LA SPARATORIA IN CANADA E LA NUOVA FACCIA DEL TERRORE


Non si può combattere il terrorismo senza sacrificare la libertà
Il nuovo volto del terrore“, per come l’ha visto su Fox, il redattore Charles Krauthammer, sarà sfruttato dallo Stato per ribadire tutti gli argomenti che servono alla NSA per la sorveglianza e per una più veloce escalation militare in Siria e in altri paesi del Medio Oriente.

Finora non c’è nessuna conferma che l’ ISIS abbia avuto una qualche relazione con l‘attacco di Ottawa. Nel contesto politico attuale, tuttavia, nessuno pretende che sia fornita qualche prova reale e, alla fine, ce ne daranno poche (come avvenne anche in occasione dei presunti attentatori di Boston).

Propaganda lurida le atrocità raccontate sulle presunte decapitazioni di giornalisti americani fatte dall’ISIS – servono a condizionare il pubblico, a fare in modo da ottenere un consenso per la guerra infinita all’estero e per far accettare uno stato di polizia più oppressivo in casa.

Il duro modo di raccontare le cose di Krauthammer è istruttivo. E’ dell’idea che non servano gli ordini dell’ ISIS per autorizzare i terroristi – interni, quelli che già vivono nel paese – per farli mettere in movimento. Esiste una nuova generazione di terroristi radicalizzati su internet e incoraggiati dalla presunte vittorie dell’ISIS sul campo di battaglia che può buttarci dentro uno spettro di dimensioni davvero spaventose. Non si potrà cambiare questo stato di fatto a meno che non si sacrifichi qualcosa.

Fox News non dice chiaramente come ci batteremo contro un nemico di questa portata, ma la soluzione è ovvia l’Occidente deve abbracciare pienamente il progetto neocon dello Scontro delle Civiltà e riconoscere la necessità di un conflitto interminabile con una clausola ben chiara: la distruzione della libertà e uno “Stato muscolare come lo ha ben descritto Ben Wattenberg.

Fonte: http://www.infowars.com/

Link :http://www.infowars.com/the-shooting-in-canada-and-the-new-face-of-terror/

22.10. 2014

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tao
Tao
23 Ottobre 2014 8:34

[…] La sen­sa­zione di essere di fronte a un atten­tato sospetto c’è stata fin da subito; la stessa Casa Bianca però, con una dichia­ra­zione del por­ta­voce di Obama, non ha azzar­dato in modo uffi­ciale un’ipotesi «ter­ro­ri­stica». Uno dei mini­stri che ha usato Twit­ter per aggior­nare sulla situa­zione in corso, ha spe­ci­fi­cato che il «Canada non si farà inti­mi­dire e ter­ro­riz­zare», ma natu­ral­mente si aspet­tano riscon­tri più effi­caci da parte della polizia. Di sicuro il Canada piomba in una situa­zione di dif­fi­cile inter­pre­ta­zione: solo due giorni fa un sol­dato è stato ucciso, un altro è stato ferito, in un attacco di «matrice ideo­lo­gica ter­ro­ri­stica», secondo l’affermazione del pre­mier cana­dese. L’attacco sarebbe stato con­dotto dal 25enne Mar­tin Rou­leau, poi ucciso dalla poli­zia durante un inse­gui­mento. La poli­zia cana­dese ha spe­ci­fi­cato di tenere da tempo sotto con­trollo Rou­leau, come sospetto estre­mi­sta isla­mico. Il gio­vane si era con­ver­tito all’Islam circa un anno fa. Si faceva chia­mare Ahmed e soste­neva la jihad sulla sua pagina Face­book. Lavo­rava come tito­lare di un’impresa di puli­zie, abi­tava in una vil­letta di un quar­tiere resi­den­ziale di Saint-Jean-sur-Richelieu. Rou­leau, insieme ad altri 90 indi­vi­dui con­si­de­rati «peri­co­losi», sareb­bero da tempo sotto moni­to­rag­gio da parte della poli­zia canadese. Biso­gna aggiun­gere, infine, che i poli­tici cana­desi non dovreb­bero certo stu­pirsi,… Leggi tutto »

Tao
Tao
23 Ottobre 2014 10:26

 Non si hanno ancora informazioni complete sull’aggressione di un commando terroristico al Parlamento di Ottawa, aggressione con una evidentissima significazione politica assai nobile. Non si è trattato di un assalto ad un treno o ad un mercato per colpire indiscriminatamente la popolazione ma di un gesto politico rivolto alla politica del Canada e dell’Occidente che di volta in volta raduna decine di Stati “volenterosi” per partire all’assalto dei paesi arabi e che da tempo oramai insopportabilmente lungo tiene sotto tiro i villaggi e le città abitate da popolazioni civili. Non c’è dubbio che le campagne occidentali contro l’Islam e per mettere le mani sul petrolio hanno provocato milioni di morti e sofferenze inaudite  e sconvolto per sempre la vita di intere regioni. Senza parlare della gente costretta a fuggire e che viene a morire nel Mediterraneo.   Nella ipotesi che l’attentato di Ottawa sia davvero opera di patrioti islamici è assai poca cosa rispetto le montagne di cadaveri accumulate dall’Occidente dalla Libia alla Somalia alla Siria. Per non parlare della distruzione a sangue freddo che ciclicamente Israele fa di Gaza uccidendo ogni volta migliaia di persone e specialmente bambini che sembrano obiettivi assai ghiotti dei suoi killers.   Nel mondo… Leggi tutto »

MarioG
MarioG
23 Ottobre 2014 10:36

Mi ricorda le famose lettere all’antrace al Congresso Americano prima dell’approvazione del Patriot Act…

GioCo
GioCo
23 Ottobre 2014 11:42

Premetto che non so nulla dell’attentato o presunto tale e devo confessare anche che il mio interesse nell’approfondire è davvero minimo.Oggi contano poco i fatti, ma il modo in cui le notizie vengono riportate sono fatti e possono forse dire meglio qualcos’altro. Del Canada, paese interessante perché considerato parte di un America, ma lo è tanto quanto la svizzera in Europa, e per ciò di fatto conserva un autonomia politica (sempre più relativa) che descrive il declino odierno del concetto di "Stato".Senza il concetto di "Stato", dove finisce "l’autodeterminazione dei popoli?", come si fa a difendere le minoranze o le categorie a rischio. Beh, semplice, non si fa.Da sempre le zone fragili, deboli, sono comunque quelle votate al primo sacrificio. Lo dice la legge, che in verità mai è divenuta più che una teoria, darwiniana. Una legge così feroce e capace di mettere in ginocchio la ragione che lo stesso Darwin ne confessò l’ignobiltà.In effetti oggi più che legge o teoria, la potremmo dire una prospettiva antropocentrica. Vi è del vero e del fondamento anche importante, ma da qui a sostituirla alla vita per dare un senso alla parola "evoluzione" ne passa. Anche il deserto di sale è un luogo… Leggi tutto »

glab
glab
23 Ottobre 2014 14:40

maaa … se i noti prezzolati pennivendoli dell’informazione attualmente imperante non ci avessero scritto che è terrorizzante quel che è accaduto ad ottawa nessuno si sarebbe terrorizzato di quel che è successo, ammesso che sia realmente successo e che qualcuno si sia terrorizzato.

ma sti beceri pezzi di merda che bisogno hanno di propalare la leggenda del terrore? mi sa che sono proprio malati forte nella testa, non nel cuore perchè mi sa che sti mostri di cuore ne hanno niente.
Zret
Zret
24 Ottobre 2014 17:28

Un’altra pantomima.