Home / ComeDonChisciotte / LETTERA AL NUOVO SINDACO DI REYKJAVIK, ISLANDA

LETTERA AL NUOVO SINDACO DI REYKJAVIK, ISLANDA

DI BILL STILL
billstillsmonetaryreforum.com

a: Jon Gnarr

Signor Sindaco,

sono lo scrittore/regista di “The MoneyMasters” e del nuovo film “The Secret of Oz”. Per coincidenza, sono atterrato in Islanda il 31 maggio 2010, due giorni dopo la Sua elezione.

Mi è stato chiesto di venire in Islanda per cercare di aiutare a dare dei suggerimenti per la vostra economia. Abbiamo formato un gruppo di lavoro chiamato “The Icelandic Monetary Reform Working Group” (IMRWG) ed abbiamo incontrato tre membri del parlamento, compresa Birgitta Jonsdottir.

Qualcuno del suo staff si incontrerà con il nostro gruppo domani (lunedì). Vorrei solo mettermi in contatto con lei personalmente per spiegarle in breve di cosa si tratta.

Nella foto: Jon Gnarr

Noi (del IMRWG) abbiamo deciso che la MIGLIOR cosa da farsi fosse di cercare di incontrarla per convincerla a formare la BEST BANK per aiutare ad alleviare le persone le cui case sono state ipotecate dalle banche. La BEST BANK sarebbe modellata sulla Bank of North Dakota (BND).

Funziona così. La città di Reykjavik (CR) crea la sua banca. Veramente, dato che l’Islanda ha avuto esperienze negative con le banche strettamente legate a certi partiti politici, sarebbe probabilmente MEGLIO chiamarla “Bank of Reykjavik” (BR). Ma tanto per divertirci, chiamiamola Best Bank (BB).

La CR deposita tutte le sue entrate fiscali nella BB. Diciamo che sono 200.000.000 KR all’anno. Questo è un asset che può essere moltiplicato per un fattore di 9 secondo le regole bancarie internazionali. Usando il principio della riserva frazionale che è accettato dal FMI, si consentirebbe alla BB di concedere prestiti di 1.800.000.000 IMMEDIATAMENTE. Dato che la CR possiede interamente la BB, la BB potrebbe concedere questi prestiti a chiunque scelga, compreso al governo della città, SENZA interessi – sì, è giusto, a interesse ZERO. Tutto questo è completamente legale! È per questo che il North Dakota è l’UNICO stato negli USA con un budget bilanciato, nessun debito, e il più basso tasso di disoccupazione della nazione.

Ma c’è di meglio. La città di Reykjavik ha anche altri asset. Secondo le stesse regole bancarie internazionali, la CR può contare il valore di tutte le strade, dei ponti, degli edifici, ecc. come suo capitale (asset base). L’importo è altissimo! Ora, non vorrete certo inflazionare troppo la somma di denaro, né correre rischi per gli asset della CR, quindi non presterete neanche lontanamente tanto quanto potreste, ma ci pensate al numero di persone che potreste aiutare prestando 2 BILIONI di KR? Certamente, la CR potrebbe usare questo denaro per aiutare a riparare l’economia in altri modi, come pure per contenere le tasse in questi difficili tempi economici. È questo che il North Dakota fa con la sua banca.

Quando si passa alle case, c’è un problema. Il costo degli immobili è salito davvero troppo. Deve essere riabbassato. Quindi questo deve essere preso in considerazione. Non dovete mantenere alto il costo delle case. I prezzi devono scendere. Ma ci sono dei buoni economisti in Islanda che su questo possono venirvi in aiuto, compresa la “banda degli otto”.

Lei ha un’opportunità storica oggi di cambiare il sistema monetario islandese. Se approverà la Best Bank, lo farà anche il parlamento. Se la nazione dell’Islanda sfugge al sistema del debito monetario con cui il FMI cerca di schiavizzare l’Islanda, il denaro di investimento si riverserà in Islanda da tutto il mondo. Mia moglie ed io saremo lieti di depositare il nostro denaro nella Best Bank perché sappiamo quanto sarebbe forte. Molti altri Americani farebbero lo stesso. Una volta che la BB sarà operativa, le altre nazioni staranno a guardare.

Bill Still

Fonte: http://billstillsmonetaryreforum.com
Linkl: http://billstillsmonetaryreforum.com/index.php?showtopic=367
4.07.2001

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MICAELA MARRI

Pubblicato da Davide

  • Truman

    Per completezza metto il link al precedente articolo apparso nei forum:

    Jòn Gnarr, anarchico surrealista, nuovo sindaco di Reykjavik

  • vic

    The best result when multiplying 9 x 200 Mio KR is of course 1800 Mio KR, that is 1’800’000’000 KR

    Best wishes

  • wld

    mean that at those latitudes using a different multiplier? :-))

  • turrodan

    bah questo ha trovato la soluzione ai problemi islandesi creando denaro dal nulla , veramente un genio! (poi si crea una ondata di inflazione , poi c’è una crisi dovuta all’espansione del credito etc. etc.) Bisogna abbassare i prezzi degli immobili perchè sono saliti troppo , e chi lo decide lui? questa casa vale 100, quest’altra 200 etc..

  • Allarmerosso

    perchè la BCE o la FED non creano denaro dal nulla ?

  • Allarmerosso

    ahh aggiungo non è forse inflazionistico anche l’attuale sistema di creazione della moneta ?

  • Truman

    Credo che vic segnali correttamente che c’è un errore nei calcoli riportati nell’articolo. Il valore dei prestiti che si potrebbero concedere è mille volte superiore a quanto riportato.

  • Truman

    C’era un errore nell’articolo tradotto, errato di un fattore mille. L’articolo originale è giusto. Corretto articolo.

  • guru2012

    Questa cosa dell’anarchico surrealista mi sembra interessante, ma i commenti languono. E sulla banca del nord dakota, nessuno ha niente da dire?

  • brunotto588

    Infatti … con articoli così chiari e cristallini, i troll e difensori del sistema hanno vita dura …!!!! Ecco, articoli così … ce ne fossero !

  • Matt-e-Tatty

    Il prezzo lo fà l’offerta ma non ci sono regole, borse o meccanismi di controllo.
    Non conosco la situazione islandese ma quella italiana è di forte squilibrio causa speculazioni, impossibile prevedere ciò che accadrà ma è certo che i valori immobiliari attuali non sono reali, per questa cosa ci rimettono e ci hanno rimesso molte persone, dalle famiglie che hanno acquistato la casa negli anni post €, alle volpi del deserto impovvisatisi immobiliaristi e costruttori che come giocatori d’azzardo, andate bene le prime speculazioni, hanno contratto debiti ingenti “sul finire della pacchia” ed oggi si ritrovano con immobili su cui gravano mutui per cifre superiori al valore reale dei beni.
    Le banche hanno giocato molto sul fermento di questo mercato arrivando a concedere mutui prima casa (quindi con contributo pubblico) anche del 100% con la collaborazione di periti compiacenti.
    Al di là della soluzione che nell’articolo sembra semplice e su cui non mi pronuncio per ignoranza, mi permetto di fare una piccola considerazione sul debito contratto dai privati per casa e per oggetti di altra natura (tra cui cose inutili).
    le famiglie di generazioni precedenti alla mia (anni 70) compravano casa si a prezzi più bassi rispetto al reddito medio, ma avevano una bella abitudine che è andata perduta: quando acquistavano avevano già risparmiato almeno la metà dell’importo, contraendo così debiti che onoravano generalmente in un decennio.
    Oggi invece si acquista casa senza denaro, si arriva a pagare 30 anni e alla fine la cifra da restituire supera del doppio quella ottenuta per l’acquisto… su questo dovremmo farci tutti un esamino di coscienza perchè come mentalità è profondamente sbagliata, di fatto la gente si mette in mano agli strozzini sia per beni utili come la casa, sia per quelle inutili.
    La cultura del debito ha preso il sopravvento sulla cultura del risparmio che avevano i nostri genitori (parlo per quelli della mia età).
    Ci sarebbe da chiedersi se aveva ragione mio padre che acquistava automobili modeste di cilindrate inferiori a 1000cc (e che teneva fino a che non andavano più), che per le vacanze non ci portava in Messico ma prendeva in affitto un appartamento in riviera e un ombrellone e che, a mangiar fuori ci portava 1-2 volte all’anno.
    Tutto questo pistolotto ovviamente non ha a che fare con l’argomento banche ,signoraggio ecc…

  • guru2012

    Non capisco cosa c’entrino i troll, volevo solo sapere della banca del Nord Dakota, ne sai qualcosa?

  • brunotto588

    Certo, è nel North Dakota !

  • brunotto588

    Eppure questo è un articolo ESTREMAMENTE INTERESSANTE, che spiega come sia ( relativamente ) semplice chiara e attuabile la via dell’ alternativa …… Ma come mai è così disertato ??? I commentatori sono dunque tutti trolls ??? … Sempre tutti pronti a sparar cazzate, poi di un discorso serio non si interessa nessuno ….. bah …. capirvi …! … Niente, aumentano solo i miei dubbi sulla effettiva funzione di questo sito e sul suo gioco …… che sembra sempre più improntato al controllo che non al possibile cambiamento. Vive la fesse, altro frequentatore in meno, ovviamente per motivi opposti a quelli dei troppi “Sheridan” qui presenti.

  • Matt-e-Tatty

    Una soluzione per abbassare il prezzo degli immobili e renderli acquistabili per le famiglie (congiuntamente a un cambio di cultura) ci sarebbe.
    Fissare localmente i prezzi dei terreni edificabili con esproprio da parte dei comuni (ovviamente prezzi onesti altrimenti sarebbe furto ai danni del contadino che ci rimette terra e quindi lavoro).
    Costruire con committenza pubblica, che gli stessi comuni diventino imprenditori, ma per vendere le abitazioni a prezzi di costo vivo e non per speculare.
    Una volta attuato il meccanismo gli invenduti presenti nel territorio verrebbero notevolmete ridimensionati nei prezzi… ci rimetterebbero gli immobiliaristi che hanno speculato per anni di questo mercato sulla pelle delle famiglie (spesso con riciclo di denaro della malavita organizzata) e ci rimetterebbero le stesse banche che ci hanno derubato fino ad oggi… non è che mi strapperei i capelli per il dispiacere.

  • guru2012

    Insomma, la pensi come me. Ciao.

  • Ricky

    Un sindaco non puó decidere nulla, solo amministrare