Home / ComeDonChisciotte / LE RIVELAZIONI DEL CORRIERE ECONOMIA

LE RIVELAZIONI DEL CORRIERE ECONOMIA

DI IDA MAGLI

Ci fa piacere far conoscere ai nostri Lettori questo articolo sulla questione delle monete forti e deboli scritto da un fine analista finanziario come Geminello Alvi, in quanto vi sonno espressi chiaramente dei giudizi del tutto negativi sia sull’euro che sull’Unione europea. In sintesi: i ricchi venditori di petrolio degli Emirati e qualche altro riccone residente in Russia investono in dollari. In circa un anno la proporzione dei depositi Opec detenuti in dollari è cresciuta dal 61,5% al 69,5%; la parte detenuta in euro è calata dal 24 al 16%. Che l’Unione europea sia un disegno in fallimento, dopo i referendum, è elementare intuito – ne deduce Alvi – qualcosa che capiscono anche a Mosca o negli Emirati.Ma sullo stesso numero del Corriere Economia c’è anche un altro articolo assai pessimista riguardo al destino dell’Unione europea, intitolato Unione Europea, divisioni crescenti e firmato da Ivo Caizzi. Si tratta dell’annosa questione del bilancio che non si sa come gestire in quanto le spese aumentano, il numero dei Paesi fra i quali dividerle pure, ma nessuno, e in primis la Gran Bretagna, vuol rinunciare a quello che gli spetta. Ormai è a tutti evidente, scrive Caizzi, la grave crisi dello spirito europeo e, cosa che forse non era stata prevista dai sapientoni del Trattato di Maastricht, c’è chi se ne infischia (come il ministro delle finanze tedesco, Peer Steinbrueck) delle minacce della Commissione e delle sanzioni che dovrebbero essere inflitte a chi viola il patto di stabilità. Al vertice dei Capi di Stato e di Governo in svolgimento proprio oggi e domani appare chiaro che bisogna trovare un accordo non solo sul bilancio ma anche su come arginare il rischio di tracollo dell’UE.

Bene. Se questo affermano firme famose di un giornale tanto schierato dalla parte dell’Unione europea da portare fin dalla nascita dell’euro sulla propria testata la bandiera dell’Europa, significa che siamo ormai giunti a non poter più nascondere la verità. Soltanto che l’Unione europea era un disegno fallimentare fin da quando è stato progettato e non soltanto adesso dopo i referendum, ed io so bene che molti ne erano convinti quanto ne ero convinta io. Tuttavia, quando gli ho chiesto di informare più chiaramente e con il peso della loro indiscussa competenza i poveri Italiani della falsità di un tale progetto e del suo inevitabile crollo, mi è stato risposto che “bisognava aspettare che crollasse da sé”.

Evidentemente erano certi che i politici non avrebbero rinunciato al loro folle, ma troppo facile disegno di potere imperiale e che ogni battaglia era inutile. Adesso, però, alla luce anche delle parole che mi sono state dette allora, posso dedurre che “sta per crollare”? Ora che il momento sembra venuto, è necessario però che siano messi in guardia tutti gli Italiani  e non soltanto quelli che hanno dei soldi da investire. ?

Ida Magli
Fonte: www.italianiliberi.it
Link:http://www.italianiliberi.it/Edito05/corriere20051215.htm

TORNANO I PETRODOLLARI

DI GEMINELLO ALVI

Il buon senso, da che esistono i soldi, riconosce ad essi potenti virtù, come mandare l’acqua per l’in su, far diventare belli i brutti, e guarire persino. Il potere della fiducia che emana da chi ha i soldi, quando sono veri, la loro aura insomma seduce, come nel Medioevo riusciva solo alle reliquie. E come riesce ormai al dollaro che ha vinto la legge di gravità e fa i miracoli. A Greenspan e a Bush, che se lo è tenuto accanto sino all’ultimo, è riuscito il miracolo di vincere persino la  gravità  di un conto merci con l’estero che seguita a precipitare. Da gennaio il dollaro è cresciuto del 16% e del 17% rispetto ad euro e yen. E questo malgrado siano diminuiti gli acquisti delle banche centrali. Il dollaro s’è impennato per gli acquisti dei privati, e mentre il prezzo dell’oro s’accresceva. Altro fatto che aggiunge miracolo a miracolo, giacché euro e yen si sono svalutati di un terzo del loro valore rispetto all’oro. E chi sfigura di più fra i due è l’euro. Moneta da burocrazia francese, gestita a Francoforte, ma con avarizia e senza molta maestria, dagli stessi impiegati che vivacchiano a Bruxelles.

Certo anche lo Homeland Investment Act ha giovato, col ritorno di almeno 214 miliardi di dollari di profitti prima trattenuti all’estero per ragioni fiscali. Lascia peraltro già intuire che vasta potenza nascosta, le multinazionali degli Usa cumulino all’estero. Ma neanche questo sterminato potere di liquidità sarebbe bastato a invertire un disavanzo del current account  pari al doppio dei criteri di Maastricht.  A decidere sono stati i ricchi arabi e russi, con un calcolo che ha trasceso le loro fedi e le loro avversioni, e gabbato non pochi. Gli esportatori di petrolio avevano decine di miliardi di dollari lucrati in più, da collocare. Si sono andati a vedere i rendimenti reali a dieci anni. A novembre erano ancora per dollaro, euro e yen, in ordine decrescente: 2,02%, 1,36 e 0,95. Avvertita tutta la determinazione con cui gli americani stavano elevando i tassi e i tentennamenti, e gli indugi da politicanti degli europei, ne hanno dedotto che l’America conveniva di più. Chi sa fare e ha il vero potere, i giornali li legge poco, felicitandosi che non parlino di lui. L’esatto opposto di tanti leader europei, più vanitosi che potenti o ricchi davvero. Ma che l’Unione europea sia un disegno in fallimento, dopo i referendum, è elementare intuito, capirlo anche a Mosca o negli Emirati.

Così persino lo sceicco, magari cugino o in simpatia con Bin Laden o il guevarista venezuelano si è convinto. Del resto solo ipocriti o ragazzini in corteo possono negare che in Medio Oriente gli americani abbiano vinto. E gli sceicchi o i miliardari russi che amministrano il gas e il petrolio di stato, avranno pure i loro difetti. Ma non devono imitare Prodi in rincorsa di Bertinotti. Pertanto si sono dati tutti al revival, che per i più vecchi era il ritorno al vecchio amore: i petrodollari, pareggio del disavanzo americano appunto coi prezzi crescenti di gas e petrolio. In circa un anno la proporzione dei depositi Opec detenuti in dollari è cresciuto dal 61,5% al 69,5%. E la parte detenuta in euro è calata dal 24 al 16%. L’America ha vinto. I magnati russi, di Trichet  non si fidano, e neppure gli sceicchi. Risultato: il petrolio che va su giova al dollaro. E agli Stati Uniti che da dieci anni stampano dollari e inflazionano l’economia mondiale si è data la maniera di evolvere a modello di politica monetaria e di crescita. Un paradosso. Ma solo chi non abbia capito i soldi, può stupirsene.

E in Cina, tra polli influenzati e operai da sfruttare, i comunisti non se ne spiacciono. La salute dei loro nervi e delle banche dipende dal numero di espedienti che devono servire a tenere lo yuan svalutato. Ma la banca centrale cinese, si  replica, dovrà gonfiarsi di troppi dollari. Non importa, a decidere non è lei, ma un partito comunista ancora serio, non come quello dei nostri democratici sinistri. O di quanti lodano l’euro e la Bce,  creatura malnata. Giacché in Germania accorrerebbero tassi più bassi  e  invece in Italia bisognerebbe alzarli per contenere il debito,  ma la moneta unica non lo permette. Il contenimento di disavanzi e debito si affida tutto a dei criteri stupidissimi, persino a dire di quelli che li hanno approvati, e peraltro sono già da tutti aggirati. E la Bce ci aggiunge del suo: aumenta i tassi non a giugno, quando doveva, per la massima crescita della base monetaria e il decollo del dollaro.  Ma in ritardo, col rischio di importare inflazione svalutando. E così si trova a rincorrere. Dimostrando quello che purtroppo è:  l’euro così gestito è una reliquia finta.  Quanto al Giappone un dollaro forte è la cura per i suoi guai da deflazione.
E lo yen non è moneta ancora in poco credibile rodaggio,  come invece  l’euro. ?

Geminello Alvi
Corriere Economia |  12 Dicembre 2005

Pubblicato da Davide

  • goldstein

    Deve essere davvero triste, per un economista globalista del CorSera, aggrapparsi a giusto un paio di indicatori di breve periodo per dare fiato alla sua decotta analisi di lungo periodo, finanziata da chi sappiamo, ed indipendente quanto chi introduce l’articolo.
    Eppure in un sito di info alternativa ed indipendente, “movimenti politici” e “rivelazioni del CorSera” dovrebbero farlo scattare qualche campanello di allarme…
    Nel 2004 l’Opec ha aumentato gli assets in dollari, dunque l’America in medio oriente sta vincendo: non fa una piega – perlomeno per l’ignaro del lettore del CorSera.
    Pero’ l’autore non ci dice che ad inizio 2002 la percentuale del 69% che ama sventolare era invece il 76%, sceso gradualmente fino al 60% di fine 2003.
    E’ vero che nel 2004 gli investimenti in dollari son poi risaliti, complice l’enorme aumento nei guadagni dovguto all’aumento del prezzo del petrolio, ma i paesi extraopec hanno continuato a svendere dollari, dalla Russia alla Corea del Sud.
    Gradualmente, si capisce.
    Perche’ un cambiamento radicale l’aveva provato a fare Saddam, ed e’ solo grazie all’intervento militare che il dollaro non e’ ancora collassato.
    Ma il gioco – cosi come il debito Usa – non puo’ andare avanti all’infinito, ed a marzo si avra’ l’altro casus belli: partira’ la borsa del petrolio iraniano, e relative quotazioni in euro.
    Immaginiamo che il CorSera – come avvenuto in passato – preferira’ fare altro tipo di “rivelazioni”, su armi di distruzione di massa, musulmani imprendibili e dalle sette vite, e dollari con le ali.
    Qualche link…
    http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=839&parametro=economia
    http://www.energybulletin.net/3516.html
    http://www.energybulletin.net/7707.html

  • LonanHista

    Bravo Goldstein!Mi hai risparmiato qualche minuto di commento!
    E aggiungo al tuo “post” che anche la Siria lo scorso anno aveva intenzione di disfarsi di tutti i dollari!(per non parlare del venezuela).

    Che l’europa fosse un aborto oramai si sa da tempo!
    Quello che non si sa è che la politica monetaria non si decide all’eurotower di francoforte, ma in altri santuari,il tutto per non “pestare i piedi” a sua maestà il dollaro!In pratica è l’ue a pagare,è l’euro a pagare gli scompensi del dollaro! Se l’euro avesse una politica decisionale veramente autonoma, il dollaro sarebbe da 3-4 anni carta straccia!!!!
    Ti immagini un crollo pesante del dollaro cosa potrebbe comportare?Altro che crisi del 1929!!!!Guerre, pestilenze, influenze aviarie, terrorismo battereologico(intanto le pecore vengono preparate all’evenienza! La domenica sera rete4 e rai2 trasmettono guarda caso delle serie tv dove il tema riguarda virus battereologici!!!!)

    E certi articoli dei pennivendoli nostrani appaiono proprio quando l’oro è in rapida ascesa!E ciò,l’oro ed i metalli preziosi che si apprezzano, NON SUCCEDE PER MERA SPECULAZIONE, MA SEMPLICEMENTE PERCHé L’ORO è UN BENE SICURO,IL PIù SICURO IN ASSOLUTO FIN DALLA NOTTE DEI TEMPI!!!!
    E chi compra oro non è uno sprovveduto….lo fa perché sente la puzza sotto al naso della “carta”che sta marcendo!!! (sia titoli che bond che dollari..ect!!!).

  • Zret

    Quante corbellerie: Ida Magli è un antieuropeista convinta come noi, ma l’Europa è solo una delle teste dell’Idra, la SINARCHIA.
    Ora, o non lo capisce e allora è tonta o finge di non capirlo: allora è in mala fede.

  • remo

    In effetti rimango basito nel considerare le motivazioni economiche per le quali il dollaro avrebbe vinto sull’euro. Che quest’ultimo sia un fallimento doveva essere ovvio dal momento della sua creazione. Non bastano un pugno di parametri per fare una moneta che oltretutto al pari delle altre maggiori è cartacea, forzosa e inconvertibile. Ma il dollaro è in fallimento esattamente come l’euro, pur essendo ancora l’unica moneta convertibile….in petrolio! Questa “convertibilità” è servita a renderla valuta di riserva e a rendere l’America un paese che importa merci contro dollari svalutati, ovvero che esporta inflazione. Sento spesso parlare di borsa petrolifera iraniana o venezuelana. Il loro impatto sarebbe devastante, ma anche se non venissero attivate la capacità del dollaro di mantenere valore dipende dai suoi creditori, i quali sono disposti a tenere dollari fin quando avranno la garanzia che il governo americano sia in grado di far fronte ai suoi debiti. Già nel ’71 ai tempi della parità con l’oro venne dichiarata bancarotta; la stessa cosa può ripetersi oggi. Gli alti tassi d’interesse aumentano la spesa per interessi che a sua volta aumenta il deficit di bilancio ed il debito. Stampare nuovi dollari per pagare i debiti significa inflazionare ancora di più la moneta e ridurne dunque il potere d’acquisto. Davvero il signor Alvi pensa che i creditori siano contenti di continuare a perdere nelle loro riserve in dollari? D’altronde la “convertibilità” con il petrolio è garantita dalla forza militare. Il prezzo dell’oro è il segnale che le grandi istituzioni stanno convertendo carta contro oro, pian piano secondo le possibilità di conversione garantire dagli accordi valutari. Per convertire enormi masse monetarie serve infatti molto tempo. Quando il processo sarà ultimato e l’oro centralizzato potrà cominciare la tempesta valutaria che spazzerà via le monete cartacee, dollaro, euro yen che siano…

  • nettuno

    Il Corriere della Sera deve vendere serenità, come il chiacchierato Sole 24ore ; ridere fa bene alla economia dicono…. ma tra non molto si
    assisterà ad un crollo delle borse mondiali….meglio l’euro che il dollaro…Il debito americano è diventato enorme , insostenibile.