Home / ComeDonChisciotte / LE TROIE TRIONFALI DI SILVIO BERLUSCONI

LE TROIE TRIONFALI DI SILVIO BERLUSCONI


DI MIGUEL MARTINEZ
Kelebek

Avevo promesso un post per rispondere a un commento di Rosalux, e adesso mi tocca farne due.

Perché Rosalux ha scritto di nuovo qualcosa di molto interessante e che condivido totalmente:

Una comunicazione può essere efficace e al tempo stesso infondata o fondata su presupporsi falsi.

Berlusconi ha convinto il 60% degli italiani di star facendo un ottimo lavoro. Ha fatto tagli alla scuola, e ha fatto credere di essere tornato alla buona vecchia scuola di una volta, ha tagliato fondi alla polizia, ma la gente è rasserenata dai soldatini. Ha la capacità di strutturare unità minime di pensiero ad elevatissimo grado di contagiosità.”

Ci sono mille motivi, alcuni tipicamente italiani, per cui Berlusconi riesce a farsi amare. Voglio parlare solo di uno di questi, che non è la chiave di tutto.Il commento di Rosalux mi ha fatto venire in mente, infatti, la faccenda delle Signore/signorine Bella Presenza di cui Berlusconi si circonda, adesso che ha una maggioranza sufficiente per non dover riempire il governo di politicanti sempre pronti a fargli lo sgambetto.

Il caso più clamoroso è la Carfagna, ma ormai anche quando va in televisione – il rito più solenne per lui – Berlusconi si circonda di giovinette che incarnano in qualche modo la figura della Jeune-Fille. Ad esempio in un ammiccante incontro a Porta a Porta con la campionessa olimpica Valentina Vezzali e con Miriam Leone, meglio nota come Miss Italia.

Questa scelta ha portato alle solite bordate di insinuazioni sulla vita privata di Berlusconi. Insinuazioni – a prescindere dalla loro insignificante fondatezza o meno – non solo volgari, ma anche stupide, che svelano a mio avviso l’intrinseca imbecillità dell’antiberlusconismo. Anzi, probabilmente quelle insinuazioni piacciono molto allo stesso Berlusconi.

L’insinuazione di fondo, tolti gli elementi di mero maschilismo o moralismo, è che Berlusconi sia un cretino che regala ministeri a giovani donne in cambio di favori personali. In un Paese Serio queste cose non succedono – il Paese Serio, una sorta di tecnocrazia capitalista dove tutti fanno le cose in orario e nessuno dice barzellette o parcheggia in doppia fila – è più o meno il mito della Sinistra Reale attuale.

Ora, Silvio Berlusconi non ha distrutto l’Italia e non ha creato una dittatura;  però non ha fatto nemmeno praticamente nulla di buono. Eppure è il politico del dopoguerra che ha governato più a lungo, e ha più consensi che mai. Da cui possiamo dedurre che è lui a essere intelligente e i suoi avversari a essere cretini.

In questo paese di interminabili e feroci trame, Berlusconi – che avrà pure montagne di soldi, ma è un outsider rispetto ai poteri storici – non è un sentimentale. Se alle sue (ipotetiche) amanti regala ministeri e non collane di diamanti, come fanno i poligami normali, un motivo ci sarà.

Attorno a sé, Berlusconi crea un’oggettiva atmosfera di bellezza e giovinezza. Ma non può essere una bellezza virile, adatta ai tempi storici delle grandi mobilitazioni e del culto del sacrificio, tipico di tutto il Novecento.

Siamo nell’epoca dell’intimità televisiva e del coccolamento narcisista.

La tremenda immagine del femminile imposta e rispecchiata dal dominio maschile la conosciamo tutti: le donne sono giovani e belle o non sono. Ancheggianti, inaffidabili, portatrici di astiosi pettegolezzi, vittimiste, indisciplinate, lagnose, simpatiche e briose, rifiutano lo sforzo fisico perché ci si possono rompere le unghie, bugiarde, sensation seeker, incapaci di concentrarsi, se ne fregano dei grandi temi ma si legano al dito ogni piccolo torto personale, per uscire da ogni problema sbattono le palpebre al primo uomo che passa, insieme asservite e manipolatrici, ombelicali, alla perenne ricerca di frivolezze e piccoli piaceri. Prive di profondo essere, sono dunque pura immagine.

Il femminismo ha fatto un lavoro straordinario e benemerito di critica a questa costellazione.

Ma il capitalismo post-borghese, che bada ai fatti e non alle riflessioni, ha semplicemente rovesciato i ruoli: bene, clienti di tutto il pianeta – qualunque sia il vostro genere anagrafico – liberate la puttana che c’è in voi!

In questo senso – ma l’antiberlusconiano medio non potrebbe mai arrivarci – Silvio Berlusconi rinnega più profondamente il fascismo di chiunque altro, perché il mondo delle Jeune-Fille ha in orrore le musiche marziali. E non ama nemmeno maschi solenni e incravattati che parlano di astrazioni: il mondo borghese è ormai alle spalle, ne resta tutt’al più qualche frammento nella sinistra. E su questo tema troviamo una magmatica convegenza rosso-azzurra, un luogo in cui il berlusconismo “antitotalitario” si ritrova con un certo mondo libertario sessantottino.

E infatti il complesso della Jeune-Fille lo troviamo incarnato anche nell’organo dell’Antiberlusconismo Assoluto, Repubblica. Perché non è questione di questa o di quella parte politica, ma di questa epoca. Come dimostra il penoso tentativo, compiuto qualche anno fa, di Clemente Mastella di fare il jeune-fille a torte in faccia. E se pure Mastella ci prova…

Berlusconi dai media passa allo stato. E in questo c’è un paradosso: perché i media demoliscono necessariamente lo stato. Ricevono le informazioni prima dei suoi servizi segreti; riempiono le menti di un circo di immagini tali da far abbandonare la scuola a qualunque Pinocchio; fanno scendere gli uomini di stato dai loro remoti balconi e palchi e permettono di vederne i nei; esaltano e condannano davanti a tutta la nazione, mentre i tribunali ci mettono anni.

In fondo, l’antiberlusconismo di massa (non quello serio e noioso alla Travaglio) si nutre tutto di questa demolizione mediatica dello stato: avete visto le foto di Berlusconi che fa le corna? Usciranno le intercettazioni?

Berlusconi ha saputo dare qualche mese di più di vita allo stato, trasformandolo in una funzione dei media, in un personaggio particolarmente simpatico del salotto di Bruno Vespa: salotto significativamente affollato da sempre da troiette.

Miguel Martinez
Fonte: http://kelebek.splinder.com
Link:
http://kelebek.splinder.com/post/18430544/Le+troie+trionfali+di+Silvio+B
18.09.08

Pubblicato da Truman

  • bstrnt

    “Ora, Silvio Berlusconi non ha distrutto l’Italia e non ha creato una dittatura; però non ha fatto nemmeno praticamente nulla di buono. Eppure è il politico del dopoguerra che ha governato più a lungo, e ha più consensi che mai. Da cui possiamo dedurre che è lui a essere intelligente e i suoi avversari a essere cretini.”

    Sulla prima frase ci sarebbe molto, se non tutto, da obiettare, se poi si vuole inflazionare la sua colpa, possiamo dire che non è stato l’unico, ma che ha avuto solerti sodali sull’una e sull’altra sponda.

    Dall’ultimo postulato, che può anche avere qualche fondo di verità, si evince, senza tema di smentita, che almeno il 60% degli italiani, se non di più, sono imbecilli integrali!
    Analizzando i fatti dei precedenti governi Berlusconi, penso che anche il più sprovveduto poteva prevedere quanto sarebbe successo (Alitalia, lodo Alfano, distruzione scientifica di tutto quello che permette ad una nazione di essere civile, assalto alle ultime diligenze (ne sono rimaste molto poche da assaltare)….)
    Non credo quindi che basti solo puntare i riflettori, facendoci magari sopra un po’ di filosofia spicciola e buonista, sulle troiette (maschi e femmine), sodali con questo stato di cose, che si autodefiniscono “onorevoli” e che stanno smantellando pezzo per pezzo questa sinistrata nazione.

  • Mattanza

    Che bel saggio Martinez…certo che il discorso del “complesso della Jeune-Fille” richiederebbe forse un approfondimento piu ampio,si va a toccare un archetipo quando si parla di culo femmineo.

  • Mattanza

    Scusa pero Martinez scrive:”Ci sono mille motivi, alcuni tipicamente italiani, per cui Berlusconi riesce a farsi amare. Voglio parlare solo di uno di questi, che non è la chiave di tutto”

    Quindi non capisco che cosa c´hai da lamentarti,nessuno sostiene che basta solo puntare i riflettori su questo aspetto della cultura moderna,oltretutto punti il dito su l´unica parte marginale dell´articolo,non e´un´analisi pilitica questa;cazzo a me Berlusca fa schifo…ma sempre con questo Berlusconi cacca pupu…non vi siete stancati?

  • Mattanza

    Oltretutto sempre lamentandosi delle misfatte del Berlusca che avrebbe rovinato l´italia….ma cavoli,a parte che come dici tu lo hanno aiutato e preceduto in molti in questo infausto compito,ma poi la cosidetta sinistra,che cavolo ha fatto per evitare questo trend infernale?
    Non c é´nessuna forza politica,che si rifa al parlamentarismo,che abbia l´intenzione di cambiare rotta,guarda che quelli di sinistra sono sostanzialmente uguali a Berlusconi,non te ne eri reso conto?
    Io sempre mi chiedo questo antiberlusconismo che senso ha…o sei contro la democrazia parlamentare,perche ha dimostrato di essere un fallimento,un meccanismo finito succube dei poteri forti…o sei contro il sistema politico in generale pero mantieni fiducia nel sistema democratico parlamentare (povero illuso direi io)…o sei contro il sitema economico finanziario suppostamente il responsabile della deriva politica in atto (e qui sempre illuso resti ma ci vedi meglio dire io)….ma essere contro berlusconi e´….immaturo.

  • macosamidicimai

    Ma si, sono tutti uguali: lestofanti, puttanieri, mafiosi, imbroglioni, ciarlatani…. è tutta la stessa razza alla fine.
    E tu nel frattempo che fai, ti adegui? Ne segui le orme lasciate nel guano?
    Si, dico proprio a te, a te che sei maturo.

    Tu che fai? Cerchi di scansarla la merda, o preferisci sguazzarci dentro?

  • Mattanza

    Ma guarda se potessi sguazzarci dentro forse addirittura lo farei,considerando la colpevole e penosa inazione (figlia spesso di un ignoranza consapevole e soddisfatta di se)della gente che la merda deve ingoiarla tutti i giorni…dato che anche io pero sono un traga mierda,non sono nato ricco,bhe…me ne sono andato dall´Italia io personalmente;una fuga?Il giocare a fare il borghese nel terzo mondo?
    In latin´america mi pare l´ambiente sia piu frizzante,forse mi sara´data anche l´opportunita di fare qualcosa che non sia noioso e/o umiliante,io sicuramente me la sto cercando…e li da voi mi auguro di non decidere di tornarci.
    Se dovessi continuare a cercare di soluzionare i miei problemi e le mie delusioni esistenziali per via “parlamentare” diciamo…sarei fritto…perder tempo,anzi pure dannoso mi sentirei,in Italia mi e´parso di non avere possibilita´ (o scarsissime)di far qualcosa che mi desse soddisfazione…e poi scusa,che noia mi aveva assalito.
    A scansare la merda non so fare,perche non sono ne un codardo ne sufficentemente abile per vivere bene e onestamente in un sistema come questo.
    Auguri.

  • abraxas

    Io sempre mi chiedo questo antiberlusconismo che senso ha

    panem et circenses…

  • WONGA

    La televisione è il vaso di pandora da cui escono tutti i mali dell’era moderna,talebanizziamoci e oscuriamola se vogliamo salvarci.
    Democrazia e televisione sono antitetiche.

  • WONGA

    Nella grecia classica chi voleva farsi votare doveva esere un grande oratore e fare discorsi convincenti, su di ciò si basava la capacità di persuasione,oggi l’attenzione si focalizza sull’immagine e sull’emozione da suscitare nello spettatore,e le parole,i calcoli,i ragionamenti,il logos passa in secondo piano.
    Più che una democrazia è una stupidocrazia,questo sistema che soffoca il cervello di immagini e sensazioni inibisce il formarsi di un discorso razionale nel cervello delle masse e impedisce lo stesso corso della democrazia.
    Se ci hanno dato la libertà di parola un motivo c’è…
    il motivo è che qualsiasi cosa diciamo non conta.
    Non conta perchè è soffocato dal rumore di fondo di stronzate che serve ad impedire allo spettatore di recepire l’informazione.
    Prendi Report,serve qualcosa dire quello che dicono,in un sistema in cui subito dopo c’è un servizio su Costantino,o una puntata di c’è posta per te?
    E’ il rumore di fondo il vero meccanismo di censura,io dico,credete che se vi venga data l’occasione di andare in televisione in prima serata e di dire che ne so,che l’11 settembre è stato un autoattentato questo cambierebbe qualcosa?
    Non cambierebbe nulla,perchè subito dopo l’attenzione verrebbe spostata su ”amici di maria de filippi”,o su una lite da quattro soli di uomini e donne,per non parlare dell’arcinoto grandefratello.
    Sovrastimolazione,è il concetto fondamentale per capire l’uomo moderno,abbacinato da una quantità enorme di stimoli e messaggi,l’uomo moderno diventa una creatura sempre più sorda perchè diventa ormai difficile RIUSCIRE AD ATTIRARE LA SUA ATTENZIONE.
    Gli unici che ci possono riuscire sono coloro i quali dispongono di un agenzia di marketing e pubblicità,che riesca,manipolando le emozioni dell’individuo a captare la sua attenzione.
    La libertà di pensare e di parlare ci è stata data in un sistema che sostanzialmente la rende innocua.

  • WONGA

    Andate su oknotizie per vedere quali notizie vengono più votate…anche in un sistema libero come internet si trova paradossalmente più o meno ciò che possiamo vedere nei media…è il rumore di fondo,che prevale.
    Si può trovare un antiberlusconismo compulsivo,di massa(condivido quest’espressione)ma non si trova nulla che metta a rischio il sistema.
    Per certa gente il male è Berlusconi,sconfitto lui,tutto ritornerà perfetto,pura follia,costoro creando un falso bersaglio alle frustrazioni degli italiani,sono de facto,paladini del sistema che dicono di criticare.
    Nella stessa direzione vanno Rizzo e Stella,con il loro libro che fondamentalmente ha lo scopo di dirigere la rabbia popolare contro i politici che di fatto,ormai,non decidono più nulla.
    Vorrei vedereun librodi costoro diretto contro Trichet,uomo non eletto da nessuno,o contro Bernanke,Greespann o Draghi,che sono i reali responsabili della situazione orrenda attuale,e che di fatto sono il mangiafuoco che muove i burattini politici,compreso il signor Berlusconi.
    Tutto sommato Berlusconi è quello più autonomo,basta vedere come lo tratta l’economist giornale dei Rothschild,che però diventa subito un giornale amato dai sinistri,perchè attacca il loro demone.

  • bardo

    Bravo, quoto per intero.

  • albertgast

    …e infatti mi chiedevo come mai il 60% degli italiani si era così rimbecillito…..
    Debbo pensare che la ragione principale, o una delle ragioni, è che si contorna di troiette?
    Mamma mia! Allora è molto peggio di quanto non pensassi!
    D’altro canto era solo un paio di anni fa che Oscar Giannino si scagliava contro Prodi e l’aumento delle tasse, col suo movimento arancione:

    –“Decisi tagli alle tasse non solo fanno crescere nel breve chi li pratica concentrati nel tempo […], ma nel medio-lungo periodo ampliano anche la platea fiscale e fanno emergere imponibile nascosto”, che “le alte tasse che gravano su noi italiani ed europei serv[o]no solo a far lavorare di meno la gente, con effetti di riduzione del reddito disponibile maggiormente gravi proprio per chi ha le qualifiche più basse” e che “con aliquote più basse i ricchi pagano di più e i poveri meno”–.

    Ma è bastato che al governo ci andasse il suo eroe che subito ha cambiato tono, perchè non solo le tasse non diminuiranno, ma resteranno invariate per tre anni a detta di Tremonti.
    Ed ecco il leccaculismo all’opera:

    –“….Dunque gli sgravi ci saranno, ma servono anche scelte che per alcuni saranno “sacrifici”. Purtroppo, «sacrifici» è la parola mitica della perenne emergenza italiana. Quella che ci trasciniamo dietro da decenni, espressa e sintetizzata nel debito pubblico incatenato ben oltre il 100% del prodotto interno lordo….”–

    Non è più possibile tagliare le tasse (tranne l’ICI perchè si sarebbe persa la faccia, anche se i leghisti hanno subito contestato), ma bisogna “fare sacrifici”.
    Ergo quando governano gli altri sbagliano, quando governiamo noi e rifacciamo le stesse cose per ben tre anni, siamo nel giusto.
    L’importante è che la bevano, come hanno bevuto la storia della monnezza di Napoli, ma basta fare un giretto su Google per avere immagini che dimostrano il contrario, oppure la neverending story degli extracomunitari, che sarebbero i veri responsabili del malessere italiano in tutti i sensi.
    Ora, che bastino tre troiette sorridenti a far digerire tutte queste “prodezze” e le altre che verranno, mi sembra un po’ pochino….
    Forse sotto sotto c’è dell’altro……

    p.s. non c’entra nulla, ma negli USA Mr Bush le tasse le ha tagliate eccome, ma non mi sembra che l’economia vada poi così bene. Che ci dirà ora l’Oscar?

  • danpar84

    Sarà anche vero che i veri capi sono Trichet, Bernanke o i sionisti in generale (secondo Blondet), ma provate a farvi un giro in Germania, in Francia o in Inghilterra e spiegatemi perchè loro non hanno gli stessi problemi nostri! Semplice, cambia la classe politica…i politici non avranno un grosso potere sulle finanze globali, ma a livello organizzativo-legislativo hanno ancora tanto potere. Certo un libro contro Trichet e la BCE sarebbe interessante, ma non risolverebbe nulla lo stesso. Se vogliamo cambiare le cose bisogna partire dal nostro orticello (l’Italia). L’iderale sarebbe quindi prima cambiare politici, sindacati, industriali ecc (ma forse sarebbe meglio dire “cambiamo gli italiani”) e poi si può lottare contro le alte sfere della finanza mondiale. Avere una buona classe politica consente di fare la differenza tra lo stare nella merda (l’Italia) e nel sentirne solo l’odore (germania, inghilterra ecc)…

  • herrdoktor

    Per non parlare di Santoro e Travaglio, qello secondo il quale Draghi è “rispettabile” e Prodi “non ha potere”… ci guadagna più lui (e colleghi colpiti da editto bulgaro) col Berlusca che Apicella! 🙂

  • Hassan

    “Il femminismo ha fatto un lavoro straordinario e benemerito di critica a questa costellazione.”

    Martinez in delirio totale, considerato che le ochette in minigonna e ombelico fuori sono emerse proprio a causa del femminismo (la cosiddetta “liberazione o rivoluzione sessuale”, che è stata lo Smutandamento Femminile, innescato proprio dalle femministe).

    Famose Citazioni Femministe

    “La famiglia nucleare dev’essere distrutta… qualunque sia il significato finale, lo sfascio delle famiglie è adesso un processo obiettivamente rivoluzionario” — Linda Gordon

    “Ritengo che l’odiare i maschi sia un onorevole e vitale atto politico, gli oppressi hanno il diritto di odiare l’intera classe che li sta opprimendo” — Robin Morgan, Ms. Magazine Editor.

    “Non ho la più pallida idea di quale ruolo rivoluzionario i maschi bianchi eterosessuali possano avere, visto che essi sono l’incarnazione stessa di un potere rivoluzionario basato sui propri privilegi. D’altra parte, ho comunque parecchia difficoltà a capire cosa in genere gli uomini potrebbero fare riguardo questa questione. A parte iniziare a fare tutti i lavori degradanti che le donne hanno fatto per generazioni, magari potrebbero anche suicidarsi in massa ? No, non volevo davvero dire questo. Invece si, volevo proprio dir questo.” — Robin Morgan

    “Non possiamo distruggere le iniquità fra gli uomini e le donne finchè non distruggeremo il matrimonio” — Robin Morgan (Sisterhood Is Powerful, (ed), 1970, p. 537)

    “Io sostengo che lo stupro esista ogni volta che il rapporto sessuale non è stato avviato dalla donna, scaturito dal proprio desiderio e affetto genuino” — Robin Morgan

    “Definire un uomo come un animale e fargli un complimento; l’uomo è una macchina, un vibratore ambulante”. Valerie Solanas, Authoress of the SCUM Manifesto

    “Io voglio vedere un uomo picchiato a sangue e con un tacco a spillo conficcato nella sua bocca, come una mela nella bocca di un porco” — Andrea Dworkin

    “Il matrimonio è un’istituzione che si è sviluppata dalla pratica dello stupro” — Andrea Dworkin

    “Domanda: La gente crede che lei è ostile agli uomini.
    Risposta: Lo sono.” — Andrea Dworkin

    “L’istituzione dei rapporti sessuali è anti-femminista” — Ti-Grace Atkinson; Amazon Odyssey (p. 86)

    “Il Femminismo è la teoria, il Lesbianismo è la pratica” — Ti-Grace Atkinson

    “Lo stupro altro non è che un processo più o meno consapevole di intimidazione con cui tutti gli uomini mantengono tutte le donne in uno stato di paura” — Susan Brownmiller; Autrice di “Against Our Will” p.6

    “Gli uomini ingiustamente accusati di stupro possono comunque imparare da tale esperienza” –Catherine Comins

    “Le donne hanno le loro colpe. Gli uomini ne hanno solo due: tutto ciò che dicono e tutto ciò che fanno” –Popolare Graffitto Femminista

    “Quando una donna raggiunge l’orgasmo con un uomo lei sta solamente collaborando al sistema Patriarcale, erotizzando la propria oppressione…” – Sheila Jeffrys

    “I rapporti sessuali etero sono la pura, formalizzata espressione di disprezzo per il corpo delle donne” — Andrea Dworkin

    “Tutti gli uomini sono stupratori, questo è ciò che sono”. — Marilyn French

    “L’unica cosa a cui son buoni gli uomini è per scopare, e per investirli con un camion”. Dichiarazione fatta da un’amministratrice Femminista della Maine Univiersity, quotata da Richard Dinsmore, il quale poi vinse una causa civile contro l’università per un totale di 600,000 dollari.

    “Non voglio mettermi nella condizione di spiegare a un bambino maschio di 9 anni il perchè io sono convinta che sia OK per le bambine di indossare magliette che rivelino la loro superiorità nei confronti dei bambini maschi” –Treena Shapiro

    “In genere io supporto il diritto di una bambina di offendere ogni membro del sesso opposto che le passi davanti. Infatti, preferisco vedere una piccola bambina indossare una maglietta che prende in giro i bambini maschi piuttosto di una che li faccia arrapare” –Treena Shapiro

    “Noi siamo, come genere, infinitamente superiori agli uomini.” — Elizabeth Cady Stanton

    “Sono fermamente convinta che una donna ha il diritto di giustiziare un uomo che l’ha stuprata” –Andrea Dworkin

    “Solo quando la maschilità sarà morta- e perirà quando la femminilità saccheggiata smetterà di sostenerla” –Andrea Dworkin

    “La fissazione di Bill Clinton per il sesso orale -e non il sesso reciproco- mette le donne in uno stato di perenne sottomissione. E’ il più feticista, senza cuore e freddo scambio sessuale che si possa immaginare” –Andrea Dworkin

    “Qualsiasi rapporto sessuale, anche il sesso consensuale all’interno del matrimonio, è un atto di violenza perpetrato contro una donna”. –Catherine MacKinnon

    “Dobbiamo terrorizzarli ancora ed ancora e distruggerli come potere, finchè anche l’ultima loro voce verrà azzittita… allora avremo distrutto il nucleo della famiglia, la norma eterosessuale… e questo sarà il nostro contributo alla storia del mondo” —Françoise d’Eaubonne, 1974

    “Ho raggiunto un punto in cui non sono più spaventata o irritata da quegli uomini che sono fieri della loro mascolinità” –Trille Nielsen

    “Gli uomini sono di un altro pianeta, mandati qui in astronavi per copulare con le abitanti femmine del pianeta terra e propagare la specie- una missione per il quale la scienza li ha adesso resi del tutto inutili. Dobbiamo solamente tenere un gruppetto di donatori in una fattoria per lo sperma, dove potranno sussistere mangiando pizza e bevendo birra”. –Rosie DiManno, giornalista del Toronto Star, Alberta Report, Gennaio 11, 1999, pag. 31

    “Tutti gli uomini che stanno combattendo e piangendo per ottenere la custodia condivisa dei figli sono proprio quegli uomini che non meritano nessuna custodia. Non sono altro che violentatori e pedofili”. –Cindy Ross

    “La questione è molto semplice, ogni donna deve essere desiderosa di essere indentificata come una lesbica se vuole essere completamente femminista” –National NOW Times, Gennaio, 1988 (NOW= “National Organization of Women”, la più grande e potente organizzazione femminista americana.)

    “Dal momento che il matrimonio costituisce una schiavitù per le donne, è chiaro che il Movimento delle Donne debba concentrarsi per attaccare questa istituzione. La libertà per le donne non potrà essere acquisita finchè il matrimonio non verrà abolito” –Sheila Cronan, Leader Femminista

    “Il matrimonio è da sempre esistito per il beneficio degli uomini; ed è stato un metodo legalmente sanzionato per controllare le donne… Dobbiamo distruggerlo. La fine dell’istituzione del matrimonio è una condizione necessaria per la liberazione delle donne. E’ per noi quindi importante incoraggiare le donne a lasciare i loro mariti e non vivere da sole con gli uomini… Tutta la storia dovrà essere riscritta in termini di oppressione delle donne. Dobbiamo ritornare alle antiche religioni femminili come la stregoneria” –dalla “Dichiarazione di Femminismo”, Novembre 1971

    “Affinchè i bambini vengano cresciuti con parità, dobbiamo portarli via dalle famiglie e crescerli in comuni appositi” –Dr.Mary Jo Bane, femminista e assistente professore di educazione al Wellesley College

    “Essere una casalinga è una professione illegittima. La scelta di servire ed essere protetta, e di pianificare una vita familiare è una scelta che non dovrebbe esistere. Il cuore del femminismo radicale è di cambiare tutto ciò.” –Vivian Gornick, autrice femminista -Università dell’Illinois. Aprile 25, 1981.

    “La cosa più misericordiosa che una famiglia numerosa possa fare ad uno dei suoi bambini più piccoli è ucciderlo”. –Margaret Sanger, autrice di “Women and the New Race,” p. 67

    “Più divento famosa e potente, e più potere ho per far del male agli uomini” –Sharon Stone

    “Gli uomini sono degli animali.” –Ireen von Wachenfeldt (femminista svedese)

    “Gli uomini devono essere ridotti e mantenuti ad una percentuale di circa il 10% della razza umana” –Sally Miller Gearhart

    “In una società patriarcale, ogni rapporto sessuale etero è uno stupro perchè le donne, come gruppo, non sono forti abbastanza per dare un consenso vero e proprio” –Catharine MacKinnon

    “Gli uomini che sono in galera per stupro credono che sia la cosa più stupida di questo mondo… son stati messi in galera per un qualcosa che differisce molto poco da ciò che la maggior parte degli uomini fa e poi chiama “sesso”. L’unica differenza è che quelli in galera son stati arrestati”. –Catharine MacKinnon

    “In questa società la vita, nel migliore dei casi, è una noia totale e nulla riguarda le donne: dunque, alle donne responsabili, civilmente impegnate e in cerca di emozioni sconvolgenti, non resta che rovesciare il governo, eliminare il sistema monetario, istituire l’automazione globale e distruggere il sesso maschile.” –Valerie Solanas

    “Il maschio è un animale domestico che, se trattato con fermezza… può essere addestrato per fare molte cose.” –Jilly Cooper

    “Buona parte, e certamente la parte più divertente, di essere una femminista è quella di terrorizzare gli uomini.” –Julie Burchill

    “La mia opinione riguardo agli uomini è il prodotto della mia esperienza. Nutro poca simpatia per loro. Come un Ebreo appena liberato da Dachau, guardo il bel giovane soldato Nazista cadere per terra nel dolore con un proiettile nello stomaco, lo guardo con scarso interesse, poi vado per la mia strada. Non mi fa nè caldo nè freddo. Semplicemente non m’interessa. Che persona lui fosse, le sue colpe e i suoi desideri, semplicemente non m’interessa” –Marilyn French

    “MASCHIO: … rappresenta una variante o una deviazione della categoria della femmina. I primi maschi erano mutanti, il sesso maschile rappresenta una degenerazione e una deformazione di quello femminile.

    UOMO: … una obsoleta forma di vita, una creatura ordinaria che ha bisogno di essere controllata. Un polemico uomo-bambino.” –Estratto da un Dizionario Femminista (ed. Kramarae and Triechler, Pandora Press, 1985)

    “I mass media trattano la violenza sulle donne, ad esempio lo stupro, le percosse e l’omicidio di mogli e fidanzate, o l’incesto maschile con i propri figli, come aberrazioni che riguardano solo l’individuo. Nascondendo il fatto che in verità qualsiasi violenza maschile nei confronti delle donne fa parte di una operazione pianificata.” –Marilyn French

    “Io sono convinta che le donne abbiano una capacità di comprensione e compassione di cui gli uomini sono strutturalmente sprovvisti, non ce l’hanno perchè non possono avercela. Sono semplicemente incapaci di tutto ciò.” –Barbara Jordan

    “Probabilmente l’unico posto in cui un uomo può davvero sentirsi sicuro è in una cella di massima sicurezza, salvo ovviamente la minaccia di una imminente liberazione.” –Germaine Greer

    “Una donna ha bisogno di un uomo tanto quanto un pesce ha bisogno di una bicicletta.” –Irina Dunn (1970)

    “Ho molta difficoltà con l’idea che possa esistere un uomo ideale. Per quanto mi riguarda, i maschi sono il prodotto di un gene danneggiato. Loro fanno finta di essere normali ma tutto ciò che fanno è stare lì seduti con un sorrisino sulla faccia nel mentre che producono sperma. Lo fanno tutto il tempo. Non si fermano mai.” –Germain Greer

    “Regola Numero 10: picchialo regolarmente sulla testa con la tua scarpa” –Sharon Stone (dichiarazione fatta durante il talk show ‘On David Letterman’, in cui presentò una lista di 10 cose da fare per mantenere il tuo uomo)

    “Uno degli impliciti, seppur non ammessi, pilastri del femminismo è stato un fondamentale disprezzo per i maschi” –Wendy Dennis (scrittrice)

    “Quando le donne si potranno mantenere da sole, e avere accesso a tutti i settori e professioni, con una casa propria e un conto in banca… solo allora potranno possedere il loro corpo ed essere delle dittatrici nella vita sociale” –Elizabeth Cady Stanton

    “La sessualità dei maschi è sporca e violenta, e gli uomini talmente potenti che sono in grado di penetrare le donne per fotterle e riprogrammarle dal di dentro. Come Satana, gli uomini possiedono le donne, facendo si che le loro perverse fantasie finiscano poi per appartenere anche alle donne. Una donna che fa sesso con un uomo, quindi, lo fa contro la sua volontà, anche se non si sente costretta. ” –Judith Levine

    “Il sesso è la croce nel quale le donne vengono crocifisse. Il sesso può quindi solamente essere definito come stupro universale” –Hodee Edwards

    “Mi chiedo se (Martin Luther King) abbia mai fatto qualcosa d’importante, o solamente fatto arrabbiare molta gente e causato un sacco di sommosse” –Pat Poole, membra del Consiglio della città di Melbourne, che si è opposta a nominare una via in onore a Martin Luther King

    “Compara i resoconti delle vittime di stupro con quelli delle donne che hanno fatto sesso. Sono molto simili… L’unica grande differenza fra il sesso (normale) e lo stupro (anormale) è che il normale capita così spesso che è difficile far notare ad una persona ciò che di sbagliato c’è in esso” –Catherine MacKinnon

    “Sotto il patriarcato nessuna donna è libera di vivere la propria vita, o di amare, o di crescere i propri figli. Sotto il patriarcato ogni donna è una vittima, del passato, del presente e del futuro. Sotto il patriarcato, la figlia di ogni donna è una vittima, del passato, del presente e del futuro. Sotto il patriarcato il figlio di ogni donna è il suo potenziale traditore e anche l’inevitabile stupratore o violentatore di un’altra donna” — Andrea Dworkin

    “La scoperta dell’uomo che i propri genitali possono essere usati come un’arma per generare paura dovrà essere considerata come una delle più importanti scoperte della preistoria, assieme all’uso del fuoco, e alla prima ascia di ferro” –Susan Brownmiller

    “Il romanticismo altro non è che stupro adornato da un aspetto prezioso” –Andrea Dworkin

    “La famiglia nucleare è un focolaio di violenza e depravazione” –Gordon Fitch

    “Le femministe hanno da sempre criticato il matrimonio come un luogo di oppressione, pericolo e schiavitù per le donne” –Barbara Findlen

    “Dio cambierà. Noi donne… cambieremo il mondo talmente tanto che Lui non troverà più spazio qui.” –Naomi Goldenberg

    “Chi se ne frega come si sentono gli uomini, o cosa fanno, o se soffrono ? Hanno avuto più di 2000 anni per dominare e hanno combinato un pasticcio completo. Adesso è il nostro turno. Il mio unico commento per gli uomini è, se non vi va bene, buona fortuna – e se vi mettete sulla mia strada, io vi metto sotto.” –Herald-Sun, Melbourne, Australia – 9 February 1996

    “IL problema è che la maggior parte degli uomini sono dei coglioni. Il problema è che la maggior parte delle donne continuano ad aver a che fare con questi coglioni.” –Cher

    “Gli uomini hanno sempre detestato i pettegolezzi delle donne perchè quello che sospettano è la verità: le loro misure (del pene) vengono prese e poi paragonate.” –Erica Jong

    “Gli uomini si aspettano molto, e fanno troppo poco.” –Allen Tate

    “Il cuore degli uomini è freddo. Essi sono indifferenti.” –Mother Jones

    “Il Cromosoma maschile è un cromosoma femminile incompleto. In altre parole, il maschio è un aborto che cammina, abortito allo stadio genetico. Essere maschio è essere deficiente, emozionalmente limitato: la mascolinità è una malattia di deficienza e i maschi sono storpi emotivi.” –Valerie Solanas

    “Se vuoi che venga detto qualcosa, chiedi ad un uomo, se vuoi che venga fatto qualcosa, chiedi ad una donna.” –Margaret Thatcher

    “Gli uomini sono come le gomme da masticare, dopo che le mastichi perdono il sapore”. –Ally McBeal (personaggio televisivo del celebre telefilm americano “Ally McBeal”)

    “Tutti gli uomini sono qualcosa di ridicolo e grottesco, proprio perchè son uomini.” –Friedrich Von Schlegel

    “Ciao, io mi chiamo Mary Odiare-gli-Uomini-è-Divertente. Da quando ho imparato ad accettare la mia natura femminista, ho scoperto la grande gioia nel minacciare le vite degli uomini, frustando i fratelli dei club [NdR- le famose “fraternities” dei College Americani] e complottando per uccidere il patriarcato. Io odio i maschi proprio perchè son maschi.” –Inizio di un discorso tenuto da una ragazza di nome Mary durante una conferenza femminista tenutasi all’Università del New Hampshire il 10 Marzo 2005. Dopo queste prime frasi della ragazza il pubblico, composto interamente da femministe, ha iniziato ad applaudire ed ha intonato una canzone sulla castrazione dei maschi.

    “Gli uomini sono delle bestie, anche se persino le bestie non si comportano come gli uomini.” –Brigitte Bardot

    “Più vedo come son fatti gli uomini, e più preferisco i cani.” –Madame de Staël

    “Gli uomini sono geneticamente inferiori alle donne.” –Andrea Lynne

    http://antifeminist.altervista.org/risorse/citazioni_femministe.htm

  • WONGA

    Cambia la classe politica perchè cambia la mentalità della gente

  • mastroalen

    si critica l’antiberlusconiano “medio” utilizzando un linguaggio-codice difficile, se non imposibile, ma pur sempre non adatto ad una persona culturalemente “media”…
    a me sembra pura incoerenza…

    cosa devo dire ad un antiberlusconiano “medio”, in termini per lui COMPRENSIBILI???

  • Attila

    Quoto ciò che dice Hassan: il libertinismo femminile, che si traduce soprattutto nel modo di vestire, è da sempre stata una delle principali rivendicazioni femministe. Del resto, le donne ne hanno sempre tratto vantaggi, in termini di potere.

  • ghigo

    leggete l’intervista della sempre vergine vezzali sul sito papale:
    http://www.papanews.it/dettaglio_interviste.asp?IdNews=9434

    da quanto è schifosa potrebbe addirittura essere ciellina, con casini ci manca solo lei, ma sarà difficile che la iena ridens se la faccia scappare, un altro posto da ministra si trova sempre.