Notizie dal Brasile

Il mio “corrispondente da Brasilia” mi scrive via WA: “Ciao, sono M., volevo dirti che qui abbiamo praticamente riaperto tutto. Ti segnalo questo articolo:

https://veja.abril.com.br/brasil/curvas-da-covid-19-tem-forte-queda-no-brasil-e-sobem-na-europa-e-na-india/

A proposito, prosegue M., leggo notizie scabrose su Roma, ospedali pieni.” Se pubblico integralmente la mia risposta il WM mi banna e la redazione mi censura, ma ve la lascio immaginare…

Prosegue M.: “Mi pareva, ci hanno provato pure qui; Bolsonaro ci ha salvato! E per mesi tutti in piazza ad appoggiarlo, ma questo i media non lo dicono.” Gli rispondo che noi abbiamo spento la TV già da metà aprile, ma che qua la gente crede a tutto. “Pure noi l’abbiamo fatto! Poveracci, ma pensa che invece il mio vicino ci crede, ed è da marzo che non esce!!! Noi qui abbiamo occupato strade e piazze. Guardati questo video della TV spagnola che fa i complimenti a Bolsonaro per il suo discorso durante una riunione con i ministri.”

https://youtu.be/AUYJHkjsiK4

Non posso tradurvelo tutto, ma posso solo dirvi che “esposas” sono le manette, e che lui chiede perché si stanno mettendo le manette a tutto un popolo che vuole lavorare o a donne che vanno a spasso, senza che la giustizia dica niente. E poi si domanda fino a quando il popolo se ne starà buono, non si può ammanettarlo senza che si ribelli, e che la gente se la prende con lui. Hanno votato voi e lo hanno fatto perché prendiate decisioni, a me non importa un accidente la rielezione. Dobbiamo reagire, gente, è un’altra lotta e dobbiamo avere un governo stabile, dobbiamo rendere conto al popolo…, il Brasile deve essere governato dal popolo brasiliano…, dobbiamo essere uniti. A causa del virus sono stati messi in libertà gli stupratori, immaginate se uno di questi figli di puttana avesse violentato una vostra figlia, e adesso fosse in libertà per una decisione sbagliata, e che si fotta il resto. Dobbiamo metterci nei panni del padre di quella ragazza stuprata” e ancora “Guardate come è facile imporre una dittatura; il popolo sta in casa, e io chiedo al ministro della giustizia che il popolo si armi, che abbia la garanzia che nessun figlio di puttana imporrà una dittatura. Una merda di governatore (*) qualsiasi fa un decreto di merda e mette le manette alla gente e chiude tutti in casa. Se fossero armati scenderebbero nelle strade.

Mitico!

Il resto credo si capisca dai sottotitoli…, qualcuno potrebbe argomentare sul linguaggio poco protocollare, ma pare che questo resoconto non avrebbe dovuto uscire. In effetti un invito a riflettere su quello che i brasiliani hanno saputo fare, e anche sulla conclusione del giornalista spagnolo anziano verso la fine del servizio (4’30”): Se nei media cercate notizie su un dirigente politico come Orban, Trump, Bolsonaro, e non li trovate, probabilmente è perché stanno facendo un buon lavoro.

Andiamo avanti ancora un po’ (i figli, la vela, nostra passione comune) e poi M. conclude: “Veramente dovreste scendere in piazza per fare un casino! Sbattono anche la porta in faccia ai propri concittadini all’estero! ” (**). Gli domando se si ricorda che il popolo italiano non ha mai fatto una rivoluzione contro un qualsiasi governo, e su questa nota sconfortante si chiude la nostra chiacchierata.

Passiamo quindi all’articolo che mi ha segnalato, che aveva sì una sua traduzione automatica in italiano ma, insomma, necessitava di un po’ di revisione linguistica. Buona lettura.

CptHook

(*) “Intendente” nel testo spagnolo, con significato di “governatore” tipicamente nello spagnolo cileno, accezione che mi è sembrata perfettamente aderente alla situazione italiana.
(**) Anche se vive e lavora a Brasilia da oltre 20 anni, M. è italiano ma, a quanto pare, al momento non gli è permesso tornare a trovare i suoi parenti.

_______________________________________________________________________

Le curve Covid-19 scendono bruscamente in Brasile e aumentano in Europa e India

Fonte: VEJA

Il Paese sta vivendo un momento simile a quello degli Stati Uniti e decisamente migliore di quello del Regno Unito e della Francia; questa domenica, i numeri sono scesi di nuovo

I casi di morte e le curve di mortalità per il Covid-19 in Brasile sono diminuiti drasticamente nelle ultime due settimane, situazione che pone il Paese in un momento simile a quello degli Stati Uniti e molto più a suo agio di quello vissuto dall’India – i tre paesi con il più alto numero assoluto di casi e decessi nel mondo.

La situazione brasiliana è anche migliore di quella vissuta da Regno Unito e Francia, secondo un’indagine condotta da VEJA basata sulla variazione delle medie mobili – che sono calcolate in blocchi di di sette giorni – tra il 31 agosto e il 12 settembre.

Per quanto riguarda i casi, il Brasile ha registrato una diminuzione del 27% nel periodo, da 260,6 a 180,1 (vedi tabella sotto).

 

La situazione più preoccupante tra i paesi intervistati da VEJA è quella del Regno Unito, dove le i casi registrati sono aumentati del 132% – in Francia il quadro richiede attenzione, con un aumento del 67,3%. Anche l’India ha registrato un aumento del 30,4%.Per quanto riguarda i decessi, il calo della media mobile brasiliana è stato del 19,4%,

molto simile a quello degli Stati Uniti (22,9%). A questo proposito, la Francia ha la situazione più preoccupante, con un aumento del 17,1%, mentre il Regno Unito è rimasto stabile, con -5,2% (secondo l’OMS, solo le variazioni superiori al 15% possono essere considerate come aumento o diminuzione).

Preoccupazioni

Sabato 12, la Francia ha registrato 10.561 nuovi casi di Covid-19, il maggior numero dall’inizio della pandemia; il venerdì precedente era già stato un record. Il primo Il primo ministro francese Jean Castex ha negato che il governo stia pianificando un nuovo blocco, ma ha detto che avrebbe attuato misure per arginare la recrudescenza della malattia. Secondo lui la situazione è particolarmente preoccupante nelle città di Marsiglia e Bordeaux e nel territorio di Guadalupe, nei Caraibi. Nel Regno Unito, il governo si avvia, già questo lunedì 14, a vietare gli incontri sociali.

In India, che è il secondo Paese per numero assoluto di casi al mondo e il terzo per morti, il governo è preoccupato per l’allentamento della distanza sociale e dell’uso di mascherine a causa della stanchezza della popolazione dovuta al blocco prolungato imposto al Paese.

Autunno

Questa domenica, il 13, la media mobile di casi e decessi del Covid-19 in Brasile sono di nuovo scesi. Per quanto riguarda i decessi, il valore ha raggiunto 710,7 e per il settimo giorno ha mantenuto un indicatore inferiore a 800, cosa che non si verificava da quasi quattro mesi – l’ultima volta era il 19 maggio. In relazione ai nuovi casi, il valore era 27.562 – una settimana fa era 34.217,4.

Link: https://veja.abril.com.br/brasil/curvas-da-covid-19-tem-forte-queda-no-brasil-e-sobem-na-europa-e-na-india/