Gas, l’Austria accetta il metodo di pagamento deciso da Putin

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Nonostante qualcuno abbia cercato di trasformare la notizia in propaganda, con i giornali russi che hanno parlato di pagamento in rubli e quelli occidentali di pagamento in euro/dollari, in questo caso la verità sta nel mezzo e per questo motivo c’è un po’ di ragione in entrambe le parti.

L’Austria pagherà il gas in euro? Si

Il gas verrà venduto in rubli? Si

Perchè in fondo è questa la mossa geniale che Putin sta attuando da quando, il 31 marzo, ha deciso che i paesi “ostili” dovevano mettersi un po’ in riga se volevano continuare a ricevere forniture dalla Russia.

Cosa succede quindi? L’Austria ha accettato di aprire un conto presso GazpromBank, che riceverà il pagamento in euro e li cambierà in rubli, per poi trasferirli a Gazprom Export. Proprio come ha chiesto Putin di fare e proprio come le sanzioni occidentali consentono, secondo quanto riferito dal Cancelliere federale Karl Nehammer.

OMV (il più grande produttore e raffinatore di petrolio austriaco) continuerà naturalmente a pagare le forniture di gas dalla Russia in euro. L’Austria sta aderendo alla lettera alle sanzioni UE concordate congiuntamente.

La notizia quindi è che, nonostante i vari proclami catastrofisti, attualmente i paesi europei posso continuare a comprare gas dalla Russia, accettando le condizioni imposte dal Cremlino e senza che ciò sia contrario alle politiche messe in campo per contrastare l’avanzata russa. Una soluzione che quindi accontenta tutti e non dovrebbe costringerci a una crisi degli approvvigionamenti.

Sulla stessa strada dell’Austria sembra ci sia anche la Germania, che ha più volte sostenuto di essere contraria a un embargo che semplicemente significherebbe la distruzione dell’industria tedesca.

Dopo la chiusura dei rubinetti a Bulgaria e Polonia quindi, ecco che le grandi potenze occidentali iniziano a capire che a est non si scherza.

Massimo A. Cascone, 27.04.2022

Fonte: https://www.oe24.at/oesterreich/politik/nehammer-stellt-klar-oesterreich-zahlt-nicht-mit-rubel/517719690

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
13 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
13
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x