L’Iran si vendicherà della morte di Soleimani con l’aiuto della Russia

Se la Federazione Russa, dopo il vertice di Teheran, acquisterà droni da combattimento iraniani, ciò porterà le relazioni russo-iraniane a un nuovo livello e cambierà la situazione geopolitica

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Lyuba Lulko, pravda.ru

L’Iran è un alleato prezioso per la Russia

L’Iran sta lavorando per fornire droni d’attacco alla Russia, nonostante una dichiarazione ufficiale del Ministero degli Esteri iraniano che affermava che l’Iran non avrebbe fornito tali armi.

Secondo la CNN, i funzionari russi hanno preso in considerazione i droni Shahed-191 e Shahed-129, che possono essere equipaggiati con razzi ad alta precisione. L’Iran è anche pronto a iniziare l’addestramento dei militari russi a fine luglio.

Questo accordo ha tutte le possibilità di concretizzarsi perché l’Iran non teme alcun tipo di repressione da parte dell’Occidente: l’Iran vive sotto sanzioni da 40 anni.

Ciò rende l’Iran un alleato prezioso per la Federazione Russa, dato che i russi non hanno un particolare sostegno internazionale nell’operazione speciale in Ucraina.

L’Iran è da tempo impegnato in un confronto offensivo con il mondo occidentale, per costruire un nuovo ordine mondiale senza l’Occidente.

Dopo il fallimento del tentativo del presidente statunitense Joe Biden di alimentare un fronte arabo-israeliano contro l’Iran una settimana fa, la leadership iraniana si è sentita ispirata. Ciò contribuisce a ulteriori azioni. Teheran lo ha immediatamente chiarito agli Stati Uniti dopo il patto con Israele, che è dotato di armi atomiche. Questo pone fine al ritorno dell’Iran all’accordo nucleare con gli Stati Uniti.

La Russia ha bisogno di droni da combattimento iraniani

La Russia ha bisogno di armi iraniane, scrivono molti esperti militari russi.

Se l’Iran, nelle condizioni del più grave blocco industriale, è riuscito a stabilire la produzione di veicoli senza pilota a partire da componenti disponibili e questi UAV sono utilizzati con successo per contrastare i moderni sistemi occidentali di guerra elettronica e di difesa aerea, allora non c’è motivo per noi di trascurare questa esperienza

ha detto il canale Telegram Elder Edda.

Dato che la Russia dispiegherà armi d’attacco iraniane nel teatro operativo europeo contro i sistemi di difesa aerea che gli Stati Uniti e i Paesi della NATO hanno fornito all’Ucraina, possiamo dire che questa è una risposta adeguata da parte dell’Iran al sistema di difesa missilistico americano che era stato dispiegato contro di essa in Romania, Polonia e Repubblica Ceca. Questa potrebbe anche essere la vendetta dell’Iran per l’assassinio di Qassem Soleimani.

L’Iran diventa così una potenza regionale al livello della Turchia e può contare su una priorità nelle relazioni Russia-Israele e Russia-Iran in Siria.

Quali droni interessano alla Russia

È un segreto aperto che l’Iran abbia una vasta gamma di droni. Lo Shahed-129 ha un’apertura alare di 15,2 metri, sviluppa una velocità di circa 160 km all’ora, può operare autonomamente per 24 ore con un raggio di volo di 1.700 km e un’altitudine massima di 7,3 km. Può trasportare fino a otto bombe di precisione Sadid-345 con una gittata di sei chilometri, in grado di colpire bersagli in movimento.

Lo Shahed 191 trasporta due missili Sadid-1, ha una velocità di 300 km/h, opera autonomamente per 4,5 ore, ha un raggio di volo di 450 km e un carico utile di 50 kg. L’altitudine massima è di 7,6 km.

Entrambi i droni sono invisibili ai radar, sono più difficili da rilevare dai sistemi di difesa aerea e possono completarsi a vicenda nelle operazioni. Potrebbero cercare e distruggere i lanciamissili mobili HIMARS e altre armi, compresi i sistemi di difesa aerea ucraini che il Paese ha ricevuto dagli Stati Uniti.

Il vertice di Teheran cambierà il quadro geopolitico del mondo

Va notato che anche la Turchia, che ha chiesto di entrare a far parte dei BRICS come l’Iran, ha partecipato al vertice del 19 luglio. Ciò suggerisce che Ankara continua a resistere alle istruzioni di Washington di seguire la politica anti-russa e anti-iraniana.

Dopo la visita di Biden, il ministro degli Esteri saudita, principe Faisal bin Farhan, ha dichiarato alla CNN che sono in corso colloqui tra l’Iran e gli Stati membri del Consiglio di cooperazione del Golfo (CCG) per migliorare le relazioni.

Teheran è un beneficiario dei processi di formazione del mondo multipolare. In questo senso, la visita del Presidente Putin a Teheran il 19 luglio è di grande importanza per il Paese persiano, così come per la Russia.

L’alleanza tra la Federazione Russa e l’Iran, nata come un’alleanza limitata alla Siria per combattere il terrorismo, si è rafforzata negli ultimi sette anni e ha acquisito una dimensione globale.

Grandiosi progetti per la costruzione di un corridoio di trasporto attraverso l’Iran verso l’India, la cooperazione nel bacino del Caspio, il lavoro congiunto contro l’influenza israelo-americana in Medio Oriente: tutto questo ci aspetta.

Di Lyuba Lulko, pravda.ru

Fonte: https://english.pravda.ru/world/153126-russia_iran/

19.07.2022

Traduzione di Costantino Ceoldo per ComeDonChisciotte.org

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
2 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
È il momento di condividere le tue opinionix