Home / ComeDonChisciotte / L'ITALIA DEI PAPI GAY E DEI FRATI STUPRATORI SI PREPARA AL GOVERNO DRAGHI

L'ITALIA DEI PAPI GAY E DEI FRATI STUPRATORI SI PREPARA AL GOVERNO DRAGHI

DI CLAUDIO LANTI

Il settimanale L’Espresso ha rivelato che il papa Paolo VI era gay e che era ricattato dal
presidente della Repubblica Giuseppe Saragat. Mentre il frate francescano Fedele Bisceglia, redentore di pornostar, che preferisce
trombarsi le suore, ne ha stuprate alcune in compagnia degli amici e le ha filmate. Per giustificarsi ha proclamato “Erano brutte e grasse”.
Ma Papa Montini, come apprendiamo dalla stampa Usa, fece anche di peggio quand’era segretario di stato della Santa Sede alla fine della
seconda guerra mondiale: insieme con il solito compare Pio XII, sospetto agente nazista oggi in via di iniqua santificazione, depredò le
vittime dell’olocausto in Croazia portando i quattrini in Vaticano. Ladri e malfattori dilagano: i carabinieri hanno arrestato una banda di 8
carabinieri spacciatori di droga. Spinta dalla consueta rivalità, la polizia ha arrestato 8 poliziotti per furto e ricettazione.
Frattanto l’Italia è
paralizzata dalla neve con Milano irraggiungibile: bloccati i treni, gli aeroporti e le autostrade. L’uomo politico più serio del Paese Fausto
Bertinotti ha messo in lista un travestito di nome Vladimir Luxuria, fondando la Quinta Internazionale. Arrabbiato per il crescente
isolamento politico nel centro-sinistra, Romano Prodi ha dichiarato che il premier Silvio Berlusconi “è alla canna del gas”. Poi ha
ammorbito i toni: ”Finirà a vendere tappeti”. Un alto dirigente della Goldman Sachs ha giudicato l’economia nazionale affermando: “Vi resta
solo il cibo e il calcio”. In queste condizioni, l’Italia osserva Gianni Letta e Luca di Montezemolo scaldarsi in panchina: uno dei due -o
entrambi- presedieranno il governo tecnocratico guidato nell’ombra dal governatore Mario Draghi.

Claudio Lanti

La Velina Azzurra N. 3 del 27.1. 2006
Supplemento di Italian Outlook – Facts and analysis
Reg. Tribunale di Roma N. 514/92 del 17/9/92
Via della Mendola 190 Roma 00135
Tel/fax/segreteria 06.3550.1661
Fax/segreteria 1786004559 (senza prefisso)

La Velina Azzurra esce con cadenza mediamente settimanale ma non prestabilita, più lunga o più corta a seconda del nostro
capriccio insindacabile, talvolta intervallata da fulminanti Veline-flash per gli sfizi da consumare espressi. Viene inviata per e-mail
ma in casi speciali anche via fax.
Per riceverla -pagando un ticket- mandare una e-mail anche vuota [email protected]
Avrete in automatico le indicazioni necessarie. Invece per contatti, informazioni e altro scriverci a [email protected] o in
Via della Mendola 190 – Roma 00135. Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. La Velina Azzurra è destinata in esclusiva ai
suoi abbonati.
Perciò può essere parzialmente riprodotta citando la fonte, ma non ridistribuita integralmente, a meno di preventivi e
particolari accordi.
Mandarla in giro per e-mail o fotocopia sarebbe un abuso davvero poco nobile che, qualora scoperto,
costerebbe salato agli autori.

Pubblicato da Davide

  • giorgiovitali

    SCOPRO OGGI PER LA PRIMA VOLTA LA VELINA AZZURRA. NIENTE MALE, LA RAGAZZA. QUELLO CHE DICHIARA IN QUESTA PAGINETTA VA COMMENTATO: di Paolo VI il vizietto era noto. Almeno per coloro che, come il sottoscritto, si iteressano di politica cercando di conoscere le ragioni “oculte” di certi comportamenti. Era noto a molti. Oltre a chi aveva interesse a “sfruttarne” il segreto. C’ era anche un noto attore che era visto entrare in re insolte nelle segrete stanze del Vaticano. Questi sono gli aspetti del POTERE. Per quanto riguarda i soldi riciclati dal Vaticano, documentazione e ricatti a parte, è ora che si comincino a tirar fuori dai vari cassetti le NOTIZIE VERE. In tal caso sarà possibile per molti la COMPRENSIONE della VERITA’ sull’ ultimo conflitto mondiale, che è tutto FUORCHE’ ciò che finora si è detto. Io RINTENGO infatti che, dal mometo che certe ” Organizzazioni” cominciano a chiedere soldi al Vaticano, questo RISPONDERA’ a TONO, sbugiardando definitivamente menzogne che si propagandano da sessantanni, fruttando profitti ENORMI. Per quanto riguarda la gestione della Cosa Pubblica italiana, è bene si capisca che si tratta di un sistema INGESSATO, tutt’ altro che LIBERO ed indipendente, alla mercè di potentati ESTERNI e gestito nelle minute cose da personaggi in veste da maggiordomi la cui unica qualifica è quella di appartenere a MAFIE, MASSONERIE, CONVENTICOLE di vario COLORE. Oltre a Spie, agenti segreti, killer più o meno professionali, con o senza medaglia d’ oro. Nel caso specifico dei nomi citati per il prossimo governo, potremmo riferire la comune appartenenza all’ ASPEN INSTITUTE. E non saranno i FROCI o le LESBICHE ad “allargare” i nostri livelli di LIBERTA’. GV

  • Zret

    I gusti sessuali non sono biasimevoli, anzi è proprio la repressione sessuale che causa certi fenomeni. Io mi soffermerei sul ruolo politico del Vaticano…

    L’arma di Benedetto XVI

    Credo che un’approfondita disamina dell’arma, volgarmente definita stemma, appartenente all’attuale papa, Benedetto XVI, potrebbe rivelare significati degni di nota. Preciso che la mia analisi è suscettibile di correzioni e di ulteriori approfondimenti, perché, quando ci s’inoltra nel dedalo dei simboli, non sempre è facile trovare l’uscita: infatti carattere dei simboli è spesso la bivalenza e, in taluni casi, la polisemia. In primo luogo occorre chiedersi che cos’è il simbolo, anche se la risposta a tale domanda in parte esula dai fini di questo studio. Bisogna ricordare che ciascun emblema, di per sé, non è né positivo né negativo, poiché assume una risonanza luminosa od oscura, secondo il contesto e chi lo usa. Orbene, si potrebbe affermare, con una certa approssimazione, che il simbolo è un’immagine primordiale che tende a radicarsi nell’inconscio in cui lascia tracce subliminali. Il simbolo è anche uno strumento sintetico di comunicazione che associa ad un’icona un particolare significato. Tale valore tuttavia tende a creare attorno a sé, a causa di condizioni culturali e psicologiche, una galassia di possibilità semantiche a tal punto che molti emblemi risultano inesauribili.

    Alla luce di questa premessa, è forse possibile cogliere la dimensione occulta celata dietro l’apparente convenzionalità ed innocenza delle figure e dei colori che caratterizzano lo stemma di Benedetto XVI.

    Analizziamo dunque il blasone papale: esso consta dell’arma vera e propria, lo scudo, e degli elementi che indicano il grado, la dignità, il titolo etc.

    “Nello stemma adottato da Benedetto XVI lo scudo, del tipo a calice, è rosso cappato d’oro: presenta cioè il campo principale rosso con due campiture laterali color oro negli angoli superiori, a mo’ di “cappa. Quest’ultima è un simbolo religioso che si riferisce alla spiritualità monastica, in particolare quella benedettina.
    Figurano poi i simboli già impiegati da Joseph Ratzinger nel suo stemma come arcivescovo di Monaco e Frisinga e come cardinale, anche se risultano ordinati in maniera diversa.
    In basso è una grande conchiglia d’oro dalla triplice simbologia: in primo luogo ricorda una visione di Sant’Agostino con un bambino intento a svuotare il mare con una conchiglia. Quando il santo gli chiese se ci sarebbe mai riuscito, il bambino rispose: “Certo, prima che tu abbia capito l’essenza di Dio”, in riferimento all’inutile sforzo di Agostino di tentare di far entrare l’infinità di Dio nella limitata mente umana e, al tempo stesso, invito ad attingere all’insegnamento teologico. La conchiglia è poi uno degli attributi del pellegrino, un simbolo che si riferisce a Giovanni Paolo II di cui Benedetto XVI vuole mantenere lo spirito di pellegrino nel mondo.
    Infine, la conchiglia figura nello stemma del Monastero di Schotten in Baviera, presso Ratisbona, cui papa Ratzinger è molto legato. Sempre dalla Baviera provengono le due immagini che compaiono nella “cappa”: a sinistra è una testa di moro coronata, antico simbolo della diocesi di Frisinga; a destra è invece un orso con un fardello, legato ad un episodio della vita di San Corbiniano, primo Vescovo di Frisinga, che riuscì ad ammansire l’animale e a farsi accompagnare, caricandolo dei suoi bagagli, fino a Roma. L’orso addomesticato dalla grazia di Dio è lo stesso vescovo di Frisinga, mentre il fardello rappresenta il peso dell’episcopato da lui portato.
    Tradizionali sono le due chiavi, una d’oro e una d’argento, simboli del potere spirituale e del potere temporale, in ricordo della consegna delle chiavi del regno dei cieli da parte di Cristo a San Pietro, “primo pontefice” (sic).
    La tiara, il copricapo papale, è sostituita con la mitra, decorata con tre fasce d’oro simbolo dei tre poteri di Ordine, Giurisdizione e Magistero. Una novità è costituita dall’introduzione del “pallio”, tipica insegna liturgica del sommo pontefice, che indica l’incarico di essere il pastore del gregge che Cristo gli ha affidato (sic): un nastro di lana bianca, intessuto con pura lana di agnelli allevati per tale scopo che il papa dona agli arcivescovi metropoliti.
    Fra novità e tradizione, dunque, lo stemma propone un insieme d’immagini che fanno riferimento agli ideali, alle tradizioni e ai programmi di Benedetto XVI.”(1)

    Questa è la descrizione dello stemma papale: “Di rosso, cappato di oro, alla conchiglia dello stesso; la cappa destra, alla testa di moro al naturale, coronata e collarinata di rosso; la cappa sinistra, all’orso al naturale, lampassato e caricato di un fardello di rosso, cinghiato di nero”.

    La descrizione sopra riportata è piuttosto precisa, ma esterna. Per mezzo di una “doppia visione”, è possibile intuire gli aspetti reconditi del blasone pontificio: in primo luogo consideriamo gli smalti, ossia i colori ed i metalli. Nello stemma ricorrono il rosso ed il nero: entrambi i colori, nell’ambito di una “blasonatura” esoterica, evocano significati luciferini. Da non dimenticare la strana predilezione per il rosso dimostrata da questo papa in più occasioni, soprattutto nell’abbigliamento. Se da un lato, per una nota regola araldica, certi smalti sono sempre abbinati, dall’altro risulta un po’ sospetta questa ossessiva dicromia rosso-nero. Inquietanti poi sono le altre figure: l’orso, la testa di moro e la conchiglia. L’orso, infatti, “quale animale pericoloso personifica anche il potere del diavolo. La lotta del giovane David contro un orso, narrata nella Bibbia, rappresenta il prototipo della vittoria di Cristo sulle forze delle tenebre.”(2)

    La testa di moro pare adempire la celebre profezia secondo cui Benedetto XVI sarebbe il “papa nero”, il che non si riferisce, com’è evidente, al colore della pelle, ma ad una probabile inclinazione di Ratzinger per la necromanzia, l’occulto ed i riti luciferini. La conchiglia nell’antichità era associata alla dea Afrodite che, a sua volta, è un’ipostasi di dee medio-orientali dalle accentuate valenze erotiche. Il prototipo di queste divinità è costituito da Ninlil, la dea sumera i cui attributi erano il serpente, la montagna celeste, le stelle. (3) Nella valva è forse possibile scorgere al centro, almeno in alcune riproduzioni dell’arma, una testa, per la precisione, il teschio di un capro… E’ noto che dal capro il diavolo ha preso molti tratti del suo terrifico aspetto. (4)

    Si consideri che la mitra, nel nome e nel significato profondo, richiama la religione solare di Mitra, di cui il cattolicesimo è, in parte, una filiazione o meglio una metamorfosi. Certi studiosi hanno poi notato che il copricapo e le chiavi in decusse adombrano il teschio con le tibie incrociate, emblema in non pochi casi dal valore sinistro. (5) Insomma, immagini pagane e mefistofeliche sembrano connotare lo stemma dell’attuale vescovo di Roma.

    Credo che l’attenta osservazione di questi elementi araldici consenta di avvalorare l’ipotesi secondo la quale Benedetto XVI potrebbe essere un influente membro della sinarchia, il governo occulto della Terra, come si evince d’altronde pure da certi suoi discorsi inneggianti al famigerato “nuovo ordine mondiale”. Inoltre, nell’ambito delle sue omelie, egli ha sovente introdotto argomentazioni sovrapponibili a quelle del presidente statunitense G.W. Bush,(6) laddove, ad esempio, ha tuonato contro il terrorismo e contro le religioni che, in nome di Dio, compiono massacri. Tali convergenze ideologiche difficilmente possono essere casuali, anzi denunciano l’appartenenza del papa alla “Confraternita” che, mentre esibisce un linguaggio incentrato sui valori quali democrazia, giustizia, libertà, opera per instaurare una dittatura planetaria. In tal senso, il nome Benedictus XVI (in tutto 13 segni tra lettere e numeri) (7) potrebbe essere letto, attraverso l’inversione semantica, tipica delle sette sataniche, come… Maledictus.

    Ai lettori le conseguenti riflessioni.

    Note:

    1) D. Marchioro. Lo stemma di papa Ratzinger.
    2) H. Biedermann, Enciclopedia dei simboli, Milano, 1991, s.v. orso.
    3) P. Monaghan, Dizionario delle dee e delle eroine Figure di donna nei miti e nelle leggende, Milano, 2004, s.v. Ninlil.
    4) H. Biedermann, op.cit., s.v. caprone.
    5) Cfr , ad esempio, D. Icke, Il segreto più nascosto, Cesena, 2001.
    6) E’ notorio che Bush è affiliato alla società segreta Skull and bones.
    7) Sul significato del numero 13 non occorre indugiare.

  • giorgiovitali

    E’ FUORI DI DUBBIO che la SIMBOLOGIA è molto importante nella valutazione degli EVENTI. E’ altrettanto VERO che, se qualcuno DECIDE di affidare la propria immagine ad un SIMBOLO, ciò significa qualcosa. DETTo questo, occorre aggiungere qualcosa. 1) Se il rischio principale è quello di arzigogolare interpretazioni cervellotiche, tuttavia NON possiamo PIU’ affidarci ad interpretazioni meccanicistiche e positiviste della STORIA, perchè il RETROSCENA è il VERO palcoscenico.
    2) Qualunque tentativo da parte dei SERVI sel SISTEMA di semplificare gli avvenimenti secondo schemi meccanicistici, E’ UNA FALSIFICAZIONE COSCIENTE GV!

  • Affus

    ma vatti a sparà !

  • Zret

    Il retroscena è il vero palcoscenico. In poche parole una profondissima verità.

  • Tao

    Roma  2 febbraio (La Velina Azzurra) –  Abbiamo suscitato curiosità e provocato proteste con una nostra velina-flash  su “papi
    gay e frati  stupratori” e altro.  Se il nostro approccio di tragica ironia  non era subito chiaro  ce ne scusiamo.   Era un “outing”, come
    dicono gli allineati alle  mode, un’uscita allo scoperto.  Abbiamo fatto una cosa semplicissima riportando un collage di notizie  già
    pubblicate dai giornali nell’arco di pochi giorni.  Notizie  false o vere, diventate comunque ordinaria cronaca quotidiana. Con poche
    righe volevamo raffigurare l’Italia vuota e stremata, pronta ad accogliere il governo tecnocratico post elettorale che, sotto la bandiera
    nera delle nuove privatizzazioni, cederà agli interessi stranieri le ultime briciole di quella che fu la ricchezza del quinto paese
    industrializzato del mondo.

    Se infatti certe cose  vengono lette  separatamente il loro terribile effetto complessivo viene annebbiato dall’assuefazione.  Si assimila
    ogni giorno qualche goccia di veleno, chiudendo gli occhi davanti  alla cosiddetta  normalità.    Ma basta un flash di queste cose tutte
    insieme  per ricevere un colpo allo stomaco.  E quindi, anziché continuare a morire poco a poco  di questo morbo profondo, si
    reagisce, si vomita sputando il veleno.  Se qualcuno ha sofferto di stomaco all’impatto con il  nostro quadretto,  questo è pur sempre
    un segnale positivo, vuol dire che nel collasso senza fine del Paese c’è ancora qualche  energia positiva da conservare per il futuro.   

    Claudio Lanti