L’Africa stuprata in «missione umanitaria»

www.renovatio21.com

Di recente, le attività delle missioni umanitarie e di mantenimento della pace nel continente africano hanno cominciato a comparire sempre più nelle cronache scandalistiche di vari media.

Si tratta di numerosi reati di varia natura commessi dai Caschi Blu nella Repubblica Centrafricana (RCA).

Il 30 settembre le autorità etiopi hanno dichiarato persona non grata sette membri della missione ONU per aver interferito negli affari della repubblica africana, trasferendo cibo, acqua potabile e veicoli ai radicali del Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF).

E di recente è scoppiato un altro scandalo riguardante le attività dei rappresentanti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: diverse dozzine di donne congolesi hanno accusato i funzionari dell’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) di stupro di massa. Tuttavia, si è scoperto che non erano solo le donne africane a essere state molestate e violentate dai «soccorritori».

Una missione dell’OMS ha lavorato per due anni in Centrafrica per combattere la febbre emorragica. Sono state circa 80 le donne vittime di violenze commesse dal personale dell’OMS nei due anni di lotta all’Ebola in Congo.

Secondo il rapporto ufficiale della commissione speciale che ha indagato sulla violenza sessuale contro le donne nei paesi dell’Africa centrale, i funzionari dell’OMS sono stati coinvolti nei crimini di sesso forzato e stupro. Coinvolti 83 agenti, 21 dei quali già incriminati.

Secondo Mukesh Kapila, professore di salute globale e affari umanitari all’Università di Manchester ed ex direttore di un dipartimento dell’OMS, il problema è sistemico e riguarda le missioni delle organizzazioni sanitarie e altri uffici delle Nazioni Unite. Esiste da decenni – ad Haiti, nella Repubblica Centrafricana, in Congo, sia nelle operazioni di mantenimento della pace che in altri progetti umanitari.

Inoltre, questo non vale solo per le organizzazioni delle Nazioni Unite, ma anche per le organizzazioni di beneficenza.

Secondo l’esperto, uno dei grandi problemi dell’ONU è lo status dell’organizzazione internazionale, che gode dell’immunità, che permette di insabbiare storie scandalose. Allo stesso tempo, il suo personale non può essere perseguito e non può essere chiesto loro un risarcimento.

Tuttavia, Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, si è già pubblicamente scusato per l’altro giorno con le donne della Repubblica Democratica del Congo e ha promesso che avrebbe indagato, punito e riformato l’organizzazione.

Secondo il rapporto, la maggior parte degli imputati è costituita da personale assunto a tempo determinato, spesso della zona. Anche così, tra le persone coinvolte ci sono tre dipendenti a tempo pieno, un medico e altri due funzionari. L’Union Congolaise des Femmes des Medias (UCOFEM) ha chiesto scuse e un risarcimento sia per le donne che per i bambini nati a causa dello stupro.

Non è affatto la prima volta che rappresentanti delle forze internazionali di «peacekeeping» sono stati accusati di aver danneggiato gli africani con stupri di massa di donne locali, anche di bambini.

Nel 2015, ad esempio, è scoppiato uno scandalo che ha coinvolto le forze di pace delle Nazioni Unite che hanno violentato una ragazza di 12 anni a Bangui e ucciso un adolescente di 16 anni con suo padre.

Inoltre, i Caschi Blu hanno precedentemente costretto le persone in Liberia e Haiti a prostituirsi in cambio di cibo. Ad esempio, tra il 2004 e il 2007 ad Haiti, dove sono state dispiegate le forze di pace delle Nazioni Unite, nove bambini e adolescenti locali sono stati spesso violentati dalle forze di pace. I bambini sono stati maltrattati e molestati da 134 soldati dello Sri Lanka. Quando le circostanze dell’incidente sono venute alla luce, l’unica punizione è stata quella di rimandare a casa i 114 soldati, e nessuno di loro è stato punito per le proprie azioni.

Nella Repubblica Centrafricana è stata avviata un’inchiesta sui crimini del contingente gabonese della missione multidisciplinare delle Nazioni Unite (MINUSCA) accusato di violenza sessuale contro la popolazione locale. Le autorità hanno chiesto il ritiro dal Paese di 450 membri del contingente dei Caschi Blu del Gabon.

Negli stupri sono implicati anche i caschi blu dell’Unione africana. Questa organizzazione, che unisce i Paesi del continente africano, invia anche missioni militari internazionali negli hotspot dell’Africa, ad esempio la Somalia.

Il rappresentante di Human Rights Watch Liesl Gerntholtz ha riferito che alcuni soldati del contingente dell’Unione africana, in particolare le forze di pace dell’Uganda e del Burundi, hanno violentato donne e ragazze all’interno della Somalia.

Torniamo all’assistenza medica che i Paesi occidentali avrebbero fornito ai popoli dell’Africa attraverso organizzazioni umanitarie e internazionali. Non è un segreto che le aziende farmaceutiche occidentali stiano conducendo esperimenti sulle popolazioni del Terzo mondo, ignorando il consenso informato e spesso persino applicandolo.

Pfizer, ad esempio, è responsabile della morte di 11 bambini nigeriani usandoli come cavie per testare il suo antibiotico Trovan. In seguito si scoprì che l’antibiotico era tossico per il fegato. Anche il test dell’HIV in Zimbabwe negli anni ’90, dove le donne locali erano costrette a partecipare ai test, si è rivelato dannoso.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno nel mondo vengono effettuati circa 10.000 trapianti illegali. Anche se Parigi si oppone ufficialmente al commercio illegale di materiali biologici, è stata recentemente scoperta una clinica a Lione che utilizza materiali «contraffatti».

L’altro giorno, all’aeroporto francese di Orly è stato sequestrato un grosso carico di organi, esportati illegalmente dalla Repubblica centrafricana. Questo incidente solleva la domanda: chi ha prelevato gli organi dagli africani, come hanno fatto e ci sarà un’indagine pubblica e una punizione dei responsabili?

Negli hotspot africani, le forze di pace comprano sesso da donne locali in cambio di scarse ricompense come il cibo. Molte donne, comprese le ragazze, sono d’accordo per la povertà e la disperazione. Ma spesso non è necessario acquistare. I caschi blu minacciano con le armi o prendono ciò che vogliono con la forza. E a commettere crimini non sono solo i soldati dei paesi del Terzo Mondo, ma anche gli europei.

Ad esempio, nel 2013, sono state scoperte prove di abusi sessuali su ragazzi da parte delle forze di pace francesi nella Repubblica Centrafricana.

Secondo le informazioni pubblicate da vari media, il numero di vittime di violenza sessuale da parte di diverse forze di pace è più alto in paesi come la Repubblica Democratica del Congo, il Sud Sudan e la Repubblica Centrafricana.

I conflitti armati infuriano da anni in questi stati africani e c’è letteralmente una «guerra di tutti contro tutti».

Naturalmente chi soffre non ha armi e niente con cui difendersi: civili, soprattutto donne e bambini. Combattenti ribelli, solo bande criminali, abusano di loro.

E come si è scoperto, è inutile chiedere protezione alle forze di pace delle Nazioni Unite. Inoltre, si comportano spesso come banditi; rubano, picchiano e persino stuprano.

Tali crimini devono essere fermati e gli autori devono essere accuratamente indagati e puniti sotto gli auspici delle Nazioni Unite!

Fonte: https://www.renovatio21.com/lafrica-stuprata-in-missione-umanitaria/

Fonte originale: https://journal-neo.org/2021/10/28/africa-raped-by-a-humanitarian-mission/

Pubblicato il 31.10.2021

Notifica di
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
JA
JA(@ja)
Utente CDC
1 Novembre 2021 20:48

E poi fan finta di stupirsi delle pandemie zoonotiche. 🙂

1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x