La Serbia ribadisce la sua contrarietà alle sanzioni

Belgrado si atterrà alla sua politica di non imporre restrizioni a Mosca, promette Aleksandar Vucic

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Nonostante abbia subito “danni enormi”, Belgrado lotterà per mantenere la sua politica di non aderire alle drastiche sanzioni internazionali introdotte contro Mosca per il conflitto in Ucraina, ha dichiarato il presidente serbo Aleksandar Vucic.

“Abbiamo resistito ottanta giorni” senza limitare la Russia e “il prezzo che paghiamo è enorme”, ha dichiarato Vucic oggi, domenica 15 maggio, all’emittente locale Prva. La Serbia non ha accesso al mercato dei capitali e non può onorare i suoi prestiti esteri, il che si ripercuote sul benessere della popolazione.

“Dicono: “Vucic sta annunciando l’introduzione di sanzioni russe”. No, lotteremo finché potremo. Abbiamo subito un danno enorme, ma non siamo alla ricerca di un ‘grazie'”, ha insistito il presidente.

La Serbia agisce in questo modo perché è “un Paese sovrano e indipendente” che è ben consapevole di “quanto siano ingiuste e inutili” le sanzioni, ha detto.

La questione delle restrizioni contro Mosca è anche strettamente legata alla fornitura di gas e petrolio russo, da cui la Serbia dipende completamente, ha detto Vucic, esprimendo la speranza che Belgrado possa concordare un “buon prezzo” per l’energia nei prossimi colloqui tra le parti.

Il mese scorso, il presidente serbo ha affermato di essere stato ricattato per imporre restrizioni all’alleato russo.

Massimo A. Cascone, 15.05.2022

Fonte: https://www.slobodnaevropa.org/a/vucic-rusija-sankcije/31851332.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix