L’AFFARE MADOFF: UNA GUIDA PER L’ANTISEMITA PERPLESSO

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

DI ISRAEL SHAMIR

L’antisemita riflessivo non riesce a capire come considerare l’affare Madoff. Si deve gioirne o rammaricarsene? A leggere i giornali ebraici, verrebbe da pensare che gli “antisemiti” – cioè la stragrande maggioranza del genere umano secondo alcune fonti ebraiche (“Grattate un goy e troverete un antisemita”) – stiano esplodendo dalla gioia.

Bradley Burston si entusiasma su Haaretz: “Per il convinto antisemita, Natale è arrivato presto quest’anno. Il nuovo Babbo Natale degli antisemiti si chiama Bernard Madoff. E’ la risposta alla lista dei desideri di chiunque detesti gli ebrei. La Nazione Ariana all’apice delle sue manie non avrebbe saputo trovare nulla di paragonabile”. Gli fa eco l’esecrabile Lipstadt: “Costui [Madoff] è il sogno di ogni antisemita. Neanche i peggiori tra loro avrebbero mai osato sognare una storia del genere”. E la ADL conferma: “Ci aspettiamo che gli antisemiti vivano un giorno di vittoria. Sapranno sfruttarlo”.

Verrebbe da pensare che i mega-imbroglioni ebrei rappresentino una specie rara, come i corvi bianchi. Non è esattamente così. Il Dr. William Pierce ha fatto anni or sono una valida osservazione: “Gli ebrei non sono gli unici truffatori, ma sono di certo i maggiori truffatori. Se sentite parlare di una truffa da 100.000 dollari, può essere stato chiunque. Ma se sentite parlare di una truffa da 100 milioni di dollari, allora potete star certi che è stato un ebreo”. A maggior ragione se parliamo di una truffa da 50 miliardi di dollari!

Pierce ricordava ai suoi lettori le figure di Michael Milken, Ivan Boesky, Marty Siegel, Dennis Levine e lo scandalo di insider-trading che fece quasi affondare Wall Street una dozzina di anni fa; e che incidentalmente mandò in rovina decine di migliaia di americani medi che persero i loro investimenti a causa della manipolazione artificiale dei prezzi di stock. Tutti i principali attori di quello scandalo erano ebrei.

“Ricordate l’enorme catastrofe di prestiti e risparmi che nel corso degli anni ’80 costò ai contribuenti americani 500 miliardi di dollari? Il motivo principale del crollo dell’industria dei savings-and-loan negli anni ’80 fu il massiccio investimento nei cosiddetti “junk bonds” da parte di molti istituti di credito e risparmio. E l’uomo che stava dietro i junk bonds – il genio della finanza che convinse gli istituti di credito ad acquistarli – era nient’altri che Michael Milken”.

Si potrebbero specificare meglio le parole di Pierce: i grandi imbroglioni e truffatori non sono necessariamente ebrei, ma sono sempre devoti a cause ebraiche, siano esse il culto dell’Olocausto o la causa sionista. Quando si tratta di beneficenza, un bravo truffatore americano, sia egli goy o ebreo, non si preoccupa degli americani poveri o degli africani che muoiono di fame. Egli versa le sue decime alla causa ebraica. Questo è stato anche il caso di Madoff. Egli contribuiva a una quantità di cause ebraiche, perciò non poteva che essere un truffatore. (Spiego perché in “The Man Higher Up”, tratto dal mio libro Pardes).

Quindi, perché mai il proverbiale antisemita dovrebbe gioire della caduta di Madoff, quando essa era prevedibile quanto l’arrivo dell’alba? Forse perché ci sono state tra le vittime “un certo numero di celebri ebrei della Diaspora, compresi il premio Nobel Elie Wiesel, il regista Steven Spielberg e il magnate immobiliare Mortimer Zuckermann”, come riportato dal Wall Street Journal?

James Petras è convinto che gli antisemiti dovrebbero piuttosto sentirsi delusi. “Madoff ha inflitto un duro colpo a quegli antisemiti secondo i quali esisterebbe “un’elaborata trama ebraica per defraudare i Gentili”, mettendo a riposo questa leggenda una volta per tutte. Fra le principali vittime di Bernard Madoff ci sono stati i suoi più stretti amici e colleghi ebrei, gente che condivideva con lui gli stessi pasti Seder e che frequentava gli stessi altolocati templi di Long Island e Palm Beach”.

La pensa così anche Michael Hoffman: “L’immensa rapina compiuta da Madoff… fa a pezzi uno degli stereotipi di chi odia gli ebrei: e cioè che gli ebrei non facciano altro… che derubare i gentili e approfittare collettivamente delle proprie ruberie. Questa è ignoranza crassa… Contrariamente all’opinione comune, l’ebraismo non fa bene agli ebrei. Sulle prime essi potranno anche imbrogliare i gentili, ma prima o dopo finiscono per farsi le scarpe a vicenda”. Hoffman si spinge oltre e afferma: “Le principali vittime dell’ebraismo non sono i gentili, ma gli ebrei stessi”.

Si esita a disilludere un cuore così nobile. Benché le generose affermazioni di Hoffman siano certamente corrette nel senso più profondamente spirituale, la strategia giudaica, sul medio periodo, risulta vincente sul piano concreto. Di bancarotta in bancarotta, di imbroglio in imbroglio, da una truffa assicurativa a quella seguente, la ricchezza complessiva della comunità ebraica cresce in modo costante grazie alla filantropia intra-giudea. Certo, Spielberg e la Yeshiva University hanno perso un po’ di contante in questa debacle, ma sull’altro versante miliardi di dollari sono entrati e sono rimasti nelle casse della comunità ebraica. Si potrebbe vedere Madoff come un terrorista ebreo suicida: si è fatto saltare in aria sul piano finanziario, e le perdite immediate subite da alcuni investitori ebrei sono state i danni collaterali. Ma il risultato complessivo è stato quello di trasferire in modo permanente una gran quantità di ricchezza dei gentili agli ebrei.

Come al solito, le denunce di antisemitismo servono a coprire i fatti nudi e crudi. Sentiamo parlare di investitori ebrei ridotti sul lastrico, ma la maggioranza dei gonzi di Madoff erano non-ebrei, come ha correttamente osservato Leo Schmidt, corrispondente di Peter Myers da Kandahar, in Afghanistan. “La maggioranza dei gonzi di Madoff erano soggetti non ebrei, banche, fondi e aziende. L’affermazione secondo la quale le fondazioni ebraiche avrebbero subito il colpo più duro è palesemente falsa. Il danno subito dalle fondazioni ebraiche impallidisce di fronte alle conseguenze subite da numerosi istituti finanziari, fondi e aziende che sono stati elencati da Henry Blodget”. Del resto, gli investitori ebreo-americani (al contrario dei non-ebrei d’Europa e delle loro banche) si vedranno restituire i loro investimenti grazie al piano di protezione dalle frodi finanziarie elaborato dal governo.

Perciò gli antisemiti non hanno motivo di gioire. Un truffatore ebreo non è una notizia, e neanche un truffatore ebreo che ha avuto successo. Gli ebrei non hanno perso, hanno vinto. Le loro lagne e le loro recriminazioni sono tanto autentiche quanto la contabilità di Madoff. Anche la gioia del Dr. Petras era prematura, quando scriveva: “La truffa potrebbe ridurre i fondi che l’AIPAC conta di utilizzare per influenzare il Congresso e finanziare campagne propagandistiche a favore di un attacco preventivo americano contro l’Iran”. Non così in fretta, Jim! Anche se alcune organizzazioni ebraiche e sioniste hanno perso denaro, la somma totale delle disponibilità degli ebrei è cresciuta e questa nuova ricchezza troverà presto la propria strada verso la Lobby Sionista e altri simili apparati. Questo significa che non c’è nulla da fare? No. Dove esiste volontà, esiste rimedio.

Se da un lato sarebbe ingiusto confiscare i fondi privati di singoli ebrei innocenti per compensare i misfatti dei truffatori giudei, i beni del “popolo ebraico” sono un altro discorso. Queste enormi proprietà non sono altro che manomorta, come lo erano le proprietà della Chiesa durante il medioevo. “Manomorta” significa che non si può citarli in giudizio. Tutte le perdite sono vostre, mentre tutti i profitti spettano a loro. Un regime del genere è troppo bello per durare in eterno. Le riforme non avrebbero mai avuto luogo se non fosse stato per la manomorta ecclesiastica. I sovrani, a un certo punto, si videro costretti a espropriare i beni della Chiesa, o essa sarebbe diventata troppo potente e avrebbe messo a repentaglio il loro predominio economico. Ora è tempo di fare i conti con la manomorta ebraica. Hanno approfittato dei misfatti di Madoff, ora ne paghino il prezzo.

Questi beni sono controllati da altri Madoff ancora a piede libero e da altri leader del sionismo. Il Jewish National Fund (JNF) è “una corporazione multinazionale con uffici in una dozzina di paesi sparsi in tutto il mondo. Riceve milioni di dollari di contributi da parte di ricchi ebrei di tutto il mondo, molti dei quali esentasse. L’obiettivo della JNF è quello di acquisire territori e farli sviluppare ad esclusivo beneficio degli ebrei. Affitta terre soltanto agli ebrei”. Il nostro amico Jonathan Cook di Nazareth la ha descritta come un’istituzione razzista di immenso potere e ricchezza. La JNF ha ricevuto contributi da Madoff e anche da altre persone che avevano guadagnato denaro grazie alle truffe di Madoff, sostenute dalla stessa JNF.

Un’altra possibile istituzione di manomorta con ampi possedimenti è la Conferenza delle Rivendicazioni Materiali Ebraiche contro la Germania. Questo fondo, stando ad Haaretz, ha ricevuto miliardi di dollari in beni immobiliari della Germania Est grazie ad una clausola della legge tedesca che lo riconosce proprietario di tutti i beni appartenenti a vittime dell’Olocausto che siano morte senza eredi. Non preoccupatevi: questi soldi non servono affatto ad aiutare i poveri vecchi ebrei. Un titolo di Haaretz ci informa che “i sopravvissuti ricevono solo una piccolissima fetta dei compensi per l’Olocausto”. Questa massa di denaro dovrebbe essere utilizzata per risarcire i gentili defraudati.

Già che ci siamo, queste ed altre istituzioni ebraiche potrebbero essere accusate non solo per le perdite relativamente contenute provocate da Madoff, ma anche per quelle molto più ampie provocate dal talmudaro Alan Greenspan e dal suo collega della Yeshiva, Ben Bernanke. Non serve a niente odiare Greenspan e chiamarlo Nemico Pubblico Numero Uno: l’importante è porre rimedio al risultato che ha ottenuto, il trasferimento massiccio di ricchezza dagli americani medi ai super-ricchi e da questi alle cause ebraiche. Tra queste ultime, il Centro per la Tolleranza Simon Wiesenthal dovrebbe essere anch’esso un obiettivo primario, il che potrebbe salvare Gerusalemme dalla mostruosità che esso prevede di costruire nel centro della città, sopra il cimitero di Mamilla. (Per essere “tolleranti” secondo gli standard del Centro Simon Wiesenthal bisogna essere sostenitori della censura e del bombardamento dell’Iran!).

Espropriare questi enti non recherebbe danno a nessuna persona onesta di origine ebrea. Al contrario: farebbe cessare il principale motivo di antagonismo tra ebrei e non ebrei. Gli ebrei si troverebbero senza più fondi separati che si prendano cura di loro e riconoscerebbero di essere nella stessa barca con i loro concittadini non ebrei. La Lobby Ebraica si ridurrebbe nuovamente alle sue dimensioni naturali, che dovrebbero essere, più o meno, pari a quelle della Lobby Cubana e gli USA si riprenderebbero dalla loro malattia.

Noi israeliani trarremmo i maggiori benefici da una simile iniziativa. Isaac Deutscher ha imputato la crescita negativa di Israele all’influsso dei super-ricchi ebrei americani: “Un ricco ebreo americano è orgoglioso, in fondo al cuore, di essere un membro del Popolo Eletto e in Israele sfrutta la propria influenza per favorire l’oscurantismo e le forze reazionarie. Tiene vivo lo spirito di esclusività e superiorità razziale voluto dal Talmud. Alimenta ed infiamma l’antagonismo verso gli arabi”. Se questa gente dovesse pagare per i suoi misfatti, non solo gli antisemiti, ma gli stessi ebrei avrebbero ottime ragioni per rallegrarsi. 

Versione originale:

Fonte: http://www.israelshamir.net/
Link: http://www.israelshamir.net/English/Madoff.htm
22.12.08

Versione italiana:

Fonte: http://blogghete.blog.dada.net/
23.12.08

Traduzione a cura di GIANLUCA FREDA

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
8 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
8
0
È il momento di condividere le tue opinionix