Home / ComeDonChisciotte / L’APOCALISSE E’ INSITA NEL CAPITALISMO

L’APOCALISSE E’ INSITA NEL CAPITALISMO

DI MICHAEL PARENTI
informationclearinghouse.info

Dopo la sconfitta dei regimi comunisti dell’Europa orientale, il capitalismo fu esibito come l’indomabile sistema che avrebbe portato prosperità e democrazia, il sistema che sarebbe prevalso fino alla fine della Storia.

La crisi economica attuale, comunque, ha convinto alcuni prominenti sostenitori del libero mercato che esiste qualche grave mancanza. A dire la verità, il capitalismo non è ancora venuto a patti con molte forze storiche che fanno sì che esso sia un problema infinito: democrazia, prosperità, e il capitalismo stesso, le vere entità che i legislatori del capitalismo sostengono siano da allevare.

Plutocrazia vs Democrazia

Consideriamo innanzitutto la democrazia. Sentiamo dire che negli USA capitalismo e democrazia vanno a braccetto, da cui l’espressione, ‘democrazie capitaliste’. In realtà, lungo la nostra storia c’è stata una relazione decisamente antagonistica tra democrazia e concentramento di capitale. Circa ottant’anni fa, Luois Brandeis, membro della Corte Suprema di Giustizia, commentò: “Possiamo avere la democrazia in questa nazione, oppure possiamo avere una grande ricchezza concentrata nelle mani di pochi, ma non possiamo averle entrambe”. Gli interessi monetari sono sempre stati oppositori, non propositori, della democrazia.

La stessa costituzione fu modellata da gentlemen agiati che si riunirono a Filadelfia nel 1787 per mettere ripetutamente in guardia dai rovinosi e altamente pericolosi effetti della democrazia. Il documento che raffazzonarono era ben distante dall’essere democratico, essendo incatenato da controlli, veti e richieste per maggioranze artificiali, un sistema disegnato per ammorbidire l’impatto delle esigenze popolari.

Nei primi giorni della Repubblica i ricchi e benestanti imposero limiti di rango per aver diritto al voto e accesso a cariche importanti. Si opposero alla diretta elezione dei candidati (da notare che l’attuale collegio degli elettori è lo stesso di allora). E per decenni resistettero all’estensione del voto a gruppi meno abbienti come operai senzatetto, immigrati, minoranze razziali e donne.

Al giorno d’oggi le forze conservatrici continuano a rifiutare alcune caratteristiche che renderebbero il sistema elettorale più equo, come la rappresentanza proporzionale, l’elezione decisiva immediata, e campagne elettorali finanziate con denaro pubblico. Continuano invece a creare barriere al voto utilizzando severi requisiti di registrazione, epurazioni di votanti a rotazione, seggi elettorali inadeguati e macchine per il voto elettroniche che costantemente ‘funzionano male’ a beneficio dei candidati più conservatori.

Alle volte gli interessi dominanti hanno soppresso pubblicazioni e proteste radicali, ricorrendo a raid di polizia, arresti e incarcerazioni – misure applicate recentemente a forza contro dimostranti a S.Paul, Minnesota, durante la Convention Repubblicana Nazionale nel 2008.

La plutocrazia conservatrice cerca inoltre di ritirare le conquiste sociali democratiche, come la pubblica istruzione, le case popolari, la sanità, i patti collettivi, un salario decente, condizioni di lavoro accettabili, un ambiente pulito e sostenibile; il diritto alla privacy, la separazione tra stato e chiesa, il diritto all’aborto e il diritto al matrimonio tra adulti, qualsiasi siano le preferenze sessuali di ognuno.

Circa un secolo fa, il leader del movimento dei lavoratori statunitense Eugene Victor Debs fu imprigionato durante uno scontro. Seduto nella sua cella non riuscì a sfuggire alla conclusione che nelle lotte tra due interessi privati, il capitale e il lavoro, lo stato non fungeva da arbitro neutrale. La forza dello stato – con la sua polizia, i militari, i tribunali e le leggi – stava inequivocabilmente dalla parte dei boss delle industrie. Debs concluse perciò che il capitalismo non rappresentava solamente un sistema economico ma un intero ordine sociale, che manovrava le regole della democrazia a favore dei portafogli.

I leader del capitalismo continuano a porsi come i progenitori della democrazia perfino quando la sovvertono, non solo in casa loro ma anche fuori, come successo in America Latina, Africa, Asia e Medio Oriente. Qualsiasi nazione che non sia ‘un investitore amichevole’, che tenti di usare la terra, il lavoro, il capitale e le risorse naturali proprie e a sviluppare il mercato in una maniera diversa, fuori dal dominio delle multinazionali, corre il rischio di venire demonizzato e indicato come una ‘minaccia alla sicurezza nazionale’.

La democrazia diventa un problema per l’America industriale non quando essa fallisce ma quando funziona bene, aiutando la popolazione a muoversi verso un ordine sociale più equo e vivibile, riducendo il gap, quantunque modestamente, tra i superricchi e il resto di noi. Perciò la democrazia deve essere diluita e sovvertita, soffocata con la disinformazione, con fumo mediatico, campagne costosissime, con le gare elettorali manovrate e un pubblico parzialmente privato del diritto di voto, portando così a false vittorie per salvare politicamente i candidati dei partiti maggiori.

Capitalismo vs Prosperità

I capitalisti privati non incoraggiano la prosperità più di quanto non propaghino la democrazia. La maggior parte del mondo è capitalista, e la maggior parte del mondo non è né prospera né particolarmente democratica. Basti pensare alla Nigeria capitalista, all’Indonesia capitalista, alla Thailandia capitalista, alla Haiti capitalista, alla Colombia capitalista, al Pakistan capitalista, al Sud Africa capitalista, alla Lettonia capitalista, e vari altri membri del Mondo Libero – o più precisamente il Mondo del Mercato Libero.
Una popolazione ricca, politicamente colta e con alte aspettative riguardo i propri standard di vita e un forte senso dei propri diritti, che spinga per ottenere migliori condizioni sociali, non corrisponde alla nozione plutocratica di manodopera ideale e di gestione flessibile. Gli investitori privati preferiscono un popolazione povera. Più sei povero, più duro lavorerai – per ottenere di meno. Più sei povero, meno sei equipaggiato per difenderti dagli abusi della ricchezza.

Nel mondo industriale del ‘libero mercato’, il numero di miliardari sta crescendo sempre più velocemente mentre il numero delle persone che vivono nella povertà sta aumentando ad un ritmo più veloce della crescita della popolazione mondiale. La povertà si diffonde mentre la ricchezza si accumula.

Consideriamo gli USA. Solamente negli ultimi otto anni, mentre ampie fortune maturavano a ritmi record, sei milioni di americani sono sprofondati sotto la soglia di povertà; il reddito medio delle famiglie è diminuito di oltre 2000 dollari; il debito dei consumatori è più che raddoppiato; più di sette milioni di americani hanno perso la loro assicurazione sanitaria, e più di quattro milioni hanno perso la loro pensione; nel mentre, i senzatetto sono aumentati e il pignoramento di case ha raggiunto livelli da pandemia.

Solo nelle nazioni dove il capitalismo è stato controllato in qualche modo dalla democrazia sociale la popolazione è riuscita ad assicurarsi un certo grado di prosperità; mi vengono in mente le nazioni nordeuropee come Svezia, Norvegia, Finlandia e Danimarca. Ma perfino in queste democrazie i diritti popolari sono sempre a rischio di venire ritirati.
E’ ironico accreditare il capitalismo di essere il genio della prosperità quando la maggior parte dei tentativi di un miglioramento materiale sono stati veementemente e a volte violentemente ostacolati dalla classe capitalista. La storia delle lotte operaie fornisce infinite spiegazioni a tutto ciò.

Nella misura in cui la vita è sopportabile sotto l’attuale ordine economico statunitense, ciò è dovuto al fatto che milioni di persone hanno affrontato profonde lotte di classe per migliorare i loro standard di vita e i loro diritti come cittadini, portando alcune misure umanitarie all’interno di un sistema economico-politico senza cuore.

Una bestia che si divora da sola

Lo stato capitalista ha due regole riconosciute dai pensatori politici. Innanzitutto, come ogni stato deve fornire servizi che non possono essere sviluppati in modo affidabile attraverso mezzi privati, come la sicurezza pubblica e il traffico regolato. Secondo, lo stato capitalista protegge gli abbienti dai non abbienti, assicurando che il processo di accumulazione del capitale vada a beneficio degli interessi monetari, circoscrivendo pesantemente nel frattempo le richieste del popolo lavoratore, così come osservava Debs dalla sua cella.

C’è una terza funzione dello stato capitalista menzionata raramente. Consiste nel prevenire che il sistema capitalista si autodistrugga. Karl Marx evidenziava la contraddizione nel nucleo del capitalismo: la tendenza a sovraprodurre e la crisi del mercato. Un’economia concentrata sulla velocità e i tagli salariali, che conduca i lavoratori a produrre sempre di più per ottenere sempre di meno è sempre in pericolo di crisi. Per massimizzare i profitti, i salari devono essere mantenuti bassi. C’è una tendenza cronica – come possiamo vedere oggi – verso la sovrapproduzione di beni e servizi privati e un sottoconsumo di beni necessari da parte della popolazione.

In aggiunta a ciò, si verificano frequentemente atti di autodistruzione, su cui si sorvola, creati dai ricconi stessi. Se lasciato in balia di se stesso, il componente più attivo che sta al comando del sistema finanziario inizierà a divorare le fonti di ricchezza meno organizzate.

Invece di accumulare denaro grazie all’arduo compito di produrre e commerciare beni e servizi, i predoni sfruttano direttamente i flussi di denaro dell’economia stessa. Durante gli anni ’90 siamo stati testimoni del collasso dell’intera economia argentina quando alcuni operatori di mercato, incontrollati e liberi di agire, smontarono imprese, guadagnarono ampie somme e lasciarono la capacità produttiva del paese nel caos. L’Argentina, dopo essersi rimpinzata con l’ideologia del libero mercato, esitò nella sua funzione di salvare il capitalismo dai capitalisti.

Alcuni anni più tardo, negli USA, toccò alla rapina multi-miliardaria compiuta da cospiratori privati come Enron, WorldCom, Harkin, Adelphia e dozzine di altre grandi compagnie. Giocatori interni come Ken Lay portarono imprese private di successo alla rovina, eliminando i lavori e i risparmi di migliaia di lavoratori solo per guadagnare miliardi.
Tali ladri furono catturati e condannati. Non dimostra tutto ciò la capacità del capitalismo di autoregolarsi? Non esattamente. L’accusa di tale squallido comportamento – arrivata comunque in ritardo – è stata un prodotto della responsabilità e della trasparenza della democrazia, non del capitalismo. Di per sé il libero mercato è un sistema amorale, senza vincoli salvo il rischio del compratore.

Nel disastro del 2008-2009 il surplus finanziario crescente ha creato un problema per la classe ricca: non c’erano abbastanza opportunità per investire. Trovandosi con più soldi del previsto, di cui non saper cosa fare, i grandi investitori hanno convogliato immense somme in mercati degli immobili inesistenti e in altre avventure sospette, un miscuglio di hedge funds, derivati, credit default swaps, prestiti rapaci e via dicendo.

Tra le vittime ci sono stati anche altri capitalisti, piccoli investitori e i moltissimi lavoratori che hanno perso miliardi di dollari di risparmi e pensioni. Probabilmente il principale brigante è stato Bernard Madoff. Descritto come “un leader di vecchia data dell’industria del sistema finanziario”, Madoff ha gestito un fondo fraudolento, che ha rastrellato 50 miliardi di dollari da investitori benestanti, ripagandoli “con moneta che non esisteva”, dato che la metteva lui stesso. La plutocrazia divora il suo stesso bambino.

Nel mezzo della confusione, durante un congresso nell’ottobre 2008, il precedente capo della Federal Reserve e sostenitore ortodosso del libero mercato, Alan Greenspan, ha confessato di essersi sbagliato ad aspettarsi che interessi monetari – gemendo sotto un immenso accumulo di capitale che necessitava di essere investito da qualche parte – si autocontrollassero tutto a un tratto.

La classica teoria del laissez-faire è perfino più assurda di quanto Greenspan abbia indicato. Infatti, la teoria sostiene che ognuno debba perseguire i propri interessi senza alcuna restrizione. Questa sfrenata competizione dovrebbe in teoria apportare il massimo beneficio a tutti perché il mercato libero è governato da una miracolosa e benigna ‘mano invisibile’ che ottimizza la produzione collettiva (“L’avidità è cosa buona”).

La crisi del 2008-2009 è causata da una cronica tendenza alla sovrapproduzione e all’iper-accumulo finanziario, così come diceva Marx? Oppure è il risultato della personale avarizia di persone come Madoff? In altri termini, il problema è individuale o proprio del sistema? In realtà, le due soluzioni non sono mutualmente esclusive. Il capitalismo nutre i colpevoli e ricompensa i più scaltri e senza scrupoli tra di loro. I crimini e le crisi non sono risultati irrazionali di un sistema razionale, ma il contrario: sono conseguenze razionali di un sistema irrazionale e amorale.
Peggio ancora, i conseguenti salvataggi multimiliardari fatti dai governi vengono convertiti in opportunità per saccheggiare. Non solo lo stato fallisce nel regolamentare il capitalismo, ma diventa esso stesso un rapinatore, prendendo vaste somme dalla macchina federale del denaro, salassando chi paga le tasse.

Coloro che ci rimproverano di “correre dal governo per chiedere l’elemosina” corrono essi stessi dal governo a elemosinare. L’America industriale ha sempre apprezzato gli aiuti concessi, i prestiti a garanzia e altre sovvenzioni statali e federali. Ma l’operazione di salvataggio del 2008-2009 ha offerto un nutrimento record al tesoro pubblico. Più di 350 miliardi di dollari sono stati distribuiti da un fallimentare Segretario del Tesoro di destra alle maggiori banche e associazioni finanziarie – per non parlare dei più di 4000 miliardi che sono giunti dalla Federal Reserve. La maggior parte delle banche, incluse la JP Morgan Chase e la Bank of New York Mellon, ha affermato che non avevano nessuna intenzione di far sapere in che direzione andava il denaro.

Sappiamo che i grandi banchieri hanno usato parte del fondo di salvataggio per comprare piccole banche e sostenere altre banche oltreoceano. Amministratori delegati e altri dirigenti di alcune tra le principali banche stanno spendendo i soldi della salvezza in favolosi premi aziendali e sontuose vacanze alle terme. Allo stesso tempo, i maggiori beneficiari del piano di salvataggio come Citigroup e Bank of America hanno licenziato migliaia di impiegati, ponendo la domanda: perché, in primo luogo, veniva loro dato tutto quel denaro?

Mentre centinaia di miliardi sono stati distribuiti tra le persone che hanno causato tale catastrofe, il mercato immobiliare ha continuato ad afflosciarsi, il credito è rimasto paralizzato, la disoccupazione è aumentata, e il potere d’acquisto è sprofondato ai minimi storici.

In sintesi, il capitalismo industriale del libero mercato è di per sé un disastro in perenne pericolo di esplosione. La sua essenza è la trasformazione della natura vivente in montagne di comodità e delle comodità in mucchi di capitale morto. Se lasciato al suo destino, il capitalismo appioppa la sua ‘diseconomia’ e la sua tossicità al pubblico e all’ambiente naturale – e infine inizia ad auto-divorarsi.

L’immensa disuguaglianza del potere economico che esiste nella nostra società si traduce in una formidabile disuguaglianza di potere politico, che rende praticamente impossibile imporre delle regole democratiche.
Se i paladini dell’America Industriale vogliono conoscere cos’è che realmente minaccia ‘il nostro stile di vita’, è il loro stile di vita, il modo di rubacchiare illimitatamente il loro stesso sistema, distruggendo le reali fondamenta su cui poggiano, la vera comunità di cui si nutrono abbondantemente.

Michael Parenti ha ottenuto il Ph.D. in Scienze Politiche all’Università di Yale. Ha insegnato in numerosi college e università, sia negli USA che all’estero. Ha scritto una ventina di libri. Il suo sito è http://michaelparenti.org.

Fonte: http://informationclearinghouse.info/
Link: http://informationclearinghouse.info/article21957.htm
10.02.2009

Traduzione a cura di MAURO SACCOL per www.comedonchisciotte.org

Pubblicato da Davide

  • marcello1950

    L’APOCALISSE E’ INSITA NEI SISTEMI SQUILIBRATI
    ……………………………………………………………………………………………………………………
    FINIAMOLA CON LE IDEOLOGIE QUASI CHE ESISTESSE IL SOCIALISMO O IL COMUNISMO CHJE CI SALVANO DAL CAPITALISMO ……………………………………………………………………………………………………………………
    IL PROBEMA E’ INVECE CHE I SISTEMI SQUILIBRATI TENDONO L COLLASSO
    ……………………………………………………………………………………………………………………
    NEL CIRCUITO PRODUTTIVO DISTRIBUTIVO E FINANZIARIO E NEL CIRCUITO DI COMPENSAZIONE CONTROLLO E REDISTRIBUZIONE GARANTITO DALLO STATO SE QUALCUNO CERCA DI FARE IL FURBO ED ACCUMULARE VANTAGGI SPROPORZIONATI RISPETTO A SUO RUOLO DISTRUGGE GLI ALTRI ED ALLA FINE DISTRUGGE TUTTO IL SISTEMA ECONOMICO E SOCIALE
    …………………………………………………………………………………………………………………….
    L’AMERICA CON OBAMA STA CERCANDO PER QUANTO E’ POSSIBILE DI PORCI RIMEDIO L’EUROPA NO
    …………………………………………………………………………………………………………………….
    L’ITALIA NEMMENO

  • AlbaKan

    Stiamo assistendo all’implosione del capitalismo…o disintegrazione di esso…la democrazia è sempre stata un’utopia, una bella favola raccontata dai barzellettieri di turno: i mass-media al servizio del tiranno.
    Negli ultimi anno la ricchezza mondiale è aumentata a dismisura, il prodotto interno lordo dei paesi ricchi è cresciuto, ma contemporaneamente è diminuito il numero di persone che ne hanno beneficiato, e questo in democrazia non può essere la norma. In tutto il XX secolo il capitalismo ha promosso il militarismo come parassita strutturale e, in particolare, la finanza che ha segnato la sua cultura, lo sviluppo tecnologico e i sistemi di potere. Negli ultimi tre decenni abbiamo assistito all’accelerazione del processo ornato con il discorso di ristrutturazione neoliberale, il regno assoluto ha segnato forse il punto più alto raggiunto durante l’ultima metà del XX secolo, il boom del mercato azionario quando la bolla della potenza militare degli Stati Uniti sembra essere imbattibile. Se il capitalismo è crollato non è stato per la fitta rete di speculatori, ma l’espressione di una civiltà in declino (sia produttiva che politica, culturale, ambientale, energetica, ecc.).
    Democrazia e Capitalismo sono interconnessi solo nel mondo virtuale dei mass-“mentia”

  • poumcnt

    Quali altri sistemi conosci per salvarci dal capitalismo?
    Ritengo che: Socialismo o barbarie, di Rosa Luxemburg, sia quanto mai attuale!
    E poi per rifarmi alla tua affermazione: cosa c’è di più squilibrato del capitalismo?
    Infine Obama non mi sembra tutto questo nuovo che avanza!

  • sultano96

    poumcnt allora è vivo! Vivo ed ignorante (nel senso d’ignorare, senza alcuna coloritura offensiva).
    Il sistema salvifico si chiama antropocrazia.

  • Truman

    Per favore, per andare a capo usa la seguente sequenza di caratteri (levando gli apici) “<br>” (usa l’anteprima del commento per vedere l’effetto) e ricorda che il maiuscolo equivale ad urlare.

  • myone

    Capitalismo, sostanza sociale, criteri di vita, e tutto il resto, non e’ altro che l’ espressione peggiore della sostanza umana come intelligenza. Direi non intelligenza. Alla fine, o attivo o passivo, questo non e’ altro che il frutto che abbiamo seminato o lasciato seminare, e che si continua a sostenere. Si, l’ apocalisse intesa come tale e’ anche questo, anche se, apocalisse, significa ben altro, ma che di tutto questo ne parla pure.