La Svezia è ora al secondo posto per delitti con armi da fuoco. Effetti “Rifugiati”

scenarieconomici.it

di Giuseppina Perlasca

Una nuova indagine rileva che la Svezia è passata dall’essere uno dei paesi europei più sicuri 20 anni fa in termini di crimini armati al secondo più pericoloso. Lo studio, pubblicato dal Consiglio nazionale per la prevenzione della criminalità (Brå) del paese, rivela che la Svezia è l’unico paese del continente in cui le sparatorie sono aumentate notevolmente dall’inizio del secolo.

“Secondo lo studio, la maggior parte delle sparatorie mortali in Svezia (circa l’80%) aveva un legame con la criminalità organizzata, una percentuale che era aumentata dal 30 al 50% all’inizio degli anni 2000 e meno del 20% negli anni ’90. Brå ha anche paragonato la proporzione ad altri paesi: circa il 60 per cento delle sparatorie mortali sono state collegate alla criminalità organizzata nei Paesi Bassi, mentre in Finlandia tali eventi sono stati estremamente rari”, riferisce The Local.

Dopo essere stata classificata al 18 ° posto su 22 paesi per crimini legati alle armi da fuoco dal 2000 al 2003, la Svezia è ora al secondo posto, dietro solo alla Croazia.

Le autorità sembrano essere sconcertate dalla causa dell’aumento, attribuendo la colpa al “commercio illegale di droghe, ai conflitti all’interno delle reti della criminalità organizzata e ai bassi livelli di fiducia nella polizia”.

“L’aumento della violenza armata in Svezia è unico rispetto alla maggior parte degli altri paesi in Europa, e non ci sono spiegazioni chiare per questo”, ha detto Håkan Jarborg, un capo della polizia nel sud della Svezia.

In un paese in cui criticare l’immigrazione di massa è fondamentalmente un crimine di pensiero, non si tiene nemmeno conto della possibilità che il gran numero di migranti musulmani, entrati nel paese negli ultimi venti anni, possa essere una delle cause di questa esplosione di violenza.

Un rapporto del 2018 ha rilevato che 99 stupratori di gruppo su 112 avevano origini straniere, però non si può dire

Quando all’investigatore della polizia svedese Peter Springare è stato chiesto dei dati demografici dei responsabili di crimini violenti, non ha usato mezzi termini.

“Eccoci qui; questo è ciò che ho gestito dal lunedì al venerdì di questa settimana: stupro, stupro, rapina, aggressione aggravata, stupro-aggressione e stupro, estorsione, ricatto, aggressione, violenza contro la polizia, minacce alla polizia, crimine di droga, droga, crimine, crimine, tentato omicidio, nuovo stupro, ancora estorsione e maltrattamenti ”. Così ha descritto la nuova settimana di un poliziotto svedese.

“Sospetti autori; Ali Mohammed, Mahmod, Mohammed, Mohammed Ali, ancora, ancora, ancora. Christopher … cosa, è vero? Sì, un nome svedese si è intrufolato ai margini di un crimine di droga. Mohammed, Mahmod Ali, ancora e ancora “, ha aggiunto.

Springare ha quindi elencato i paesi di origine dei sospettati.

“Paesi che rappresentano tutti i crimini di questa settimana: Iraq, Iraq, Turchia, Siria, Afghanistan, Somalia, Somalia, ancora Siria, Somalia, Paese sconosciuto, Paese sconosciuto, Svezia. La metà dei sospettati, non possiamo esserne sicuri perché non hanno documenti validi. Il che di per sé di solito significa che mentono sulla loro nazionalità e identità. ”

Nel 2017, i mass media hanno iniziato ad attaccare il presidente Donald Trump per aver sottolineato che la Svezia stava avendo grossi problemi con la criminalità dei migranti a causa delle frontiere aperte, eppure Trump ha avuto ragione più e più volte.

Nel 2019, i media sono stati costretti ad ammettere che il numero allarmante di attacchi di granate ed esplosioni in Svezia rappresentava una “emergenza nazionale”. Alla fine, furia d’importare persone dalle zone di guerra, hanno direttamente importato la guerra.

Fonte: https://scenarieconomici.it/la-svezia-e-ora-al-secondo-posto-per-delitti-con-armi-da-fuoco-effetti-rifugiati/

Pubblicato il 28.05.2021

Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x