying conflict of interest

    Resta da capire come abbia trovato seguito. Di B. abbiamo capito, ci abbiamo messo del tempo ma abbiamo capito. Colpo di stato dite? Può darsi, ma lo votano. Con qualche eccezione, ma lo votano. B. pare si sia fatto ricattare e non deve essere stato difficile, ma i parlamenti? Selezionati con una tale attenzione da continuare ad obbedire, o qualcosa d’altro? Ci saranno abbastanza abitazioni a via Olgettina? Di che organico dispone il ragioniere dal borsellino sempre aperto? E dall’altra parte cos’é, senso del dovere? Mi viene un sospetto: gli interessi di B. pare siano mescolati a quelli di una onnipresente associazione di volontariato siciliana, specializzata in minacce, non sará che…

  • Highlangher

    Interessante questo power base,se ne scopre sempre una nuova. Andrò a studiarmelo un po’, per capire fino a che punto sono imparziali come dicono di essere. Finora sembra che il profilo di monti lo abbiano scavato abbastanza bene. Sarebbe da tradurre e stampare in qualche milione di copie, visto che nessun giornale italiano lo pubblicherebbe mai. Capito che fdp col loden abbiamo alla guida del carro bestiame?

  • nigel

    Forse Benetazzo (Autore di “Quelli della Goldman”) non aveva letto il curriculum di Monti. Sarebbe il caso di postarlo sul suo Blog

  • nigel

    il problema è che il 60% non sa niente. il 20% lo sa ma ritiene che siano contraffazioni dei complottisti, il 18% ne trae vantaggio e tu ed io ci incazziamo

  • lucamartinelli

    si, certo, è tutto molto interessante ma a mio avviso non sostanziale. Quello che è sostanziale e che gli italioti ignorano è che un esiste un filo conduttore che lega questi personaggi: l’appartenenza alla massoneria.

  • lanzo

    Sto realmente cominciando a credere all’esistenza dei “rettiliani” e mi spiego: Non sono un giovanotto e durante la mia vita, parecchi colleghi e parenti sono morti prematuramente, (in forma e non fumatori, la commare secca se li e’ portati quando stavano sui 50 anni) ma a sti figli di xxx ma neanche un cancro per sbaglio se lo prendono, azz, stanno tutti li’ belli e inossidabili Prodi, Scalfari, Napolitano, nonno Ciampi, Amato, Andreotti poi il senatore cocainomane che sta sui 90 e si potrebbe andare avanti.
    Qual’e’ il segreto ? Piu’ danni fai e vampiristicamente le loro cellule si rigenerano ?
    Lanzo

  • Ercole

    sgombriamo il campo da ogni illusione,non lasciamoci ingannare,LO STATO non e il san Gennaro cui ci si rivolge per chiedere miracoli…E IL BRACCIO ECONOMICO E ARMATO DEL CAPITALE non esistono,,, governi amici ,,, i governi e i suoi rappresentanti sono puri strumenti delle POLITICHE ECONOMICHE E SOCIALI NECESSARIE AL MANTENIMENTO DEL DOMINIO CAPITALISTICO,tutti i partiti , anche quelli che predicano l,antipolitica M5S incluso, sono tutti elementi di conservazione, NEMICI ACERRIMI di ogni prospettiva di cambiamento.

  • nigel

    La scarica di endocrine che solo il potere puo’ dare. Sembra una battuta, ma molte patologie riconoscono come momento scatenante stress e stati depressivi. Loro a quanto pare non ne soffrono, noi si…

  • Nauseato

    Tu, lui, io e anche un bel po’ di altri. Purtroppo sempre troppo pochi.

  • Affus

    e dell’ illusione proletaria del comunismo “affama popoli” non ne parli ? Peccato ! Lo Stato, caro, non è un potere per forza cattivo e al servizio del capitale ……..,lo Stato è un isieme di società piu piccole , caratterizzate da nuclei comuni: Le FAMIGLIE , dove si vive il vero comunismo. Lo Stato tutela e promuove lo sviluppo sociale ordinato e giusto di queste società . Amen.

  • Tonguessy

    Le FAMIGLIE , dove si vive il vero comunismo

    Ah, quindi in famiglia tua siete tutti comunisti?

  • Cornelia

    Credo anch’io che i grandi potenti (dai regnanti ai Presidenti) siano in possesso di qualche farmaco riservato che permette loro non solo di campare a lungo (ultranovantenni), ma anche di farlo in ottima forma (vedi molteplici esempi anche nostrani).
    Non escluderei che il servilismo e l’inspiegabile adattamento di tanti politici si spieghi col desiderio di mantenere tale privilegio riservato a pochi.
    Credo che praticamente chiunque si venderebbe per una lunga vita, mentre non tutti sono disposti a vendersi per denaro o altri vantaggi.

    Purtroppo nessuno ha ancora condotto un’indagine in questo senso.

  • Frigo

    Non berti le loro sparate new age o sullo “stress” della medicina. Quella gente gode del migliore cibo e cure del caso (le stesse che in Italia ti dicono non rispettino il BEM, Basic Evidence Medicine). Per morire anzitempo è sufficiente avere ordinari detersivi, saponi e detergenti in casa e negli ambienti indoor in genere dove più si persite.
    http://retiglocali.it/letteredallagermania/2012/05/22/achtung-giftstoffe-drin/

  • Cornelia

    Dubito che a Buckingham Palace facciano le pulizie col bicarbonato…
    Questi hanno qualche farmaco, altroché. Non si spiegano 90enni freschi e svegli come un 50enne. Ascolta la voce del nostro Presidente: non ha nulla della voce di un ultranovantenne. E’ più giovane della sua età, ed in modo sintetico.

  • illupodeicieli

    Però Giovanni Paolo II non mi sembrava granchè in forma e ,adesso, Benedetto XVI idem. Alcuni,effettivamente sembrano più giovani di quanto non siano, però se pensiamo a come poi muoiono, alle malattie che se li portano via, non mi pare che ricevano dalla natura un trattamento di riguardo.

  • Affus

    il debito pubblico in italia ,non esiste per colpa di ipotetici capitalisti che non pagano le tasse, da abbattere magari per mezzo dei proletari, no, il debito pubblico lo abbiamo per colpa di stipendi e pensioni da capogiro che si da la casta politica e statalista in primis !

  • Aironeblu

    Esiste anche l’ipotesi che collega la longevità dei potenti alla sparizione di migliaia di bambini, in tutto l’Occidente, ma forse in tutto il pianeta, i satanisti sostengono apertamente che i sacrifici dei bambini liberano più energia per la loro purezza, ma non vorrei addentrarmi in suggestioni impossibili da confermare e facili da deridere…

  • Aironeblu

    temo stia ripetendo il cliché della Santer, ovvero che tanti soldini stiano sparendo dalle tasche degli italiani per finire nelle tasche dei soliti ignoti.

    Per la precisione, 20 miliardi, pari a 330 € al mese per ogni italiano, neonati compresi, secondo l’ultimo rilevamento di settembre di Banca d’Italia.