Home / ComeDonChisciotte / L'ECONOMIA USA – UNA INTERESSANTE CONVERSAZIONE

L'ECONOMIA USA – UNA INTERESSANTE CONVERSAZIONE

DI GEORGE WHITEHURST BERRY
www.thegoldenshield.org

Di recente ho pranzato presso un eccellente ristorante cinese. Una signora giovane ed attraente è venuta a sedersi al posto accanto al mio ed è stata subito raggiunta da un uomo sui 45 anni. Egli cercava di fare colpo su di lei parlando della propria attività di intermediazione immobiliare e di tutti i profitti a breve termine conseguiti comprando e vendendo immobili.
Si vantava di aver comprato un’abitazione per 200 mila dollari e, dopo averla posseduta per un periodo relativamente breve, di averla venduta per 600 mila dollari.Disse di non aver voluto iscriversi alla Facoltà di Legge, perchè, sebbene “si sentisse” capace di esercitare la professione di avvocato e quantunque tale professione fosse una tradizione di famiglia, avrebbe potuto guadagnare talmente tanto di più con la sua attività di intermediazione.
Egli argomento’ come i procuratori dediti al diritto immobiliare ricevessero in media solo 750 dollari per indagine sul diritto di proprietà immobiliare (in base ai suoi calcoli), e come tale importo fosse talmente tanto inferiore ai suoi guadagni.

Affermo’ di avere una “conoscenza reale” della intermediazione e della finanza immobiliare, e che aveva appena comprato un’abitazione di 5.500 piedi quadrati (circa 550 mq N.d.t.) per appena 400 mila dollari in Nord Carolina, che in tre anni o meno avrebbe raggiunto un valore ben superiore ad un milione di dollari, a dir poco.

Mi sovvenne alla memoria che, quando nel 2000 correttamente predicevo che la Borsa Usa aveva deragliato ormai al tetto di un rialzo abnorme, avevo udito simili conversazioni riguardo ai titoli azionari. Quando un ciclo di mercato azionario al rialzo è nello stadio di “ultimo sbuffo” o di “esaurimento”, sentirete comunemente questo tipo di conversazioni.

Quando Jeff Rense mi intervistò l’ otto settembre 2005 io collocai il CRASH IMMOBILIARE in arrivo nel contesto della circostanza che siamo ora nella peggiore BOLLA DEBITORIA della storia Usa.

Forse avrei potuto interrompere la conversazione dell’ intermediatore con la giovane signora e chiedergli se in effetti egli “avesse reale conoscenza” della intermediazione immobiliare, se egli fosse consapevole del modo in cui il Debito Immobiliare aumenta sino al punto di rottura nel contesto del Sistema della Moneta Debito? Ricordate che nel 1999 e nel 2000 molti consulenti finanziari affermavano che gli investitori che compravano obbligazioni o certificati di deposito stavano “perdendo la nave”, perchè avrebbero potuto tutti andare in pensione anticipata con rendimenti a due cifre provenienti dai Fondi di investimento azionari ?
Non ho piu’ spiegato allo intermediatore immobiliare che, nel Sistema della Moneta Debito della Federal Reserve, le banche sono autorizzate a CREARE IL DENARO ! – cioè che esse non prestano affatto denaro già esistente.
Le banche creano denaro a partire da aria sottile !

Attraverso una procedura denominata “il Moltiplicatore”, le banche hanno la possibilità di prestare denaro che letteralmente non esisteva prima che esse lo prestassero.
La meccanica del Moltiplicatore e’ spiegata in ogni manuale di economia. Questo meccanismo è esattamente quello che, nello spazio di molti decenni, crea la BOLLA DEBITORIA quale quella che abbiamo ora.

Quello che invece non viene MAI spiegato sui testi universitari di Economia è questo: quando le banche creano denaro a partire dal niente sotto forma di prestiti, esse creano solo il Capitale.

COME CHE SIA, LE BANCHE NON CREANO MAI IL CORRISPONDENTE INTERESSE, NECESSARIO A RIMBORSARE IL CAPITALE !

La prima BOLLA DEBITORIA negli ultimi 100 anni fu quella del ciclo “gonfia e fai scoppiare”, che andò dagli anni ’20 agli anni ’30.

La seconda BOLLA DEBITORIA e’ quella odierna. Proprio quella dei giorni nostri.

Nell’ambito del SISTEMA DELLA MONETA DEBITO, quando l’ offerta di denaro viene aumentata dello importo “X”, il debito viene contemporaneamente espanso di “X più Y” …, ove “Y” e’ l’ INTERESSE addebitato sui prestiti. Poiche’ “X piu’ Y” e’ maggiore di “X”, IL DEBITO NON PUO’ MAI ESSERE RIMBORSATO. Questo fatto ci riporta al vecchio trucco dei banchieri internazionali, in cui l’offerta di denaro viene espansa grandemente in un breve periodo di tempo. Questo produce una temporanea illusione di prosperità – proprio come nei “ruggenti anni ’20”, quando titoli azionari ed immobili salirono di valore.

Ora la trappola e’ messa a punto, perche’ “X piu’ Y” è maggiore di “X”, sicchè all’interno della fase di espansione monetaria si trova una corrispondente BOMBA DEFLAZIONARIA A TEMPO, CHE FA TIC TAC.

Tutto cio’ che ai banchieri internazionali rimane da fare una volta che la trappola e’ stata messa a punto e’ revocare i prestiti, e LA TRAPPOLA SCATTA A RINCHIUDERSI.

Ecco perche’ i ruggenti anni ’20 furono seguiti dalla GRANDE DEPRESSIONE. I prestiti furono revocati e LA OFFERTA DI DENARO FU CONTRATTA VIOLENTEMENTE, ed I TITOLI AZIONARI ED IMMOBILIARI CROLLARONO.

Abbiamo gia’ avuto la fase della espansione monetaria nella BOLLA DEBITORIA NUMERO 2. Ecco perche’ siamo, credo, sull’orlo di quello potrebbe essere il PIU’ GRANDE CRASH IMMOBILIARE DELLA STORIA.

Forse avrei dovuto dire qualcosa all’ intermediatore immobiliare piuttosto arrogante, ma decisi di consumare il mio pranzo in silenzio.

“BON APPETIT…”

George Whitehurst Berry
http://www.thegoldenshield.org/

Visto su: http://francescocaselli.blogspot.com/
8.08.06

Tradotto da FRANCESCO CASELLI

sul medesimo argomento vedi anche:
http://www.centrofondi.it/report/report_07_03_06.pdf

Pubblicato da Davide

  • Tao

    Lo scoppio della «bolla» immobiliare potrebbe essere più violento del previsto, e trascinerebbe con sé la già fragile economia a stelle e strisce. I primi segnali dagli agenti: prezzi in picchiata, via i dipendenti. Guai per il consumatore medio: si è indebitato fidando sul valore dell’abitazione

    Fino a qualche mese fa l’espressione chiave per descrivere la situazione del mercato immobiliare negli Stati Uniti era soft landing, atterraggio morbido. Una fase di declino progressivo, ma non drammatico, a cui doveva seguire una ripresa a tempi ragionevolmente brevi. Oggi non c’è più alcun osservatore che parli di discesa morbida. Il dibattito semmai si è spostato sull’alternativa tra una crisi dura, ma governabile, e un vero e proprio crash simile a quello che ha colpito il settore tecnologico nella primavera del 2000. Le similitudini non mancano. Come l’hi-tech, anche l’immobiliare ha visto la costruzione di una bolla speculativa con aumenti dei prezzi delle case superiori al 10% all’anno nel periodo 2002-2005, ma con punte di aumenti annui vicini o superiori al 20% in alcuni mercati particolarmente «caldi» come la Florida, la California del Sud, una parte delle Montagne Rocciose. Una vera e propria corsa al mattone che ha interessato tutte le tipologie e i segmenti del mercato, dalle ville di lusso alle seconde case per le vacanze, dagli appartamenti popolari alle penthouse newyorkesi, e che ha avuto effetti indiretti anche fuori dai confini americani. Sono però alcuni mesi che il vento sembra essere cambiato e che si moltiplicano le grida di allarme di chi vede i segni inequivocabili di un rovesciamento di tendenza. In realtà aveva già cominciato l’ex-presidente della Federal Reserve Alan Greenspan nella primavera del 2005, parlando se non di «bolla» speculativa, di «schiuma» (come quella dei cappuccini) che si sarebbe creata nel mercato immobiliare.

    I dati più recenti, quelli di inizio agosto, sono però inequivocabili, anche perché vengono da due aziende leader che operano negli snodi critici del mercato e che godono dunque di un punto privilegiato di osservazione. La prima è Countrywide Financial Corporation, la più grande organizzazione finanziaria del paese nel campo della concessione di mutui immobiliari. Nell’ultimo mese Countrywide ha visto un crollo del 19% delle richieste di mutui. E ha immediatamente licenziato 382 dipendenti.«La gente è troppo ottimista – ha detto il direttore generale di Countrywide, Angelo Mozilo – quando continua a parlare di atterraggio morbido». Il secondo operatore a suonare l’allarme in questi giorni è stato Toll Brothers, azienda leader nelle case di lusso (ne costruisce oltre 9 mila ogni anno). Nell’ultimo trimestre gli ordini di abitazioni Toll sono scesi del 47% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. «Sembra che il rallentamento del mercato – ha detto al Los Angeles Times Robert Toll, amministratore delegato della società – durerà almeno altri sei mesi, che potrebbero però diventare anche due anni». Da tenere presente che fino alla primavera scorsa Robert Toll era considerato uno degli operatori più «tori», ovvero più ottimisti sulle prospettive dell’immobiliare. Ma altri segnali non incoraggianti vengono dal mercato delle seconde case. In alcune aree costiere della Florida, dominate dalle seconde case, si segnalano cadute dei prezzi nell’ordine dell’8% sull’anno precedente, in New Jersey siamo sul meno 10-15%. La crisi tocca anche le ville super-lussuose degli Hamptons, nei pressi di Long Island dove gli agenti immobiliari hanno iniziato a produrre spot televisivi per vendere le case ed organizzano veri e propri ricevimenti con vini e formaggi francesi per attirare potenziali acquirenti. Quello delle seconde case è un mercato ovviamente più «discrezionale», non guidato da necessità abitative urgenti (matrimonio, divorzio, trasferimento per lavoro) ed è caratterizzato da oscillazioni più marcate rispetto a quello delle prime case.

    Il caso di San Diego è poi ancora più significativo. Qui il boom immobiliare è stato davvero straordinario. Dopo la crisi dei primi anni ’90, dovuta ai tagli all’industria militare e aerospaziale, dal 1995 ad oggi i prezzi delle case sono triplicati. Ma anche qui il crash sembra dietro l’angolo: ovunque fioriscono i cartelli for sale e si diffonde la pratica delle riduzioni di prezzo, nell’ordine dei 20, 30 e anche 50 mila dollari. L’aumento di prezzi e di vendite negli ultimi dieci anni era stato spinto dal basso livello dei tassi di interesse, da nuove facilitazioni fiscali e dall’introduzione di nuovi strumenti, alcuni piuttosto disinvolti, per finanziare gli acquisti immobiliari. In pratica si è consentito di acquistare case di alto valore a chi aveva redditi limitati, con anticipi in contanti nulli e rate procrastinate nel tempo. Il castello di carte ha retto fino ad un certo punto, ma oggi l’aumento dei tassi ne ha accentuato e accelerato la caduta. E questo introduce l’altro tema molto dibattuto tra politici, economisti e operatori dell’immobiliare: le conseguenze che la ormai pressoché certa caduta del mercato delle case avrà sull’economia americana. Perché, al contrario di quanto era successo in altri momenti di crisi, oggi potrebbe essere l’immobiliare a rallentare l’economia e non la situazione economica generale ad essere motivo di arretramento nel mercato delle abitazioni. All’inizio degli anni 2000 il settore aveva tirato l’economia americana fuori da una mini-recessione e il recente boom ha consentito agli americani di indebitarsi usando l’abitazione come garanzia per i prestiti e di spendere quel denaro, tenendo alto il livello dei consumi. Si calcola che un terzo circa della crescita economica recente sia da attribuire all’immobiliare. Una decisa correzione, come quella che ormai quasi tutti si aspettano, potrebbe ridurre la crescita del Pil di un 1,5%. «Credo che le cose peggioreranno ancora molto prima che si possano vedere dei segnali di ripresa», ha dichiarato al New York Times Greg Gieber, un rispettato analista del settore.

    Andrea Rocco
    Fonte: http://www.ilmanifesto.it
    20.08.06