Home / ComeDonChisciotte / L’ECONOMIA GLOBALE SARA’ SALVATA DALLA FINANZA ISLAMICA ?

L’ECONOMIA GLOBALE SARA’ SALVATA DALLA FINANZA ISLAMICA ?

DI SABINA MORANDI
Liberazione

Aprile 2010. Dai paesi arabi arriva un aiuto insperato per arginare la crisi di liquidità che sta trascinando nel baratro l’economia occidentale: la finanza islamica, che per motivi religiosi rifiuta la speculazione ed è quindi rimasta immune dall’infezione dei mutui statunitensi, offre il proprio sostegno in cambio della possibilità di vendere il petrolio in euro per compensare gli effetti della disastrosa svalutazione del dollaro. Le capitali europee hanno accettato entusiasticamente mentre la Casa Bianca, per motivi puramente ideologici, ha preferito cedere importanti assetts alle banche cinesi, ormai principali creditrici di Washington. Così Bruxelles decreta che, d’ora in poi, gli europei celebreranno con i musulmani la festa per la fine del Ramadam per esprimere la propria gratitudine…

Fantascienza? Effettivamente il calendario ci ha preso un po’ la mano. Facciamo allora un passo indietro e torniamo al febbraio 2008 quando, nel pieno della crisi causata dai mutui americani, è stato organizzato un summit dedicato alla finanza islamica nel Bahrain, ricco stato insulare affacciato sul Golfo Persico.

E’ stato proprio in quei giorni che, a sorpresa, il governatore della banca centrale Rasheed Al Maraj ha dichiarato ai giornalisti della Reuters: «Il business della finanza islamica non è stato toccato dalla tempesta subprime. Anzi, la crisi del credito potrebbe favorire l’espansione dei prodotti finanziari compatibili con le leggi islamiche anche al di fuori dei mercati asiatici e dei Paesi del Golfo». E, dopo questo annuncio a effetto, il governatore ha illustrato i dati raccolti dall’istituto bancario Abcb.bh secondo i quali nel 2008 il valore di bond e prestiti compatibili con i dettami del Corano raggiungerà i 5 miliardi di dollari. Le cifre fornite dall’istituto del Bahrain sono più che credibili: diversi analisti prevedono che nel 2010 il giro d’affari dei fondi rispettosi della legge islamica toccherà il trilione di dollari, crescendo ogni anno del 15 per cento. Un business che non è stato compromesso, se non marginalmente, dalla crisi dei mutui.
Ai giornalisti stupefatti il governatore della banca centrale del Bahrain ha spiegato paziente:

«La nostra religione vieta i prestiti basati sull’interesse o la commercializzazione dei debiti, ogni prodotto finanziario deve essere trasparente e, in tutto e per tutto, compatibile con i dettami del Corano».

L’investitore musulmano quindi non potrebbe mai acquistare prodotti complessi come le famigerate collaterized debt obligations, astrusi prodotti finanziari, tra le principali cause della tempesta subprime. Nel Bahrain, che ha registrato perdite legate ai subprime, è stato proprio Abcb.bh che nel 2007 ha visto i suoi profitti calare del 38 per cento. Una crisi però che ha interessato solo il comparto tradizionale e non la nuova gamma di prodotti compatibili con le leggi coraniche che Abcb.bh, come molte altre banche della regione, ha messo a disposizione dei suoi clienti.
Insomma, non siamo ancora al tracollo immaginario del 2010 ma la finanza globale continua a perdere colpi mentre il fenomeno della finanza islamica è già abbastanza consistente da attirare l’interesse dell’Occidente. Stiamo parlando di qualcosa come 200 istituzioni finanziarie, con oltre 400 miliardi di dollari di fondi gestiti e un tasso di crescita annuale nell’ultimo triennio maggiore del venti per cento tanto da indurre l’istituzione di appositi indicatori, i Dow Jones Islamic Indexes. E stiamo parlando di un miliardo e mezzo di musulmani sparsi su tutto il pianeta. Il motivo di questo boom inaspettato è dovuto a molteplici fattori: prima ci si è messa l’arabofobia post-11 settembre che ha spinto molti musulmani a sgusciare via dalle banche Usa e investire altrove quei capitali che, con l’aumento del petrolio, sono cresciuti in modo esponenziale. Poi è arrivato il tracollo del dollaro e, infine, la crisi dei mutui americani che ha provocato una fuga di capitali dal mercato immobiliare alla spasmodica ricerca di porti sicuri. E i fondi coranici si sono inaspettatamente rivelati il posto migliore dove posteggiare i propri soldi.

Quel che colpisce è che nei paesi islamici si sia riusciti a fare, attraverso la religione, quel che da noi non si è riusciti a fare con l’etica: costruire sistemi finanziari stabili e fortemente connessi alla realtà produttiva e al riparo dall’infezione dell’economia criminale. Come scrive Loretta Napoleoni in Economia canaglia: «La finanza islamica rifiuta istituzioni quali gli hedge funds e i private equity che si limitano a moltiplicare il denaro spostandolo verso investimenti ad alto rischio e alto reddito. Il denaro è solo un mezzo o uno strumento di produttività, come avevano originariamente immaginato Adam Smith e David Ricardo. Questo principio è cementato nei sukuk, le obbligazioni islamiche, che devono sempre essere legate a investimenti reali, per esempio la costruzione di un’autostrada a pedaggio, e mai destinate a scopi puramente speculativi».
Il rispetto del principio religioso dell’haram, inoltre, non garantisce soltanto che le attività economiche finanziate con i nostri soldi si tengano lontane da cose come la distribuzione/produzione di alcool, tabacco e carne suina, ma riguarda anche altre attività proibite dal Corano come il traffico di armi, la pornografia e il gioco d’azzardo, qualcosa su cui concordano anche i laici (o i fedeli di altre religioni) ma che ben poche banche, in Occidente, sono in grado di garantire.

Com’è noto, fino alla fine del Medioevo, anche il cristianesimo condannava l’usura intesa come qualsiasi pagamento dovuto per un prestito di denaro.

La famosa massima aristotelica – «il denaro non può generare denaro» – venne fatta propria dal Concilio di Lione II che, nel 1274, condannò espressamente la riscossione di interessi a fronte della concessione di un mutuo perché considerata come una vendita di denaro con pagamento differito, i cui interessi non erano giustificabili dalla variante del tempo visto che il tempo era considerato “bene comune”. La condanna non aveva quindi a che fare con l’entità del tasso di interesse richiesto: prestare denaro era considerato peccato, qualsiasi compenso fosse richiesto in cambio.
La condanna aristotelica (ed evangelica) in Occidente venne dimenticata con l’avvento dei mercanti mentre rimase nell’Islam. Nel 1970, con la creazione dell’Organizzazione della conferenza islamica (Oci) per riunire i paesi musulmani, la questione dei precetti economici dell’Islam tornò all’ordine del giorno e gli istituti islamici di ricerca economica cominciarono a proliferare. Il loro compito non era facile: si trattava di adeguare un sistema medievale alla realtà di un’economia globalizzata in rapidissima espansione.

Mentre economisti ed esegeti del Corano spaccavano il capello in quattro, però, il prezzo del petrolio quadruplicava. Così, durante il vertice che si tenne a Lahore nel 1974, l’Oci decise di fondare la Banca islamica di sviluppo. Fu proprio questa istituzione, con sede a Gedda, che gettò le basi di un sistema di aiuto reciproco fondato su principi islamici che sarebbe sfociato nel fenomeno finanziario di oggi. Nel 1975, dopo la fondazione della prima banca privata islamica, la Dubai Islamic Bank, venne costituita un’associazione internazionale con il preciso compito di stabilire le norme e difendere gli interessi comuni. Il Pakistan fu il primo paese a decretare l’islamizzazione di tutto il settore bancario nel 1979, e poi venne seguito a ruota dal Sudan e dall’Iran. A quel punto fu chiaro che i giuristi musulmani dovevano darsi da fare per adattare una tradizione pre-capitalistica ai bisogni della società contemporanea.

Benché la religione si mostrasse molto favorevole al commercio – che era stata la professione esercitata dal profeta Maometto – l’antica condanna aristotelica pendeva sui guadagni generati dalla finanza “pura”. L’Islam proibisce in particolare la riba, parola tradotta generalmente con “usura” che in realtà significa “aumento”. Naturalmente – visto che tutto il mondo è paese – è proprio sull’interpretazione di questa parola che si scatenano da sempre le controversie: secondo alcuni la riba fa riferimento a tutte le forme di “interesse fisso” mentre per altri il termine designa soltanto l’interesse eccessivo. In realtà, senza contestare il principio della remunerazione del denaro dato in prestito, la tradizione islamica rifiuta l’aspetto “fisso e predeterminato” dell’interesse, con tutte le sue implicazioni in materia di equità e di potenziale di sfruttamento del debitore. La finanza islamica propugna piuttosto l’equa spartizione dei rischi e dei guadagni che risale ai primi tempi dell’Islam, quando la forma di finanziamento applicata correntemente consisteva nell’associare chi concede il prestito e chi lo ottiene. I teorici della finanza islamica ritenevano – a ragione – che questo sistema si adattasse meglio sia ai bisogni economici del mondo islamico che alle esigenze morali della religione. In effetti, mentre la banca classica privilegia i possessori di capitali o di beni suscettibili di essere ipotecati, la finanza associativa favorisce gli imprenditori dinamici anche se hanno pochi fondi. A tutto ciò l’Islam aggiunge anche una dimensione caritativa: nella gestione della zakat, l’elemosina che per i musulmani è precetto religioso, le banche hanno l’obbligo di lottare contro la povertà e l’esclusione.
Il nuovo sistema finanziario islamico si fonda quindi su due principi di finanza associativa: la mudarab a (accomandita) e la musharaka (associazione). Altri strumenti “neutri”, come la murabaha (dove la banca svolge il ruolo di intermediario commerciale comprando le merci necessarie ai suoi clienti e realizzando un profitto rivendendogliele), dovrebbero svolgere un ruolo di transizione per permettere alle banche di realizzare un reddito in attesa della diffusione dell’uso della finanza di partecipazione.

Anche la remunerazione dei depositi viene fondata sul principio della spartizione delle perdite e dei profitti: i conti di risparmio vengono remunerati in funzione degli utili fatti dall’istituto e i conti di investimento destinati a finanziare specifiche iniziative vengono retribuiti in funzione dei guadagni realizzati da questi investimenti. Dal punto di vista laico non è molto rassicurante il fatto che gli unici garanti del rispetto di questi virtuosi precetti siano le autorità religiose, incaricate di vegliare sulle virtù delle banche islamiche così come vegliano sulla macellazione degli animali. Ma di fronte alla catastrofe economica provocata dagli speculatori dobbiamo ammettere che non ci dispiacerebbe affatto se il Papa si volgesse alla tradizione anche in questo campo, condannando alle fiamme più o meno eterne chi gioca d’azzardo con il nostro futuro.

Sabina Morandi
Fonte: www.liberazione.it
Link: http://www.liberazione.it/giornale_articolo_ricerca.php?id_articolo=328052
11.03.2008

Pubblicato da Davide

  • Marcusdardi

    Bellissimo articolo che apre gli occhi.
    Sulla Borsa e sul nostro capitalsimo dico la mia cantando la mia canzone dal titolo Mamma la borsa, che fa un po’ ridere su un tema assai difficile.
    Marcusdardi – mamma la borsa
    su youtube
    it.youtube.com/marcusdardi

    Speriamo in bene per il nostro futuro

    saluti
    Marcus

  • _bardamu_

    Ottimo pezzo. Bisogna tornare all’economia REALE!!

  • eresiarca

    “Ramadan”, non “Ramadam”…

  • Lif-EuroHolocaust

    Trovo l’articolo abbastanza surreale, sia per la tesi di fondo, ossia che la finanza islamica sia sana, sia per il riferimento finale al mondo cattolico. Per il primo punto, mi pare evidente che così non possa essere, dato che nella gran parte del mondo islamico (soprattutto quello sunnita) le differenze tra classi dirigenti e popolo sono ampie e sostanzialmente sempre esistite. In un certo senso, è il capitalismo occidentale a divenire, con l’attuale fase, più “mediorientale”, spazzando via la classe media e creando un sistema polarizzato tra ricchissimi e sempre più poveri. Il sottolineare la questione degli interessi nasconde il punto centrale della questione: l’interesse è negativo in quanto crea denaro da denaro oppure è negativo solo in funzione di un sistema basato sulla virtualità finanziaria odierna? Eppure l’articolo di Liberazione tocca il punto, senza rendersi conto della questione. L’interesse deriva dal fatto che qualcuno presta denaro e prestandolo si toglie la possibilità (momentanea) di poterlo utilizzare in proprio. In questo senso, non è realmente negativo. Lo diviene nel momento in cui il “concerto” di tutti gli elementi costituenti la finanza internazionale finiscono per tendere verso determinati punti (in associazione anche con svolte politiche ed episodi storici, quali il venir meno delle sovranità nazionali, l’aumento di potere di determinate istituzioni internazionali, certe guerre, ecc.). Se consideriamo un sistema basato su economie nazionali eterodirette da istituzioni internazionali, da economie locali imbrigliate da centri politici sovranazionali, da una ideologia consumistica capace di moltiplicare gli elementi di ricavo soprattutto per le multinazionali e da un martellamento nei confronti non del risparmio, ma del credito al consumo e della rateizzazione costante delle proprie spese individuali, ecc., allora è chiaro che il tutto finirà per creare un orizzonte esplosivo. Ma il capitalismo occidentale ha avuto anche un lato positivo (e al tempo stesso pericoloso), dato proprio dal fatto di essere libero di svilupparsi autonomamente. Per molto tempo le classi medie europee si sono sviluppate a dispetto di tutto, proprio perchè non bloccate da un sistema come quello islamico, dove il prestito avviene a determinate condizioni, stabilite da chi presta il denaro. La cosa interessante è che lo sviluppo della classe media europea è avvenuta a dispetto dell’elemento religioso e in favore dell’individualismo (con tutto quello che ne è seguito, anche di devastante per le culture e le identità d’Europa). Adesso Liberazione vorrebbe cosa? Rimettere in forse le libertà individuali per imporre cosa? In realtà l’articolista è solo confusa e non ha da proporre alcunchè. Il gioco è tra libertà (sui valori poi bisognerebbe parlarne a lungo, ma passo oltre) ed eterodirezione. Eterodirezione in nome di cosa? L’articolo termina quasi chiedendo che Benedetto XVI divenga più tradizionale anche contro il capitalismo occidentale. In realtà lo ha fatto di recente, affermando che la globalizzazione capitalistica è un pericolo per l’umanità, ma l’articolista forse era occupata a preoccuparsi d’altro. Magari di qualche campagna pro-omossessuali o per l’aborto… tutte cose che senza il capitalismo occidentale precedente non sarebbero possibili. Ripeto la domanda: voi (voi di Liberazione/voi lettori di Comedonchisciotte/ecc.) che accidenti volete? Volete le libertà? Volete le identità? Volete fottere l’Europa con culture straniere? Che volete? Ultimo punto: la finanza islamica è così sana che i paesi della penisola arabica importano centinaia di migliaia di immigrati, pagati poco e poco rispettati. Al contempo molti paesi islamici esportano centinaia di migliaia di emigranti che arrivano in Europa e qui pretendono quello che non hanno il coraggio di pretendere a casa loro. Bah…

    http://euro-holocaust.splinder.com/post/7444120/Banche+islamiche