MARILYN MONROE E CLARA CALAMAI

A CURA DI COLLETTIVO DURUTTI
One more blog

Il presidente di Federmeccanica reso celebre dal braccio di ferro coi sindacati, Massimo Calearo, e il generale Mauro Del Vecchio reduce dall’Afghanistan sono due big-nomi con cui Silvio Veltroni farà concorrenza a Walter Berlusconi su chi mette in lista più candidati di destra.

La strategia è evidente: chiunque vinca – e a questo punto è anche possibile che vinca il centro (si fa per dire) sinistra grazie a un inciucio che porterà Berlusconi al Quirinale – sarà instaurata una dittaturella tecnocratica, in salsa cattolico-pseudoumanista-umanitaria (niente legnate cilene, ma tante tante belle minacce paternaliste, tanti centri commerciali, dottrina economica neoclassica con qualche piccola correzione alla Remo Gaspari alla peggio, alla Aldo Moro alla meglio), tanti telefoni bianchi.

Santini del nuovo regime: Pier paolo Pasolini in effige ma non in sostanza, Marilyn Monroe, Assia Noris, Doris Duranti e Clara Calamai.

collettivo Durruti

Fonte: www.onemoreblog.it/
Link: http://www.onemoreblog.it/archives/018693.html
3.03.08

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tao
Tao
3 Marzo 2008 7:33

La decisione di Weltroni di candidare il “sopravvissuto” al rogo della Tyssen come deputato e’ , e questo e’ evidente, una strumentalizzazione oscena della morte di altre persone. A parte il fatto che quella persona NON e’ sopravvissuta al rogo perche’ non e’ mai stato investito dal rogo stesso, ne’ e’ mai stato in pericolo, ci sarebbe da notare che quel signore e’ un sindacalista. Non voglio fare la solita voce maliziosa facendo notare come i sindacalisti lavorino alle gru e i tesserati vicini al fuoco, pero’ il dato di fatto e’ che quel signore e’ stato chiamato dai colleghi ed e’ accorso quando ormai non c’era nulla da fare per i coinvolti: erano morti ma non lo sapevano ancora. Non e’ un sopravvissuto al rogo, al massimo e’ uno dei soccorritori. Anche se , suppongo, le ricostruzioni dei giornali lo avvicineranno sempre di piu’ al fuoco mano a mano che passa il tempo, vuoi vedere che i colleghi sono morti di infarto per la paura di vederlo bruciare con la sua gru? In realta’ la cosa che volevo dire (“sopravvissuto” o meno) e’ che quel signore e’ un sindacalista.Per la precisione era IL sindacalista degli uccisi. Parliamo cioe’ di… Leggi tutto »

mat612000
mat612000
3 Marzo 2008 12:13

Hai dimenticato un santino: Luisa Ferida…fucilata con Osvaldo Valenti il 30 aprile 1945 a Milano dai partigiani della brigata Pasubio.

maristaurru
maristaurru
3 Marzo 2008 13:35

Oggi sono morti a Molfetta 4 operai, un altro è in gravi condizioni. Ci sono sempre statimorti sul lavoro, ci fanno sapere che accade intutta Europa i nostri cari giornalisti, ma in Italia succede di più, e da circa un anno succede ancora più spesso. Ora dobbiamo tener presente che nella finanziaria del 2007 vi era una norma (sottaciuta dai più ), al comma 1198, nessuno quasi se ne è curato. Anzi avendone io scritto su altri siti, sono stata redarguita aspramente per aver sollevato un problema “inesistente”: E’ possibile che io sbagli, non che mastichi molto la materia, ma a me sembra che il comma sia inerente alle procedure di regolarizzazione dei lavoratori che non figurano nelle scritture obbligatorie delle imprese, ossia dei lavoratori in nero. Tali procedure leggendo attentamente (regolate nei commi 1196-1205) si vede che mirano a far sì che le imprese possano sanare ogni rapporto irregolare stipulato nell’ultimo quinquennio con costi estremamente ridotti, consistenti cioè nell’obbligo di assunzione a termine per almeno due anni dei lavoratori irregolari, nel pagamento di un onere contributivo ridotto, anche a rate e senza interessi, e nell’estinzione di ogni reato commesso in materia di lavoro e previdenziale: in sostanza un condono… Leggi tutto »