La Via della Seta polare Russia-Cina procede a passo spedito

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Matthew Erhet, risingtidefoundation.net

Da quando l’estensione artica della Nuova Via della Seta cinese è stata presentata per la prima volta libro bianco del 2018, si è scatenato un processo di sviluppo artico che rappresenta uno degli sviluppi più importanti e sottovalutati della Terra. Non solo si risparmieranno 10 giorni di viaggio per le merci che si spostano tra la Cina e l’Europa attraverso la rotta artica, ma si sta ora scatenando una nuova serie di misure di costruzione della civiltà in opposizione al programma di decrescita anti-umana che tenta di indirizzare il mondo verso un sistema post-statale di decrescita e governo mondiale.

La Via della Seta polare Russia-Cina procede a passo spedito

Mentre gli unipolaristi geopolitici della NATO sono ossessionati dalla governance globale e dalla militarizzazione dell’Artico, la politica artica eurasiatica ha assunto un carattere molto diverso, ponendo l’accento sullo sviluppo economico e sulla cooperazione.

Naturalmente la Russia non ha trascurato la componente militare della sua politica militare settentrionale, ma a differenza dell’Occidente che non ha una visione economica, la postura militare russa nell’Artico è definitivamente difensiva e principalmente diplomatica. Come ha detto il ministro degli Esteri Lavrov al termine del vertice artico dello scorso anno in Alaska: “La Russia sta facendo e farà molto per assicurare che l’Artico si sviluppi come un territorio di pace, stabilità e cooperazione“.

Questa congiunzione delle politiche settentrionali di Russia e Cina intorno alla Via della Seta Polare non dovrebbe sorprendere chi ha prestato attenzione alla stretta amicizia strategica tra i due Paesi dopo l’annuncio del 2015 di un’alleanza tra l’Unione Economica Eurasiatica a guida russa e la Belt and Road Initiative. Questa estensione settentrionale della Via della Seta Marittima rappresenta una forza potente per trasformare l’ultima frontiera inesplorata della Terra, convertendo l’Artico da una zona geopolitica di conflitto a un nuovo paradigma di cooperazione e sviluppo reciproco.

Putin ha pronunciato un discorso in occasione di un recente forum sulla BRI:

I concetti di Grande Partenariato Eurasiatico e Belt and Road sono entrambi radicati nei principi e nei valori che tutti comprendono: la naturale aspirazione delle nazioni a vivere in pace e armonia, a beneficiare del libero accesso alle più recenti conquiste scientifiche e allo sviluppo innovativo, preservando al contempo la propria cultura e la propria identità spirituale unica. In altre parole, siamo uniti dai nostri interessi strategici a lungo termine

Settimane prima di questo discorso, la Russia ha presentato un piano audace per lo sviluppo dell’Artico durante la conferenza Artico: Territorio di Dialogo che da allora è cresciuto a passi da gigante. Questo audace piano si collega al “Grande partenariato eurasiatico” non solo estendendo strade, ferrovie e nuove città all’Estremo Oriente, ma anche estendendo la scienza e la civiltà in un terreno a lungo ritenuto totalmente inospitale. Uno dei progetti chiave di questo programma è il completamento del Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INSTC), lanciato come programma indiano-iraniano-russo nel 2002 e che ha ricevuto nuova vita negli ultimi anni.

La Via della Seta polare Russia-Cina procede a passo spedito

Mentre l’Occidente non ha costruito nuove città da diverse generazioni, la Russia ha annunciato la costruzione di cinque grandi città artiche che ospiteranno fino a 1 milione di persone ciascuna negli anni a venire con il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu che guida il piano. In relazione a questo programma Atle Staalesen ha scritto su Arctic Today:

Shoigu vede il suo piano generale per la Siberia come strettamente legato ai mercati della vicina Cina. Ma le nuove città saranno importanti anche per lo sviluppo dell’Artico, sostiene, e fa riferimento al famoso scienziato e scrittore del XVIII secolo Mikhail Lomonosov che scrisse che “la potenza russa crescerà con la Siberia e l’Oceano Artico, […]

Secondo Shoigu, Lomonosov non ha collegato per caso l’Artico e la Siberia. “Dovrebbero essere sviluppati insieme e non separatamente”, sottolinea, e aggiunge che “l’attenzione allo sviluppo della regione siberiana è tempestiva e ragionevole

Tipicamente inquadrato come un megaprogetto “anti-BRI” da geopolitici poco attenti, l’INSTC e il BRI sono in realtà due facce dello stesso programma e dovrebbero piuttosto essere visti come un programma gemello per la crescita industriale dell’Eurasia, dell’Asia sud-occidentale e persino dell’Africa. L’INSTC gode attualmente della cooperazione di 12 nazioni partecipanti e recentemente ha visto la sua estensione settentrionale spostarsi da San Pietroburgo più a nord, al porto di Lavna a Murmansk, in Russia. Anche il ramo occidentale del “corridoio di mezzo” cinese della BRI est-ovest, che si estende attraverso lo Xinjiang, presenta diversi corridoi ferroviari e stradali che si collegano direttamente all’INSTC, per non parlare degli ovvi collegamenti con l’estremo oriente artico.

Una volta completato, l’INSTC non solo aggirerà la zona del Mediterraneo controllata dalla NATO attraverso il troppo congestionato canale di Suez, ma taglierà circa 10 giorni e il 40% dei costi di trasporto dall’attuale rotta di Suez.

La Via della Seta polare Russia-Cina procede a passo spedito

Nel 2019 la Cina e la Russia hanno firmato il primo accordo di cooperazione scientifica insieme, istituendo il “Centro di ricerca artica Cina-Russia” come parte della Via della seta polare.

Il successo della BRI finora

La Belt and Road Initiative ha già conquistato gran parte dell’Africa, in quanto le ferrovie, i porti e le altre infrastrutture collegate alla BRI stanno fornendo una boccata d’aria fresca alle nazioni a lungo tenute in ostaggio dalle condizionalità di FMI/Banca Mondiale.

La Via della Seta polare Russia-Cina procede a passo spedito

Anche il Pakistan e gran parte dell’Asia sud-occidentale sono sempre più a bordo della BRI attraverso il crescente Corridoio economico Cina-Pakistan. Venti Stati arabi hanno sottoscritto la BRI e anche gran parte dell’America Latina ha aderito con centinaia di miliardi di dollari di progetti infrastrutturali.

L’Unione economica eurasiatica è ora nelle fasi finali di un trattato economico pianificato da tempo tra la Cina e il blocco economico guidato dalla Russia, recentemente delineato dal consigliere di Putin Sergey Glazyev.
Sebbene sia gli Stati Uniti che il Canada siano stati invitati a partecipare alla BRI in molte occasioni sin dal suo inizio nel 2013, le strutture di potere della NATO e degli Stati profondi che manipolano l’Occidente non hanno dato alcuna risposta positiva.

Mentre l’attività della Cina nell’Artico si sta manifestando solo ora, la sua strategia artica è iniziata molti anni fa.

L’importanza della Via della Seta Artica per la Cina

La Cina ha inviato la sua prima spedizione di ricerca nell’Artico nel 1999, seguita dalla creazione della sua prima stazione di ricerca nell’Artico alle Svalbard, in Norvegia, nel 2004. Dopo anni di sforzi, nel 2011 la Cina ha ottenuto un seggio di osservatore permanente al Consiglio Artico e poco dopo ha iniziato a costruire rompighiaccio, superando il Canada e quasi gli Stati Uniti, i cui due rompighiaccio oramai obsoleti, hanno superato la loro durata di vita da molti anni.

Con la continua riduzione dei ghiacci artici, la Rotta del Mare del Nord è diventata un punto di riferimento per la Cina. Il fatto che il tempo di navigazione dal porto cinese di Dalian a Rotterdam verrebbe ridotto di 10 giorni rende questa alternativa molto interessante. Attualmente, le navi che navigano dalla Cina verso l’Europa devono attraversare il congestionato Stretto di Malacca e il Canale di Suez, che è più lungo di 5000 miglia nautiche rispetto alla rotta settentrionale. L’apertura delle risorse artiche, vitali per le prospettive a lungo termine della Cina, è un’altra delle principali motivazioni di questa iniziativa.

In preparazione allo sviluppo delle risorse, nel 2016 la Cina e la Russia hanno creato un Centro russo-cinese di ingegneria e ricerca polare per sviluppare capacità per lo sviluppo del Nord, come la costruzione sul permafrost, la creazione di piattaforme resistenti al ghiaccio e di rompighiaccio più durevoli. L’attenzione è stata rivolta anche alle nuove tecnologie necessarie per migliorare i porti e i trasporti nel freddo gelido. La Cina detiene inoltre una partecipazione del 30% nel progetto Yamal LNG e il gasdotto Russia-Cina “Power of Siberia”, lungo 3000 miglia, è diventato il principale fornitore del fabbisogno cinese di petrolio e gas naturale da quando è entrato in funzione nel 2019.

La Via della Seta polare Russia-Cina procede a passo spedito

Mentre gli Stati occidentali corrono a chiudere tutti i combustibili a base di idrocarburi in una corsa suicida alla de-carbonizzazione, la Russia e la Cina hanno firmato il progetto Power of Siberia 2, lungo 2600 km, che non solo soddisferà il fabbisogno di crescita della Cina nei prossimi decenni, ma compenserà facilmente la perdita di vendite di gas all’Europa con l’erigersi di nuovo della cortina di ferro. I giacimenti di gas della penisola di Yamal, che forniscono il Power of Siberia 2 alla Cina, attualmente servono solo il fabbisogno europeo, che presto cambierà drasticamente.

Dove va la cintura, la strada la segue

Sebbene la Belt and Road presenti due componenti (terra e mare), il fatto è che sono inestricabilmente collegate. Rotaie, porti e altre pratiche di civilizzazione guidate dalla fede nel progresso scientifico e tecnologico hanno conferito a questo progetto la forza e la flessibilità di adattarsi ai percorsi di sviluppo scelti da ogni nazione. Questo è il misterioso “ingrediente segreto” della potente adattabilità della BRI, che sconcerta le menti dei geopolitici dalla mentalità chiusa, capaci di pensare solo in termini di somma zero.

Il progresso scientifico e tecnologico, se plasmato dall’intenzione di sostenere il bene comune, rappresenta un requisito UNIVERSALE per la sopravvivenza umana e soddisfa l’anelito creativo che si cela nel profondo di tutti gli uomini. Senza questo impegno per il

Se non si riesce a migliorare continuamente i poteri produttivi della società e la qualità della vita, una società sarà sempre divisa dall’interesse personale localizzato delle sue parti che lottano per i propri benefici a breve termine. Questo è stato il destino dell’Occidente, che si è imbarcato in una società dei consumi guidata da un “modo di esistenza post-industriale” dopo gli assassinii degli anni ’60 e la fluttuazione del dollaro USA nel 1971.
Questo concetto di sviluppo comune dell’umanità, sia nel suo insieme che in tutte le sue parti, è stato ripreso recentemente da Xi Jinping che ha dichiarato:

La Cina è pronta a promuovere congiuntamente l’Iniziativa Belt and Road con i partner internazionali. Speriamo di creare nuovi motori per alimentare lo sviluppo comune attraverso questa nuova piattaforma di cooperazione internazionale; e speriamo di trasformarla in una strada di pace, prosperità, apertura, sviluppo verde e innovazione e in una strada che riunisca diverse civiltà

Nell’ultimo decennio, la BRI si è evoluta da un concetto aperto e poco chiaro del 2013 all’impresa più ambiziosa della storia dell’umanità, che si è sviluppata in tre linee ferroviarie primarie, migliaia di chilometri di ferrovia ad alta velocità, estensioni nell’Artico e nello spazio, nuovi corridoi industriali, nuove modalità di definizione delle politiche educative e soprattutto nuove modalità di esecuzione delle attività bancarie, diverse da quelle realizzate in Occidente.

Naturalmente, le calunnie anti-BRI aumentano ogni giorno che passa, per soddisfare le esigenze degli ignoranti mainstream che sono portati a credere che la Cina stia usando la “diplomazia della trappola del debito” o che la Russia cerchi il dominio globale non appena avrà conquistato l’Ucraina.

I teorici della cospirazione più scrupolosi sono portati a credere che l’alleanza Russia-Cina sia solo un’altra parte del Grande Reset che cerca di ridurre la popolazione globale ad una condizione di bovini stupidi. Come questo insidioso obiettivo sarà raggiunto attraverso la costruzione di progetti infrastrutturali su larga scala, la formazione tecnica di massa, le scoperte scientifiche e la crescita industriale a tutto campo è una domanda a cui questi cinici neropillati [black pilled come estremista di red pilled] non riescono a pensare.

Di Matthew Erhet, risingtidefoundation.net

Matthew Ehret, redattore capo della Canadian Patriot Review e Senior Fellow presso l’Università americana di Mosca. È autore della serie di libri “Untold History of Canada” e della trilogia di Clash of the Two Americas. Nel 2019 ha co-fondato la Rising Tide Foundation con sede a Montreal.

link fonte:
https://risingtidefoundation.net/2022/07/23/the-russia-china-polar-silk-road-speeds-ahead/

Traduzione di Costantino Ceoldo per ComeDonChisciotte.org

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
16 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
16
0
È il momento di condividere le tue opinionix