Lettera aperta del Prof. Davide Tutino

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

La Redazione di ComeDonChisciotte.org riceve e pubblica la lettera aperta del prof. Davide Tutito, indirizzata al Liceo Scientifico Statale Teresa Gullace Talotta di Roma, con la quale racconta la sua esperienza in un Hub vaccinale, presso il quale è stato costretto a recarsi a causa della non legittima minaccia di sospensione ricevuta.

* * * 

Lettera aperta al Liceo Gullace Talotta di Roma

 

Gentilissimi,

costretto dalla vostra non legittima minaccia di sospensione, il giorno 22 marzo, al nono giorno di sciopero della fame, mi sono recato secondo prenotazione a un centro di Città Ducale, in provincia di Rieti, tra monti e boschi meravigliosi.

Nonostante io sia in possesso di una esenzione dal Trattamento Sanitario Obbligatorio Periodico.

Nonostante anche voi siate in possesso di tale esenzione, ottenuta secondo legge, avete ritenuto di impormi la scelta tra la possibilità economica di sopravvivere e la necessità di cedere il mio corpo ad un trattamento farmacologico sperimentale.

Recatomi sul posto ho rappresentato la minaccia è l’obbligo cui sono sottoposto, ma il fatto che io non fossi lì liberamente non ha impensierito il personale, che intendeva comunque procedere, in violazione della convenzione di Norimberga.

Ho quindi scoperto il braccio, porgendolo al medico, invitandolo ad eseguire ciò che in scienza e coscienza non avrebbe mai eseguito; ciò che, obbedendo agli ordini, ora si riteneva legittimato a eseguire.

Ho scoperto il mio braccio per lui, ma alla richiesta di sottoscrivere il consenso ho risposto che non posso, non voglio, non devo.

Ero lì per bere la cicuta, come il mio amato maestro, ma come lui non intendevo e non intendo dire che si tratta di una mia scelta: sarebbe una menzogna, una menzogna avvelenata che uccide anzitutto il diritto vostro: di voi che mi obbligate, di voi che mi intimidite, di voi che contribuite a perseguitarmi.

Ho invitato il medico, o dovrei dire l’esecutore, a bucare il mio corpo, a fare quella puntura, ma senza una mia firma, senza costringermi a firmare il falso. Sono stato cacciato da quel luogo tra urla, strepiti, insulti.

Non hanno voluto assumersi la responsabilità di prendere il corpo che offrivo loro.

Non hanno voluto.

Ora sta a voi decidere: obbedire alla coscienza, alla Costituzione, oppure agli ordini.

Oggi, 24 Marzo 2022, al dodicesimo giorno di sciopero della fame con decine di altri cittadini, per il ripristino dei diritti umani e costituzionali, attendo.

Attendo nella cella della mia coscienza e della mia libertà, sono in dolce attesa delle vostre decisioni.

Cordiali saluti,

Professor Studente Davide Tutino, dirigente del Sindacato Fisi , fondatore e comitato di Liberazione Nazionale e del movimento nonviolento Resistenza Radicale.

24 Marzo 2022

_____________________________________________________

Massimo A. Cascone, 25.03.2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x