LEADER… DE CHE ?

blank

A CURA DI: CLORO AL CLERO

Si fa un gran parlare. Ma de che? Di Veltroni, il sindaco di Roma che presiederà quel guazzabuglio di ulivo reimpastato che è il Partito Democratico.

Embe? Sto discorso di Veltroni che ha elettrizzato tutti. A volte m incazzo con me stessa, perchè determinati entusiasmi che leggo in giro, alcuni dei quali veramente emblematici, non riesco a provarli, con tutta la buona volontà.

Italia per le “riforme”, Italia ed Europa per i “ggiovani” (i ggiovani non mancano mai nei discorsi dei politici) , la scelta (di Berlusconi) di andare in guerra: “follia” (quella di Prodi di rimanere in Afghanistan, ovvio, non la prende in considerazione), gli immigrati: a braccia aperte se si integrano, sennò “vadano consegnati alla giustizia” (quale?) , insomma lui, l’insipido, colto, cinefilo Veltroni ha detto la sua.Certo, ha glissato su qualche argomentino, nel suo discorso di 90 minuti (dopo il programma dell’Ulivo di 300 pagine, ormai penso che vogliano addottorare i pochi italiani che ancora s’interessano alla politica, in “cazzate”) come precariato, guerra, politica estera, casa, lavoro, disoccupazione, morti bianche. Vabbe’: ma cosa si pretendeva che toccasse nello specifico ste cose? Si limita ad esprimere principi, linee programmatiche, belle frasi ad effetto, tematiche portanti come “riforme e ordine pubblico” : mantra obsoleti e generalissimi, ma efficaci al consenso di un popolo rincoglionito, un signore romano con l’ossessione di uno spagnolo che scrive poesie in romanesco peggiori delle sue tanto che , scrive e ascolta, si commuove ed esprime i suoi sentimenti alla sventurata tastiera. Ammette, egli , che il PD (a me sembra l’sms “tipo” di Germano Mosconi) è tutto “in fieri”, tutto da costruire*, ma il discorso che ha fatto “è bello”. E, parlando a nome di quelli che la pensano come lui, dice “Valter siamo con te”.

Io, che invece sono nichilista, disfattista e qualunquista**, mi limito a commentare, sull’onda di Lameduck, che “meglio un no martini, no party” di George, che 1000 discorsi di Veltroni. Sinceramente non saprei dire se questo mio giudizio parte da un apprezzamento squisitamente politico, o se ormai, data la scarsità delle scelte ideali disponibili, sono una che si accontenterebbe di lustrarsi gli occhi se fosse George a fare i ritriti discorsi sulla necessità del rinnovamento dell’Italia.

*Non posso assolutamente esimermi dal trascrivere (non si puo fare copiaincolla) la speranzosa metafora con cui l’ospite romano di cui sopra, descrive i rapporti veltroni-PD-Italia:
”non dico che non si possa parlare del PD ed anche criticarlo, dico che si sta alzando un polverone su qualcosa che è in formazione e che non ha ancora niente di definitivo. Insomma, scusate, ma se scorreggia uno qualsisasi dei saggi del PD quella “puzza” diventa come già fosse una “stronzata” ed invece è solo un filo puzzolente (?). E allora vedremo come crescerano i piani di questo “condominio”(???). Le fondamenta(???) ci sono, e spero solide, Oggi c’è un buon capomastro. Domani sarà l’architetto? A me che lo conosco, questa prospettiva politica piace” (non ho le faccine, sorry)

** a mò di giustificazione diro’ che seguo la filosofia del Sommo Filosofo e Poeta che fa dire a Zarathustra “amo chi lavora per il tramonto dell’uomo”

Fonte: http://cloroalclero.blogspot.com/
Link: http://cloroalclero.blogspot.com/2007/06/leaderde-che.html
28.06.2007

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x