L’UE raggiunge un accordo sull’embargo al petrolio russo

Il sesto pacchetto di sanzioni consentirà ad alcuni membri di mantenere le importazioni, mentre circa il 75% del greggio russo fin ora acquistato dall'Europa verrà bloccato

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Al termine di settimane di deliberazioni, gli Stati membri dell’UE hanno raggiunto un accordo di massima sul sesto pacchetto di sanzioni anti-Russia, ha annunciato la leadership europea dopo una riunione tenutasi ieri, lunedì 30 maggio.

Secondo l’accordo l’Ungheria e la Bulgaria continueranno ad acquistare il petrolio russo, mentre la maggior parte delle altre rotte di importazione saranno bloccate.

Il Presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel ha dichiarato che l’embargo “attenuato” riguarderà circa il 75% delle importazioni di petrolio russo, con una percentuale che salirà al 90% entro la fine dell’anno.

L’Ungheria, che in precedenza aveva bloccato le sanzioni, è stata esentata dalle restrizioni commerciali, ha dichiarato il primo ministro Viktor Orban. “Le famiglie ungheresi possono dormire tranquille”, ha scritto sui social media.

Anche il governo bulgaro ha dichiarato di aver ottenuto una deroga fino al 2024. Il primo ministro Kiril Petkov ha detto che il suo Paese ha bisogno di un periodo di transizione per riconvertire le raffinerie in strutture predisposte per nuove fonti energetiche.

Poichè le restrizioni proposte richiedevano l’approvazione di tutti i 27 Paesi dell’UE, era necessario superare le preoccupazioni di Ungheria e Bulgaria. Per questo motivo l’ultima versione del pacchetto di sanzioni prevede un’esenzione temporanea per il petrolio proveniente dagli oleodotti russi, e si rivolge invece alle forniture via mare. Michel ha dichiarato che le restrizioni saranno approvate formalmente domani, mercoledì 1 giugno.

Tra le altre sanzioni predisposte in questo sesto pacchetto, l’esclusione dal sistema SWIFT della più grande banca russa, la Sberbank, nonchè il blocco in tutta l’UE di altre 3 emittenti russe.


Massimo A. Cascone, 31.05.2022

Fonte:

https://www.lemonde.fr/en/international/article/2022/05/31/eu-leaders-agree-on-partial-embargo-on-russian-oil_5985146_4.html

https://www.cnbc.com/2022/05/31/oil-prices-eu-russian-crude.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
2 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
È il momento di condividere le tue opinionix